FAST FIND : GP3856

Sent. C. Cass. civ. 14/01/1999, n. 314

47050 47050
1. Edilizia ed urbanistica - Distanze - Da pareti finestrate - Art. 9 D.M. 1968 n. 1444 - Operatività non immediata tra privati - Conseguenze.

1. In tema di distanze tra costruzioni, il principio secondo il quale la norma di cui all'art. 9 D.M. 2 aprile 1968 n. 1444 (che fissa in dieci metri la distanza minima assoluta tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti), imponendo limiti edilizi ai Comuni nella formazione di strumenti urbanistici, non è immediatamente operante nei rapporti tra privati, va interpretato nel senso che l'adozione, da parte degli Enti locali, di strumenti urbanistici contrastanti con la norma citata comporta l'obbligo, per il giudice di merito, non solo di disapplicare le disposizioni illegittime, ma anche di applicare direttamente la disposizione dell'art. 9 cit., divenuta, per inserzione automatica, parte integrante dello strumento urbanistico in sostituzione della norma illegittima disapplicata.

1a. (DIST.7) - Sulle distanze fra pareti finestrate di nuove costruzioni da parti di edifici antistanti ved. Cass. 4 dicembre 1998 n. 12292R (Limiti all'immediata operatività fra privati della norma di cui all'art. 9 D.M. 2 aprile 1968 n. 1444)R; Cass. 12 novembre 1998 n. 11404R (La ratio della normativa sulle distanze fra pareti finestrate non è la tutela della privacy bensì il decoro e la sicurezza e di evitare intercapedini dannose fra pareti); Cass. 26 novembre 1996 n. 10497 (Criteri di computo della distanza di 10 m. fra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti del D.M. 1968 n. 1444, con esclusione di sporti meramente ornamentali); Cass. S.U. 1 luglio 1997 n. 5889R [Questa sentenza si è pronunciata sul contrasto che esiste in giurisprudenza circa l'operatività dell'art. 9 del D.M. 2 aprile 1968 n. 1444 sulle distanze da pareti finestrate (se solo per i Comuni o anche per i privati) nel senso che non è immediatamente operante anche nei rapporti fra i privati]; Cass. 11 febbraio 1997 n. 1256 (Conf. alla Cass. S.U. 1997 n. 5889); Cass. 29 aprile 1995 n. 4754R (Ambito di operatività dell'art. 9 D.M. 2 aprile 1968R); Cass. 29 ottobre 1994 n. 8944R (Sulla inderogabilità delle norme sulle distanze fra pareti finestrate ed edifici antistanti, in sede di formazione e revisione di strumenti urbanistici); Cass. 11 giugno 1994 n. 5702R (Conf. alla Cass. 13 aprile 1999 n. 3624R); Cass. 21 febbraio 1994 n. 1645R (Conf. a Cass. S.U. 1997 n. 5889); Cass. 7 giugno 1993 n. 6360R; Csi 1° giugno 1993 n. 226R (Limiti inderogabili alla distanza fra pareti finestrate anche nel caso di preesistente fabbricato abusivo); Cass. 6 maggio 1993 n. 5226R (Per il computo della distanza minima di 10 m. fra pareti finestrate ex art. 9 D.M. 1968 n. 1404 bisogna tenere conto della scala esterna dell'edificio fronteggiante la parete finestrata).


(Cod. civ. artt. 872 e 873; L. 17 agosto 1942 n. 1150, art. 41 quinquiesR, L. 6 agosto 1967 n. 765, art. 17R; D.M. 2 aprile 1968 n. 1444, art. 9)R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Calamità/Terremoti
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Imprese

Bolzano: sussidi alle piccole imprese per l'emergenza COVID-19

La Provincia Autonoma di Bolzano ha previsto l'erogazione alle piccole imprese, con un massimo di cinque addetti, di contributi a fondo perduto per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Possono beneficiare dei contributi i liberi professionisti, i lavoratori autonomi, le imprese individuali e le società di persone o di capitale che svolgono un'attività artigianale, industriale, commerciale, di servizio, di pubblico esercizio. Domande dal 15/04/2020 al 30/09/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Emilia Romagna: contributi per rimozione e smaltimento amianto nelle scuole

Con il Bando la Regione Emilia Romagna mette a disposizione le risorse assegnate nell'ambito del Piano di Bonifica Amianto - FSC 2014-2020 per sostenere, attraverso la concessione di contributi economici, i progetti di rimozione e smaltimento amianto negli edifici scolastici di proprietà pubblica. Le risorse finanziarie disponibili ammontano a circa 9 milioni di euro e il contributo massimo è del 100% del costo ammissibile a finanziamento, senza limite di importo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici

Superbonus risparmio energetico e consolidamento antisismico

ECOBONUS POTENZIATO (Caratteristiche generali; Interventi agevolabili; Esempi di calcolo della detrazione; Requisiti, asseverazioni e attestazioni dei professionisti, assicurazione RC; Edifici coinvolti e soggetti beneficiari) - SISMABONUS POTENZIATO - IMPIANTI FOTOVOLTAICI E SISTEMI DI ACCUMULO (Interventi agevolabili; Cumulo; Requisiti; Soggetti beneficiari) - COLONNINE DI RICARICA VEICOLI ELETTRICI - SCONTO IN FATTURA O CREDITO D’IMPOSTA - CONTROLLI E SANZIONI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Calamità

Contributi alle imprese per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale

A seguito dell'emergenza sanitaria da COVID-19 e al fine di sostenere la continuità in sicurezza dei processi produttivi delle imprese operanti su tutto il territorio nazionale, vengono rimborsate alle imprese le spese sostenute per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale (DPI). La dotazione finanziaria complessiva è di 50 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Protezione civile
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Calamità/Terremoti

Inadempimento o ritardo per impossibilità della prestazione ed emergenza sanitaria

CONTESTO NORMATIVO Norme del codice civile; Normativa speciale per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19; Norme “emergenziali” che fanno riferimento all’impossibilità della prestazione - PRESUPPOSTI PER L’IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA DELLA PRESTAZIONE Elemento oggettivo: carattere assoluto e inevitabile dell’evento; Elemento soggettivo: non evitabilità o superabilità dell’evento; Imprevedibilità dell’evento - FORZA MAGGIORE - OPERATIVITÀ Onere della prova; Onere di comunicazione - CONSEGUENZE DELL’IMPOSSIBILITÀ SOPRAVVENUTA Impossibilità definitiva e estinzione dell’obbligazione (risoluzione del contratto); Impossibilità temporanea e sospensione del contratto - ALCUNI CASI SPECIFICI Contratti di compravendita immobiliare; Contratti di appalto privati; Lavorazioni a catena; Contratti con la P.A. - STIPULA DI CONTRATTI DURANTE LO STATO DI EMERGENZA
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta