FAST FIND : GP1390

Sent. C. Cass. 01/02/1992, n. 1076

44584 44584
1. Edilizia ed urbanistica - Muro comune - Sopraelevazione - Modalità - Zona sismica - Norme applicabili.
1. La sopraelevazione del muro comune deve essere eseguita, a norma dell'art. 885 2° c. Cod. civ., con le modalità e gli accorgimenti necessari per evitare il pregiudizio della stabilità e solidità del muro sottostante e, quindi, nelle zone sismiche, con l'adozione di sistemi costruttivi idonei a garantire, in conformità alle disposizioni della legislazione antisismica (L. 25 novembre 1962 n. 1684 e L. 2 febbraio 1974 n. 64), l'autonomia di ciascun edificio contiguo, così da consentirne la libera ed indipendente oscillazione in caso di terremoto.

1. Conf. Cass. 14 giugno 1976 n. 2205.[R=W14G762205] Gli artt. 885 (Innalzamento del muro comune) e 874 Cc. (Comunione forzosa del muro sul confine) - a norma del quale, anche la parte sopraedificata del muro comune può dal vicino essere resa comune ai sensi dell'art. 885, 1° c. L'art. 1102 Cc. (Uso della cosa comune) stabilisce: «(1° c.) Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa. (2° c.) Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso. Per quanto riguarda la normativa antisismica, la L. 25 novembre 1962 n. 1684 citata nella sentenza può oggi considerarsi abrogata essendosi esaurite le condizioni contenute nelle «Disposizioni transitorie e finali» di cui agli artt. 30 e 32 della successiva L. 2 febbraio 1974 n. 64 Le vigenti norme tecniche relative alle costruzioni sismiche sono quelle del D.M. 24 gennaio 1986 , che è l'ultimo della catena dei decreti (ognuno dei quali emanato a modifica od integrale sostituzione del precedente) iniziata col D.M. 3 marzo 1975 n. 39. E' invece ancora in vigore l'altro D.M. 3 marzo 1975 n. 40 (qui appresso riportato) che attribuisce alle località sismiche di 1° e 2° categoria i gradi di sismicità S=12 e S=9; mentre l'elenco originario delle località sismiche che vi era allegato è stato via via integrato da successivi decreti con altre località D.M. 3 marzo 1975 n. 40 (Disposizioni concernenti l'applicazione delle norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche). - Art. 1. Con riserva dell'emanazione dei provvedimenti previsti dall'art. 3, lettere a) e b), della legge 2 febbraio 1974 n. 64, le norme tecniche, approvate con l'anzicennato decreto interministeriale n. 39, si applicano alle località sismiche attualmente già classificate in virtù delle preesistenti disposizioni in materia, nella 1° e 2° categoria, ad esse attribuendo rispettivamente i gradi di sismicità S=12 e S=9.
Cod. civ. art. 874, 885 e 1102; L. 25 novembre 1962 n. 1684[R=L168462]; L. 2 febbraio 1974 n. 64R

Dalla redazione

  • Agevolazioni
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze

Finanziamenti per la rigenerazione urbana e la qualità dell'abitare

Con Decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti vengono stabiliti termini, contenuti e modalità di presentazione delle proposte per accedere ai finanziamenti finalizzati a riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l'accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici. Le risorse stanziate ammontano a 853,81 milioni di euro (dal 2020 al 2033).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: 16 milioni per rimuovere l'amianto dalle scuole

Ammonta a 16 milioni la dotazione finanziaria del bando della Regione Lombardia per gli interventi di bonifica dell'amianto e ripristino negli edifici scolastici di proprietà degli enti locali. Gli interventi finalizzati alla rimozione dell'amianto dalle scuole e relative pertinenze devono avere un valore minimo di 50.000,00 euro e un valore massimo di 3.000.000 euro. Gli interventi saranno finanziati al 100% delle spese ammesse.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Barriere architettoniche
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Provvidenze

Sicilia: contributi per il miglioramento e la riqualificazione delle sale cinematografiche

L'Avviso pubblico disciplina la concessione di contributi a sostegno della realizzazione di progetti volti al miglioramento e alla qualificazione delle sale cinematografiche in Sicilia. La misura prevede 5 milioni di euro per la concessione di contributi a fondo perduto in una percentuale che varia dal 70 a 100% delle spese ritenute ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito
  • Imprese
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Provvidenze
  • Previdenza professionale

Le misure introdotte dal D.L. 104/2020 (c.d. “Decreto Agosto”)

Analisi delle disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel Decreto Agosto (D.L. 14/08/2020, n. 104, convertito in legge dalla L. 13/10/2020, n. 126), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Con Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, vengono stabilite le modalità per la progettazione degli interventi e il riparto delle risorse per i finanziamenti del programma sperimentale per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane. Le risorse stanziate ammontano a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo