FAST FIND : NN15253

D. Leg.vo 30/06/2016, n. 127

Norme per il riordino della disciplina in materia di conferenza di servizi, in attuazione dell'articolo 2 della legge 7 agosto 2015, n. 124.
Scarica il pdf completo
2932907 2936632
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


Visti gli articoli 76, 87 e 117 della Costituzione;

Visto l’articolo 2 della legge 7 agosto 2015, n. 124, recante deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936633
TITOLO I - DISCIPLINA GENERALE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936634
Art. 1. - Modifiche alla disciplina generale della conferenza di servizi

1. Gli articoli 14, 14-bis, 14-ter, 14-quater e 14-quinquies della legge 7 agosto 1990, n. 241 R sono sostituiti dai seguenti:

“Art. 14 (Conferenze di servizi). — 1. La conferenza di servizi istruttoria può essere indetta dall’amministrazione procedente, anche su richiesta di altra amministrazione coinvolta nel procedimento o del privato interessato, quando lo ritenga opportuno per effettuare un esame contestuale degli interessi pubblici coinvolti in un procedimento amministrativo, ovvero in più procedimenti amministrativi connessi, riguardanti medesime attività o risultati. Tale conferenza si svolge con le modalità previste dall’articolo 14-bis o con modalità diverse, definite dall’amministrazione procedente.

2. La conferenza di servizi decisoria è sempre indetta dall’amministrazione procedente quando la conclusione positiva del procedimento è subordinata all’acquisizione di più pareri, intese, concerti, nulla osta o altri atti di assenso, comunque denominati, resi da diverse amministrazioni, inclusi i gestori di beni o servizi pubblici. Quando l’attività del privato sia subordinata a più atti di assenso, comunque denominati, da adottare a conclusione di distinti procedimenti, di competenza di diverse amministrazioni pubbliche, la conferenza di servizi è convocata, anche su richiesta dell’interessato, da una delle amministrazioni procedenti.

3. Per progetti di particolare complessità e di insediamenti produttivi di beni e servizi l’amministrazione procedente, su motivata richiesta dell’interessato, corredata da uno studio di fattibilità, può indire una conferenza preliminare finalizzata a indicare al richiedente, prima della presentazione di una istanza o di un progetto definitivo, le condizioni per ottenere, alla loro presentazione, i necessari pareri, intese, concerti, nulla osta, autorizzazioni, concessioni o altri atti di assenso, comunque denominati. L’amministrazione procedente, se ritiene di accogliere la richiesta motivata di indizione della conferenza, la indice entro cinque giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta stessa. La conferenza preliminare si svolge secondo le disposizioni dell’articolo 14-bis, con abbreviazione dei termini fino alla metà. Le amministrazioni coinvolte esprimono le proprie determinazioni sulla base della documentazione prodotta dall’interessato. Scaduto il termine entro il quale le amministrazioni devono rendere le proprie determinazioni, l’amministrazione procedente le trasmette, entro cinque giorni, al richiedente. Ove si sia svolta la conferenza preliminare, l’amministrazione procedente, ricevuta l’istanza o il progetto definitivo, indice la conferenza simultanea nei termini e con le modalità di cui agli articoli 14-bis, comma 7, e 14-ter e, in sede di conferenza simultanea, le determinazioni espresse in sede di conferenza preliminare possono essere motivatamente modificate o integrate solo in presenza di significativi elementi emersi nel successivo procedimento anche a seguito delle osservazioni degli interessati sul progetto definitivo. Nelle procedure di realizzazione di opere pubbliche o di interesse pubblico, la conferenza di servizi si esprime sul progetto di fattibilità tecnica ed economica, al fine di indicare le condizioni per ottenere, sul progetto definitivo, le intese, i pareri, le concessioni, le autorizzazioni, le licenze, i nullaosta e gli assensi, comunque denominati, richiesti dalla normativa vigente.

4. Qualora un progetto sia sottoposto a valutazione di impatto ambientale, tutte le autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati, necessari alla realizzazione del medesimo progetto, vengono acquisiti nell’ambito della conferenza di servizi di cui all’articolo 25, comma 3, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, convocata in modalità sincrona ai sensi dell’articolo 14-ter. La conferenza è indetta non oltre dieci giorni dall’esito della verifica documentale di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936635
TITOLO II - DISPOSIZIONI DI COORDINAMENTO CON LE DISCIPLINE SETTORIALI DELLA CONFERENZA DI SERVIZI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936636
Art. 2. - Modifiche al Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia

1. Al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 R, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all’articolo 5:

1) al comma 3 ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936637
Art. 3. - Modifiche alla disciplina dello Sportello unico per le attività produttive

1. All’articolo 38, comma 3, lettera f), del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 R, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936638
Art. 4. - Modifiche alla disciplina dell’Autorizzazione unica ambientale

1. All’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 2013, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936639
Art. 5. - Modifiche al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale

1. Al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 R sono apportate le seguenti modificazioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936640
Art. 6. - Disposizioni di coordinamento con la disciplina in materia di autorizzazione paesaggistica

1. Nel caso di conferenza di servizi indetta per interventi che richiedono l’au

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936641
Art. 7. - Disposizione transitoria

1. Le disposizioni del presente decreto trovano applicazione ai procedimenti avviati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932907 2936642
Art. 8. - Clausola generale di coordinamento

1. I rinvii operati dalle disposizioni vigenti agli articoli da 14 a 14-quinquies del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

Organizzazione e funzionamento della Conferenza di servizi

Che cosa è la Conferenza di servizi; Ultime rilevanti modifiche normative; Conferenza di servizi ISTRUTTORIA; Conferenza di servizi DECISORIA; Conferenza di servizi PRELIMINARE; Conferenza di servizi su progetto sottoposto a Valutazione di impatto ambientale; Caratteristiche generali; Termini di svolgimento e conclusione; Espressione delle determinazioni e conclusione del procedimento; La Conferenza di servizi “simultanea”; Efficacia della decisione e rimedi; Schema grafico sul funzionamento della Conferenza di servizi; Modulistica Associazione nazionale comuni italiani (ANCI).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Procedimenti amministrativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Pubblica Amministrazione
  • Impiantistica

Impianti alimentati da fonti rinnovabili: regime e procedure autorizzative

INDICAZIONI GENERALI SUGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Normativa di riferimento sugli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Definizione di impianto per la produzione di energia da fonti rinnovabili; Libertà di installazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Incentivi; Prerogative regionali per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili) - PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Procedure a disposizione; L’autorizzazione unica (AU); La procedura abilitativa semplificata (PAS); Impianti alimentati da fonti rinnovabili in regime libero o previa comunicazione) - CASI PARTICOLARI (Impianti “ibridi”, alimentati solo parzialmente da fonti rinnovabili; Impianti off shore) - RIEPILOGO REGIME AUTORIZZATIVO IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI (Premessa e avvertenza; Fonte solare fotovoltaica; Fonte solare termica; Fonte eolica e torri anemometriche; Fonte da biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas; Fonte idraulica e geotermica; Pompe di calore, microcogenerazione, altre fattispecie residuali; Impianti per la produzione di biometano) - COLLEGAMENTO DEGLI IMPIANTI ALLA RETE ELETTRICA - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

Accesso civico generalizzato (FOIA), disciplina e indicazioni operative per enti e P.A.

ACCESSO AGLI ATTI E ACCESSO CIVICO (Normativa di riferimento; Differenze) - INDICAZIONI PROCEDURALI PER ENTI E P.A. (Indicazioni generali; Modalità di presentazione della richiesta; Uffici competenti; Tempi e termini della decisione; Controinteressati; Gestione delle richieste di accesso - Dinieghi; Richieste massive o manifestamente irragionevoli; Soluzioni tecnico-organizzative) - IL FOIA NELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E NELL’ESECUZIONE DI CONTRATTI PUBBLICI.
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Procedimenti amministrativi
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

L’accesso civico (FOIA) e l'accesso agli atti nei procedimenti di appalti e contratti pubblici

ACCESSO AGLI ATTI E ACCESSO CIVICO (Normativa di riferimento; Differenze) - ACCESSO CIVICO E PROCEDURE DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Disciplina specifica dell’art. 53 del Codice dei contratti pubblici; Orientamenti della giurisprudenza amministrativa e dell'ANAC) - ACCESSO AGLI ATTI E PROCEDURE DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Indicazioni generali e finalità del diritto di accesso; Soggetti aventi diritto; Documenti oggetto dell’accesso e documenti esclusi; Tutela dei segreti industriali o commerciali; Provvedimenti o inerzia dell’amministrazione, opposizione, esecuzione differita; Termine per proporre ricorso al TAR, contenzioso).
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Pubblica Amministrazione
  • Procedimenti amministrativi

Scia: termini inizio attività, poteri inibitori dell’amministrazione e annullamento in autotutela

PREMESSA - LA SCIA: PRESENTAZIONE, TERMINI PER L’INIZIO DELL’ATTIVITÀ E POTERI INIBITORI DELL’AMMINISTRAZIONE - L’ANNULLAMENTO D’UFFICIO DI ATTI IN AUTOTUTELA - CONSOLIDAMENTO DELLA SCIA E TUTELA DEL TERZO - GIURISPRUDENZA SUI POTERI DI AUTOTUTELA DELLA P.A. E SUL TERMINE PER POTERLI ESERCITARE (Limiti ai poteri di autotutela; Poteri di autotutela e abusi edilizi; Annullamento parziale; Comunicazione di avvio del procedimento e rispetto del termine; Valenza del termine di 18 mesi; Decorrenza dei 18 mesi per i provvedimenti adottati prima della L. 124/2015).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018

  • Finanza pubblica
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione
  • Leggi e manovre finanziarie

Locazione immobili pubblici: blocco adeguamento ISTAT dei canoni

  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Demanio idrico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie