16 ott 2022

FAST FIND : SC1263

Ultimo aggiornamento
31/03/2021

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

Si veda l'art. 1 della Deliberaz. Albo Gestori Amb. 10/03/2021, n. 1, per la proroga del termine.

Il responsabile tecnico delle imprese iscritte all'Albo gestori ambientali - ai sensi della Deliberaz. Albo Gestori Amb. 30/05/2017, n. 6 - deve essere in possesso di requisiti personali, morali, di esperienza e formativi secondo quanto previsto dagli artt. 10, 12 e 13 del D.M. 120/2014, nonché dalla medesima Deliberaz. Albo Gestori Amb. 6/2017. Quest’ultima - in vigore dal 16/10/2017 - ha individuato i requisiti e le verifiche di idoneità per i responsabili tecnici.

L'idoneità conseguita mediante verifica iniziale ha validità pari a 5 anni a decorrere dalla data del superamento della verifica stessa. Il responsabile tecnico delle imprese e degli enti iscritti alla data del 16/10/2017 può continuare a svolgere la propria attività in regime transitorio per 5 anni da tale data (e quindi fino al 16/10/2022), anche per altre imprese iscritte o che si iscrivono nella stessa categoria, stessa classe o classi inferiori. Gli interessati possono sostenere la verifica di aggiornamento a partire dal 02/01/2021.

Si fa rinvio anche alla Circolare 59/2017, recante chiarimenti sui requisiti del responsabile tecnico a seguito della citata Deliberaz. Albo Gestori Amb. 6/2017.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Rifiuti

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Tracciabilità
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

DEFINIZIONE E CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA Definizione di “terre e rocce da scavo”; Categorie di terre e rocce da scavo; Materiali provenienti da demolizioni; Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte - SUOLO ESCAVATO ALLO STATO NATURALE UTILIZZATO IN SITU Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA - CONDIZIONI PER QUALIFICARE LE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME “SOTTOPRODOTTI” Condizioni comuni a tutti i cantieri; Terre e rocce da scavo nelle quali siano presenti “materiali di riporto”; Onere di attestazione del corretto avvenuto utilizzo; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere soggette a VIA o AIA; Cantieri con meno di 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti - TERRE E ROCCE DA SCAVO QUALIFICABILI COME “RIFIUTI”; Condizioni al cui verificarsi le terre e rocce da scavo sono qualificate “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti - TERRE E ROCCE DA SCAVO IN SITI CONTAMINATI Attività di scavo in siti oggetto di bonifica; Piano dettagliato e campionamento del suolo; Piano operativo; Utilizzo delle terre e rocce scavate nel sito; Presenza di “materiali di riporto” - ATTUAZIONE E LINEE GUIDA.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica