FAST FIND : GP2990

Sent.C. Cass. 29/11/1988, n. 6465

46184 46184
1. Geometri - Giudizi disciplinari - Istruttoria preliminare - Atti relativi svolti da un consigliere delegato dal presidente del consiglio del collegio professionale - Legittimità. 2. Geometri - Giudizi disciplinari - Decisione del Consiglio nazionale geometri - Ricorso per Cassazione - Contenuto - Requisiti. 3. Geometri - Giudizi disciplinari - Decisione del Consiglio nazionale geometri - Ricorso per Cassazione - Ammissibile per incompetenza o eccesso di potere o violazione di legge.
1. In tema di procedimento disciplinare a carico di geometri, e con riguardo all'istruttoria preliminare che precede l'audizione dell'incolpato e l'eventuale apertura del procedimento stesso (art. 12, 1° e 2° c., R.D. 11 febbraio 1929 n. 274), la circostanza che i relativi atti siano svolti, anziché dal Presidente del Consiglio del Collegio professionale provinciale, da un Consigliere delegato dal Presidente, non spiega effetti invalidanti, poiché detta delega non è espressamente vietata e perché comunque non si determina alcun pregiudizio del diritto di difesa. 2. La ratio della norma di cui all'art. 366 n. 4 C.p.c. sta nell'esigenza che il ricorso per Cassazione consenta l'immediata e precisa individuazione delle questioni da risolvere; questa finalità non si ottiene mediante il mero richiamo ad atti difensivi del giudizio di merito senza l'indicazione, neppure sommaria, del loro contenuto, ma viene raggiunta se il contenuto di tali atti è materialmente trascritto nel ricorso ed è quindi immediatamente e direttamente percepibile dal giudice di Cassazione ( M.d.r.). 3. Il Consiglio nazionale dei geometri, in materia di iscrizione nell'albo professionale e disciplinare, è giudice speciale, la cui giurisdizione esclusiva di legittimità e di merito si svolge in unico grado e la cui sentenza è impugnabile, con ricorso per Cassazione, oltre che per incompetenza o eccesso di potere ai sensi dell'art. 15, u.c., del R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, anche per violazione di legge, ex art. 111, 2° c., Cost.; cioè per qualsiasi violazione di legge formale e sostanziale, ivi compreso, stante anche il disposto dell'art. 111, 1° c., Cost., il difetto di motivazione (M.d.r.).

1. Il regolamento per la professione di geometra R.D. 11 febbraio 1929 n. 274 stabilisce, nell'art. 12, 1° e 2° c., che (1° c.) « L'istruttoria, che precede il giudizio disciplinare, può essere promossa dal Consiglio su domanda di parte, o su richiesta del pubblico ministero, ovvero d'ufficio, in seguito a deliberazione del Consiglio, ad iniziativa di uno o più membri » e che (2° c.) « Il presidente del Consiglio, verificati sommariamente i fatti, raccoglie le opportune informazioni e, dopo avere inteso l'incolpato, riferisce al Consiglio, il quale decide se vi sia luogo a procedimento disciplinare »). 2. Art. 366, n. 4 C.p.c.: « Il ricorso per Cassazione deve contenere, a pena di inammissibilità: .... 4) i motivi per i quali si chiede la cassazione, con l'indicazione delle norme di diritto su cui si fondano ». La ratio di questa norma è quella indicata nella massima, per giurisprudenza costante (ved., fra le altre, Cass. 27 aprile 1983 n. 4062)[R=W27A834062]. 3. Il principio sulla possibilità del ricorso contro le decisioni del Consiglio nazionale dei geometri, oltre che per incompetenza od eccesso di potere, anche per violazione di legge ex art. 111, 2° c., Cost., già enunciato dalla Cass. S.U. 10 aprile 1978 n. 1657[R=W10A781657] - e precisamente, anche per qualsiasi violazione di legge formale e sostanziale (ivi compreso, stante anche il disposto dell'art. 111, 1° c. della Costituzione, il difetto di motivazione) come ora stabilito dalla Cass. S.U. 29 novembre 1988 n. 6465 - vale anche per le decisioni dei Consigli nazionali degli ingegneri ed architetti, dei dottori agronomi e forestali e dei periti industriali, giacché anche per questi professionisti il regolamento professionale contiene - rispettivamente nell'art. 17 R.D. 23 ottobre 1925 n. 2537, nell'art. 15, u.c., R.D. 25 novembre 1929 n. 2248 e nell'art. 15, u.c., R.D. 11 febbraio 1929 n. 275 - disposizione identica a quella dell'art. 15, u.c., R.D. 11 febbraio 1929 n. 274.
R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, artt. 12 e 15R C.p.c. art. 366 n. 4

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta