FAST FIND : GP1962

Sent. C. Cass. 20/04/1994, n. 3737

45156 45156
1. Edilizia ed urbanistica - Distanze - Previsione di rispetto di distanza dal confine - Norma di regolamento edilizio integrativa della disciplina codicistica - Conseguenza - Principio della prevenzione - Inapplicabilità - Limite. 2. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Sopravvenienza di norme in corso di causa - Immediata applicabilità - Limite - Formazione giudicato - Modificazione intervenuta durante il giudizio di legittimità - Effetti. 3. Edilizia ed urbanistica - Distanze - Violazione di norme edilizie - Diritto del vicino all'osservanza - Sussiste - Art. 13 L. 1985 n. 47 - Concessione in sanatoria - Irrilevanza - Conseguenza.
1. La regola che vincola il proprietario che ha costruito per primo sul confine, secondo il principio della prevenzione, alla scelta compiuta, imponendogli, nel caso di sopraelevazione, di rispettare il filo della precedente fabbrica, non è applicabile nel caso in cui lo strumento urbanistico locale, successivamente intervenuto, abbia sancito l'obbligo inderogabile di osservare una determinata distanza dal confine, perché tale nuova disciplina, integrativa di quella codicistica, vincola anche il preveniente, che è così tenuto, se vuole sopraelevare, all'osservanza della diversa distanza stabilita, senza alcuna facoltà di allineamento (in verticale) all'originaria preesistente costruzione, a meno che la normativa regolamentare non preveda un'espressa eccezione in proposito. 2. Nel caso che in corso di causa succedano alle precedenti norme edilizie altre meno restrittive, il principio dell'immediata applicabilità delle nuove norme trova l'unico limite nell'eventuale giudicato formatosi nella controversia sulla legittimità o meno della costruzione ed è pertanto applicabile anche quando la modifica legislativa sia intervenuta nel corso del giudizio di legittimità, comportando la necessità della cassazione della sentenza impugnata e del rinvio della causa al giudice di merito per il nuovo esame alla stregua del quadro normativo risultante dalla disciplina sopravvenuta, precluso alla Corte di cassazione, a causa dei limiti del suo giudizio. 3. La concessione o l'autorizzazione in sanatoria di una costruzione, ai sensi dell'art. 13 L. 28 febbraio 1985 n. 47 e l'accertamento amministrativo di conformità di tale costruzione agli strumenti normativi generali e di attuazione vigente al momento della realizzazione delle opere ed a quello di presentazione della domanda, che è sotteso alla predetta concessione od autorizzazione, non incide sul diritto del vicino all'osservanza delle distanze prescritte dalla legge o dalla normativa regolamentare ed alla demolizione delle opere eseguite in violazione di queste distanze, ai sensi degli artt. 872 e 873 C.c.

1. Conf. Cass. 9 febbraio 1989 n. 797[R=W9F89797]. Ved. Cass. 15 ottobre 1992 n. 11284R (sulla scelta, definitiva, del preveniente di costruire sul confine). 2. Ved. Cass. 3 settembre 1991 n. 9348[R=W3S919348]. 3. Conf. Cass. 16 novembre 1989 n. 4901 [R=W16N894901] e 16 dicembre 1987 n. 9352[R=W16D879352]. 1a. Ved. nota 1a. a Cass. 15 aprile 1994 n. 3529R. 2a. Ved. nota 1a. a Cass. 7 aprile 1994 n. 3292R.
C.c. artt. 873 ss. C.c. artt. 872 ss. ; L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 13 R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Piemonte: 26 milioni per i costi dei titoli edilizi

Per favorire la ripartenza dell'attività edilizia a causa dell'emergenza da COVID-19, la Regione Piemonte ha stanziato per l'anno 2020 euro 26.000.000,00 in favore dei Comuni a copertura parziale o totale del contributo del costo di costruzione relativo al rilascio dei titoli abilitativi in edilizia, di cui all'articolo 16 del Testo Unico edilizia (D.P.R. 380/2001). Si tratta di contributi e fondo perduto e le relative domande dovranno essere presentate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie, a nome e per conto di privati e imprese.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali