FAST FIND : GP654

Sent. C. Cass. pen. 12/08/1993, n. 9735

43848 43848
1. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Necessità di osservanza delle prescrizioni e modalità esecutive - Limiti. 2. Edilizia ed urbanistica - Attività edilizia - Modifica del profilo dell'opera - Non è variante - Sanzioni ex art. 20 L. 1985 n. 47 - Applicabilità. 3. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Ordine di demolizione - No, per violazione art. 20 lett. a) L. 1985 n. 47.
1. In tema di osservanza delle prescrizioni e modalità esecutive della concessione edilizia, il costruttore è tenuto a realizzare l'opera in modo conforme al progetto approvato, e tale conformità deve sussistere durante tutto il tempo necessario al completamento dei lavori, senza che sia necessario attendere tale momento finale, pertanto, sfuggono a questa regola soltanto le opere interne, rispondenti ai criteri stabiliti dall'art. 26 L. 28 febbraio 1977 n. 47 e le varianti in corso d'opera, perché conformi alla disciplina dell'art. 15 legge n. 47 cit. 2. Qualsiasi modifica che comporti un mutamento della sagoma, delle superfici utili o la destinazione d'uso della costruzione o delle singole unità immobiliari, non rientra nella nozione di variante e determina l'applicazione delle sanzioni stabilite dall'art. 20 L. 28 febbraio 1985 n. 47; pertanto, la variazione del profilo dello stabile progettato ed approvato esclude che sia sufficiente l'approvazione della variante e necessita quindi di concessione in sanatoria. 3. L'ordine di demolizione non può mai essere disposto per le violazioni dell'art. 20 lett. a) L. 28 febbraio 1985 n. 47, poiché l'art. 7 stessa legge menziona esclusivamente i casi disciplinati dall'art. 17 lett. a) L. 28 gennaio 1977 n. 10 trasfusi con modifica nelle lett. b), c) dell'art. 20 legge n. 47 cit.; né è applicabile l'art. 165 C.p., circa la eliminazione delle conseguenze pericolose del reato, poiché la materia è disciplinata autonomamente (l'art. 7 cit., ha cioè una sua regolamentazione e rientra nella eccezione, prevista dall'art. 165 C.p. cit.. che esclude il caso in cui «la legge disponga altrimenti»).


Sanatoria delle opere abusive L. 28 febbraio 1985 n. 47, artt. 15 e 26 R [C.p. art. 165; Norme per la edificabilità di suoli L. 28 gennaio 1977 n. 10. art. 17 lett. a)R; L. 28 febbraio 1985 n. 47, artt. 7, 20 lett. a), b), c),

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Agevolazioni alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 265 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Sicurezza

Toscana: Bando per la sicurezza stradale 2020

Azioni Regionali per la Sicurezza Stradale. Approvazione del Bando regionale per la presentazione delle domande da parte di Città Metropolitana, Province e Comuni della Toscana in attuazione del PRIIM. Il bando regionale mette a disposizione 5 milioni di euro per mettere in atto tutte le misure necessarie al fine di contrastare il fenomeno dell'incidentalità stradale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Informatica
  • Professioni
  • Calamità
  • Imprese

Umbria: Bridge to Digital 2020

Bridge to digital", un ponte per il digitale: tre milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Umbria per favorire la trasformazione digitale delle micro e piccole imprese e dei liberi professionisti per renderli più competitivi nei mercati nazionali ed interazionali ed aumentarne la capacità di reazione alla congiuntura negativa dovuta al COVID-19.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta