FAST FIND : GP603

Sent.C. Cass. 24/06/1996, n. 5828

43797 43797
1. Edilizia ed urbanistica - Distanze - Modificazioni alla volumetria con incremento dell'ingombro - Rispetto del distacco minimo prescritto - Necessità. 2. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Condono edilizio - Ininfluente su controversia tra privati per violazione delle distanze legali.
1. Qualsiasi modificazione della volumetria di un fabbricato che comporti l'aumento della sagoma di ingombro, che incida direttamente sulla situazione di distanza tra gli edifici esistenti, indipendentemente dalla sua utilizzabilità ai fini abitativi, integra nuova costruzione e pertanto, ove il fondo finitimo sia già edificato, si deve in ciascun punto osservare, rispetto al muro perimetrale dell'edificio confinante, il distacco minimo prescritto dal Codice civile o dalle norme dei regolamenti edilizi che ne abbiano portata integrativa. 2. A differenza della concessione in deroga, consentita dall'art. 41-quinquies L. 17 agosto 1942 n. 1150 (introdotto dall'art. 17 L. 6 agosto 1967 n. 765) solo nelle ipotesi espressamente previste dal piano regolatore o dal regolamento edilizio, la sanatoria prevista dall'art. 31 e segg. L. 28 febbraio 1985 n. 47 (cosiddetto condono edilizio) non comporta deroga alla normativa vigente, in quanto si limita a prevedere la regolarizzazione delle opere dal punto di vista amministrativo, penale e fiscale e cioè ai soli effetti dell'interesse pubblico, ma non pure ai fini privatistici; sicché nelle controversie tra privati confinanti per violazione delle distanze legali, detta sanatoria, inerendo al rapporto tra Pubblica amministrazione e privato costruttore, non può incidere nei rapporti tra quest'ultimo ed i suoi vicini, i quali, se lesi dalla costruzione, conservano il diritto di ottenere il risarcimento dei danni oppure la riduzione in pristino.

1. Ved. Cass. 12 dicembre 1986 n. 7384[R=W12D867384] (Sul concetto di "nuova costruzione"). 2. Ved. Cass. 15 febbraio 1988 n. 1599.[R=W15F881599]
Cod. civ. artt. 873 e 875 ; L. 17 agosto 1942 n. 1150, art. 41-quinquies R; L. 6 agosto 1967 n. 765, art. 17 R; L. 28 febbraio 1985 n. 47, art. 31 R

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Finanza pubblica
  • Imprese

Emilia Romagna: sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio

Al via il bando della Regione Emilia-Romagna rivolto a imprese e laboratori invitati a presentare progetti per il rafforzamento delle infrastrutture di ricerca a sostegno della competitività e dello sviluppo territoriale. Al finanziamento del presente bando sono destinati complessivamente euro 1.290.000 per l'annualità 2021 ed euro 1.000.000,00 per l'annualità 2022. Il contributo della Regione coprirà fino all’80% dell’investimento proposto, per un massimo di 1 milione di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Imposte sul reddito

Asseverazioni Ecobonus 110%, indicazioni per il Tecnico redattore

In questa scheda si riporta il modello di asseverazione a fine lavori - contenuto nel D.M. 06/08/2020, c.d. "Decreto Asseverazioni" - da compilare in relazione agli interventi di efficientamento energetico ammessi a usufruire del Super-Ecobonus 110%, corredato da note e indicazioni redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti di sollevamento e a fune

Veneto: bando di finanziamento impianti di risalita per l’anno 2020

La Regione Veneto ha approvato il bando relativo all'anno 2020 per il finanziamento di interventi sui nuovi impianti di risalita, o per l’ammodernamento di quelli esistenti, finalizzati allo sviluppo delle aree sciistiche interessate dagli eventi sportivi internazionali, con particolare riferimento alle Olimpiadi invernali Cortina-Milano 2026. I finanziamenti, che saranno erogati in conto capitale, ammontano a 11,7 milioni di euro, con un massimo di 4 milioni per ogni nuovo impianto e 500.000 euro per gli ammodernamenti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Abruzzo: contributi per interventi di impiantistica sportiva

Il bando della Regione Abruzzo, riservato ai Comuni, è finalizzato alla concessione di contributi in conto capitale per l’attuazione di interventi di impiantistica sportiva, ai sensi della L.R. 12/01/2018 n. 2. La dotazione finanziaria ammonta complessivamente a 3.950.000,00 euro da ripartire per il triennio 2020/2022. La scadenza delle domande, da far pervenire esclusivamente tramite P.E.C, è fissata al 02/11/2020.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2020

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo