FAST FIND : GP15156

Sent. TAR. Piemonte 08/07/2016, n. 986

3378302 3378302
Edilizia e immobili - Titoli abilitativi - DIA (ora SCIA) - Silenzio del Comune - Ricorso - Inammissibilità - Azione di annullamento - Necessità.

È inammissibile il ricorso proposto ai sensi dell'art. 31 Cod. proc. amm. (D. Leg.vo 02/07/2010, n. 104) per l'accertamento dell'illegittimità del silenzio serbato dal Comune in relaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
3378302 3497826
SENTENZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente sentenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3378302 3497827
FATTO

La ricorrente è proprietaria di un immobile residenziale nel Comune di Piossasco, adiacente all’area interessata dall’intervento descritto in epigrafe (ristrutturazione ed ampliamento del preesistente edificio scolastico, con mutamento della destinazione d’uso a studi medici, ambulatori radiologici e centro di riabilitazione ortopedica, con la costruzione di locali pertinenziali interrati), avviato dalla VS s.p.a. e proseguito dalla M. s.r.l., in virtù dell’originaria d.i.a. n. 433/2011 del 15 dicembre 2011 e delle successive s.c.i.a. in variante presentate negli anni 2014 e 2015.

Con lettera in data 8 maggio 2015, la ricorrente ha diffidato il Comune di Piossasco a provvedere all’inibizione dei lavori, lamentando la violazione della distanza minima dai confini di pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3378302 3497828
DIRITTO

Il Comune di Piossasco e la M. s.r.l. eccepiscono l’inammissibilità del ricorso, proposto ai sensi degli artt. 31 e 117 cod. proc. amm. per ottenere l’accertamento dell’illegittimità dell’inerzia dell’amministrazione in merito alla d.i.a. n. 433/2011 ed alle successive s.c.i.a. in variante.

L’eccezione è fondata.

La società VS s.r.l., precedente proprietaria e dante causa dell’odierna controinteressata, ha presentato al Comune di Piossasco il 15 dicembre 2011 la d.i.a. per la ristrutturazione e l’ampliamento di un fabbricato in stato di abbandono (denominato Pro Puerizia) e per la modifica della sua destinazione d’uso, da asilo a poliambulatorio.

La denuncia aveva ad oggetto un intervento di ristrutturazione edilizia “pesante” per il quale, come è noto, l’art. 22, terzo comma, del d.P.R. n. 380 del 2001 prevede che la d.i.a. possa essere presentata in alternativa alla domanda di permesso di costruire.

Il progetto originario prevedeva la ristrutturazione integrale dell’edifico già esistente, il suo ampliamento ed il mutamento della destinazione d’uso in poliambulatorio, la realizzazione di un parcheggio privato multipiano su tre livelli destinato ai pazienti, la real

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3378302 3497829
P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, in parte l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Procedimenti amministrativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia e immobili

La certificazione di agibilità degli edifici

PREMESSA (Scopo e funzione della certificazione di agibilità o abitabilità; Schema dell’evoluzione storica della certificazione di agibilità o abitabilità) - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI - OBBLIGO DI CONSEGUIRE L’AGIBILITÀ (Interventi edilizi soggetti all'onere di conseguire l’agibilità; Edifici soggetti all'onere di conseguire l’agibilità; Agibilità parziale; Agibilità degli edifici e regolarità urbanistico-edilizia, differenze) - CONSEGUENZE DELL’ASSENZA DELLA CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (Conseguenze sanzionatorie; Carenza della certificazione di agibilità ed ordinanza di sgombero; Conseguenze sugli atti di compravendita e locazione e sull'uso dell’immobile).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Procedimenti amministrativi
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pubblica Amministrazione

Rifiuto o ritardo della P.A. nei procedimenti edilizi: disciplina e conseguenze

Omesso provvedimento - Silenzio-inadempimento; Ritardo nella conclusione del procedimento - Risarcimento dei danni; Lesione del legittimo affidamento del privato su una situazione determinata dalla P.A.; Illegittimità dell’atto amministrativo; Arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali; Inerzia della P.A. di fronte a SCIA illegittima; Inerzia della P.A. nell’esecuzione forzata di provvedimenti di demolizione e restituzione in pristino; La responsabilità civile, amministrativa e disciplinare del pubblico dipendente; Abuso d’ufficio - Rifiuto ed omissione dolosi di atti d'ufficio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Inquadramento normativo; Iter di adozione della modulistica a livello locale; Modulistica per l'edilizia; Modulistica per attività commerciali o assimilabili; Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese; Quadro riepilogativo regionale; Modulistica precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Titoli abilitativi
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico

Infrastrutturazione digitale e banda larga negli edifici

CONTESTO NORMATIVO - L’ETICHETTA “EDIFICIO PREDISPOSTO ALLA BANDA LARGA” - RIFERIMENTI TECNICI PER PROGETTISTI E INSTALLATORI - INFRASTRUTTURA FISICA E COLLEGAMENTO A “EDIFICI PREDISPOSTI” (Utilizzo condiviso delle infrastrutture fisiche; Coordinamento delle opere sulle infrastrutture fisiche; Semplificazioni procedurali per le richieste di utilizzazione di suolo pubblico; Infrastrutturazione fisica interna all’edificio ed accesso) - SISTEMA INFORMATIVO DELLE INFRASTRUTTURE DI COMUNICAZIONE (SINFI) (Finalità del SINFI; Dati catalogati nel SINFI; Obblighi e modalità operative ai fini del SINFI).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica

Fonti rinnovabili negli edifici nuovi e ristrutturati: obblighi e decorrenze

NORMATIVA DI RIFERIMENTO - PROGETTI COINVOLTI DAGLI OBBLIGHI - DETTAGLIO DEGLI OBBLIGHI (Percentuali di copertura dei consumi; Potenza elettrica degli impianti da installare) - DEROGHE PER GLI EDIFICI PUBBLICI ED I CENTRI STORICI (Le deroghe previste; Copertura del fabbisogno per acqua calda sanitaria; Copertura complessiva del fabbisogno per ACS, riscaldamento e raffrescamento; Potenza elettrica impianti da installare) - ULTERIORI DETTAGLI - PREMIALITÀ.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Procedimenti amministrativi
  • Informatica
  • Pubblica Amministrazione
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: avvio fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Abruzzo, recupero sottotetti: proroga al 31/12/2019