FAST FIND : GP2275

Sent.C. Cass. 18/10/1991, n. 11038

45469 45469
1. Appalti oo.pp. - Anticipazione all'impresa - Natura - Possibilità dell'impresa di utilizzarla liberamente. 2. Appalti oo.pp. - Anticipazione all'impresa - Fideiussione relativa - Anteriorità rispetto all'obbligazione garantita - Accertamento - Momento rilevante individuazione. 3. Appalti oo.pp. - Anticipazione all'impresa - Revoca per irregolarità nell'esecuzione dell'appalto - Detrazione, dal debito dell'impresa, del credito per lavori eseguiti - Condizioni.
1. In tema di appalto di opere pubbliche, l'anticipazione all'appaltatore di una percentuale del prezzo contrattuale, ai sensi dell'art. 16, 4° c., lett. c) L. 14 maggio 1981 n. 219 e dell'art. 1 D.M. 25 novembre 1972, non ha natura di mutuo, né, in particolare, di mutuo di scopo, bensì di attribuzione anticipata, rispetto all'esecuzione dell'opera, di una parte del compenso spettante all'appaltatore, in deroga al principio della postnumerazione che governa in via generale l'attribuzione del compenso in siffatti contratti; pertanto, in assenza di previsione di vincolo della somma anticipata all'esecuzione dell'appalto, l'appaltatore può utilizzare la somma stessa liberamente. 2. Ai fini della liberazione del fidejussore per obbligazione futura, ai sensi dell'art. 1956 Cod. civ., il momento che rileva, per stabilire l'anteriorità della fideiussione rispetto all'obbligazione garantita, è quello nel quale l'obbligazione è stata assunta, ossia quello della perfezione del negozio che costituisce la fonte del debito principale, e non quello nel quale il creditore abbia adempiuto la propria prestazione subordinante sinallagmaticamente quella del debitore principale, né quello in cui diventa efficace l'obbligazione di adempimento di questo debito precedentemente assunto; pertanto, nell'ipotesi di anticipazione all'appaltatore di un'opera pubblica di una percentuale del prezzo contrattuale, ai sensi dell'art. 16, 4° c., lett. c) L. 14 maggio 1981 n. 219 (od art. 1 D.M. 25 novembre 1972), comportante l'obbligazione (eventuale) di restituzione della somma, nel momento in cui l'amministrazione appaltante delibera di concedere l'anticipazione la fideiussione riguardante il debito eventuale alla restituzione dell'anticipazione, che sia stata prestata dopo la delibera di concessione dell'anticipazione stessa, non è anteriore rispetto al debito garantito. 3. Con riguardo all'anticipazione all'appaltatore di un'opera pubblica di una percentuale del prezzo contrattuale, ai sensi dell'art. 16, 4° c., lett. c) L. 14 maggio 1981 n. 219 (od art. 1 D.M. 25 novembre 1972), e nel caso in cui l'anticipazione venga revocata per irregolarità nell'esecuzione dell'appalto, l'appaltatore non può portare in detrazione del proprio debito per la restituzione dell'anticipazione il credito per i lavori eseguiti, ove non sussistano i presupposti per il sorgere e l'esigibilità del suo diritto agli acconti secondo le norme sulla contabilità delle opere pubbliche.

1. 2. 3. Ved., sull'anticipazione all'Impresa, Cass. 12 maggio 1990 n. 4098R (revoca dell'anticipazione) , Cass. 11 aprile 1990 n. 3080 R(riduzione progressiva del debito del fideiussore)
D.M. 25 novembre 1972, art. 1; L. 14 maggio 1981 n. 219, art. 16, 41 c., lett. c)R Cod. civ. art. 1956; D.M. 25 novembre 1972, art. 1; L. 14 maggio 1981 n. 219, art. 16, 4° c., lett. c

Dalla redazione

  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: bando 2019 edifici scolastici #amiantozero

Via l'amianto dalle scuole della Lombardia grazie ad un bando da 5 milioni di euro. Possono partecipare gli Enti locali e altri soggetti pubblici proprietari di poli per l’infanzia, scuole dell’infanzia statali e comunali, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, abilitati all'Anagrafe regionale dell'edilizia scolastica (ARES). Il contributo a fondo perduto massimo erogabile è di 500 mila euro e verrà così ripartito: per i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e Province fino al 50% della spesa ammessa; per i Comuni con popolazione inferiori ai 5.000 abitanti e Comunità montane fino al 90% della spesa ammessa.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Fonti alternative
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Provvidenze
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica

Umbria: sostegno alle imprese per l’efficienza energetica e utilizzo di fonti rinnovabili

Con l'Avviso la Regione Umbria sostiene gli investimenti delle imprese extra agricole per l'efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile. In particolare, l’Avviso prevede una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro ed è volto a erogare incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese. Le agevolazioni vanno dal 30 al 50% dei costi ammissibili, in relazione alla dimensione delle imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Calamità
  • Provvidenze

Lazio e prevenzione sismica: sostegno all'adeguamento dell’abitazione principale in zona sismica 1

Il bando della Regione Lazio prevede la concessione di contributi per interventi di adeguamento sismico a beneficio di proprietari di abitazione principale nei Comuni in zona sismica 1. Il bando prevede contributi in conto capitale fino al 30% del totale per progettazione, rilievi, direzione dei lavori, sicurezza, collaudi, studi, indagini ed esecuzione delle opere strutturali. L'importo a disposizione per il biennio 2019 - 2020 è pari 6 milioni di euro: 2 milioni per l’anno 2019 e 4 milioni per il 2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Scuole
  • Prevenzione Incendi

Friuli Venezia Giulia: interventi urgenti di adeguamento antincendio di edifici scolastici

La Regione Friuli Venezia Giulia prevede la concessione di contributi in conto capitale in favore delle Amministrazioni comunali a sostegno delle spese di investimento per interventi urgenti di adeguamento alle prescrizioni antincendio degli edifici scolastici. Previsto 1 milione di euro per l'anno 2019 per gli edifici che siano già muniti di parere favorevole rilasciato dal dipartimento dei Vigili del Fuoco competente per territorio e per i quali vi sia l’obbligatorietà della presentazione della SCIA entro il 31/12/2021. Domande dal 28/10/2019 fino all'esaurimento delle risorse disponibili, secondo l'ordine di arrivo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative

Piemonte: contributi per la costituzione di comunità energetiche

I comuni piemontesi che vogliono aggregarsi tra di loro per costituire le cosiddette "comunità energetiche" possono contare sul sostegno della Regione che ha pubblicato un bando che mette a disposizione 50.000 euro ripartiti sulla base del numero delle manifestazioni di interesse valutate positivamente: a ciascun richiedente sarà destinata una somma non inferiore a 5.000 euro e non superiore a 10.000 fino ad esaurimento della dotazione.
A cura di:
  • Anna Petricca