FAST FIND : NR26672

Deliberaz.G.R. Umbria 26/07/2011, n. 847

Art. 5 bis, comma 3 L.R. n. 24/1999 - Approvazione “Indirizzi e criteri qualitativi per l’insediamento di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande”.
Scarica il pdf completo
338159 367541
[Premessa]




LA GIUNTA REGIONALE


Visto l’art. 5 della L.R. n. 24/1999 in base al quale la programmazione commerciale regionale, al fine di assicurare la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la libera circolazione delle merci, definisce gli indirizzi e i criteri qualitativi per l’insediamento di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande nell’ambito del territorio comunale dei comuni della regione;

Visto il documento istruttorio concernente l’argomento in oggetto e la conseguente proposta dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367542
DOCUMENTO ISTRUTTORIOOggetto: Art. 5 bis, comma 3 L.R. n. 24/1999 - Approvazione “Indirizzi e criteri qualitativi per l’insediamento di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande”.

Visto l’art. 5 della L.R. n. 24/1999 in base al quale la programmazione commerciale regionale, al fine di assicurare la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la libera circolazione delle merci, persegue i seguenti obiettivi:

a) favorire la realizzazione di una rete distributiva che assicuri la qualità dei servizi da rendere ai consumatori e la qualità della vita della popolazione, nonché la migliore produttività del sistema;

b) assicurare il rispetto del principio della libera concorrenza, favorendo l’equilibrato sviluppo delle diverse

tipologie distributive con particolare attenzione alla tutela e alla valorizzazione delle piccole imprese commerciali;

c) rendere compatibile l’impatto degli insediamenti commerciali di maggiori dimensioni con il contesto economico-territoriale per il rispetto del diritto dei consumatori di avvalersi di una rete distributiva effettivamente articolata per tipologie e prossimità;

d) salvaguardare e riqualificare i centri storici attraverso politiche di valorizzazione integrate tra le funzioni commerciali e le dimensioni ambientali, urbanistiche, edilizie e di mobilità anche mediante interventi innovativi nel rispetto dei valori del contesto;

e) salvaguardare e riqualificare la rete distributiva nelle zone di montagna e rurali anche attraverso la promozione di servizi commerciali polifunzionali ed esercizi multisettoriali, al fine di favorire il mantenimento e la ricostituzione del tessuto commerciale;

f) favorire gli insediamenti commerciali destinati al recupero, all’ammodernamento e allo sviluppo delle piccole e medie imprese già operanti sul territorio interessato;

g) favorire il recupero urbano delle aree periferiche in trasformazione anche mediante il riordino, la riqualificazione e l’integrazione dell’insediamento commerciale in zone industri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367543
Allegato A


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367544
1. Oggetto

1.1 - Il presente atto, ai sensi dell’articolo 5 bis, comma 3 della l.r. 24/99, come modificata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367545
2. Caratteristiche dei criteri di insediamento e caratteristiche qualitative

2.1 - I criteri di insediamento ed i requisiti qualitativi degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, stabiliti dai Comuni previa concertazione e valutazione delle caratteristiche e delle tendenze del settore, sono approvati dal Consiglio comunale, entro un anno dalla pubblicazione del presente provvedimento, secondo le procedure previste per gli atti di programmazione.

2.2 - I criteri ed i requisiti sono riferiti all&rsq

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367546
3. Classificazione degli esercizi

3.1 - Ferma restando la tipologia unica di autorizzazione, ai fini della eventuale differenziazione dei criteri e requisiti qualitativi ed eventualmente degli orari di attività, gli esercizi di somministrazione si distinguono nei seguenti tipi:

a1) Ristoranti, pizzerie ed altri esercizi abilitati, sotto il profilo igienico-sanitario, alla somministrazione completa di pasti e bevande, senza limitazioni;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367547
4. Criteri relativi alle aree

4.1 - I Comuni, per l’insediamento delle attività di somministrazione, definiscono la programmazione, tenuto conto di quanto disposto all’art. 64, comma 3 del D.Lgs. n. 59/2010 e, in particolare, possono:

a) disporre limitazioni o divieti o specifiche condizioni di insediamento, ivi compresi eventuali valori di distanza minima, in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367548
5. Criteri relativi ai locali

5.1 - Ai fini di un migliore servizio al consumatore ed al turista, possono essere previsti i seguenti criteri qualitativi dei locali di somministrazione:

a) adeguata disponibilità di parcheggi, nelle aree maggiormente interessate da flusso autoveicolare, al fine di garantire il diritto dei residenti alla vivibilità del territorio e alla normale mobilità, in misura pari ad almeno quanto previsto dal Regolamento Regionale n. 7/2010;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367549
6. Criteri vietati

6.1 - Sono vietati criteri di insediamento e requisiti qualitativi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367550
7. Procedimento

7.1 - Fermo restando la necessità di autorizzazione per le ipotesi di apertura di nuovo esercizio di somministrazione di alimenti e bevande nonché di trasferimento di sede nell’ambito o verso zone soggette a programmazione, ai sensi dell’art. 110 della l.r. n. 15/2010 e dell’art. 64 del D.Lgs. n. 59/2010, secondo quanto precisato dalla circolare n. 3635/C del 6 maggio 2010, la modifica della superficie di somministrazione e di ogni altro elemento incidente sui criteri qualitativi stabiliti dai Comuni sono subordinati a previa segnalazione certificata di inizio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367551
8. Norma transitoria

8.1 - Decorso inutilmente il termine di cui al punto 2.1 senza che il Comune abbia provveduto ad appr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
338159 367552
9. Norma finale

9.1 - Per quanto non previsto dai presenti indirizzi e criteri di programmazione, è fatto rinv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
DA PAG 2443 A PAG 2449

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Commercio e mercati
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica

Veneto: bando per il finanziamento di progetti dei distretti del commercio

La Regione Veneto promuove il consolidamento dei Distretti del Commercio mediante lo sviluppo di azioni strategiche che ne sostengano e strutturino l'evoluzione in sinergia con i temi dell'attrattività del territorio. Previsti contributi in conto capitale per: interventi strutturali e infrastrutturali su spazio pubblico, accessibilità, ristrutturazione dell’arredo urbano e del patrimonio edilizio pubblico destinato al commercio, misure di sostenibilità energetica ed ambientale, sistemi di sicurezza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Aree rurali
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Lazio: sostegno alla creazione, miglioramento o ampliamento delle infrastrutture su piccola scala

Contributo a fondo perduto fino al 100% per il sostegno agli investimenti nella creazione, miglioramento o ampliamento delle infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e il risparmio energetico. Il bando intende dare attuazione ad azioni finalizzate a sostenere gli enti pubblici nel realizzare interventi volti alla conoscenza ed al monitoraggio del patrimonio ambientale, ed alla realizzazione di interventi di conservazione, riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale e rurale dei villaggi, del paesaggio rurale e dei siti ad alto valore naturalistico.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Aree rurali
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Urbanistica

Emilia Romagna: Bando Montagna 2020

Contributi prima casa in montagna e lo scopo è quello di rivitalizzare le aree montane e recuperare il il patrimonio edilizio esistente. Il Bando Montagna 2020 concede contributi fino a 30.000 euro ai nuclei familiari già residenti in montagna o che desiderano trasferirvisi acquistando la prima casa, limitatamente a immobili già esistenti o recuperando il patrimonio edilizio esistente (o un mix delle due modalità).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Agricoltura e Foreste
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Aree rurali
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Emilia Romagna: azioni di prevenzione per ridurre le conseguenze di calamità naturali e avversità climatiche

La Regione Emilia Romagna mette a disposizione 17 milioni di euro per sostenere interventi di prevenzione dei danni che le frane, innescate da maltempo o calamità naturali, possono causare a terreni coltivati e fabbricati produttivi agricoli. Oltre alle spese sostenute per gli interventi sul territorio, (ovvero interventi a carattere strutturale per la riduzione del rischio di dissesto idro-geologico) sono ammissibili a contributo le spese tecniche generali, incluse le indagini geognostiche, come onorari di professionisti o consulenti. L’azione del bando non riguarda azioni di ripristino di danni già avvenuti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree urbane
  • Finanza pubblica

Umbria: 3,5 mln per interventi di riqualificazione dei paesaggi rurali

Con 3,5 milioni di euro la Regione Umbria sostiene gli interventi di riqualificazione paesaggistica tesi a tutelare, recuperare e valorizzare i paesaggi rurali. Il contributo a fondo perduto copre fino all'80% delle spese ammissibili. Sono finanziabili: interventi di restauro, riqualificazione e valorizzazione dei paesaggi rurali; interventi per il ripristino delle infrastrutture verdi, con particolare attenzione alle penetrazioni verdi e agricole nei territori urbanizzati; interventi di mitigazione paesaggistica; interventi di restauro e risanamento conservativo di strutture e immobili funzionali al progetto d'area; la realizzazione di prodotti e materiali informativi e di sensibilizzazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Commercio e mercati
  • Procedimenti amministrativi
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018

  • Edilizia e immobili
  • Standards
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)