FAST FIND : NR38612

L. R. Liguria 01/07/1994, n. 29

Norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio.
Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 03/05/2021, n. 7
- L.R. 29/12/2020, n. 32
- L.R. 19/05/2020, n. 9
- Sent. Corte Cost. 06/03/2020, n. 40
- Sent. Corte Cost. 13/03/2019, n. 44
- L.R. 27/12/2018, n. 29
- L.R. 07/08/2018, n. 12
- L.R. 28/12/2017, n. 29
- L.R. 11/05/2017, n. 10
- L.R. 14/09/2016, n. 21
- L.R. 30/12/2015, n. 29
- L.R. 10/04/2015, n. 15
- L.R. 06/02/2015, n. 3
- L.R. 18/09/2014, n. 24
- L.R. 28/05/2014, n. 11
- L.R. 17/12/2012, n. 46
- L.R. 06/08/2012, n. 27
- L.R. 05/10/2011, n. 27
- L.R. 04/10/2011, n. 24
- L.R. 01/06/2011, n. 12
- L.R. 06/08/2009, n. 31
- L.R. 06/06/2008, n. 12
- L.R. 02/02/2007, n. 3
- L.R. 31/10/2006, n. 35
- L.R. 14/07/2006, n. 18
- L.R. 13/08/2002, n. 31
- L.R. 04/09/2001, n. 31
- L.R. 03/09/2001, n. 28
- L.R. 02/10/2000, n. 38
- L.R. 08/09/1999, n. 29
- L.R. 29/04/1997, n. 15
- L.R. 07/08/1996, n. 36
- L.R. 14/08/1995, n. 42
- L.R. 07/09/1994, n. 47
Scarica il pdf completo
4327146 7367898
TITOLO I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367899
Art. 1 - Finalità

1. La Regione, nell'ambito delle funzioni che ad essa competono a norma della vigente legislazione e delle direttive comunitarie recepite dallo Stato italiano, disciplina la tutela della fauna selvatica e il prelievo vena

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367900
Art. 2 - Funzioni amministrative

1. La Regione esercita le funzioni amministrative di programmazione e di pianificazione, svolge compiti di orientamento, di controllo, anche sostitutivo, nei casi previsti dalla presente legge e dallo Statuto. N1

2. Avvalendosi preferibilmente di enti ed istituti pubblici liguri, promuove ed attua studi e indagini sull'ambie

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367901
TITOLO II - Pianificazione faunistico-venatoria.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367902
Art. 3 - Destinazione differenziata del territorio agro-silvo-pastorale

1. Il territorio agro-silvo-pastorale, soggetto alla pianificazione faunistico-venatoria, comprende i terreni agricoli, con esclusione di quelli situati nelle zone urbane, i terreni incolti, le foreste demaniali e regionali, le zone umide, le spiagge, i corsi d'acqua, i laghi naturali e artificiali ed ogni altra zona verde, attualmente o potenzialmente idonea all'attività di coltivazione dei fondi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367903
Art. 4 - Zona faunistica delle Alpi

1. Il territorio agro-silvo-pastorale delle Alpi, caratterizzato dalla consistente presenza della tipica flora e fauna alpina, costituisce una zona faunistica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367904
Art. 5 - Indirizzi regionali per la pianificazione faunistico-venatoria

N4

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367905
Art. 6 - Piano faunistico-venatorio

N5

1. La Regione predispone il piano faunistico-venatorio articolato per comprensori omogenei con specifico riferimento alle caratteristiche orografiche e faunistico-vegetazionali, anche tenuto conto del documento orientativo dell'ISPRA.N1

2. L'approvazione del piano faunistico-venatorio di cui al comma 1 è subordinat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367906
Art. 7 - Perimetrazione e tabellazione

1. Il piano faunistico-venatorio di cui all'articolo 6 contiene la perimetrazione delle zone in esso indicate, degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini. La Regione, per la notifica della deliberazione che determina i perimetri delle zone di cui all'articolo 10, comma 8, lettere a), b) e c) della L. 157/1992, ai proprietari o ai conduttori dei fondi ricadenti in tali zone, segue le procedure di cui all'articolo 10, commi 13, 14, 15 e 16, della L. 157/1992. I

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367907
Art. 8 - Utilizzazione dei terreni agricoli ai fini della gestione programmata della caccia. Fondi chiusi

1. Il proprietario o conduttore di un fondo che, per i motivi previsti dall'articolo 15 della legge n. 157 del 1992, intenda vietare sullo stesso l'esercizio dell'attività venatoria deve inoltrare al Presidente della Giunta regionale entro trenta giorni dalla pubblicazione del piano faunisti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367908
Art. 9 - Piani di miglioramento ambientale e di immissione di fauna selvatica

1. La Regione, su parere dell'ISPRA, può adottare piani di miglioramento ambientale tesi a favorire il ripristino degli habitat, la sosta dell'avifauna selvatica migratoria, la riproduzione naturale di fauna selvatica autoctona nonché piani di immissione di fauna selvatica. Il ripopolamento può essere effettuato anche tramite immissione di capi provenienti da catture eventualmente effettuate n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367909
Art. 10 - Tutela dei nidi

1. È vietato effettuare fotografie o riprese cinematografiche agli uccelli selvatici inclusi nell'allegato II della Convenzione di Berna durante le fa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367910
Art. 11 - Tutela delle pareti rocciose

1. La Regione, avvalendosi della collaborazione delle associazioni ambientaliste, nonché degli organismi direttivi degli ambiti territoriali di caccia e dei comp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367911
Art. 12 - Piano faunistico venatorio regionale

N3

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367912
TITOLO III - Zone a destinazione particolare.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367913
Art. 13 - Oasi di protezione

1. Le oasi di protezione di cui all'articolo 10 comma 8 lettera a) della legge n. 157 del 1992 sono destinate alla conservazione della fauna selvatica, anche con interventi di ripristino e miglioramento degli habitat, favorendo l'insediamento e l'irradiamento naturale delle specie stanz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367914
Art. 14 - Zone di ripopolamento e cattura

1. Le zone di ripopolamento e cattura di cui all'articolo 10 comma 8 lettera b) della legge n. 157 del 1992 sono destinate alla riproduzione della fauna selvatica allo stato naturale, al suo irradiamento nelle zone circostanti ed alla cattura della medesima per l'immissione sul territorio in tempi e condizioni utili all'ambientamento, fino alla ricostituzione e alla stabilizz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367915
Art. 15 - Centri pubblici e privati di riproduzione di fauna selvatica

1. I centri pubblici di riproduzione di fauna selvatica, di cui all'articolo 10 comma 8 lettera c) della legge n. 157 del 1992 sono istituiti, di preferenza, su terreni di proprietà pubblica giudicati idonei dalla Regione. I centri pubblici sono gestiti dalla Regione e hanno per scopo la riproduzione di fauna sel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367916
Art. 16 - Zone per l'allenamento, l'addestramento dei cani e per le gare cinofile. Regolamentazione dell'attività

1. La Regione, acquisito il parere della Commissione faunistico-venatoria regionale, disciplina la gestione delle zone di cui all'articolo 10 comma 8 lettera e) della legge n. 157 del 1992 destinate all'addestramento, all'allenamento dei cani da caccia ed allo svolgimento delle gare cinofile da esercitarsi in forma singola o associata da associazioni venatorie o cinofile, imprenditori o conduttori agricoli.N1

2. Le zone di cui al comma 1 possono essere a carattere transitorio o permanente. Nelle zone a carattere transitorio sono consentite gare c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367917
TITOLO IV - Organizzazione del prelievo venatorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367918
Art. 17 - Caccia programmata

1. L'esercizio venatorio sul territorio agro-silvo-pastorale ricompreso nel piano faunistico-venatorio regionale è ammesso soltanto negli ambiti terri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367919
Art. 18 - Esercizio della caccia in forma esclusiva

1. L'attività venatoria può essere praticata nel territorio regionale in via esclusiva in una delle seguenti forme:

a) in forma vagante in zona Alpi;

b) da appostamento fisso;

c) nell'insieme delle altre forme consentite dalla presente legge negli ambiti territoriali di caccia programmata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367920
TITOLO IV - Organizzazione del prelievo venatorio.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367921
Capo I - Ambiti territoriali di caccia, comprensori alpini e loro gestione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367922
Art. 19 - Ambiti territoriali di caccia e comprensori alpini

N17

1. Gli ambiti territoriali di caccia che devono avere dimensioni subprovinciali ed essere possibilmente omogenei, nonché i comprensori alpini di cui all'articolo 7, vengono delimitati con riferimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367923
Art. 20 - Gestione degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini

1. Gli àmbiti territoriali di caccia ed i comprensori alpini sono gestiti da strutture associative di natura privata che perseguono i fini previsti dalla legge 11 febbraio 1992, n. 157 (norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) e danno attuazione, per quanto di loro competenza, al piano faunistico venatorio regionale.N18

2. Sono organi delle strutture associative di cui al comma 1:

a) il Comitato di gestione;

b) il Presidente;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367924
Art. 21 - Statuto dell'organismo di gestione degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini

1. Il Comitato di gestione di cui all'articolo 20 adotta uno statuto entro un anno dalla costituzione dell'ambito territoriale di caccia o del comprensorio alpino.

2. Lo statuto disciplina principalmente:

a) l'iscrizione, la sospensione e l'espulsione dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367925
Art. 22 - Compiti degli organi di gestione degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini

1. Gli organi di gestione degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini:

a) promuovono e organizzano le attività di ricognizione delle risorse ambientali e della consistenza faunistica;

b) programmano gli interventi annuali per il miglioramento degli "habitat";

c) svolgono compiti di gestione faunistica e di ripopolamento;

d) organizzano l'esercizio venatorio;

e) svolgono le attività e assumono le iniziative necessarie a dare attuazione ai compiti che possono essere delegati dalla Giunta regionale;N8

f) organizzano il recupero degli animali selvatici feriti nel corso dell'esercizio dell'attività venatori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367926
Art. 23 - Gestione finanziaria degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini

1. La gestione del bilancio degli organismi di gestione degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini persegue le finalità indicate nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367927
Art. 24 - Vigilanza sugli organi di gestione

N27

1. La Regione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367928
Art. 25 - Accesso dei cacciatori agli Ambiti territoriali di caccia ed ai Comprensori alpini

N28

1. Allo scopo di omogeneizzare nel territorio regionale la pressione venatoria, la Giunta regionale, tenuto conto degli indici di densità venatorie minime stabiliti ogni cinque anni dal Ministero competente e sulla base della superficie agro-silvo-pastorale regionale e del numero dei cacciatori residenti sul territorio della regione, stabilisce gli indici ai quali fare riferimento per la propria programmazione.N3

2. La Regione comunica annualmente agli organismi di gestione il numero di cacciatori che possono essere ammessi in ogni Ambito territoriale di caccia tenuto conto degli indici di cui al comma 1. N1

3. Gli organismi di gestione soddisfano le richieste di accesso dei cacciatori fino al limite di disponibilità di cui al comma 2 e nel rispetto dell'articolo 14 comma 5 della L. n. 157/1992.

4. Il cacciatore ha diritto di accesso all'Ambito territoriale di caccia o al Comprensorio alpino dove ha la residenza anagrafica o dove ha domicilio per motivi di pubblico servizio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367929
Art. 26 - Nuove iscrizioni agli ambiti territoriali o comprensori alpini

1. Gli iscritti, a partire dal 1° maggio ed entro il 31 maggio di ogni anno, devono far pervenire agli organismi di gestione degli ambiti territoriali di caccia o dei comprensori alpini la conferma di partecipazione per l'anno successivo.

2. Entro la stessa data sono presentate le domande di prima iscrizione ai sensi dei commi 4 e 5 dell'articolo 25.

2-bis. A decorrere dalle iscrizioni relative alla stagion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367930
Art. 27 - Interscambi di cacciatori

1. I Comitati di gestione degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori della zona delle Alpi possono riconoscere ai cacciatori iscritti la facoltà di utilizz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367931
Art. 27-bis - Procedure autorizzative

N33

1. Le ammissio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367932
Art. 28 - Doveri del cacciatore

1. Negli ambiti territoriali di caccia e nei comprensori alpini il cacciatore iscritto ha il dovere di:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367933
TITOLO IV - Organizzazione del prelievo venatorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367934
Capo II - Appostamenti fissi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367935
Art. 29 - Esercizio venatorio da appostamento fisso

1. Sono considerati fissi gli appostamenti costruiti in muratura o altra solida materia con preparazione di sito destinati all'esercizio venatorio almeno per una stagione di caccia. Tutti gli altri sono considerati temporanei.

2. Gli appostamenti fissi possono avere anche più di un impianto stabile purché si trovino tutti entro il raggio di metri 100 da quello principale.

3. Per gli appostamenti all'avifauna selvatica acquatica, collocati in terra ferma, gli impianti devono avere una stabile occupazione di sito e consentire la copertura d'acqua del suolo.

4. L'autorizzazione per la caccia da appostamento fisso è rilasciata dalla Regione, ha validità di cinque anni e deve essere corredata con planimetria a scala 1:25.000 e mappale catastale indicanti l'ubicazione dell'appostamento; essa è altresì subordinata al consenso scritto del proprietario o del conduttore del terreno, lago o stagno privato e alla conformità alla normativa urbanistico-edilizia vigente. Dopo il rilascio della suddetta autorizzazione, prima della realizzazione degli appostamenti fissi, dovranno essere acquisiti i pertinenti titoli edilizi comunali, nonché le altre eventuali autorizzazioni necessarie ove si intervenga su aree assoggettate a vincoli.N3

5. Non sono considerati fissi agli effetti della opzione della forma di caccia in via esclusiva gli appostamenti per l'esercizio venatorio agli ungulati e per la caccia in forma tradizionale al colombaccio.

6. Non è consentito costruire nuovi appostamenti fissi di caccia a distanza inf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367936
Art. 30 - Detenzione e uso dei richiami vivi per la caccia da appostamento

1. Sono vietati l'uso e la detenzione di richiami vivi che non siano identificati mediante anello inamovibile numerato, rilasciato o riconosciuto dalla Regione. Le caratteristiche di inamovibilità sono tali quando l'anello è privo di punti di frattura, tanto da renderne impossibile il riutilizzo una volta tolto. I richiami vivi privi di anello sono immediatamente liberati dal personale di vigilanza. N38

2. La Regione, su parere dell'ISPRA, ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367937
Art. 31 - Autorizzazione alla detenzione e all'uso di falchi per l'esercizio venatorio.

1. Presso la Regione è istituito il registro delle persone autorizzate alla detenzione dei falconiformi utilizzati per l'esercizio venatorio. I falconiformi consentiti impiegati per l'esercizio venatorio devono essere inanellati a norma dell'articolo 36 comma 5 del regolamento CE n. 1808/2001 del 30.08.2001 e successive modificazioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367938
TITOLO IV - Organizzazione del prelievo venatorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367939
Capo III - Strutture private per la caccia e la produzione della selvaggina
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367940
Art. 32 - Aziende faunistico-venatorie ed aziende agri-turistico-venatorie

1. La Giunta regionale, su richiesta degli interessati, sentito l'ISPRA, entro i limiti fissati dall'articolo 3, comma 5, del territorio agro-silvo-pastorale può:N35

a) autorizzare l'istituzione di aziende faunistico-venatorie, senza fini di lucro, soggette a tassa di concessione regionale, con particolare riferimento alla tipica fauna alpina e appenninica, alla grossa fauna europea e a quella acquatica; dette concessioni devono essere correda

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367941
Art. 33 - Allevamenti

1. La Regione, previo parere dell'ISPRA, emana specifico regolamento per disciplinare l'allevamento di fauna selvatica a scopo alimentare, di ripopolamento, ornamentale ed amatoriale. N103

2. Nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367942
TITOLO V - Specie cacciabili e calendario venatorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367943
Art. 34 - Specie cacciabili e periodi di attività venatoria. Calendario venatorio

1. Ai fini dell'esercizio venatorio è consentito abbattere esemplari di fauna selvatica appartenenti alle specie di cui all'articolo 18, comma 1, della L. 157/1992 e per i periodi sotto indicati: N35

a) specie cacciabili dalla terza domenica di settembre al 31 dicembre: quaglia (Coturnix coturnix); tortora (Streptopelia tortur); merlo (Turdus merula); allodola (Alauda arvensis); starna (Perdix perdix); pernice rossa (Alectoris rufa); lepre comune (Lepus europaeus); coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus); minilepre (Silvilagus fioridanus);

b) specie cacciabili dalla terza domenica di settembre al 31 gennaio: cesena (Turdus pilaris); tordo bottaccio (Turdus philomelos); tordo sassello (Turdus iliacus); fagiano (Phasianus colchicus); germano reale (Anas platyrhynchos); folaga (Fulica atra); gallinella d'acqua (Gallinula chioropus); alzavola (Anas crecca); canapiglia (Anas strepera); fischione (Anas penelope); codone (Anas acuta); marzaiola (Anas querquedula); mestolone (Anas clypeata); moriglione (Aythya ferina); moretta (Aythya fuligula); beccaccino (Gallinago gallinago); colombaccio (Columba palumbus); beccaccia (Scolopax rusticola); cornacchia griglia (Corvus corone cornix); volpe (Vulpes vulpes); pavoncella (Vanellus-vanellus); N8

c) specie cacciabili dal 1° ottobre al 30 novembre: coturnice (Alectoris graeca); lepre bianca (Lepus timidus); pernice bianca (Lagopus mutus); fagiano di monte (Tetrao tetrix); cervo (Cervus elaphus) (137);

d) specie cacciabili dal 1° ottobre al 31 dicembre o dal 1° novembre al 31 gennaio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367944
Art. 35 - Prelievo venatorio del cinghiale e degli altri ungulati

N54

1. La caccia agli ungulati è attuabile esclusivamente secondo piani numerici di prelievo formulati, secondo le indicazioni fornite dall'ISPRA, sulla base della consistenza censita delle diverse popolazioni presenti in ciascun ambito territoriale di caccia, comprensorio alpino o azienda faunistico-venatoria. Le modalità della caccia ai diversi ungulati sono definite da specifici regolamenti regionali.

2. Il contingente massimo dei capi di cinghiali che possono essere abbattuti non deve essere superiore al 90 per cento delle presenze di cinghiali rilevate in via induttiva. Il contingente dei capi di cinghiale, se non raggiunto, è completato nei mesi di dicembre e gennaio.

3. All'esercizio della caccia al cinghiale in forma collettiva sono ammesse squadre di cacciatori in cui almeno uno dei componenti è in possesso di certificazione attestante la partecipazione ai corsi aventi ad oggetto la corretta organizzazione e conduzione del prelievo del cinghiale e i rilevamenti sui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367945
Art. 36 - Controllo della fauna selvatica

N55

1. La Regione, in deroga alle disposizioni del calendario venatorio, può restringere il periodo di caccia o vietarne l'esercizio limitatamente a talune forme ovvero ad alcune località circoscritte, ove ciò sia giustificato da comprovate ragioni connesse all'esigenza di preservare le popolazioni selvatiche o di tutelare la salute umana, a fronte di eccezionali circostanze di natura climatico-ambientale o di rischi sanitari, suscettibili di minarne la consistenza o lo stato di salute, anche su motivata richiesta degli organismi di gestione dei singoli ambiti territoriali di caccia e comprensori alpini.

2. La Regione, per la migliore gestione del patrimonio zootecnico, per la tutela del suolo, per motivi sanitari, per la selezione biologica, per la tutela del patrimonio storico-artistico, per la tutela delle produzioni zoo-agro-forestali ed ittiche, provvede al controllo della fauna selvatica, esercitato selettivamente. A tal fine, la stessa, verificata l'inefficacia dei metodi ecologici, per i quali è consentito l'impiego di cacciatori singoli o delle squadre di caccia al cinghiale, con il coinvolgimento degli ambiti territoriali di caccia e dei comprensori alpini interessati, può autorizzare, previo parere dell'ISPRA piani di abbattimento, da realizzarsi tenendo conto delle modalità indicate dal medesimo Istituto nei propri documenti, anche nel periodo di divieto venatorio, all'inte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367946
Art. 37 - Importazione di fauna selvatica dall'estero

1. L'introduzione dall'estero di fauna selvatica viva, purché appartenente alle specie autoctone presenti nel territorio regionale, può essere effettuata in via eccezionale e su autorizzazione della Regione solo a scopo di ripopolamento e di miglioramento genetico, sentito l'Istituto naz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367947
TITOLO VI - Condizioni per l'esercizio della caccia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367948
Art. 38 - Esercizio dell'attività venatoria

1. L'attività venatoria è esercitata secondo le norme di cui all'articolo 12 della legge n. 157 del 1992.

2. Ai fini dell'esercizio dell'attività venatoria il tesserino regionale di cui all'articolo 12 comma 12 della legge n. 157 del 1992 è rilasciato annualmente dalla Regione di residenza e distribuito dalle associazioni venatorie riconosciute a livello nazionale. Nello stesso sono indicate le specifiche norme inerenti il calendario regionale nonché la forma di caccia prescelta in via esclusiva e le zone ove è consentita l'attività venatoria.N1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367949
Art. 39 - Mezzi per l'esercizio dell'attività venatoria.

1. L'attività venatoria è consentita con l'uso dei mezzi disciplinati dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367950
Art. 40 - Abilitazione all'esercizio venatorio

1. L'abilitazione venatoria è necessaria per il rilascio della prima licenza di porto d'armi per uso di caccia e per il rinnovo della stessa in caso di revoca.

2. La Regione nomina le Commissioni per il conseguimento dell'abilitazione all'esercizio venatorio a seguito di esami pubblici. Le Commissioni durano in carica cinque anni.N62

3. Le commissioni sono composte: N63

a) da un funzionario regionale che la presiede; N8

b) da cinque membri effettivi e da cinque supplenti, esp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367951
Art. 41 - Tasse di concessione regionale.

1. La Regione, per conseguire i mezzi finanziari necessari per realizzare i fini previsti dalla presente legge e dalla legge n. 157 del 1992 istituisce una tassa di concessione regionale per il rilascio dell'abilitazione all'esercizio venatorio nella misura prevista dalla tariffa delle tasse sulle concessioni regionali ai sensi dell'articolo 3 della legge 16 maggio 1970, n. 281 (provvedimenti finanziari per l'attuazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367952
Art. 42 - Utilizzazione dei proventi delle tasse regionali

N67

1. I proventi disponibili delle tasse di cui ai commi 1 e 2 dell'articolo 41 sono così ripartiti: N68

a) Il 5 per cento alle associazioni venatorie liguri riconosciute a livello nazionale e presenti da almeno cinque anni nel Comitato tecnico faunistico venatorio regionale secondo le seguenti modalità: il 25 per cento da ripartirsi in parti uguali tra le associazioni; il 75 per cento in base al numero dei soci d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367953
Art. 43 - Risarcimento dei danni provocati dalla fauna selvatica e nell'esercizio dell'attività venatoria

1. La Regione destina la somma di cui all'articolo 42, comma 3, alla costituzione di un fondo per la prevenzione e il risarcimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367954
TITOLO VII - Divieti, vigilanza, sanzioni.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367955
Art. 44 - Divieto di uccellagione e di cattura di mammiferi.

1. Ogni forma di uccellagione e di cattura di uccelli e di mammiferi selvatici nonché il prelievo di uova, nidi e piccoli nati sono vietati a norma de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367956
Art. 45 - Cattura temporanea e inanellamento.

1. La Regione, su parere dell'ISPRA, può autorizzare esclusivamente gli istituti scientifici dell'Università, il Consiglio nazionale delle ricerche e i musei di storia naturale ad effettuare, a scopo di studio e ricerca scientifica, la cattura temporanea e l'utilizzazione di mammiferi ed uccelli nonché il prelievo di uova, nidi e piccoli nati. N1

2. L'attività di cattura temporanea per l'inanellamento degli uccelli a scopo scientifico è autorizzata dalla Regione ed �

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367957
Art. 45-bis - Soccorso, detenzione temporanea e liberazione della fauna selvatica

N70

1. La Giunta regionale definisce i requisiti per lo svolgimento delle attività di soccorso e recupero della fauna selvatica omeoterma. I soggetti che soddisfino i requisiti di cui sopra possono essere autorizzati, con apposito provvedimento dirigenziale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367958
Art. 46 - Tassidermia

1. L'attività di tassidermia ed imbalsamazione e la detenzione o il possesso di preparazioni tassidermiche e trofei sono disciplinate dalla legge regi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367959
Art. 47 - Altri divieti

1. Oltre quanto previsto dall'articolo 21 comma 1 della legge n. 157 del 1992 è vietato:

a) cacciare la fauna selvatica ad una distanza minore di 1000 metri dai valichi montani interessati dalle rotte di migrazione individuate dalla Regione sulla base di specifici studi a livello regionale situati sullo spartiacque alpino e appenninico, tirrenico-padano, indipendentemente dalla loro quota. Nei valichi ricadenti nei Comprensori Alpini il divieto è riferito alla sola fauna migratoria;N71

b) disturbare la fauna selvatica negli ambiti protetti, nelle aziende faunistico-venatorie con metodi e mezzi non giustificati o comunque tali da allontanarla o impedirne l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367960
Art. 48 - Vigilanza venatoria

1. La vigilanza sull'applicazione della presente legge è esercitata dalla Regione e viene svolta dai soggetti indicati dagli articoli 27 e 29 con i poteri di cui all'articolo 28 della legge n. 157 del 1992.N10

2. Il riconoscimento della qualifica di guardia venatoria volontaria da parte della Regione di cui all'articolo 27 comma 1 lettera b) della legge n. 157 del 1992 è subordinata alla frequenza di corsi di qualificazione organizzati dalla Regione medesima ed al conseguimento di un attestato di idoneità previo esame della commissione a tal fine istituita, nel rispetto dell'articolo 27 comma 4 della legge n. 157 del 1992.N77

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367961
Art. 49 - Sanzioni amministrative

1. Salvo che il fatto non costituisca un reato previsto dall'articolo 30 comma 1 della legge n. 157 del 1992 o non sia altrimenti sanzionato dall'articolo 31 comma 1 della stessa legge, si applica la sanzione amministrativa da lire 100.000 a lire 600.000 per ogni violazione delle disposizioni della presente legge, delle conseguenti norme regolamentari applicative e della legge n. 157 del 1992. La stessa sanzione si applica a chi abusa o usa impropriamente la tabellazione dei terreni. L'immissione abusiva di cinghiali sul territorio è sanzionata mediante il pagamento della somma da lire 300.000 a lire 1.200.000 a capo. La ritardata riconsegna dei tesserini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367962
Art. 50 - Rapporti sull'attività di vigilanza

1. La Regione entro il mese di maggio di ciascun anno trasmette al Ministro competente un rapporto informativo nel quale è riportato lo stato dei serv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367963
TITOLO VIII - Norme finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367964
Art. 51 - Commissione faunistico-venatoria regionale

1. Per assolvere le proprie funzioni la Regione, oltre che dei pareri dell'ISPRA nei casi previsti dalla legge n. 157 del 1992, può avvalersi della consulenza tecnico-scientifica della commissione faunistico-venatoria regionale nominata dalla Giunta regionale e composta da:N35

a) l'Assessore regionale alla caccia o, in caso di assenza o impedimento, un suo delegato con funzioni di Presidente;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367965
Art. 52 - Comitato faunistico-venatorio provinciale

N84

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367966
Art. 53 - Norma finanziaria

1. Agli oneri derivanti dalla presente legge si provvede mediante gli stanziamenti iscritti nel bilancio di previsione per l'anno finanziario 1994 ai seguenti capitoli:

a) stato di previsione dell'entrata:

- cap. 0115 «Tasse regionali in materia di caccia previste dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367967
Art. 54 - Norme transitorie

1. In attesa dell'approvazione dei piani faunistico-venatori e comunque per la sola annata venatoria 1994-1995, continuano a valere in luogo delle zone da determinare ai sensi dell'articolo 10 comma 3 della legge n. 157 del 1992 le delimitazioni delle oasi di protezione, delle zone di ripopolamento e cattura e dei centri pubblici di produzione di selvaggina effettuate ai sensi della legge n. 968 del 1977. Per la medesima annata venatoria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367968
Art. 55 - Abrogazione di norme

1. Sono abrogate le seguenti leggi regionali:

a) 24 giugno 1976, n. 21;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367969
Art. 56 - Dichiarazione d'urgenza

1. La presente legge regionale è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione del Bollettino Ufficiale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4327146 7367970
Allegato A - Omissis

 

 

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Amianto - Dismissione e bonifica

Lombardia: 16 milioni per rimuovere l'amianto dalle scuole

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Contributi a enti locali e regioni per la realizzazione di piste ciclabili - 2021

La misura prevede la concessione di contributi a comuni, città metropolitane, province e regioni per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 4 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Inquinamento atmosferico

Finanziamento di interventi di riforestazione nelle città metropolitane

Per gli anni 2020 e 2021 sono state stanziate risorse destinate al finanziamento di un programma sperimentale di messa a dimora di alberi, di reimpianto e di silvicoltura, e per la creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Finanza pubblica

Sicilia: 16 mln per la bonifica delle aree inquinate

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Specifiche tecniche uniformi per i veicoli a motore

  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico

Emissioni veicoli - Obblighi di comunicazione dei costruttori

  • Compravendita e locazione
  • Imprese
  • Calamità
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Provvidenze

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)