FAST FIND : GP1383

Sent. C. Cass. pen. 11/11/1991, n. 471

44577 44577
1. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Amnistia ex D.P.R. 1990 n. 75 - Condizioni - Limitata entità dei volumi illegittimamente realizzati - Criteri di valutazione. 2. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Sospensione condizionale della pena - Previa esecuzione dell'ordine di demolizione del giudice. 3. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Demolizione - Ordine del giudice - Emesso in presenza di misure repressive dell'Amministrazione - Revisionabilità in sede esecutiva.
1. In tema di applicazione dell'amnistia prevista dal D.P.R. 12 aprile 1990 n. 75, ai reati in materia urbanistica, per la determinazione della nozione di «limitatezza» dell'entità dei volumi illegittimi, occorre aver riguardo, in mancanza di uno specifico parametro, al criterio di valutazione sociale - che trova espressione pure nel settore legislativo inerente all'edilizia economica e popolare - secondo il quale la costruzione abitativa di media dimensione è, in linea di massima, costituita da una superficie coperta di 120 metri quadrati, che corrisponda ad una volumetria oscillante tra i 300 ed i 400 metri cubi. (In ossequio al principio di cui in massima la Corte suprema di cassazione ha ritenuto nella specie inapplicabile l'amnistia in ordine al reato contemplato dall'art. 20, 1° c., lett. b), L. 28 febbraio 1985 n. 4), sul rilievo che l'entità del manufatto illegittimamente costruito era di 140 metri quadrati, cui dovevano aggiungersi un «torrino» ed una scala di accesso). 2. In tema di violazioni urbanistiche, ove il giudice abbia rettamente esercitato il potere assegnatogli dall'art. 7, u.c. L. 28 febbraio 1985 n. 47, senza in alcun modo incidere nella sfera dei poteri riservati all'amministrazione, l'ordine di demolizione così emesso vale ad espropriare quest'ultima di ogni potere sull'immobile abusivamente edificato, nel senso della inipotizzabilità sia di un intervento conciliare che dichiari l'esistenza di prevalenti interessi pubblici, sia del permanere nell'interessato del potere di ricorrere alla procedura contemplata dall'art. 22 legge n. 47 cit., giacché una siffatta possibilità potrebbe importare la declaratoria dell'illegittimità dell'intervento demolitorio del giudice penale; l'effetto «espropriativo» in parola, peraltro, può derivare solo dall'assenza effettiva degli interventi di tipo sanzionatorio di competenza dell'Amministrazione, giacché, altrimenti, l'ordine del giudice si risolverebbe in un'indebita supplenza dell'attività del Sindaco, e inoltre l'irriversibilità della situazione creatasi per effetto dell'inerzia amministrativa in ordine ai ricordati interventi sanzionatori esclude che il sistema extrapenale sia ancora in grado di produrre meccanismi volti ad impedire gli effetti derivanti dal congiunto operare degli artt. 7, u.c. legge n. 47 del 1985 e 165 Cod. pen. e che, quindi, la clausola di riserva inserita in quest'ultima disposizione possa precludere la subordinazione del beneficio della sospensione condizionale della pena all'adempimento dell'ordine di demolizione disposto dal giudice penale. 3. Il potere del giudice penale di emettere ordine di demolizione ai sensi dell'art. 7, u.c., 1985 n. 47, presuppone l'inerzia dell'Amministrazione in ordine agli interventi sanzionatori di sua competenza, sicché detto ordine è riesaminabile in sede esecutiva ove risulti emesso nonostante l'esercizio da parte dell'amministrazione dei poteri ad essa conferiti dalla legge.


L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 20, 1° c., lett. b) R; D.P.R. 12 aprile 1990 n. 75 Cod. pen. art. 165; L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 7 u.c. e art. 22 L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 7 u.c.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze
  • Imprese

Campania: contributi per la creazione o ammodernamento di asili nido e micro-nidi aziendali

Ammonta a 5 milioni il finanziamento della Regione Campania rivolto a nidi o micronidi al servizio di imprese o reti di imprese. Possono presentare domanda di agevolazione per la realizzazione, riqualificazione o il potenziamento delle strutture le imprese, singole o associate, indipendentemente dalla loro forma giuridica. Le agevolazioni «de minimis» sono concesse nella forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, nei seguenti limiti massimi: 200.000 euro in caso di interventi di realizzazione di nuovi asili nido o micronidi aziendali; 100.000 euro in caso di interventi di ampliamento, ristrutturazione e/o ammodernamento di strutture già esistenti destinate ad asili nido o micronidi aziendali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Prevenzione Incendi
  • Scuole

Contributi agli enti locali per l’adeguamento degli edifici scolastici alla normativa antincendio

I contributi sono erogati agli enti locali per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico. Stanziati 98 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Lazio: 10 milioni di euro per i Comuni del litorale

Ammonta a 10 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lazio per la riqualificazione e la sostenibilità delle aree costiere, destinato ai 24 Comuni litoranei, che potranno partecipare singolarmente o anche in forma associata. Il contributo regionale può raggiungere un massimo del 90% del costo dei progetti presentati, con l’importo concedibile compreso tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 3 milioni di euro. Molti i tipi di intervento ammessi, tutti con un’impostazione generale nettamente orientata a promuovere l’innovazione e l'ecosostenibilità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2020 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2020 (L. 27 dicembre 2019, n. 160), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

Ammonta a 15 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lombardia per opere di efficientamento energetico su immobili destinati a servizi abitativi pubblici già oggetto di interventi di riqualificazione edilizia. Le opere finanziate sono mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard più elevati. Saranno ammessi all'agevolazione progetti di importo minimo netto dei lavori di efficientamento energetico pari a € 100.000 risultante dal quadro economico allegato al progetto; opere di valore inferiore non saranno ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione