FAST FIND : GP880

Sent.Corte Cost. 19/04/1993, n. 199

44074 44074
1. Professionisti - Limiti di competenza - Esercizio abusivo della professione - Art. 348 C.p. - Contenuto precettivo - Autonomia e compiutezza - Norme disciplinanti le singole professioni - Limiti - Contrasto con artt. 25 e 27 Cost. - Non sussiste 2. Geometri - Limiti di competenza - R.D. 1929 n. 274 - Natura regolamentare - Contrasto con artt. 25 e 27 Cost. - Inammissibilità della questione 3. Geometri - Limiti di competenza - Disciplina - R.D. 1929 n. 274 - Natura regolamentare - Dopo L. 1949 n. 144 - Permane 4. Geometri - Limiti di competenza - Rispetto a ingegneri e architetti - Discrimine - «Modestia» delle costruzioni ex art. 16 lett. 1) e m) R.D. 1929 n 274 - Criterio non generico
1. L'art. 348 Cod. pen., il quale punisce l'esercizio abusivo della professione, non è una norma in bianco da integrare con le norme che stabiliscono i limiti delle varie attività professionali, ma delinea esaurientemente la fattispecie in tutte le sue componenti essenziali, costituite dalla realizzazione di atti mediante i quali viene abusivamente esercitata una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, sicché il contenuto ed i limiti di ciascuna professione non refluiscono all'interno della struttura del fatto che il giudice è chiamato a valutare caso per caso; pertanto, il cit. art. 348 Cod. pen. non è in contrasto con gli artt. 25 e 27 Cost., sotto il profilo che non avrebbe autonomia precettiva e sarebbe destinato ad operare in simbiotica concorrenza con le disposizioni extrapenali che disciplinano le professioni. 2. Le norme del R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, che disciplinano la professione di geometra, hanno natura regolamentare e non possono quindi formare oggetto di questioni di legittimità costituzionale avanti la Corte costituzionale; pertanto, è inammissibile la questione di illegittimità costituzionale dell'art. 16 R.D. n. 274 del 1929 cit., sollevata in relazione agli artt. 25 e 27 Cost. 3. La L. 2 marzo 1949 n. 144 che approva la tariffa professionale dei geometri si richiama al regolamento contenuto nel R.D. 11 febbraio 1929 n. 274 solo al fine di individuare l'oggetto della tariffa professionale; pertanto, è da escludere che la citata legge n. 144 abbia inteso attribuire forza di legge alle norme del citato regolamento. 4. Il parametro della «modestia» delle costruzioni, stabilito dall'art. 16 lett. l) e m) R.D. 11 febbraio 1929 n. 274 con cui è stato approvato il regolamento sulla professione dei geometri, quale criterio discriminatore tra la competenza dei geometri e quelle degli ingegneri ed architetti, non è generico, in quanto si riferisce a nozioni tecniche di comune esperienza, che consentono di valutare se la struttura dell'edificio e le modalità costruttive, unicamente al criterio quantitativo ed economico, escludano che la costruzione possa essere realizzata da professionisti di rango inferiore.

1. a 4. Ved. C. cost. 5 febbraio 1975 n. 16. [R=WCC5F7516] Ved anche nota 1. a Cass. pen. VI 2 febbraio-15 aprile 1993 n. 3673.R
1. a 4. R.D. 11 febbraio 1929 n. 274, art. 16 R, L. 2 marzo 1949 n. 144 R

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi
  • Scuole

Contributi agli enti locali per l’adeguamento degli edifici scolastici alla normativa antincendio

I contributi sono erogati agli enti locali per l’adeguamento alla normativa antincendio degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico. Stanziati 98 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Provvidenze
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Lazio: 10 milioni di euro per i Comuni del litorale

Ammonta a 10 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lazio per la riqualificazione e la sostenibilità delle aree costiere, destinato ai 24 Comuni litoranei, che potranno partecipare singolarmente o anche in forma associata. Il contributo regionale può raggiungere un massimo del 90% del costo dei progetti presentati, con l’importo concedibile compreso tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 3 milioni di euro. Molti i tipi di intervento ammessi, tutti con un’impostazione generale nettamente orientata a promuovere l’innovazione e l'ecosostenibilità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2020 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2020 (L. 27 dicembre 2019, n. 160), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

Ammonta a 15 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lombardia per opere di efficientamento energetico su immobili destinati a servizi abitativi pubblici già oggetto di interventi di riqualificazione edilizia. Le opere finanziate sono mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard più elevati. Saranno ammessi all'agevolazione progetti di importo minimo netto dei lavori di efficientamento energetico pari a € 100.000 risultante dal quadro economico allegato al progetto; opere di valore inferiore non saranno ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia: contributi per acquisto e installazione di sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici

La Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di promuovere l'uso razionale dell'energia e delle fonti energetiche rinnovabili, nonché il contenimento dei consumi energetici, concede contributi straordinari a fondo perduto per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici. Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico, per l’acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico, a servizio dell'immobile di residenza. Il contributo massimo è pari a 3 mila euro per ogni intervento ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione