FAST FIND : GP1292

Sent. C. Cass. pen. 05/05/1992, n. 5331

44486 44486
1 Edilizia ed urbanistica -Concessione edilizia - Non necessaria per la pertinenza - Differenza fra pertinenza ed opera accessoria. 2. Edilizia ed urbanistica - Abusi edilizi - Reato - Amnistia ex art. 3 lett. e) D.P.R. 1990 n. 75 - Applicabilità - Limiti - Violazione di vincoli ex art. 33 L. 1985 n. 47 - Individuazione. 3. Edilizia ed urbanistica - Abusi edilizi - Reato - Procedimento penale - Sospensione - Condizioni - Limiti.
1 Deve ritenersi pertinenza, al fine di assoggettarla a semplice autorizzazione e non a concessione ai sensi dell'art. 7 cpv. lett. a) D.L. 23 gennaio 1982 n. 9, convertito dalla L. 25 marzo 1982 n. 94, l'opera la quale, pur conservando la propria individualità fisica ed autonomia funzionale, venga posta in un durevole rapporto di subordinazione strumentale con altra persistente, per renderne più agevole o comunque migliorarne l'uso; per delimitare la relativa nozione, che nell'ambito della normativa edilizia, non può farsi coincidere completamente con quella di cui all'art. 817 Cod. civ., è possibile far ricorso interpretativo alla normativa catastale, secondo la quale la pertinenza consiste in un volume privo di autonomo accesso dalla via pubblica ed insuscettibile di produrre un proprio reddito senza subire modificazioni fisiche. (Nella fattispecie la Corte suprema ha ritenuto che la superficie realizzata mediante la costruzione di un balcone non possa qualificarsi pertinenza, essendo opera accessoria, soggetta al diverso regi . me concessorio, la quale congiunta intimamente con altra costituisce parte costitutiva ed integrante del tutto; la Corte suprema ha inoltre precisato che mentre le pertinenze possono anche fisicamente essere separate dalla cosa principale senza alterarne l'essenza fisica e funzionale, le opere accessorie non sono suscettibili di separazione, senza determinare frazionamento fisici del tutto ovvero riportare alterazioni funzionari dell'immobile). 2. L'art. 3 lett. e) D.P.R. 12 aprile 1990 n. 75 escludendo l'amnistia per i reati urbanistici quando siano violati «i vincoli di cui all'art. 33 primo comma della legge n. 47 del 1985 ... », intende riferirsi non già ai vincoli che importino la modificabilità assoluta, ma a quelli indicati dal testo della norma del cit. art. 33 L. 28 febbraio 1985 n. 47, la cui natura esprime la generica confliggenza dell'opera eseguita rispetto all'interesse pubblico tutelato. 3. La sospensione del processo penale per violazioni edilizie, prevista dall'art. 22 L. 28 febbraio 1985 n. 47, postula non solo la presentazione della domanda di sanatoria al Comune competente, ma la sussistenza di tutte le condizioni ed i requisiti di conformità dell'opera edilizia, eseguita in assenza di titolo, agli strumenti urbanistici, al fine di far rientrare l'illecito commesso nella categoria dei cosiddetti abusi edilizi formali, caratterizzati dall'assenza di contrasto con gli strumenti urbanistici medesimi; poiché la sospensione del processo penale è strumentale alla declaratoria di estinzione del reato urbanistico per l'inesistenza ex tunc dell'antigiuridicità sostanziale del fatto reato, si deve ritenere che spetti al giudice penale di sindacare la sussistenza dei relativi presupposti.


C.c. art. 817 ; D.L. 23 gennaio 1982 n. 9, art. 7 cpv., lett. a) ; L. 25 marzo 1982 n. 94 R L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 33 R; D.P.R. 12 aprile 1990 n. 75, art. 3, lett. e) L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 22

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Finanza pubblica
  • Imprese

Emilia Romagna: sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio

Al via il bando della Regione Emilia-Romagna rivolto a imprese e laboratori invitati a presentare progetti per il rafforzamento delle infrastrutture di ricerca a sostegno della competitività e dello sviluppo territoriale. Al finanziamento del presente bando sono destinati complessivamente euro 1.290.000 per l'annualità 2021 ed euro 1.000.000,00 per l'annualità 2022. Il contributo della Regione coprirà fino all’80% dell’investimento proposto, per un massimo di 1 milione di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo