FAST FIND : NR25988

Regolam.R. Liguria 21/02/2011, n. 1

Disposizioni di attuazione della disciplina delle strutture ricettive all'aria aperta di cui alla L.R. 7 febbraio 2008, n. 2 "Testo unico in materia di strutture turistico - ricettive e balneari" e modifiche ai Regg. R. n. 3/2009 e n. 3/2010.
Con le modifiche introdotte da:
- Reg. R. 24/07/2012, n. 4
- Reg. R. 10/12/2013, n. 8
Scarica il pdf completo
43150 1087184
TITOLO I - NORME GENERALI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087185
Art. 1 - (Finalità e ambito di applicazione)

1. Il presente Regolamento, in attuazione di quanto disposto all’articolo 2 della legge regionale 7 febbraio 2008, n. 2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087186
Art. 2 - (Definizioni)

1. Agli effetti del presente Regolamento si intende:

a) per “Legge” la legge regionale 7 febbraio 2008, n. 2 (Testo unico in materia di strutture ricettive e balneari);

b) per “strutture esistenti” le strutture ricettive all’aria aperta classificate e in possesso dell’auto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087187
Art. 3 - (Gestione unitaria)

1. Per gestione unitaria di una struttura ricettiva all’aria aperta s’intende la gestione che fa capo ad un unico soggetto per la fornitura dei servizi di pernottamento nonché per gli ulteriori servizi ricettivi complementari.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087188
Art. 4 - (Convenzioni per la gestione unitaria)

1. Le convenzioni di cui all’articolo 3, comma 2, sono stipulate per iscritto fra il soggetto fornitore del servizio di pernottamento e i soggetti fornitori dei servizi di somministrazione di alimenti e bevande

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087189
TITOLO II - STRUTTURE RICETTIVE ALL’ARIA APERTA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087190
Art. 5 - (Caratteristiche delle strutture ricettive all’aria aperta)

1. Le strutture ricettive all’aria aperta sono esercizi pubblici gestiti in forma imprenditoriale e, in quanto tali, garantiscono un’offerta libera e indifferenziata al pubblico.

2. Per piazzole s’intendono gli spazi della struttura ricettiva all’aria aperta destinati all’alloggio degli ospiti.

3. Le piazzole di cui al comma 2 sono differenziate nelle seguenti tipologie:

a) campeggio: aree nelle quali possono essere ospitati turisti dotati di tende, caravan e autocaravan che siano trasportabili dai turisti stes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087191
Art. 6 - (Caratteristiche dei Campeggi)

1. I campeggi ai fini dell’attribuzione della classificazione, di cui all’articolo 22, devono possedere i requisiti minimi di cui all’allegata tabella “AA&rdquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087192
Art. 7 - (Caratteristiche dei Villaggi Turistici)

1. I villaggi turistici, ai fini dell’attribuzione della classificazione, di cui all’articolo 22, devono possedere i requisiti minimi di cui all’allegata tabella “AA&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087193
Art. 8 - (Caratteristiche dei Parchi per Vacanze)

1. Le strutture ricettive all’aria aperta classificate parco per vacanze, alle quali si applicano le disposizioni di cui al presente regolamento, mantengono tale classificazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087194
Art. 9 - (Dimensioni delle piazzole di tipo campeggio)

1. La superficie minima delle piazzole di tipo campeggio è fissata in metri quadrati 50, 60, 70 e 80 rispettivamente per le strutture classificate 1, 2, 3 e 4 stelle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087195
Art. 10 - (Dimensioni e superficie occupabile delle piazzole di tipo villaggio turistico)

1. La superficie minima delle piazzole di tipo villaggio turistico è fissata in metri quadrati 50, 60, 70 e 80 rispettivamente per le strutture classificate 1, 2, 3 e 4 stelle.

2. La superficie minima delle piazzole in deroga di tipo villaggio turistico è ridotta per i diversi livelli di classificazione in metri quadrati 35, 40, 45 e 60.

3. Le superfici di cui ai commi 1 e 2 sono occupabili con le unità abitative di cui all’articolo 12, comma 1, lettere a), b) e c), in misura non superiore al 50 per cento delle stesse.

4. Nelle piazzole di tipo villaggio turistico delle strutture ricettive esistenti alla data

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087196
Art. 11 - (Dimensioni e superficie occupabile delle piazzole di tipo stanziale)

1. La superficie minima delle piazzole di tipo stanziale è fissata in metri quadrati 50, 60, 70 e 80 rispettivamente per le strutture classificate 1, 2, 3 e 4 stelle.

2. La superficie minima delle piazzole in deroga di tipo stanziale è ridotta per i diversi livelli di classificazione in metri quadrati 35, 40, 45 e 60.

3. La superficie di cui al comma 1 è occupabile con le unità abitative di cui all’articolo 12, comma 1, lettere b) e c), in misura non superiore al 50 per cento del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087197
Art. 12 - (Tipologie delle unità abitative delle strutture ricettive all’aria aperta)

1. Le unità abitative insediabili nelle strutture ricettive all’aria aperta possono essere delle seguenti tipologie:

a) manufatti realizzati in muratura tradizionale o con sistemi di prefabbricazione ancorati stabilmente al suolo e come tali concretanti volumi in senso edilizio assentibili nel rispetto dei parametri urbanistico - edilizi contenuti nella strumentazione urbanistica vigente e realizzati o realizzabili in piazzole di tip

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087198
Art. 13 - (Dotazioni igienico sanitarie)

1. I servizi igienici comuni devono essere collocati ad una distanza massima non superiore a 150 metri dalle piazzole a cui sono destinati. Sono consentite deroghe per le strutture già autorizzate alla data di entrata in vigore della legge regionale 4 marzo 1982 n. 11 (Norme per la classificazione delle aziende ricettive); nonché nei casi in cui esistano documentati impedimenti di natura urbanistico-edilizia o tecnica.

2. I servizi igienici comuni devono essere realizzati distinti per gli uomini e per le donne, in unità indipendenti, da collocare eventualmente anche in una singola struttura.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087199
Art. 14 - (Disposizioni urbanistiche)

1. La realizzazione di nuove strutture ricettive all’aria aperta è soggetta al rilascio di un unitario titolo edilizio avente ad oggetto le piazzole, i manufatti rilevanti in termini di volume edilizio e l’installaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087200
Art. 15 - (Caratteristiche dei caravan e dei preingressi installati nelle piazzole di tipo stanziale e di tipo villaggio turistico)

1. I caravan e gli eventuali preingressi installati nelle piazzole, di tipo stanziale e di tipo villaggio turistico, devono possedere le caratteristiche di qualità individuate dalla Giunta regionale a norma dell’articolo 29.

2. Le superfici degli allestimenti disciplinati al presente articolo devono essere compatibili con le superfici occupabili delle piazzole definite agli articoli 10 e 11.

3. Nelle nuove piazzole di tipo stanziale delle strutture ricettive esistenti alla data di entrata in vigore della Legge è ammessa l’installazione di preingressi abbinati ai caravan funzionali all'utilizzo dei mezzi stessi e non indipendenti, realizzati in materiale tessile o P.V.C. non rigido, in legno, plastica, laminato metallico ed altri materiali similari, conformi a quanto disposto al comma 6 aventi una superficie non superiore a metri quadrati 15 e altezza media non superiore di oltre 25 centimetri di quella del mezzo di pernottamento. I prein

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087201
Art. 16 - (Caratteristiche dei manufatti in muratura o prefabbricati ancorati stabilmente al suolo)

1. I manufatti di nuova realizzazione di cui all’articolo 12, comma 1 lettera a), soggetti al rilascio del titolo edilizio, devono rispettare i seguenti parametri di natura igienico sanitaria, oltre che i parametri urbanistici edilizi previsti per la specifica tipologia dal vigente Strumento Urbanistico Comunale:

a) superficie non superiore a quella occupabile ai sensi dell’articolo 10;

b) altezza esterna non superiore a metri 4;

c) altezza media inter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087202
Art. 17 - (Caratteristiche delle case mobili e dei manufatti prefabbricati)

1. Le case mobili da installare nelle strutture ricettive all’aria aperta disciplinate dal presente regolamento devono risultare conformi alla normativa UNI EN 1647:2004 e successivi aggiornamenti.

2. Gli allestimenti di cui al presente articolo devono essere conformi alle vigenti normative in materia di sicurezza degli impianti.

3. Le case mobili e i manufatti prefabbricati installati o da installare nelle strutture ricettive all’aria aperta devo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087203
Art. 18 - (Monitoraggio delle strutture ricettive all’aria aperta)

1. I titolari delle strutture ricettive all’aria aperta classificate ai sensi della l.r. legge regionale 4 marzo 1982 n. 11 (Norme per la classificazione delle aziende ricettive), entro nove mesi dalla data di entrata in vigore del presente Regolamento, presentano alla Provincia e alla Regione una dichiarazione, red

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087204
Art. 19 - (Riqualificazione e adeguamento degli allestimenti)

1. I titolari delle strutture ricettive all’aria aperta classificate e autorizzate che, al fine di riqualificare o adeguare gli allestimenti presenti nelle proprie strutture procedono, direttamente o mediante i clienti stanziali, alla sostituzione o agli adeguamenti degli allestimenti presenti, nonché alla trasformazione della tipologia delle piazzole sono tenuti a comunicare, entro 30 giorni dall’avvenuta mo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087205
Art. 20 - (Progetti di trasformazione di strutture ricettiva all’aria aperta)

1. I titolari delle strutture ricettive all’aria aperta, che intendono procedere alla trasformazione della tipologia della propria struttura in una di quelle previste all’articolo 12 comma 3 della Legge, ovvero le strutture che ricadono nella casistica di cui all’articolo 19 comma 2, sono tenuti a chiedere la classificazione provvisoria ai sensi dell’articolo 23.

2. La richiesta di classificazione provvisoria è corre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087206
Art. 21 - (Ospitalità di tipo area di sosta)

1. Le strutture ricettive all’aria aperta possono offrire su richiesta dei Comuni, ai sensi dell’articolo 27 della Legge, a turisti dotati di caravan e autocaravan, ospi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087207
TITOLO III - CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALL’ARIA APERTA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087208
Art. 22 - (Classificazione)

1. Le strutture ricettive all’aria aperta ai sensi dell’articolo 48 della Legge sono classificate nei seguenti livelli:

a) quattro per i campeggi (da una a quattro stelle);

b) tre per i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087209
Art. 23 - (Classificazione provvisoria)

1. La classificazione provvisoria di cui all’articolo 50 della Legge, necessaria per l’ottenimento del titolo edilizio, viene attribuita sulla base di una specifica dichiarazione, inviata dal titolare della struttura ricettiva alla Provincia utilizzando gli specifici modelli approvati dalla Regione, inerente la qualità e quantità delle attrezzature

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087210
Art. 24 - (Procedure di classificazione)

1. Per ottenere la classificazione di una nuova struttura ricettiva all’aria aperta il titolare è tenuto a presentare, alla Provincia competente per territorio, una dichiarazione dei requisiti recante l’indicazione delle caratteristiche e delle attrezzature della struttura ricettiva all’aria aperta utilizzando gli specifici modelli approvati dalla Regione.

2. I titolari delle strutture ricettive all’aria aperta classificate ai sensi della legge regionale 4 marzo 1982 n. 11 (Norme per la classificazione delle aziende ricettive) o del presente regolamento, che apportino

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087211
Art. 25 - (Variazione del titolare della struttura)

1. In caso di variazione del titolare dell’attività ricettiva all’aria aperta, il subentrante è tenuto a fornire comunicazione alla Provincia entro trenta giorni dal verificarsi dell’evento che vi dà origine.

2. A seguito della comunicazione di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087212
Art. 26 - (Aggiornamento dati)

1. I titolari delle strutture ricettive classificate ai sensi degli articoli 24, 33 e 34 comunicano, ai sensi dell’articolo 49, comma 4 della Legge, ogni variazione dei dati contenuti nel modello di classificazione non comportanti la modifica del livello di classif

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087213
Art. 27 - (Sopralluoghi)

1. Le Province, a seguito delle classificazioni attribuite ai sensi degli articoli 24, 33 e 34 procedono, entro ventiquattro mesi, tramite sopralluoghi alla verifica degli standard dei servizi, delle dotazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087214
Art. 28 - (Monitoraggio della qualità)

1. Al fine di assicurare, attraverso il coinvolgimento dei clienti, il monitoraggio della qualità delle strutture ricettive all’aria aperta, in vista di una progressiva elevazione degli standard dei servizi,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087215
Art. 29 - (Elenco delle caratteristiche qualitative)

1. La Giunta regionale, approva l’elenco delle caratteristiche qualitative delle strutture rice

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087216
Art. 30 - (Informazioni per il pubblico)

1. Nella zona di ricevimento degli ospiti devono essere esposti in modo ben visibile:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087217
Art. 31 - (Caratteristiche della denominazione e del segno distintivo delle strutture ricettive all’aria aperta)

1. La denominazione della struttura ricettiva all’aria aperta non deve essere tale da ingenerare confusione circa la tipologia d’offerta della struttura stessa; in ogni caso non deve essere uguale o simile a quella adottata da strutture ricettive all’aria aperta apparten

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087218
Art. 32 - (Segnalazione certificata di inizio attività)

1. Ai sensi del combinato disposto degli articoli 83 e 84 del Decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 R (Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno) e dell’articolo 49 del Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica) convertito con modificazioni nella Legge 30 luglio 2010, n. 122, R per l’esercizio delle strutture ricettive disciplinate dal presente regolamento si applica la segnalazione certificata di inizio attività (Scia) di cui all’articolo 19 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087219
Art. 33 - (Norma transitoria per la classificazione delle strutture esistenti)

1. “Entro il 31 dicembre 2015” N4, le Province inviano ai titolari delle strutture ricettive all’aria aperta, classificate ai sensi della legge regionale 4 marzo 1982 n. 11 (Norme per la classificazione delle aziende ricettive) una dichiarazione dei requisiti recante l’indicazione delle caratteristiche e delle attrezzature possedute sulla base della classificazione attribuita ai sensi della previgente normativa.

2. I titol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087220
Art. 34 - (Norma transitoria per la classificazione delle strutture esistenti ai sensi dell’articolo 71 della Legge)

1. Fermo restando quanto previsto all’articolo 33 i titolari delle strutture ricettive all’aria aperta ricadenti nelle fattispecie di cui all'articolo 71 de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087221
Art. 35 - (Norma transitoria per la classificazione provvisoria o definitiva)

1. La classificazione provvisoria o quella definitiva di strutture ricettive all’aria aperta per le quali siano stati avviati i procedimenti per l’attribuzione della classificazione o per il rilascio del titolo edilizio all’att

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087222
TITOLO IV - DISCIPLINA DEI PREZZI DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALL’ARIA APERTA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087223
Art. 36 - (Disciplina dei prezzi delle strutture ricettive all’aria aperta)

1. Ai sensi dell’articolo 60 della Legge i titolari delle strutture ricettive all’aria aperta comunicano alle Province, utilizzando lo specifico modello, nell’ambito delle procedure di cui all’articolo 26, commi 2 e 3, i prezzi minimi e massimi che intendono applicare. I prezzi comunicati entro il 1° ottobre di ogni anno hanno validità dal 1° gennaio dell'anno successivo.

2. Le Province, nei sessanta giorni successivi alla scadenza dei termini di cui al comma 1 provvedono, utilizzando il sistema informativo regionale, alla verifica e all’eventuale aggiornamento della sezione tariffe della banca dati regionale. Le Province

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087224
TITOLO V - NORME TRANSITORIE PER L’ADEGUAMENTO DELLE STRUTTURE RICETTIVE ESISTENTI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087225
Art. 37 - (Alloggi nelle strutture ricettive all’aria aperta esistenti al 1 aprile 1982)

1. Le strutture ricettive all’aria aperta autorizzate al 1 aprile 1982, data di entrata in vigo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087226
Art. 38 - (Strutture di pernottamento esistenti)

1. La Giunta regionale, nel caso di strutture ricettive all’aria aperta esistenti nelle quali s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087227
TITOLO VI - MODIFICHE AI REGOLAMENTI REGIONALI 13 MARZO 2009 n. 3 (DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA DELLE STRUTTURE RICETTIVE DEL TIPO AFFITTACAMERE DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008, N. 2 (TESTO UNICO IN MATERIA DI STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE E BALNEARI) E 23 FEBBRAIO 2010 n. 3 (DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA DELLE ALTRE STRUTTURE RICETTIVE DI CUI AL TITOLO III DELLA LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008, N. 2 (TESTO UNICO IN MATERIA DI STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE E BALNEARI)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087228
Art. 39 - (Modifica al regolamento regionale 13 marzo 2009 n. 3 (Disposizioni di attuazione della disciplina delle strutture ricettive del tipo affittacamere di cui alla legge regionale 7 febbraio 2008, n. 2 (Testo unico in materia di strutture turistico - ricettive e balneari)

1. Il termine per l’adeguamento del requisito di cui al punto 2.03.1 della tabella dei requisit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087229
Art. 40 - (Modifica al regolamento regionale 23 febbraio 2010 n. 3 (Disposizioni di attuazione della disciplina delle altre strutture ricettive di cui al titolo III della legge regionale 7 febbraio 2008, n. 2 (Testo unico in materia di strutture turistico - ricettive e balneari)

1. Il requisito di cui al punto 2.09 della tabella dei requisiti minimi per la classificazione dei “Bed & B

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
43150 1087230
Allegato “AA” - TABELLA DEI REQUISITI MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE ALL’ARIA APERTA




Livelli di Classifica (Stelle)


Descrizione dei requisiti

*

(1)

**

(2)

***

(3)

****

(4)

1

SISTEMAZIONE DELL'AREA, STRUTTURE E INFRASTRUTTURE





1.01

Viabilità veicolare interna a prova di acqua e di polvere (5)

1.01.1

con cassonetto di materiale arido o con rifinitura di asfalto




X

1.01.2

con spargimento di pietrisco o ghiaia



X


1.01.3

con fondo naturale

X

X



1.02

Parcheggio auto (5) (6)

1.02.1

numero minimo di posti auto in percentuale delle piazzole

30%

40%

50%

60%

1.02.2

come 1.02.1 con 50% di posti auto ombreggiati (20) (10)




X

1.03

Aree libere per uso comune

1.03.1

di superficie complessiva non inferiore al 10% dell'intera superficie della struttura ricettiva




X

1.03.2

di superficie complessiva non inferiore al 5% dell'intera superficie della struttura ricettiva

X

X

X


1.04

Aree ombreggiate

1.04.1

di superficie complessiva non inferiore al 45% delle aree esterne ad uso comune




X

1.04.2

di superficie complessiva non inferiore al 20% delle aree esterne ad uso comune



X


1.04.3

di superficie complessiva non inferiore al 10% delle aree esterne ad uso comune

X

X



1.05

Individuazione delle piazzole (10)

1.05.1

contrassegno numerico progressivo in ogni piazzola

X

X

X

X

1.05.2

confini della piazzola evidenziati con divisori artificiali o con vegetazione (alberi siepi o aiuole coltivate)



X

X

1.05.3

confini della piazzola evidenziati con segnali sul terreno o con picchetti

X

X



1.06

Sistemazione delle piazzole

1.06.1

a prova di acqua e di polvere

X

X

X

X

1.07

Impianto di illuminazione

1.07.1

da realizzarsi nel rispetto delle norme C.E.I., con punti luce disposti ad una distanza tale da garantire l’agevole fruizione della viabilità veicolare e pedonale nonché dei servizi comuni

X

X

X

X

1.08

Impianto idrico

1.08.1

impianto idrico da realizzarsi con tubazioni di norma interrate ed alimentato per consentire l'erogazione minima giornaliera per ospite autorizzato non inf. a l. 50 potabili

X

X

X

X

1.09

Impianto di rete fognaria

1.09.1

da realizzarsi nel rispetto delle norme vigenti, con allacciamento alla fognatura civica o con proprio impianto di depurazione e smaltimento delle acque

X

X

X

X

1.10

Impianto telefonico per uso comune (21)

1.10.1

con una linea esterna e apparecchio telefonico

X

X

X

X

1.11

Impianto per la raccolta dei rifiuti solidi (10)

1.11.1

da realizzarsi posizionando nelle aree comuni idonei cestini, cassonetti o recipienti per la raccolta di piccoli rifiuti solidi nonché con installazione di uno o più recipienti lavabili, muniti di coperchio a tenuta, nella zona dell’ingresso della struttura o all’esterno nelle immediate vicinanze

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze

Emilia Romagna: 7 mln per agriturismi e fattorie didattiche

Contributi in conto capitale per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche. Le risorse a disposizione dell’Avviso ammontano a 7.144.216,00 euro e possono beneficiarne gli imprenditori agricoli, singoli o associati, che rientrino nella definizione di micro e piccola impresa. La misura sostiene: la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati rurali, la qualificazione di spazi aperti di aziende agricole esistenti e l’acquisto di attrezzature da destinare all'attività agrituristica e/o di fattoria didattica. La percentuale di contributo varia in relazione alle diverse zone di aree rurali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Basilicata: sostegno alla costituzione e sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali

Dieci milioni di euro per favorire lo sviluppo e il riequilibrio del territorio agricolo, agevolare la permanenza degli imprenditori agricoli nel territorio rurale con il sostegno ad investimenti finalizzati alla diversificazione dell’attività attraverso la costituzione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali. È quanto prevede il bando pubblicato della Regione Basilicata. Possono essere finanziati gli interventi riguardanti il recupero funzionale di immobili accatastati dall'azienda agricola da almeno 5 anni, piccole costruzioni ex novo per la realizzazione di laboratori polifunzionali aziendali, agricampeggi, aree verdi attrezzate ed allestimento di spazi per musei sulle tradizioni contadine, sistemazioni esterne, piccole piscine e campetti, acquisto di nuovi impianti e attrezzature funzionali alla realizzazione del progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze

Emilia Romagna: riqualificazione urbana nel distretto turistico balneare della costa emiliano-romagnola

La Regione Emilia Romagna rende disponibili 20 milioni di euro per la promozione dell'innovazione del prodotto turistico e della riqualificazione urbana nel Distretto Turistico Balneare della Costa emiliano-romagnola. Sono ammissibili gli interventi i cui lavori, servizi e forniture sono avviati a decorrere dal 01/01/2019 e i contributi sono concessi nella misura massima del 100% della spesa ammissibile per un importo massimo di 10 milioni di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze
  • Alberghi e strutture ricettive

Il credito d’imposta per la ristrutturazione di alberghi e strutture ricettive

Aspetti generali; Aumenti di cubatura; Riparto del credito d’imposta e cumulo con altre agevolazioni; Soggetti beneficiari; Interventi e spese ammissibili (con tabella riepilogativa); Presentazione istanze (con tabella riepilogativa); Fruizione del credito d’imposta; Aspetti pratici.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte indirette
  • Edilizia e immobili
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Trattamento IVA costruzione, compravendita e locazione di residenze turistico alberghiere

DEFINIZIONE DI RESIDENZA TURISTICO ALBERGHIERA - TRATTAMENTO IVA DELLE RESIDENZE TURISTICO ALBERGHIERE (IVA sui contratti di appalto per la costruzione; IVA sulle compravendite; IVA sulle locazioni; Differenza fra locazione ed altre prestazioni di servizi) - DETRAIBILITÀ DELL’IVA SU COSTRUZIONE, ACQUISTO O RISTRUTTURAZIONE.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Professioni
  • Certificazione energetica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Standards

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo