FAST FIND : GP523

Ord.Corte Cost. 24/05/1996, n. 170

43717 43717
1. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Demolizione delle opere abusive - Condonabilità ex art. 13 L. 1985 n. 47 ai fini dell'estinzione del reato. 2. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Demolizione delle opere abusive - Condonabilità art. 39 L. 1994 n. 724 - Non sussiste contrasto con art. 24 Cost. 3. Edilizia ed urbanistica - Abusi - Reato - Demolizione delle opere abusive - Non perseguibilità ex art. 8 quater D.L. 1985 n. 146 - Discrezionalità legislativa circa i limiti temporali - Mancata riapertura termini di non punibilità ex art. 39 L. 1994 n. 724 - Non sussiste contrasto con art. 3 Cost.
1. La demolizione di opera abusiva non preclude al responsabile dell'abuso edilizio di presentare la domanda di condono-sanatoria anche con riferimento alle ipotesi disciplinate dall'art. 39 L. 23 dicembre 1994 n. 724, il quale si limita a riaprire i termini per la presentazione delle domande, con spostamento della data di ultimazione delle opere abusive, ai fini dell'applicazione del condono edilizio di cui alla L. 28 febbraio 1985 n. 47, con l'aggiunta di taluni nuovi obblighi e restrizioni soggettive e oggettive, senza, perciò, innovare rispetto al preesistente regime della condonabilità delle opere demolite; pertanto, è manifestamente infondata, in riferimento all'art. 3 Cost., la questione di costituzionalità riferita al predetto art. 39 dedotta sull'erroneo presupposto della non sanabilità agli effetti penali di tali opere demolite. 2. E' manifestamente infondata, con riguardo all'art. 24 Cost., la questione di costituzionalità dell'art. 39 L. 23 dicembre 1994 n. 724, riferita alla condonabilità delle opere abusive demolite, in quanto, a seguito della demolizione spontanea, nessun impedimento giuridico sussiste né per la quantificazione dell'oblazione - avendo l'autore certamente conoscenza degli elementi dell'opera da condonare - né per la verifica dei relativi presupposti e condizioni e dell'entità della somma da versare, potendo, da un lato, l'interessato fornire autocertificazioni e ogni elemento di prova in proposito e, dall'altro, il giudice penale compiere tutti gli accertamenti in ordine alla vicenda collegata all'abuso pur dopo l'intervenuta modificazione. 3. A proposito dell'art. 8 quater D.L. 23 aprile 1985 n. 146, convertito, con modificazioni, dalla L. 21 giugno 1985 n. 289 (che stabilì la non perseguibilità in qualunque sede di coloro che avessero demolito o eliminato le opere abusive entro la data di entrata in vigore della legge di conversione), va confermata la discrezionalità del Legislatore nello stabilire limiti temporali a taluni effetti di "non perseguibilità" come conseguenza di non punibilità per ragioni di politica criminale e non certo come effetto della caduta di antigiuridicità per cause intrinseche attinenti al nucleo sostanziale dell'illecito, che permane pure dopo l'avvenuta demolizione; pertanto, è manifestamente infondata la relativa questione di legittimità, posta con riferimento all'art. 3 Cost., dell'art. 39 L. 23 dicembre 1994 n. 724 nella parte in cui non ha riaperto i termini della non punibilità rispetto alle opere demolite successivamente alla data inizialmente rilevante.

1. Ved. C. Cost. ord. 29 aprile 1996 n. 137, sent. 29 marzo 1989 n. 167 e 31 marzo 1988 n. 368 . 3. Ved. C. Cost. ord. 29 aprile 1996 n. 137 e sent. 29 marzo 1989 n. 167. 1a., 2a. e 3a. Come nota 1a. a C. Stato V 9 gennaio 1996 n. 29. R
Cost. artt. 3 e 24; L. 23 dicembre 1994 n. 724, art. 39R; D.L. 23 aprile 1985 n. 146, art 8 quater ; L. 21 giugno 1985 n. 289 [R=L28985]; L. 28 febbraio 1985 n. 47R

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2020 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2020 (L. 27 dicembre 2019, n. 160), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia residenziale
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Efficienza e risparmio energetico

Lombardia: 15 mln di euro per l’efficientamento energetico delle case popolari

Ammonta a 15 milioni di euro lo stanziamento previsto dalla Regione Lombardia per opere di efficientamento energetico su immobili destinati a servizi abitativi pubblici già oggetto di interventi di riqualificazione edilizia. Le opere finanziate sono mirate al raggiungimento di prestazioni energetiche ed emissive di standard più elevati. Saranno ammessi all'agevolazione progetti di importo minimo netto dei lavori di efficientamento energetico pari a € 100.000 risultante dal quadro economico allegato al progetto; opere di valore inferiore non saranno ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Friuli Venezia Giulia: contributi per acquisto e installazione di sistemi di accumulo di energia prodotta da impianti fotovoltaici

La Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di promuovere l'uso razionale dell'energia e delle fonti energetiche rinnovabili, nonché il contenimento dei consumi energetici, concede contributi straordinari a fondo perduto per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici. Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico, per l’acquisto e l'installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico, a servizio dell'immobile di residenza. Il contributo massimo è pari a 3 mila euro per ogni intervento ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Finanza pubblica
  • Difesa suolo

Toscana: contributi per interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico

Dalla Regione Toscana 5 milioni di euro destinati al sostegno di investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. Il contributo concedibile è pari all'80% della spesa prevista a progetto per le aziende agricole e del 100% per gli enti pubblici o progetti collettivi. L’importo massimo di contributo erogabile è pari a 400 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Emilia Romagna: contributi per interventi sulle strutture di ricovero per animali

La Regione Emilia Romagna ha approvato un bando da 900 mila euro per la concessione di contributi ai Comuni per la costruzione di nuovi canili e gattili e la sistemazione di quelli già esistenti. Agli interventi ammessi al finanziamento verrà riconosciuto il contributo del 50% del costo complessivo dell’intervento, salvo diversa richiesta del Comune proponente.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione