FAST FIND : NR14818

L.R. Friuli Venezia Giulia 22/04/2004, n. 13

Interventi in materia di professioni.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 29/06/2020, n. 13
- L.R. 29/12/2016, n. 25
- L.R. 29/12/2015, n. 33
- L.R. 29/12/2010, n. 22
- L.R. 02/02/2005, n. 1
- L.R. 04/06/2004, n. 18
Scarica il pdf completo
31975 6601757
Capo I - Finalità e definizioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601758
Art. 1 - (Finalità e definizioni)

1. La Regione Friuli Venezia Giulia riconosce la rilevanza sociale, economica, occupazionale delle professioni e il loro ruolo per la crescita della comunità regionale.

2. La Regione Friuli Venezia Giulia, nel rispetto dei principi fondamentali determinati dalle normative dell'Unione Europea e dello Stato, sostiene e incentiva le professioni, la qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601759
Capo II - Consulta regionale delle professioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601760
Art. 2 - (Istituzione della Consulta regionale delle professioni)

1. È istituita presso la struttura regionale competente in materia di professioni l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601761
Art. 3 - (Composizione e funzionamento)

1. La Consulta è costituita con decreto del Presidente della Regione, su conforme deliberazione della Giunta regionale, su proposta dell'Assessore competente in materia di professioni e dura in carica cinque anni. Alla scadenza continua ad esercitare le proprie funzioni fino alla pubblicazione del decreto di costituzione della nuova Consulta.

2. La Consulta è composta:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601762
Capo III - Associazioni per attività professionali non ordinistiche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601763
Art. 4 - (Registro delle associazioni)

1. Ai fini della presente legge, con decreto del Presidente della Regione, su conforme deliberazione della Giunta regionale e su proposta dell'Assessore competente in materia di professioni, possono essere inserite nel registro associazioni a carattere regionale di prestatori di attività professionali non ordinistiche.

2. È istituito presso la struttura regionale competente in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601764
Art. 5 - (Comitato regionale delle professioni non ordinistiche)

1. Presso la Direzione competente in materia di professioni è istituito il Comitato regionale delle professioni non ordinistiche.

2. Il Comitato formula proposte ed esprime pareri non vincolanti in materia di interesse delle professioni, con particolare riguardo agli atti di programmazione e legislazione regionale connessi alla tutela delle professioni e degli utenti delle medesime, alla formazione, all'orientamento, all'aggiornamento dei professionisti, ai processi di innovazione e internazionalizzazione delle attività professionali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601765
Capo IV - Interventi a favore dei professionisti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601766
Art. 6 - (Aggiornamento professionale)

1. L'Amministrazione regionale promuove e finanzia progetti di aggiornamento professionale per i professionisti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601767
Art. 6-bis - (Formazione professionale)

N7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601768
Art. 7 - (Certificazioni di qualità)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere ai professionisti inc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601769
Art. 8 - (Cooperative di garanzia)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a promuovere la costituzione di cooperative, a carattere regionale, aventi lo scopo di prestare garanzie per favorire la concessione di finanziamenti ai professionisti associati da parte di banche, società finanziarie e di locazione finanziaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601770
Art. 9 - (Interventi a favore dell'avvio delle attività professionali)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere finanziamenti per le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601771
Art. 10 - (Interventi a favore delle persone)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a promuovere interventi diretti a consentire alle professioniste e ai profess

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601772
Art. 11 - (Interventi per favorire forme associate o societarie di attività professionali)

1. L'Amministrazione regionale è autorizzata a promuovere, nel rispetto dei pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601773
Art. 12 - (Regolamenti d'esecuzione)

1. Con regolamenti d'esecuzione da emanarsi, sentite le competenti Commissioni consil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
31975 6601774
Art. 13 - (Norme finanziarie)

1. Gli oneri derivanti dall'applicazione dell'articolo 6 fanno carico all'unità previsionale di base 10.1.320.1.334 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2004-2006 e del bilancio per l'anno 2004, con riferimento al capitolo 5807 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi.

2. Per le finalità previste dall'articolo 8 è autorizzata la spesa di 300.000 euro per l'anno 2004 a carico dell'unità previsionale di base 10.3.320.1.504 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2004-2006 e del bilancio per l'anno 2004 che si istituisce alla funzione obiettivo n. 10 - programma 10.3 - rubrica n. 320 - Servizio per le professioni e gli interventi settoriali - spese correnti - con la denominazione "Interventi in materia di professioni", con riferimento al capitolo 8001 (2.1.163.2.10.02) che si istituisce nel documento tecnico allegato ai bilanci medesimi alla rubrica n. 320 - Servizio per le professioni e gli interventi settoriali con la denominazione "Interventi per la promozione della costituzione di cooperative per la prestazione di gara

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Professioni
  • Finanza pubblica

Regione Friuli Venezia Giulia - Contributi a fondo perduto per avvio e funzionamento a professionisti in forma singola

Contributo a fondo perduto del 50% per spese connesse all’avvio ed al funzionamento dei primi 3 anni di attività in forma individuale fino ad un massimo di 20.000 Euro. Fra le spese ammissibili: adeguamento o ristrutturazione o locazione dei locali da adibire a sede; attrezzature tecnologiche; beni strumentali materiali e immateriali; sistemi sicurezza; costi promozione attività ed eventi (pubblicità, fiere, congressi, ecc.); premio e spese d’istruttoria per l’ottenimento di garanzie; oneri finanziari relative alle operazioni di microcredito.
A cura di:
  • Club Mep Network
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Regione Friuli Venezia Giulia - Contributi a fondo perduto per avvio studio associato o società tra professionisti

Contributo a fondo perduto del 50% per spese connesse all’avvio e al funzionamento dei primi 3 anni di attività di uno studio associato o di una società tra professionisti, fino ad un massimo di 20.000 Euro. Fra le spese ammissibili: adeguamento o ristrutturazione o locazione dei locali da adibire a sede; attrezzature tecnologiche; beni strumentali materiali e immateriali; sistemi sicurezza; costi promozione attività ed eventi (pubblicità, fiere, congressi, ecc.); premio e spese d'istruttoria per le l'ottenimento di garanzie; oneri finanziari relative alle operazioni di microcredito..
A cura di:
  • Club Mep Network
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Informatica
  • Professioni
  • Provvidenze

Lazio: 5 milioni per l’innovazione digitale delle imprese

La Regione Lazio ha destinato 5 milioni di euro alle micro, piccole e medie imprese o ai liberi professionisti che introducono tecnologie digitali e soluzioni ICT a sostegno dell’innovazione di processo e di prodotto. Chi partecipa al bando dovrà proporre l’adozione di una o più soluzioni tecnologiche o sistemi digitali, che introducano innovazioni nei processi produttivi, logistici, organizzativi e commerciali. L’agevolazione è un contributo a fondo perduto, con un massimo concedibile di 200 mila euro, nella misura del 40% dell’importo complessivo del progetto ammesso.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Professioni
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Responsabilità del direttore dei lavori negli appalti privati

PREMESSA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO Le disposizioni del Codice civile; Il Testo unico edilizia - D.P.R. 380/2001 - RESPONSABILITÀ CIVILE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Obbligo di controllare la regolarità dell’esecuzione dell’opera; Il DL non è obbligato a vigilare sulle attività di semplice esecuzione; Responsabilità solidale del DL e dell’impresa per vizi dell'immobile; Responsabilità di DL e progettista; Responsabilità extracontrattuale del DL ex art. 1669 c.c. - RESPONSABILITÀ PENALE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Responsabilità per mancata osservanza a permesso di costruire e leggi urbanistiche; Presupposti per l’esonero della responsabilità del DL; Responsabilità del DL per omessa vigilanza anche in caso di assenza dal cantiere; Responsabilità del DL anche per opere non rientranti nell'incarico.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Professioni
  • Finanza pubblica

Lazio: 1 milione di euro per l'Innovazione Sostantivo Femminile - Anno 2019

L'avviso sostiene la nascita e lo sviluppo di idee e progetti imprenditoriali innovativi da parte delle donne, promuovendo la creatività e la valorizzazione del capitale umano femminile. Destinatarie degli aiuti sono le libere professioniste con Partita Iva attiva, le imprese "al femminile", già costituite o da costituire. Il contributo concesso a fondo perduto nella misura dell'intensità di aiuto richiesta deve essere compresa fra il 50% e il 80% dell'importo complessivo del progetto. Sono finanziabili i progetti che includano la realizzazione di nuovi prodotti o servizi tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie e che siano coerenti con le aree di specializzazione della Smart Specialization Strategy (S3) regionale (ossia Scienze della vita e benessere, Energia e ambiente, Agroalimentare, Mobilità sostenibile, Fabbricazione digitale, Domotica ed edilizia sostenibile, Beni culturali e tecnologie della cultura, Industrie creative digitali, Aerospazio, Sicurezza e protezione).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Fonti alternative
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine