FAST FIND : GP3903

Sent. C. Stato 13/04/1999, n. 414

47097 47097
Edilizia ed urbanistica - Certificato di abitabilità o agibilità - Rilascio previa verifica della salubrità dell'immobile.

Il Sindaco è tenuto a verificare, prima del rilascio del certificato di abitabilità o agibilità, lo stato di salubrità dell'immobile ai sensi degli artt. 221 e 222 del Testo unico delle leggi sanitarie 27 luglio 1934, n. 1265. Infatti detto rilascio è ammesso dall'art. 35, comma 20, della L. 28 febbraio 1985, n. 47, in caso di sanatoria di opere edilizie abusive, «anche in deroga di requisiti fissati da norme regolamentari» e non in contrasto con fonti di livello primario quale è il T.U. anzidetto.

1a. (CED.1) - Sul certificato di abitabilità, senza il quale è vietato al proprietario dell'immobile di utilizzarlo, ved. Cass. pen. III 4 marzo - 24 aprile 1998 n. 853R (La violazione dell'art. 221 del Testo unico delle leggi sanitarie, T.U. 27 luglio 1934 n. 1265 - che si configura quando si utilizza un immobile privo del certificato di abitabilità - può realizzarsi per costruzioni in muratura o anche in altro materiale); 5 febbraio - 24 aprile 1998 n. 503R (L'art. 4 del D.P.R. 22 aprile 1994 n. 425R non ha abrogato la normativa precedente sul divieto di abitazione senza certificato di abitabilità); 27 gennaio - 5 marzo 1998 n. 364R (La violazione dell'art. 221, T.U. 1934 n. 1265 configura un reato di natura permanente); 2 dicembre 1997 - 9 febbraio 1998 n. 1502R (Utilizzando un immobile mancante del certificato di abitabilità si commette reato ex art. 221 T.U. 1934 n. 1265 anche se l'immobile viene adibito ad uso diverso dall'abitazione: esso infatti deve comunque avere i prescritti requisiti igienico-sanitari). Nello stesso senso è costante la giurisprudenza della Cassazione penale: ved. Cass. pen. III 3 aprile 1995 n. 3471[R=WP3A953471]; VI 23 agosto 1994 n. 2114[R=WP23AG942114]; III 16 giugno 1994 n. 7076[R=WP16G947076]; VI 7 febbraio 1994 n. 3651[R=WP7F943651]; S.U. 10 gennaio 1994 n. 72[R=WP10GE9472].


(T.U. 27 luglio 1934 n. 1265, artt. 221 e 222; L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 35, comma 20)R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali