FAST FIND : NR14851

L. R. Veneto 23/04/2004, n. 11

Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio.
Scarica il pdf completo
32008 6963342
TITOLO I - PRINCIPI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963343
CAPO I - Finalità e livelli di pianificazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963344
Art. 1 - (Oggetto)

N23

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963345
Art. 2 - (Contenuti e finalità)

1. La presente legge stabilisce criteri, indirizzi, metodi e contenuti degli strumenti di pianificazione, per il raggiungimento delle seguenti finalità:

a) promozione e realizzazione di uno sviluppo sostenibile e durevole, finalizzato a soddisfare le necessità di crescita e di benessere dei cittadini, senza pregiudizio per la qualità della vita delle generazioni future, nel rispetto delle risorse naturali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963346
Art. 3 - (Livelli di pianificazione)

1. Il governo del territorio si attua attraverso la pianificazione, urbanistica e territoriale del comune, della provincia e della Regione. I diversi livelli di pianificazione sono tra loro coordinati nel rispetto dei principi di sussidiarietà e coerenza; in particolare, ciascun piano indica il complesso delle direttive per la redazione degli strumenti di pianificazione di livello inferiore e determina le prescrizioni e i vincoli automaticamente prevalenti.

2. I piani di livello sovracomunale stabiliscono i mo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963347
Art. 4 - (Valutazione ambientale strategica (VAS))

N69

1. Al fine di promuovere uno sviluppo sostenibile e durevole ed assicurare un elevato livello di protezione dell'ambiente, i comuni, le province e la Regione, nell'ambito dei procedimenti di formazione degli strumenti di pianificazione territoriale, provvedono alla valutazione ambientale strategica (VAS) degli effetti derivanti dalla attuazione degli stessi ai sensi della direttiva 2001/42/CE del 27 giugno 2001 "Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente". La Giunta regionale definisce, ai sensi dell'articolo 46, comma 1, lettera a), criteri e modalità di applicazione della VAS, in considerazione dei diversi strumenti di pianificazione e delle diverse tipologie di comuni.

2. Sono sottoposti alla VAS il piano territoriale regionale di coordinamento, i piani territoriali di coordinamento provinciali, i piani di assetto del territorio comunali e intercomunali.

3. La VAS evidenzia la congruità delle scelte degli strumenti di pianificazione di cui al comma 2 rispetto agli obiettivi di sostenibilità degli stessi, alle possibili sinergie con gli altri strumenti di pianificazione individuando, altresì, le alternative assunte nella elaborazione del piano, gli impatti potenziali, nonché le misure di mitigazione e/o di compensazione da inseri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963348
CAPO II - Forme di concertazione e partecipazione nella pianificazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963349
Art. 5 - (Concertazione e partecipazione)

1. I comuni, le province e la Regione nella formazione degli strumenti di pianificazione territoriale ed

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963350
Art. 6 - (Accordi tra soggetti pubblici e privati)

1. I comuni, le province e la Regione, nei limiti delle competenze di cui alla presente legge, possono concludere accordi con soggetti privati per assumere nella pianificazione proposte di progetti ed iniziative di rilevante interesse pubblico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963351
Art. 7 - (Accordo di programma)

1. Per la definizione e la realizzazione di programmi d'intervento o di opere pubbliche o di interesse pubblico, che richiedono l'azione integrata e coordinata di comuni, province, Regione, amministrazioni statali e di altri soggetti pubblici o privati, può essere promossa la conclusione di accordi di programma ai sensi dell'articolo 34 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" e successive modificazioni. I rapporti con i privati sono disciplinati da un atto unilaterale d'obbligo o da una convenzione da allegare all'accordo di programma.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963352
Art. 7 bis - Disposizioni per favorire la trasparenza e legalità negli accordi

N71

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963353
CAPO III - Coordinamento e integrazione delle informazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963354
Art. 8 - (Osservatorio della pianificazione territoriale ed urbanistica)

1. Al fine di diffondere la conoscenza delle dinamiche territoriali del Veneto e di agevolare le valutazioni degli effetti degli strumenti di pianificazione, è istituito presso la Giunta regionale l'osservatorio della pianificazione territoriale ed urbanistica, con la partecipazione di rappresentanti degli enti pubblici e delle categorie professionali interessate.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963355
Art. 9 - (Cartografia tecnica regionale)

1. Tutti gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica sono redatti su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963356
Art. 10 - (Quadro conoscitivo e basi informative)

1. Il quadro conoscitivo è il sistema integrato delle informazioni e dei dati necessari alla comprensione delle tematiche svolte dagli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica.

2. Le basi informative che costituiscono il quadro conoscitivo sono parte del sistema informativo comunale, provinci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963357
Art. 11 - Parametri per la validazione del quadro conoscitivo

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963358
Art. 11 bis - Aggiornamento del quadro conoscitivo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963359
Art. 11 ter - Misure per il coordinamento degli strumenti di pianificazione incidenti sul governo del territorio

N43

1. Al fine di garantire il coordinamento tra la pianificazione territoriale, urbanistica, ambientale e paesaggistica d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963360
TITOLO II - STRUMENTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963361
CAPO I - Pianificazione comunale per il governo del territorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963362
SEZIONE I - Piano regolatore comunale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963363
Art. 12 - (Il Piano Regolatore Comunale)

1. La pianificazione urbanistica comunale si esplica mediante il piano regolatore comunale che si articola in disposizioni strutturali, contenute nel piano di assetto del territorio (PAT) ed in disposizioni operative, contenute nel piano degli interventi (PI).

2. Il piano di assetto del territorio (PAT) è lo strumento di pianificazione che delinea le scelte strategiche di assetto e di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963364
Art. 13 - (Contenuti del Piano di assetto del territorio (PAT))

1. Il piano di assetto del territorio (PAT), redatto sulla base di previsioni decennali, fissa gli obiettivi e le condizioni di sostenibilità degli interventi e delle trasformazioni ammissibili ed in particolare:

a) verifica ed acquisisce i dati e le informazioni necessari alla costituzione del quadro conoscitivo territoriale comunale;

b) disciplina, attribuendo una specifica normativa di tutela, le invarianti di natura geologica, geomorfologica, idrogeologica, paesaggistica, ambientale, storico-monumentale e architettonica, in conformità agli obiettivi ed indirizzi espressi nella pianificazione territoriale di livello superiore;

c) individua gli ambiti territoriali cui attribuire i corrispondenti obiettivi di tutela, riqualificazione e valorizzazione, nonché le aree idonee per interventi diretti al miglioramento della qualità urbana e territoriale;

d) recepisce i siti interessati da habitat naturali di interesse comunitario e definisce le misure idonee ad evitare o ridurre gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie floristiche e faunistiche;

e) individua gli ambiti per la formazione dei parchi e delle riserve naturali di interesse comunale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963365
Art. 14 - (Procedimento di formazione, efficacia e varianti del piano di assetto del territorio)

1. La giunta comunale elabora un documento preliminare con i contenuti di cui all'articolo 3, comma 5 e, a seguito della conclusione della fase di concertazione di cui all'articolo 5, lo trasmette al consiglio comunale ai fini dell'adozione del piano.

2. Entro otto giorni dall'adozione, il piano è depositato a disposizione del pubblico per trenta giorni consecutivi presso la sede del comune, decorsi i quali chiunque può formulare osservazioni entro i successivi trenta giorni. Dell'avvenuto deposito è data notizia con le modalità di cui all'articolo 32, della legge 18 giugno 2009, n. 69 "Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile". Il comune può attuare ogni altra forma di pubblicità ritenuta opportuna.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963366
Art. 14 bis - (Varianti urbanistiche semplificate al piano di assetto del territorio comunale)

N71

1. In deroga a quanto previsto dall'articolo 14, il comune adotta e approva le varianti urbanistiche semplificate al piano di assetto del territorio (PAT) che riguardano:

a) la rettifica di errori cartografici;

b) le modifiche alle norme tecniche di attuazione che non incidono sul dimensionamento o sulle tutele di cui all'articolo 13, comma 1, lettera b), del PAT;

c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963367
Art. 15 - (Procedimento di formazione del piano di assetto del territorio mediante procedura concertata tra Comune e Provincia)

1. Per la formazione del piano di assetto del territorio (PAT) può essere attivata una procedura di pianificazione concertata tra comune, provincia, enti locali e altri soggetti pubblici interessati.

2. La giunta comunale elabora un documento preliminare con i contenuti di cui all'articolo 3, comma 5, e propone agli enti ed ai soggetti interessati un accordo di pianificazione per la predisposizione del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963368
Art. 16 - (Contenuti, procedimento di formazione e varianti del Piano di assetto del territorio intercomunale (PATI))

1. Il piano di assetto del territorio intercomunale (PATI) è lo strumento di pianificazione finalizzato al coordinamento fra più comuni e può disciplinare in tutto o in parte il territorio dei comuni interessati o affrontare singoli tematismi. La necessità del coordinamento può essere stabilita dai comuni interessati e dal PTCP o dal PTRC a seconda che l'intercomunalità riguardi una o più province.

2. Il coordinamento di cui al comma 1 ha per oggetto:

a) ambiti intercomunali omogenei per caratteristiche insediativo-strutturali, geomorfologiche, storico-culturali, ambientali e paesaggistiche;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963369
Art. 16 bis - (Conformazione e adeguamento dei PAT e dei PATI alle previsioni della pianificazione paesaggistica regionale)

N71

1. Ai fini dell'adeguamento dei PAT e dei PATI alle previsioni della pianificazione paesaggistica regionale, ai sensi dell'articolo 145, commi 3 e 4, del decreto legislativo n. 42 del 2004, si applica la procedura prevista dall'articolo 15, commi da 1 a 4, integrata dalle disposizioni contenute nel presente artic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963370
Art. 17 - (Contenuti del Piano degli interventi (PI))

1. Il piano degli interventi (PI) si rapporta con il bilancio pluriennale comunale, con il programma triennale delle opere pubbliche e con gli altri strumenti comunali settoriali previsti da leggi statali e regionali e si attua attraverso interventi diretti o per mezzo di piani urbanistici attuativi (PUA).

2. Il PI in coerenza e in attuazione del piano di assetto del territorio (PAT) sulla base del quadro conoscitivo aggiornato provvede a:

a) suddividere il territorio comunale in zone territoriali omogenee secondo le modalità stabilite con provvedimento della Giunta regionale ai sensi dell'articolo 50, comma 1, lettera b);

b) individuare le aree in cui gli interventi sono subordinati alla predisposizione di PUA o di comparti urbanistici e dettare criteri e limiti per la modifica dei perimetri da parte dei PUA;

c) definire i parametri per la individuazione delle varianti ai PUA di cui all'articolo 20, comma 14;

d) individuare le unità minime di intervento, le destinazioni d'uso e gli indici edilizi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963371
Art. 18 - (Procedimento di formazione, efficacia e varianti del Piano degli interventi)

1. Il sindaco predispone un documento in cui sono evidenziati, secondo le priorità, le trasformazioni urbanistiche, gli interventi, le opere pubbliche da realizzarsi nonché gli effetti attesi e lo illustra presso la sede del comune nel corso di un apposito consiglio comunale.

2. Il piano degli interventi è adottato e approvato dal consiglio comunale. L'adozione del piano è preceduta da forme di consultazione, di partecipazione e di concertazione con altri enti pubblici e associazioni economiche e sociali eventualmente interessati.

3. Entro otto giorni dall'adozione, il piano è depositato a disposizione del pubblico per trenta giorni consecutivi presso la sede del comune decorsi i quali chiunque può formulare osservazioni entro i su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963372
Art. 18 bis - Interventi in diretta attuazione degli strumenti urbanistici generali

N13

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963373
Art. 18 ter - Varianti allo strumento urbanistico comunale per aree commerciali destinate a medie strutture di vendita

N36

1. Le varianti al piano degli interventi finalizzate all'individuazione di aree commerciali ai sensi e per gli effetti del combinato d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963374
SEZIONE II - Attuazione della pianificazione urbanistica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963375
Art. 19 - (Piani urbanistici attuativi (PUA))

1. Il piano urbanistico attuativo può essere d'iniziativa pubblica o privata o, congiuntamente, di iniziativa pubblica e privata. Esso definisce l'organizzazione urbanistica, infrastrutturale ed architettonica di un insediamento ed assume, in considerazione degli interventi previsti, i contenuti e l'efficacia:

a) del piano particolareggiato e dei piani di lottizzazione, di cui agli articoli 13 e 28 della legge 17 agosto 1942, n. 1150 "Legge urbanistica" e successive modificazioni;

b) del piano per l'edilizia economica e popolare di cui alla legge 18 aprile 1962, n. 167 "Disposizioni per favorire l'acquisizione di aree fabbricabili per l'edilizia economica e popolare" e successive modificazioni;

c) del piano delle aree da destinare ad insediamenti produttivi di cui all'articolo 27 della legge 22 ottobre 1971, n. 865 "Programmi e coordinamento dell'edilizia residenziale pubblica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963376
Art. 20 - (Procedimento di formazione, efficacia e varianti del piano urbanistico attuativo)

1. Il piano urbanistico attuativo (PUA) è adottato ed approvato dalla Giunta comunale. Qualora il piano sia di iniziativa privata la Giunta comunale, entro il termine di settantacinque giorni dal ricevimento della proposta corredata dagli elaborati previsti, adotta il piano oppure lo restituisce qualora non conforme alle norme e agli strumenti urbanistici vigenti, indicando le ragioni della non conformità.N62

2. N28

3. Entro cinque giorni dall'adozione il piano è depositato presso la segreteria del comune per la durata di dieci giorni; dell'avvenuto deposito è data notizia mediante avviso pubblicato "con le modalità di cui all'articolo 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69 "Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché in materia di processo civile.". Il comune può attuare ogni altra forma di pubblicità ritenuta opportuna."N63 Nei successivi venti giorni i proprietari degli immobili possono presentare opposizioni mentre chiunque può presentare osservazioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963377
Art. 21 - (Comparto urbanistico)

1. Il comparto urbanistico è costituito dall'insieme degli immobili da trasformare appartenenti a più proprietari o soggetti aventi titolo ad edificare e costituenti una unità minima d'intervento.

2. La delimitazione dell'ambito territoriale del comparto e i termini per la costituzione del consorzio e per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963378
CAPO II - Pianificazione provinciale per il governo del territorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963379
Art. 22 - (Contenuti del piano territoriale di coordinamento provinciale (PTCP))

1. Il piano territoriale di coordinamento provinciale (PTCP) è lo strumento di pianificazione che delinea gli obiettivi e gli elementi fondamentali dell'assetto del territorio provinciale in coerenza con gli indirizzi per lo sviluppo socio-economico provinciale, con riguardo alle prevalenti vocazioni, alle sue caratteristiche geologiche, geomorfologiche, idrogeologiche, paesaggistiche ed ambientali, ed in particolare:

a) acquisisce, previa verifica, i dati e le informazioni necessarie alla costituzione del quadro conoscitivo territoriale provinciale;

b) recepisce i siti interessati da habitat naturali e da specie floristiche e faunistiche di interesse comunitario e le relative tutele;

c) definisce gli aspetti relativi alla difesa del suolo e alla sicurezza degli insediamenti determinando, con particolare riferimento al rischio geologico, idraulico e idrogeologico e alla salvaguardia delle risorse del territorio, le condizioni di fragilità ambientale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963380
Art. 23 - (Procedimento di formazione, efficacia e varianti del piano territoriale di coordinamento provinciale)

1. La giunta provinciale elabora un documento preliminare con i contenuti di cui all'articolo 3, comma 5 e lo trasmette alla Regione, alle province contermini, ai comuni, alle comunità montane, agli enti di gestione delle aree naturali protette interessati e agli enti pubblici ed ai soggetti gestori di servizi pubblici nonché ai gestori di reti e servizi ad uso pubblico aventi rilevanza provinciale.

2. Per un esame del documento preliminare la provincia assume il metodo della concertazione e della partecipazione di cui all'articolo 5, coinvolgendo anche i soggetti di cui al comma 1.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963381
CAPO III - Pianificazione regionale per il governo del territorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963382
Art. 24 - (Contenuti del piano territoriale regionale di coordinamento (PTRC))

1. Il piano territoriale regionale di coordinamento (PTRC), in coerenza con il programma regionale di sviluppo (PRS) di cui alla legge regionale 29 novembre 2001, n. 35 "Nuove norme sulla programmazione", indica gli obiettivi e le linee principali di organizzazione e di assetto del territorio regionale, nonché le strategie e le azioni volte alla loro realizzazione. In particolare:

a) acquisisce i dati e le informazioni necessari alla costituzione del quadro conoscitivo territoriale regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963383
Art. 25 - (Procedimento di formazione, efficacia e varianti del Piano territoriale regionale di coordinamento)

1. La Giunta regionale elabora un documento preliminare con i contenuti di cui all'articolo 3, comma 5 e lo trasmette alle province, ai comuni, alle comunità montane e agli enti di gestione delle aree naturali protette interessati.

2. Per un esame del documento preliminare la Giunta regionale assume il metodo della concertazione e della partecipazione di cui all'articolo 5, coinvolgendo anche i soggetti di cui al comma 1.

3. A seguito della conclusione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963384
Art. 26 - (Progetti strategici)

1. Il piano territoriale regionale di coordinamento (PTRC) può prevedere che le opere, gli interventi o i programmi di intervento di particolare rilevanza per parti significative del territorio siano definiti mediante appositi progetti strategici.

1 bis. I progetti strategici possono, altresì, essere indiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963385
Art. 27 - (Valutazione tecnica regionale (VTR))

N65

1. L'emanazione di provvedimenti del Presidente o della Giunta regionale relativi a strumenti di pianificazione è preceduta da un parere, denominato valutazione tecnica regionale (VTR), espresso dal direttore responsabile della struttura regionale competente in materia urbanistica.

2. Il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963386
CAPO IV - Norme particolari su procedimenti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963387
Art. 28 - (Intese)

1. I comuni, successivamente al deposito del piano di assetto del territorio (PAT) e del piano degli inter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963388
Art. 29 - (Misure di salvaguardia)

1. Dalla data dell'adozione degli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale nonché delle relative varianti e fino alla loro entrata in vigore, si applicano le misure di salvaguardia, secondo le modalità della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963389
Art. 30 - (Annullamento dei provvedimenti comunali e poteri sostitutivi)

1. Entro “due anni” N11 dalla loro adozione le deliberazioni ed i provvedimenti comunali che autorizzano interventi non conformi a prescrizioni degli strumenti urbanistici o dei regolamenti edilizi, o comunque in contrasto con la normativa urbanistico-edilizia vigente al momento della loro adozione, possono essere annullati dalla provincia.

2. Il provvedimento di annullamento è assunto dal presidente della provincia entro “dodici mesi” N12 dall'accertamento delle violazioni di cui al comma 1 ed è preceduto dalla contestazione delle violazioni stesse al titolare del permesso, al proprietario della costruzione, al progettista e al comune con l'invito a presentare controdeduzioni entro sessanta giorni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963390
TITOLO III - AREE PER SERVIZI E VINCOLI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963391
Art. 31 - (Dimensionamento e aree per servizi)

1. Il piano di assetto del territorio (PAT), per garantire adeguati livelli di qualità della vita e degli insediamenti, prevede un'idonea dotazione di aree per servizi in ragione del dimensionamento teorico effettuato sulla base delle diverse destinazioni d'uso.

2. Le attrezzature e i servizi riguardano in particolare:

a) l'istruzione;

b) l'assistenza, i servizi sociali e sanitari;

c) la pubblica amministrazione, la sicurezza pubblica e la protezione civile;

d) le attività culturali, associative e politiche;

e) gli spazi aperti attrezzati a verde per il gioco, la ricreazione, il tempo libero e lo s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963392
Art. 31 bis - (Edifici e attrezzatture di interesse comune per servizi religiosi)

N41

1. La Regione e i comuni del Veneto, ciascuno nell'esercizio delle rispettive competenze, individuano i criteri e le modalità per la realizzazione di attrezzature di interesse comune per servizi r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963393
Art. 31 ter - (Realizzazione e pianificazione delle attrezzature di interesse comune per servizi religiosi)

N42

1. Al fine di assicurare una adeguata qualità urbana, lo strumento urbanistico comunale, per le aree e per gli immobili da destinarsi alla realizzazione di attrezzature di interesse comune per servizi religiosi, garantisce:

a) la presenza di strade di collegamento adeguatamente dimensionate o, se assenti o inadeguate, ne prevede l'esecuzione o l'adeguamento con onere a carico dei richiedenti;

b) la presenza di opere di urba

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963394
Art. 32 - (Dotazioni di aree per servizi nei Piani Urbanistici Attuativi)

1. Il conseguimento dei rapporti di dimensionamento dei piani urbanistici attuativi (PUA) è assicurato mediante la cessione di aree o con vincoli di destinazione d'uso pubblico.

2. Le aree per serv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963395
Art. 33 - (Aree non pianificate)

1. Si intendono aree non pianificate quelle per le quali sia intervenuta la decadenza di cui all'articolo 18, comma 7.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963396
Art. 34 - (Vincoli urbanistici preordinati all'esproprio)

1. I vincoli preordinati all'esproprio hanno la durata di cinque anni e possono essere reiterati una sola volta e per la stessa durata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963397
TITOLO IV - NORME SPECIFICHE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963398
Art. 35 - (Perequazione urbanistica)

1. La perequazione urbanistica persegue l'equa distribuzione, tra i proprietari degli immobili interessati dagli interventi, dei diritti edificatori riconosciuti dalla pianificazione urbanistica e degli oneri derivanti dalla realizzazione delle dotazioni territoriali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963399
Art. 36 - (Riqualificazione ambientale e credito edilizio)

1. Il comune nell'ambito del piano di assetto del territorio (PAT) individua i criteri per identificare le opere incongrue, gli elementi di degrado, gli interventi di miglioramento della qualità urbana e di riordino della zona agricola, e definisce gli obiettivi di ripristino e di riqualificazione urbanistica, paesaggistica, architettonica, energetica, idraulica e ambientale del territorio che si intendono realizzare e gli indirizzi e le direttive relativi agli interventi da attuare. N67

2. Il comune con il piano degli interventi (PI) disciplina gli interventi di trasformazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963400
Art. 37 - (Compensazione urbanistica)

1. Con le procedure di cui agli articoli 7, 20 e 21 sono consentite compensazioni che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963401
Art. 38 - (Società di trasformazione urbana)

1. I comuni, anche con la eventuale partecipazione delle province e della Regione, po

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963402
Art. 39 - (Cessione di aree per edilizia residenziale pubblica)

1. Il piano degli interventi (PI) può prescrivere che, nelle aree residenziali soggette a piano urbanistico attuativo, vengano riservate delle quote di superficie o di volume per la realizzazione di edilizia residenziale pubblica anche mediante la perequazione di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963403
Art. 40 - (Centri storici e beni culturali)

1. Si considerano centri storici gli agglomerati insediativi urbani che conservano nell'organizzazione territoriale, nell'impianto urbanistico o nelle strutture edilizie i segni di una formazione remota e di proprie originarie funzioni economiche, sociali, politiche o culturali.

2. Costituiscono parte integrante di ciascun cen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963404
Art. 40 bis - (Disposizioni relative a immobili costitutivi della memoria e dell'identità storico-culturale del territorio)

N78

1. Ferma restando la disciplina di cui al decreto legislativo n. 42 del 2004, i comuni individuano gli immobili, anche in stato di abbandono o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963405
Art. 41 - (Zone di tutela e fasce di rispetto)

1. Le zone di tutela che il piano di assetto del territorio (PAT) individua e disciplina sono:

a) le aree soggette a dissesto idrogeologico, a pericolo di valanghe ed esondazioni o che presentano caratteristiche geologiche e geomorfologiche tali da non essere idonee a nuovi insediamenti;

b) le golene, i corsi d'acqua, gli invasi dei bacini naturali e artificiali, nonché le aree a essi adiacenti per una profondità adeguata;

c) gli arenili e le aree di vegetazione dei litorali marini;

d) le aree umide, le lagune e relative valli;

e) le aree di rispetto cimiteriale;

f) le aree comprese fra gli argini maestri e il corso di acqua dei fiumi e nelle isole fluviali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963406
Art. 42 - (Progetti di particolare rilievo)

1. La Giunta regionale, in conformità ai parametri del provvedimento di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963407
TITOLO V - TUTELA ED EDIFICABILITÀ DEL TERRITORIO AGRICOLO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963408
Art. 43 - (Tutela del territorio agricolo nel Piano Regolatore Comunale)

1. Il piano di assetto del territorio (PAT) individua:

a) gli edifici con valore storico-ambientale e le destinazioni d'uso compatibili;

b) le tipologie e le caratteristiche costruttive per le nuove edificazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963409
Art. 44 - (Edificabilità)

1. Nella zona agricola sono ammessi, in attuazione di quanto previsto dal PAT e dal PI, esclusivamente interventi edilizi in funzione dell'attività agricola, siano essi destinati alla residenza che a strutture agricolo-produttive così come definite con provvedimento della Giunta regionale ai sensi dell'articolo 50, comma 1, lettera d), n. 3.

2. Gli interventi di cui al comma 1 sono consentiti, sulla base di un piano aziendale, esclusivamente all'imprenditore agricolo titolare di un'azienda agricola con i seguenti requisiti minimi:

a) iscrizione all'anagrafe regionale nell'ambito del Sistema Informativo del Settore Primario (SISP) di cui all'articolo 11 della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 40 "Nuove norme per gli interventi in agricoltura" e successive modificazioni;

b) occupazione di almeno una unità lavorativa a tempo pieno regolarmente iscritta nei ruoli previdenziali agricoli presso l'INPS; tale requisito non è richiesto per le aziende agricole ubicate nelle zone montane di cui alla legge regionale 9 settembre 1999, n. 39 "Modifica della legge regionale 3 luglio 1992, n. 19 "Norme sull'istituzione e il funzionamento delle comunità montane" " e successive modificazioni;

c) redditività minima definita sulla base dei parametri fissati dalla Giunta regionale ai sensi dell'articolo 50, comma 1, lettera d), n. 1.

2 bis. Gli interventi di cui al comma 1 sono consentiti agli imprenditori agricoli, in deroga ai requisiti di cui al comma 2, qualora si rendano necessari per l'adeguamento ad obblighi derivanti da normative regionali, statali o comunitarie riguardanti la tutela dell'ambiente, il rispetto dei requisiti igienico-sanitari e l'assicurazione del benessere degli animali. N5

2 ter. Al fine di garantire la tutela delle differenti realtà socio-economiche e agro-ambientali presenti nel territorio, in deroga ai requisiti di cui al comma 2, gli interventi edilizi destinati a strutture agricolo-produttive di cui al comma 1 sono consentiti, qualora siano realizzati dalle Regole di cui alla legge regionale 19 agosto 1996, n. 26 "Riordino delle Regole", da fondazioni ed istituti nonché dagli enti pubblici territoriali e da società o enti dagli stessi costituiti o prevalentemente partecipati. N5

3. Il piano aziendale di cui al comma 2, redatto da un tecnico abilitato del settore secondo i parametri indicati dal provvedimento di cui all'articolo 50, comma 1, lettera d), n. 2, è approvato "dallo Sportello unico agricolo (SUA) dell'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura (AVEPA) di cui alla legge regionale 9 novembre 2001, n. 31 "Istituzione dell'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963410
Art. 44 bis - Riutilizzo di strutture in zona agricola per finalità di locazione turistica o per finalità di classificazione come dipendenza di albergo diffuso

N71

1. In deroga all'articolo 44 e nell'osservanza delle disposizioni di seguito indicate, sono utilizzabili per finalità di locazione turistica di cui all'articolo 27 bis della legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 "Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto", o per finalità di classificazione come dipendenza di albergo diffuso di cui all'articolo 25 della medesima legge regionale 14 giugno 2013, n. 11, le strutture agricolo-produttive non più utilizzate per esigenze dell'agricoltura e dell'allevamento che siano ubicate nel territorio dei comuni individuati con provvedimento della Giunta regionale nell'ambito dei sistemi turistici di cui all'articolo 11 dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963411
Art. 45 - (Vincoli)

1. All'atto del rilascio del permesso di costruire delle nuove edificazioni ad uso abitativo è istituito, a cura del richiedente, sul fondo di pertinenza un vincolo di non edificazione trascritto presso la conservatoria dei registri immobiliari.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963412
TITOLO V BIS - PAESAGGIO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963413
Art. 45 bis - Contenuti e finalità

N25

1. Nel rispetto dei principi di sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione, la Regione, gli enti locali e le altre amministr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963414
Art. 45 ter - Competenze della Regione

N25

1. La Regione approva il piano paesaggistico, ovvero un piano urbanistico-territoriale con specifica considerazione dei valori paesaggistici, secondo le modalità e con i contenuti di cui agli articoli 135 e 143 del Codice. Il piano paesaggistico è adottato e approvato con le procedure di cui all’articolo 25 e può essere formato anche per singoli ambiti territoriali considerati prioritari per la pianificazione paesaggistica.

1 bis. La Giunta regionale, in attuazione all'accordo con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) di cui agli articoli 135, comma 1 e 143, comma 2, del Codice, nelle more dell'approvazione del piano paesaggistico di cui al comma 1, procede alla ricognizione degli immobili e delle aree dichiarate di notevole interesse pubblico e delle aree tutelate per legge di cui, rispettivamente, agli articoli 136 e 142, comma 1, del Codice. N60

1 ter. La ricognizione degli immobili e delle aree di cui al comma 1 bis è costituita dalla delimitazione e rappresentazione in scala idonea alla loro identificazione e consiste nella trasposizione su carta tecnica regionale della perimetrazione degli stessi. N45

1 quater. La Giunta regionale approva la ricognizione di cui ai commi 1 bis e 1 ter ed il relativo provvedimento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto e nel sito istituzionale della Giunta regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963415
Art. 45 quater - Competenze dei comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963416
Art. 45 quinquies - Competenze degli enti parco

N25

1. Nelle aree ricadenti all’interno del perimetro dei parchi regionali e nei territori di protezione esterna dei parchi, con esclusione del Parco natura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963417
Art. 45 sexies - Competenze delle province

N25

1. Le province inseri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963418
Art. 45 septies - Osservatorio regionale per il paesaggio

N25

1. Ai sensi dell’articolo 133 del Codice è istituito, presso la competente struttura della Giunta regionale, l’Osservatorio regionale per il paesaggio.

2. L’Osservatorio regionale per il paesaggio predispone studi, raccoglie dati e formula p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963419
Art. 45 octies - Commissione regionale per il paesaggio

N25

1. In attuazione dell’articolo 137 del Codice è istituita, presso la Giunta regionale, la Commissione regionale per il paesaggio.

2. La Commissione regionale per il paesaggio è composta da:

a) il dirigente della struttura della Giunta regionale competente in materia di paesaggio, con funzione di presidente, o un suo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963420
Art. 45 nonies - Commissioni locali per il paesaggio

N25

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963421
Art. 45 decies - Disposizioni in materia di zone territoriali omogenee escluse dalla tutela paesaggistica

N25

1. Nei comuni dotati, alla data del 6 settembre 1985, di strumenti urbanistici generali contenenti denominazioni di zone territoriali omogenee non coincidenti con quelle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963422
TITOLO VI - NORME FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963423
Art. 46 - (Attività di indirizzo)

1. La Giunta regionale entro un anno dall'applicazione degli articoli da 1 a 49, ai sensi dell'articolo 50, comma 1, sentita la conferenza Regione-Autonomie locali di cui alla legge regionale 3 giugno 1997, n. 20 "Riordino delle funzioni amministrative e principi in materia di attribuzione e di delega agli enti locali" e successive modificazioni e la competente commissione consiliare, con appositi provvedimenti disciplina:

a) le verifiche di sostenibilità e di compatibilità necessarie per la redazione degli strumenti territoriali ed urbanistici con particolare riferimento alla direttiva comunitaria n. 2001/42/CE in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), nonché le specifiche tecniche per la definizione dell'indice di riequilibrio ecologico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963424
Art. 47 - (Contributi)

1. Al fine di assicurare l'adeguamento degli strumenti urbanistici generali comunali alla nuova disciplina introdotta dalla presente legge, in particolare per la formazione del quadro conoscitivo, per la pianificazione concertata, per la formazione di piani di ass

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963425
Art. 48 - (Disposizioni transitorie)

1. Gli strumenti urbanistici e loro varianti adottati prima che siano applicabili gli articoli da 1 a 49, ai sensi dell'articolo 50, comma 1, sono approvati ai sensi della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61 "Norme per l'assetto e l'uso del territorio" e successive modificazioni e della legge regionale 1 giugno 1999, n. 23 "Programmi integrati di riqualificazione urbanistica, edilizia ed ambientale in attuazione dell'articolo 16 della legge 17 febbraio 1992, n. 179" e successive modificazioni, fermo restando quanto previsto dall'articolo 50, comma 3. Fino all'approvazione del primo piano di assetto del territorio (PAT), il comune non può adottare varianti allo strumento urbanistico generale vigente salvo quelle finalizzate ", o comunque strettamente funzionali," e dopo le parole "impianti di interesse pubblico" sono aggiunte le seguenti "nonché quelle disciplinate dall'articolo 50, commi da 4 a 8 e 16, della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61 e successive modificazioni "; con le medesime procedure possono essere altresì adottate le varianti allo strumento urbanistico generale vigente finalizzate a dare attuazione all'articolo 5 della legge regionale 9 marzo 2007, n. 4 "Iniziative ed interventi regionali a favore dell'edilizia sostenibile" nonché quelle necessarie per l'installazione di pannelli solari e fotovoltaici."N5 Con le procedure dei commi da 5 a 8 e 16 del predetto articolo 50, possono essere adottate le varianti allo strumento urbanistico generale finalizzate a dotare di infrastrutture di trasporto, che non determinino volumetria, aree contigue ad altre già destinate dalla pianificazione urbanistica e territoriale, vigente al 30 ottobre 2005, ad attività produttive nel settore della logistica" N3 alla realizzazione di opere pubbliche e di impianti di interesse pubblico ", al recupero funzionale dei complessi immobiliari dismessi dal Ministero della difesa di cui all'articolo 1, comma 259, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007)", all'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati, con le procedure di cui all'articolo 50, comma 3, della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61 e successive modificazioni".N5

1 bis. In deroga al divieto previsto dal comma 1, e comunque fino all'approvazione del primo PAT, possono essere adottate e approvate, ai sensi della normativa di cui al comma 1, le varianti allo strumento urbanistico generale di cui all'articolo 50, commi 3, 4 e 9, della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61 e successive modificazioni, le varianti conseguenti all'approvazione di programmi integrati ai sensi della legge 1° giugno 1999, n. 23 e successive modificazioni, nonché quelle conseguenti all'approvazione di accordi di programma ai sensi dell'articolo 34 del decreto legislativo 18 agosto 2001, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" e successive modificazioni, qualora adottate entro il 28 febbraio 2005; entro la medesima data continua ad applicarsi l'articolo 1, commi da 2 a 6, della legge regionale 27 dicembre 2002, n. 35 e successive modificazioni. N1

1 ter. In deroga al divieto previsto dal comma 1, fino all'approvazione del primo PAT, sono consentite,anche in assenza dei requisiti di cui al comma 9 dell'articolo 50 della legge regionale 27 giugno 1985, n. 61 e successive modificazioni e con le procedure dei commi 10, 11, 12, 13 e 14 del medesimo articolo 50, le v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963426
Art. 48 bis - Disposizioni finali e transitorie in materia di paesaggio

N25

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963427
Art. 48-ter - (Disposizioni per l'attuazione dell'Intesa concernente l'adozione del Regolamento Edilizio Tipo di cui all'articolo 4, comma 1-sexies del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380)

1. I Comuni, al fine di recepire quanto disposto dall'Intesa sancita tra il G

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963428
Art. 49 - (Abrogazioni)

1. "Fermo restando quanto previsto dall'articolo 48" N1 sono o restano abrogate le seguenti leggi o disposizioni di leggi regionali:

a) l'articolo 3, punto 4), primo alinea, della legge regionale 1 settembre 1972, n. 12 "Norme per l'esercizio delle funzioni amministrative trasferite alla regione con i DPR 14 gennaio 1972, dal n. 1 al n. 6, e 15 gennaio 1972, dal n. 7 al n. 11" e successive modificazioni;

b) la legge regionale 31 maggio 1980, n. 80 " Norme per la conservazione e il ripristino dei centri storici nel Veneto" e successive modificazioni;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963429
Art. 50 - (Disposizioni sull'applicazione della legge)

1. Gli articoli da 1 a 49 si applicano successivamente all'adozione e alla pubblicazione nel BUR da parte della Giunta regionale di tutti i seguenti provvedimenti:

a) le specifiche tecniche per la formazione e l'aggiornamento delle banche dati di cui agli articoli 13, 17 e 22 nonché per la redazione degli strumenti urbanistici generali su carta tecnica regionale e per l'aggiornamento della relativa base cartografica da parte dei comuni di cui all'articolo 9;

b) i criteri per la suddivisione del territorio comunale in zone territoriali omogenee;

c) la metodologia per il calcolo, nel piano di assetto del territorio (PAT), del limite quantitativo massimo della zona agricola trasformabile in zone con destinazioni diverse da quella agricola definendo, con riferimento ai singoli contesti territoriali, la media regionale del rapporto tra la superficie agricola utilizzata (SAU) e la superficie territoriale comunale (STC);

d) le specificazioni relative all'edificabilità nelle zone agricole ed in particolare:

1) la definizione dei parametri di redditività minima delle imprese agricole sulla base di quanto stabilito dalla Giunta regionale ai sensi dell'articolo 18 della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 40 e successive modificazioni;

2) i parametri per la redazione e per la valutazione della congruità del piano azi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
32008 6963430
Art. 51 - (Dichiarazione d'urgenza)

1. La presente legge è dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 44 dello Statuto ed entra in vigore il giorno successivo alla data della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Impiantistica
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Pianificazione del territorio
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Enti locali
  • Pianificazione del territorio
  • Beni culturali e paesaggio
  • Aree urbane
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica

Fondo per l’attuazione del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha approvato il bando con il quale sono definite le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta. AGGIORNAMENTO: modificate le percentuali di erogazione dei finanziamenti.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Aree urbane
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Beni culturali e paesaggio

Lombardia: interventi di riqualificazione dei borghi storici

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei e contingenti

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all’esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Beni culturali e paesaggio

Finanziamento per la valorizzazione di borghi e centri storici nel sud d’Italia

Vengono finanziati interventi per il rafforzamento dell’attrattività dei borghi e dei centri storici di piccola e media dimensione nei comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, attraverso il restauro e recupero di spazi urbani, edifici storici o culturali. La dotazione finanziaria complessiva è di 30 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)