FAST FIND : NR36422

Deliberaz. G.R. Lazio 20/09/2016, n. 540

Linee guida per l'attuazione delle disposizioni introdotte dai commi 1, 2, 3, 4, 6 dell'art. 19 della Legge Regionale n. 12 del 10 agosto 2016 - Sostituzione delle "Linee guida per la definizione dei criteri e modalità di concessione o locazione a canoni ricognitori dei beni immobili di proprietà della Regione Lazio ai sensi dell'articolo 52 della legge regionale 17 febbraio 2005, n. 9 e s.m.i. e dell'articolo 20 della legge regionale 28 aprile 2006, n. 4 e s.m.i." approvate con le Deliberazioni della Giunta regionale nn. 426 del 2 dicembre 2013 e 96 del 4 marzo 2014.
Scarica il pdf completo
3068424 3637033
Testo del provvedimento

LA GIUNTA REGIONALE


SU PROPOSTA dell'Assessore alle Politiche del Bilancio, Patrimonio e Demanio;

VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6 e successive modificazioni ed integrazioni riguardante "Disciplina del sistema organizzativo della Giunta e del Consiglio e disposizioni relative alla dirigenza e al personale regionale";

VISTO il Reg. reg. 6 settembre 2002, n. 1 e successive modificazioni, avente ad oggetto "Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta regionale";

VISTO l'art. 1 comma 31 della legge regionale 11 agosto 2009, n. 22R che ha introdotto nell'ordinamento Regionale le modalità di redazione del Piano delle Alienazioni e valorizzazioni immobiliari previsto dall'art. 58 comma 1 della Legge 6 agosto 2008, n. 133;

VISTA legge regionale 31 dicembre 2015, n. 18, recante "Bilancio di previsione finanziario della Regione Lazio (2016-2018)", ed, in particolare, l'art. 28, comma 1, lettera a);

VISTA la legge regionale 31 dicembre 2015, n. 17, recante "legge di stabilità 2016";

VISTA la deliberazione programmatica della Giunta regionale 27 maggio 2014, n. 306, con la quale è stata approvata una prima segmentazione del patrimonio immobiliare regionale che prevede le possibili forme di valorizzazione dello stesso in relazione alle proprie specifiche caratteristiche;

VISTE la Delib.G.R. 31 dicembre 2015, n. 781 con la quale è stato approvato l'aggiornamento dell'inventario dei beni immobili regionali - "Libro 10" e la successiva Delib.G.R. 4 agosto 2016 n. 464 di aggiornamento dell'inventario;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3068424 3637034
Allegato - Documento di indirizzo - Linee guida per l'attuazione delle disposizioni introdotte dai commi 1, 2, 3, 4, 6 dell'art. 19 della legge regionale n. 12 del 10 agosto 2016


Sostituzione delle "Linee guida per la definizione dei criteri e modalità di concessione o locazione a canoni ricognitori dei beni immobili di proprietà della Regione Lazio ai sensi dell'articolo 52 della legge regionale 17 febbraio 2005, n. 9 e s.m.i. e dell'articolo 20 della legge regionale 28 aprile 2006, n. 4 e s.m.i." approvate con la Delib.G.R. n. 426 del 2 dicembre 2013R e con la Delib.G.R. n. 96 del 4 marzo 2014R


Articolo 1 - Oggetto e ambito di applicazione

1. I beni immobili del demanio regionale di cui al comma 1 lett. re g) i) e comma 2 dell'art. 517 del Reg. reg. 6 settembre 2002 n. 1 e s.m.i., nonché i beni immobili del patrimonio indisponibile regionale di cui ai comma 1 lett. c) e comma 2 dell'art. 518 del Reg. reg. 6 settembre 2002 n. 1 e s.m.i. possono essere attribuiti mediante atti di concessione a canone ricognitorio, ai sensi dell'art. 20 della legge regionale 28 aprile 2006, n. 4 e s.m.i., per usi non residenziali.

2. Possono altresì essere attribuiti mediante contratti di locazione a canone ricognitorio, ai sensi dell'art. 52 della legge regionale 17 febbraio 2005 e s.m.i i beni immobili del patrimonio disponibile regionale di cui ai comma 3 dell'art. 518 del Reg. reg. 6 settembre 2002 n. 1 e s.m.i.;

3. Ai sensi dell'art. 19, comma 4) della legge regionale n. 12 del 10 agosto 2016, la disciplina che regola i contratti di locazione o gli atti di concessione a canone ricognitorio, può applicarsi alle aziende agricole.

4. Ferma restando l'applicazione delle procedure di natura concorrenziale per specifici progetti di valorizzazione, autorizzati dalla Giunta regionale, i beni immobili inseriti annualmente nell'elenco di cui all'art. 1, della legge regionale 11 agosto 2009, n. 22 commi da 31) a 35), possono essere resi disponibili per la locazione e/o concessione a terzi a canone ricognitorio previa approvazione da parte della Giunta regionale.


Articolo 2 - Ambito soggettivo di applicazione

1. La concessione o la locazione, a canone ricognitorio, di beni demaniali o del patrimonio indisponibile o disponibile della Regione, può essere richiesta dai seguenti soggetti giuridici pubblici o privati, non aventi finalità lucrative, riconosciuti come persone giuridiche e non:

a. I Comuni, gli Enti territoriali di area vasta, per finalità statutarie, istituzionali o di pubblico servizio;

b. Le società partecipate dalla Regione, le Aziende Sanitarie Locali, le Agenzie e gli enti pubblici dipendenti dalla Regione;

c. Le Associazioni di promozione sociale, le Fondazioni, le Associazioni e le cooperative sociali che perseguono in ambito nazionale e/o regionale consolidate e documentate attività interesse pubblico nel campo dell'assistenza sociale e sanitaria, della cultura, dell'arte e dell'ambiente;

d. I Comitati e le associazioni di cittadini e di quartiere, che svolgono consolidate e documentate attività di assistenza, di inserimento sociale e recupero da situazioni di disagio e emarginazione ovvero di promozione, tutela e sviluppo del territorio, anche di rilevanza locale;

e. Gli enti ecclesiastici, civilmente riconosciuti dalla Chiesa cattolica e delle altre confessioni religiose, i cui rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base delle intese ai sensi dell'articolo 8 della Costituzione per luoghi adibiti al culto, compresi gli oratori;

f. Le federazioni sportive nazionali, gli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I. e le associazioni sportive di tipo dilettantistico riconosciute e non dai medesimi Enti, che svolgono consolidate e documentate attività nell'ambito sportivo;

g. Gli organismi internazionali incaricati di missioni speciali in campo umanitario e sanitario;

h. Gli enti pubblici non territoriali, non rientranti nelle fattispecie precedenti.

2. Ai sensi delle precedenti lett. re c); d); f) per comprovare lo svolgimento di "consolidate e documentate attività " nell'ambito di interesse è condizione sufficiente che, al momento della richiesta l'Associazione risulti iscritta negli appositi elenchi o albi istituti in ambito regionale o nazionale, ove esistenti.

3. I soggetti di cui al comma 1 possono beneficiare del canone ricognitorio, solo qualora i beni richiesti in concessione o locazione, siano utilizzati per lo svolgimento delle loro attività istituzionali o statutarie e con esclusione di attività che possano configurarsi come attività commerciali.

4. Negli atti di concessione e nei contratti di locazione a canone ricognitorio, è indicato l'obbligo di utilizzare o di valorizzare i beni conferiti per le finalità di cui al comma 3); con espresso divieto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Energia e risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Servizi pubblici locali
  • Lavoro e pensioni
  • Impianti sportivi
  • Edilizia scolastica
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Fonti alternative
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • DURC
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Finanza pubblica
  • Demanio
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Sardegna: contributi per la rimozione di posidonia dai litorali

La Regione Sardegna ha messo a disposizione dei Comuni costieri contributi destinati alle attività di gestione della posidonia depositata sui litorali finalizzata alla fruizione sostenibile del litorale ed al contrasto all’erosione costiera.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza

La Cedolare secca sui contratti di locazione

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO; NATURA, PRESUPPOSTI E AMBITO DI APPLICAZIONE (Natura della Cedolare secca; Tributi sostituiti dalla Cedolare secca; Ambito soggettivo e oggettivo di applicazione; Applicazione in relazione ad uno solo dei comproprietari/contitolari; Precisazioni sulla figura del conduttore; Unità immobiliari di proprietà condominiale; Contratti di durata inferiore a 30 giorni nell’anno; Locazione di più immobili con lo stesso contratto; Locazione di solo una o più porzioni di unità abitative; Applicazione alle pertinenze; Sublocazioni, immobili all’estero e terreni; Locazioni concluse tramite agenzie immobiliari) - ALIQUOTE DELLA CEDOLARE SECCA (Aliquota ordinaria; Aliquota ridotta) - ESERCIZIO DELL’OPZIONE ED EVENTUALE REVOCA, CONSEGUENZE (Esercizio dell’opzione per la Cedolare secca ed eventuale revoca; Comunicazione preventiva al conduttore e rinuncia agli aggiornamenti del canone; Effetti dell’opzione ed ipotesi di pluralità di locatori) - CALCOLI DI CONVENIENZA (Variabili da considerare; Esempio pratico; Calcolo del reddito ai fini di benefici fiscali in caso di Cedolare secca; Cedolare secca e applicazione di altre detrazioni e deduzioni fiscali) - CASI PARTICOLARI CHIARITI DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE (Trasferimento di immobile locato in ipotesi di successione, donazione o cessione; Comproprietario non risultante dal contratto di locazione).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Provvidenze
  • Compravendita e locazione

Lombardia: interventi volti alla realizzazione di nuova edilizia residenziale sociale

La Regione Lombardia sostiene gli interventi volti a soddisfare il fabbisogno abitativo pubblico, tramite il recupero del patrimonio immobiliare sfitto a rischio di degrado, e a rendere disponibili nuovi alloggi a canoni sostenibili per i cittadini che non possono sostenere i costi di locazione del libero mercato. Il bando è rivolto a soggetti privati (persone giuridiche) e soggetti pubblici (ad eccezione di Comuni e Aler) proprietari o che abbiano la piena disponibilità di immobili da recuperare e da destinare a servizi abitativi sociali (SAS).
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Compravendita e locazione
  • Imprese
  • Calamità/Terremoti
  • Calamità
  • Protezione civile
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Provvidenze

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Demanio idrico
  • Demanio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie