FAST FIND : GP1390

Sent. C. Cass. 01/02/1992, n. 1076

44584 44584
1. Edilizia ed urbanistica - Muro comune - Sopraelevazione - Modalità - Zona sismica - Norme applicabili.
1. La sopraelevazione del muro comune deve essere eseguita, a norma dell'art. 885 2° c. Cod. civ., con le modalità e gli accorgimenti necessari per evitare il pregiudizio della stabilità e solidità del muro sottostante e, quindi, nelle zone sismiche, con l'adozione di sistemi costruttivi idonei a garantire, in conformità alle disposizioni della legislazione antisismica (L. 25 novembre 1962 n. 1684 e L. 2 febbraio 1974 n. 64), l'autonomia di ciascun edificio contiguo, così da consentirne la libera ed indipendente oscillazione in caso di terremoto.

1. Conf. Cass. 14 giugno 1976 n. 2205.[R=W14G762205] Gli artt. 885 (Innalzamento del muro comune) e 874 Cc. (Comunione forzosa del muro sul confine) - a norma del quale, anche la parte sopraedificata del muro comune può dal vicino essere resa comune ai sensi dell'art. 885, 1° c. L'art. 1102 Cc. (Uso della cosa comune) stabilisce: «(1° c.) Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa. (2° c.) Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso. Per quanto riguarda la normativa antisismica, la L. 25 novembre 1962 n. 1684 citata nella sentenza può oggi considerarsi abrogata essendosi esaurite le condizioni contenute nelle «Disposizioni transitorie e finali» di cui agli artt. 30 e 32 della successiva L. 2 febbraio 1974 n. 64 Le vigenti norme tecniche relative alle costruzioni sismiche sono quelle del D.M. 24 gennaio 1986 , che è l'ultimo della catena dei decreti (ognuno dei quali emanato a modifica od integrale sostituzione del precedente) iniziata col D.M. 3 marzo 1975 n. 39. E' invece ancora in vigore l'altro D.M. 3 marzo 1975 n. 40 (qui appresso riportato) che attribuisce alle località sismiche di 1° e 2° categoria i gradi di sismicità S=12 e S=9; mentre l'elenco originario delle località sismiche che vi era allegato è stato via via integrato da successivi decreti con altre località D.M. 3 marzo 1975 n. 40 (Disposizioni concernenti l'applicazione delle norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche). - Art. 1. Con riserva dell'emanazione dei provvedimenti previsti dall'art. 3, lettere a) e b), della legge 2 febbraio 1974 n. 64, le norme tecniche, approvate con l'anzicennato decreto interministeriale n. 39, si applicano alle località sismiche attualmente già classificate in virtù delle preesistenti disposizioni in materia, nella 1° e 2° categoria, ad esse attribuendo rispettivamente i gradi di sismicità S=12 e S=9.
Cod. civ. art. 874, 885 e 1102; L. 25 novembre 1962 n. 1684[R=L168462]; L. 2 febbraio 1974 n. 64R

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta