FAST FIND : GP4115

Sent. C. Cass. pen. 16/04/1999, n. 4876

47309 47309
Edilizia ed urbanistica - Costruzioni in zone sismiche - Violazione prescrizioni tecniche - Reato ex artt. 3 e 20, L. 64/1974.

In materia di costruzione in zona sismica, le violazioni della normativa tecnica (artt. 3 e 20 L. 2 febbraio 1974 n. 64) costituiscono un reato di natura sostanziale autonomo rispetto a quelli formali previsti dagli artt. 17 e 18, in relazione alle quali, essendo in facoltà dell'agente porre fine alla situazione antigiuridica protraentesi nel tempo, il legislatore considera indispensabile l'eliminazione della situazione di pericolo per la pubblica incolumità; la permanenza di tali violazioni cessa nel momento in cui ha fine la situazione antigiuridica per fatto volontario del colpevole o per altri eventi che rendano impossibile il protrarsi dello stato di pericolo.

1a. (ATED-W.11) L'art 20 della L. 2 febbraio 1974 n. 64 stabilisce le sanzioni penali (ammenda) per chi violi le prescrizioni della stessa legge e dei decreti interministeriali di cui ai suoi artt. 1, 2 e 3 (quest'ultimo articolo si riferisce a tutte le costruzioni la cui sicurezza possa comunque interessare la pubblica incolumità, da realizzarsi in zone dichiarate sismiche). Gli artt. 17 e 18 di detta legge regolamentano, rispettivamente, la "Denuncia dei lavori, presentazione ed esame dei progetti" e la "Autorizzazione per l'inizio dei lavori". Sulle costruzioni in zone sismiche ved. Cass. pen. III 21 aprile 1994 n. 203 (1. L'omissione degli adempimenti per le costruzioni in zone sismiche prescritti dall'art 17 della L. 2 febbraio 1974 n. 64 ha natura di reato istantaneo con effetti permanenti; 2. Per le costruzioni in zone sismiche è necessaria l'attestazione di idoneità dei sistemi costruttivi rilasciata dal Consiglio superiore ll.pp.; e il committente ha l'obbligo di presentare domanda di autorizzazione); Cass. 18 maggio 1993 n. 5653 (Sull'ambito di applicazione, in materia di costruzioni edilizie in zone sismiche, della disciplina ex L. 1974 n. 64 e dei decreti contenenti norme tecniche da essa previste).


L. 2 febbraio 1974, n. 64, artt. 3, 17, 18, 20.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta