FAST FIND : GP1383

Sent. C. Cass. pen. 11/11/1991, n. 471

44577 44577
1. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Amnistia ex D.P.R. 1990 n. 75 - Condizioni - Limitata entità dei volumi illegittimamente realizzati - Criteri di valutazione. 2. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Sospensione condizionale della pena - Previa esecuzione dell'ordine di demolizione del giudice. 3. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Demolizione - Ordine del giudice - Emesso in presenza di misure repressive dell'Amministrazione - Revisionabilità in sede esecutiva.
1. In tema di applicazione dell'amnistia prevista dal D.P.R. 12 aprile 1990 n. 75, ai reati in materia urbanistica, per la determinazione della nozione di «limitatezza» dell'entità dei volumi illegittimi, occorre aver riguardo, in mancanza di uno specifico parametro, al criterio di valutazione sociale - che trova espressione pure nel settore legislativo inerente all'edilizia economica e popolare - secondo il quale la costruzione abitativa di media dimensione è, in linea di massima, costituita da una superficie coperta di 120 metri quadrati, che corrisponda ad una volumetria oscillante tra i 300 ed i 400 metri cubi. (In ossequio al principio di cui in massima la Corte suprema di cassazione ha ritenuto nella specie inapplicabile l'amnistia in ordine al reato contemplato dall'art. 20, 1° c., lett. b), L. 28 febbraio 1985 n. 4), sul rilievo che l'entità del manufatto illegittimamente costruito era di 140 metri quadrati, cui dovevano aggiungersi un «torrino» ed una scala di accesso). 2. In tema di violazioni urbanistiche, ove il giudice abbia rettamente esercitato il potere assegnatogli dall'art. 7, u.c. L. 28 febbraio 1985 n. 47, senza in alcun modo incidere nella sfera dei poteri riservati all'amministrazione, l'ordine di demolizione così emesso vale ad espropriare quest'ultima di ogni potere sull'immobile abusivamente edificato, nel senso della inipotizzabilità sia di un intervento conciliare che dichiari l'esistenza di prevalenti interessi pubblici, sia del permanere nell'interessato del potere di ricorrere alla procedura contemplata dall'art. 22 legge n. 47 cit., giacché una siffatta possibilità potrebbe importare la declaratoria dell'illegittimità dell'intervento demolitorio del giudice penale; l'effetto «espropriativo» in parola, peraltro, può derivare solo dall'assenza effettiva degli interventi di tipo sanzionatorio di competenza dell'Amministrazione, giacché, altrimenti, l'ordine del giudice si risolverebbe in un'indebita supplenza dell'attività del Sindaco, e inoltre l'irriversibilità della situazione creatasi per effetto dell'inerzia amministrativa in ordine ai ricordati interventi sanzionatori esclude che il sistema extrapenale sia ancora in grado di produrre meccanismi volti ad impedire gli effetti derivanti dal congiunto operare degli artt. 7, u.c. legge n. 47 del 1985 e 165 Cod. pen. e che, quindi, la clausola di riserva inserita in quest'ultima disposizione possa precludere la subordinazione del beneficio della sospensione condizionale della pena all'adempimento dell'ordine di demolizione disposto dal giudice penale. 3. Il potere del giudice penale di emettere ordine di demolizione ai sensi dell'art. 7, u.c., 1985 n. 47, presuppone l'inerzia dell'Amministrazione in ordine agli interventi sanzionatori di sua competenza, sicché detto ordine è riesaminabile in sede esecutiva ove risulti emesso nonostante l'esercizio da parte dell'amministrazione dei poteri ad essa conferiti dalla legge.


L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 20, 1° c., lett. b) R; D.P.R. 12 aprile 1990 n. 75 Cod. pen. art. 165; L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 7 u.c. e art. 22 L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 7 u.c.

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Detrazioni fiscali per interventi di recupero delle facciate di edifici (c.d. “Bonus facciate”)

NORMATIVA E PRASSI DI RIFERIMENTO SUL BONUS FACCIATE - INTERVENTI AMMESSI (Categorie di interventi ammessi al Bonus facciate e indicazioni generali; Interventi influenti dal punti di vista termico; Interventi su balconi, ornamenti e fregi; Spese accessorie; Individuazione delle zone urbanistiche ammesse al Bonus facciate; Cumulabilità) - SOGGETTI BENEFICIARI, ADEMPIMENTI E PROCEDURE (Soggetti beneficiari; Importo della detrazione e periodo di fruizione; Modalità pratiche e procedure).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici

Superbonus 110%: domande e risposte

Risposte ai quesiti emersi nel corso degli eventi formativi svolti dall’Area Formazione di Legislazione Tecnica sul tema del c.d. “Superbonus” al 110%.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta