FAST FIND : NN14613

Deliberaz. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 07/11/2012, n. 93

2613762 2613762
Schema Idrico Basento – Bradano – Tronco di Acerenza – Distribuzione III Lotto. Importo a base di appalto 77 milioni di Euro.

1. Ai sensi dell’art. 10, comma 5 del D. Lgs. n. 163/2006 il RUP deve essere nominato fra i tecnici di ruolo, dotati di adeguata professionalità, della stazione appaltante. L’evenienza che il RUP appartenga all’Amministrazione è infatti strettamente interconnessa con il ruolo propositivo - pianificatore posto in capo a tale figura che dovrebbe addirittura suggerire alla propria Amministrazione l’opera e studiarne la convenienza e la fattibilità; il codice infatti e l’attuale regolamento indicano che il RUP deve essere nominato ancor “prima della fase di predisposizione dello studio di fattibilità”, o comunque prima dell’avvio della progettazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2613762 2618339
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2613762 2618340
Considerato in fatto

Con lettera assunta a prot. N. 128251 in data 28/12/2011 il Sig. Aniello Buccino inviava una nota indirizzata, fra gli altri, anche a questa Autorità con la quale segnalava presunte irregolarità nella nomina del RUP e della Commissione di gara dei lavori in oggetto, a suo tempo previsti dalla Cassa per il Mezzogiorno e finanziati dal CIPE come opera strategica della legge Obiettivo.

Al riguardo il D.G. VICO disponeva d’ufficio l’avvio di un’istruttoria “ai fini della verifica della legittimità della nomina del RUP, della nomina della Commissione di gara e di quella di collaudo, nonché ai fini della verifica della legittimità del Bando, del disciplinare e della procedura di gara”.

Dalle informazioni fornite dal Commissario Straordinario dell’Ente Irrigazione Puglia Lucania Irpinia e dalla Regione Basilicata (EIPLI)si rileva quanto segue.

Con Delibera n. 121 del 21 Dicembre 2001 il CIPE approvava il Programma delle Infrastrutture strategiche inserendo fra gli altri anche l’intervento in oggetto. In data 20 dicembre 2002 veniva sottoscritta, tra Governo e Regione Basilicata, l’Intesa Generale Quadro che individuava quale soggetto aggiudicatore dell’intervento la Regione Basilicata e stimava il costo dello stesso pari a circa 105 Mln euro.

In data 08/11/2005 il Presidente della Regione Basilicata dava incarico all’EIPLI di predisporre il progetto preliminare dell’intervento.

Con nota in pari data, sempre a firma del Presidente della regione Basilicata, veniva comunicato alla Segreteria Tecnica del Ministero infrastrutture e trasporti ed al Commissario dell’EIPLI che il RUP dell’intervento era il Dr. Mariano Tramutoli “dirigente in servizio presso l’Autorità di Bacino della Basilicata”.

In data 13/12/2005 con decreto n. 504 il Commissario straordinario dell’EIPLI approvava il progetto preliminare dell’intervento per l’importo complessivo di euro 104.500.000,00 di cui Euro 74.057.610,00 a base d’asta.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2613762 2618341
Ritenuto in diritto

Le questioni poste dall’esponente afferiscono sostanzialmente alla legittimità dei contenuti della convenzione stipulata tra Regione Basilicata ed EIPLI, ed ai successivi conseguenti atti, in merito alla nomina dei componenti della Commissione aggiudicatrice dei lavori e della commissione di collaudo, oltreché l’evenienza che il RUP dei lavori non sia un dipendente di ruolo della S.A..

Riguardo la Commissione di gara.

La problematica presenta due aspetti. Il primo riguarda la circostanza che i Commissari, ed in particolare il Presidente, possano essere soggetti esterni alla S.A., il secondo riguarda la possibilità che la “designazione” di uno o più membri, (nello specifico il Commissario Presidente), avvenga a cura di un organo politico, nel caso in esame il Presidente della Regione.

In merito alla prima circostanza questa Autorità si è espressa con proprio parere sulla Normativa del 05/05/2011 – (rif. AG 14/2011 d.lgs 163/06 Articoli 84 - Codici 84.1). “L’art. 84 del D.Lgs. n. 163/2006 disciplina distintamente la posizione del Presidente da quella degli altri componenti della commissione di gara; in particolare, dal combinato disposto del comma 3 con il comma 8 della disposizione de qua, si evince il principio per cui il Presidente della commissione di gara deve essere necessariamente individuato all’interno dell’ente (dirigente o, in via eccezionale, funzionario apicale dell’amministrazione, ex comma 3), mentre per gli altri componenti è ammesso, in alternativa, il ricorso a funzionari di altre amministrazioni aggiudicatrici o a professionisti esterni, con ricorso in tale ultimo caso esclusivamente alle professionalità ivi indicate (comma 8). A tal riguardo sembra opportuno rilevare che la giurisprudenza amministrativa ha censurato la nomina di un dirigente di altra amministrazione come Presidente di una commissione di gara (Consiglio di Stato n. 2711/2006), mentre ha ritenuto ammissibile che a rivestire tale ruolo sia il segretario comunale negli enti locali privi di personale dirigenziale, tenuto conto che in applicazione della disciplina recata dal D.Lgs. n. 267/2000R ai segretari comunali possono essere attribuite funzioni dirigenziali (Consiglio di Stato, sez. V, 21 agosto 2006, n. 4858). In tal senso si è espressa anche l’Autorità con parere di precontenzioso n. 23/2007.

La norma, dunque, deve essere interpretata restrittivamente quanto alla possibilità di ricorrere – per la nomina del Presidente della commissione di gara – a soggetti differenti dal personale dirigenziale della stazione appaltante o di funzionari apicali della stessa, con l’ulteriore considerazione che nel caso in cui l’organizzazione dell’amministrazione non consenta di ricorrere a siffatte professionalità, la giurisprudenza ritiene ammissibile in via residuale una deroga alla predetta norma, nei confronti di soggetti (come il segretario comunale) che comunque garantiscono la rappresentatività dell’ente e la piena tutela degli interessi del medesimo, nonché una adeguata professionalità in relazione all’incarico da svolgere”.

Da quanto sopra esposto discende che il Presidente della Commissione di gara doveva appartenere alla S.A. ovvero all’EIPLI.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2613762 2618342
Il Consiglio

ritiene che:

1. la Convenzione stipulata tra l’EIPLI, la Re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Collaudo tecnico amministrativo dei lavori

PREMESSA - FINALITÀ, OBBLIGO ED OGGETTO DEL COLLAUDO (Obbligo di collaudo e obbligo di verifica della regolare esecuzione dei lavori - Distinzione; Oggetto del collaudo) - ATTI PRELIMINARI AL COLLAUDO. AVVISO AI CREDITORI E NOMINA DELL’ORGANO DI COLLAUDO (Avviso per i soggetti che ritengono di avere subito danni da parte dell’esecutore; Nomina del collaudatore o della commissione di collaudo) - PROCEDIMENTO DI COLLAUDO (Consegna della documentazione al collaudatore (o alla commissione di collaudo); Sopralluoghi, prove e misurazioni; Termine per le operazioni di collaudo - Prolungamento dei lavori di collaudo oltre il termine assegnato; Confronto degli esiti delle operazioni di sopralluogo con i documenti contrattuali e i documenti contabili) - CERTIFICATO DI COLLAUDO E SUA APPROVAZIONE (Trasmissione del certificato all’esecutore - Osservazioni e richieste dell’esecutore; Trasmissione del certificato alla Stazione appaltante - Provvedimento di ammissione del collaudo o nuovo collaudo; Certificato di collaudo provvisorio e definitivo) - PAGAMENTO DEL SALDO A FRONTE DELLA RELATIVA POLIZZA FIDEIUSSORIA. SUCCESSIVO SVINCOLO DELLA POLIZZA - CONSEGNA DELL’OPERA PRIMA DEL COMPIMENTO DEL COLLAUDO - COLLAUDI IN CORSO D’OPERA (Tempistica e cadenza delle visite di collaudo; Documentazione da fornire al collaudatore o alla commissione di collaudo; Verbale della visita di collaudo in corso d’opera) - IL COLLAUDO TECNICO-AMMINISTRATIVO NEGLI APPALTI PRIVATI - RESPONSABILITÀ DEL/I COLLAUDATORE/I DI LAVORI OGGETTO DI CONTRATTI PUBBLICI - RESPONSABILITÀ PER OMESSO COLLAUDO - RESPONSABILITÀ PENALI.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Appalti e contratti pubblici

Quadro normativo in materia di appalti e contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (D. LEG.VO 50/2016) (Emanazione del Codice e direttive europee; Entrata in vigore del Codice, abrogazioni, procedure in corso; Altre disposizioni già vigenti in base alla legge delega 11/2016; Successive modifiche al Codice dei contratti pubblici; Mappa temporale dei regimi giuridici applicabili) - FILOSOFIA DEL NUOVO CODICE E PROVVEDIMENTI ATTUATIVI (Principi cardine del Codice dei contratti pubblici; Provvedimenti attuativi, “soft law” vs. “hard law”) - GOVERNANCE DEL SETTORE DEI CONTRATTI PUBBLICI; La Cabina di regia per i contratti pubblici; Ruolo dell’ANAC nella governance dei contratti pubblici).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Autorità di vigilanza

Indicazioni operative per il periodo transitorio di vigenza del D. Leg.vo 50/2016

COMUNICATI ANAC DI RIFERIMENTO - FATTISPECIE NELLE QUALI CONTINUANO AD APPLICARSI LE DISPOSIZIONI PREVIGENTI - ACQUISIZIONE DEL CIG - OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE VERSO L’OSSERVATORIO - SEGNALAZIONI AL CASELLARIO INFORMATICO ED UTILIZZO DELL’AVCPASS (Casellario informatico; AVCPass; Comunicazioni da parte delle imprese all’Osservatorio) - ALTRI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE (Certificati di esecuzione dei lavori; Atti di programmazione e relativi alle procedure di affidamento) - ISCRIZIONI NEL CASELLARIO PER FALSE DICHIARAZIONI O FALSA DOCUMENTAZIONE PER ATTESTAZIONE SOA - SISTEMA UNICO DI QUALIFICAZIONE ESECUTORI LAVORI (Avvalimento nel sistema unico di qualificazione; Lavorazioni ricadenti nelle cosiddette “categorie variate”; Dimostrazione dei requisiti dell’idonea direzione tecnica; Periodo documentabile per la dimostrazione dei requisiti) - SEGNALAZIONI AL CASELLARIO INFORMATICO E ALTRI CHIARIMENTI VARI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici (CAM)

IL PIANO D’AZIONE NAZIONALE PER IL GPP (PAN-GPP) - CRITERI AMBIENTALI MINIMI NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE (Obbligatorietà dei criteri ambientali minimi; Applicazione all’intero valore dell’appalto; Criteri ambientali minimi nell’offerta economicamente più vantaggiosa; Documentazione progettuale) - CAM IN VIGORE PER LE VARIE CATEGORIE DI SERVIZI E FORNITURE (Struttura dei decreti di approvazione dei CAM; Elenco completo dei CAM in vigore, risposte a FAQ e chiarimenti vari) - PUNTEGGI PREMIANTI PER UTILIZZO DI MATERIALI RICICLATI NEGLI APPALTI (Norme sulle azioni premianti per l’utilizzo di materiali riciclati negli appalti; Previsione di decreti attuativi; Previsioni già inserite nei decreti attuativi del PAN-GPP; Punteggi premianti stabiliti dal D.M. 24/05/2016).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Soglie normativa comunitaria

Soglie comunitarie appalti pubblici di lavori, servizi e forniture e concessioni

REGOLAMENTI COMUNITARI DI RIFERIMENTO PER IL BIENNIO 2018-2019 - APPALTI NEI SETTORI ORDINARI (Soglie a partire dal 2020; Soglie (biennio 2018-2019); Soglie precedenti (dal 2012)) - APPALTI NEI SETTORI SPECIALI (Soglie a partire dal 2020; Soglie (biennio 2018-2019); Soglie precedenti (dal 2012)) - APPALTI NEI SETTORI DELLA DIFESA E DELLA SICUREZZA (Ambito applicativo; Soglie a partire dal 2020; Soglie (biennio 2018-2019); Soglie precedenti (dal 2012)) - CONCESSIONI (Soglie a partire dal 2020; Soglie (biennio 2018-2019); Soglie precedenti (dal 2012)).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2019

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo