FAST FIND : NN14565

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 09/05/2013, n. 70

2586703 2586703
Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dall’A.N.C.E. Varese – Costruzione dei collettori del comprensorio di depurazione di Besozzo – Importo a base di gara euro 2.250.000,00 – S.A.: Società per il risanamento e la salvaguardia dei bacini della sponda orientale del Verbano.

Art. 118, D.Lgs. 163/2006 e artt. 92 e 109, D.P.R. n. 207 del 2010 - Subappalto di categorie scorporabili a qualificazione obbligatoria

La normativa vigente non pone l’obbligo di indicare i nominativi dei subappaltat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2586703 2617248
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2586703 2617249
Considerato in fatto

In data 21 dicembre 2012 è pervenuta l’istanza in epigrafe indicata, con la quale l’Associazione dei costruttori edili della Provincia di Varese contesta le decisioni assunte dalla stazione appaltante in tema di subappalto.

In particolare l’istante rappresenta che il bando di gara richiede la qualificazione nella categoria prevalente OG6 – classifica IV (euro 1.539.640,78) e nelle seguenti categorie scorporabili: OG3 – classifica I (euro 234.375,84); OG1 – classifica I (euro 196.018,34); OS21 – classifica I (euro 279.965,04). Il paragrafo 4.2.1 del disciplinare di gara specifica all’ultimo capoverso, che “… ai sensi dell’art. 109, comma 2, del D.P.R. n. 207/2010, le lavorazioni di cui ai punti a), b) e c) della tabella che precede – e cio&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2586703 2617250
Ritenuto in diritto

La questione controversa concerne l’obbligo o meno del concorrente di dichiarare già in sede di offerta il nominativo dell’operatore economico a cui intende subappaltare le prestazioni oggetto dell’affidamento, nel caso in cui non possegga tutte le qualificazioni richieste dalla lex specialis per l’esecuzione delle diverse lavorazioni di cui si compone l’opera.

Per risolvere il quesito posto all’Autorità, è opportuno preliminarmente considerare la disciplina normativa vigente in materia.

Per quanto qui interessa, l’art. 92, primo comma, DPR 207/2010R stabilisce che il concorrente singolo può partecipare alla gara quando possieda la qualificazione nella categoria prevalente per l’importo totale dei lavori ovvero, in alternativa, quando sia qualificato nella categoria prevalente e nelle categorie scorporabili per i rispettivi importi, con la precisazione che i requisiti relativi alle categorie scorporabili non posseduti dall’impresa devono da questa essere posseduti con riferimento alla categoria prevalente. In altri termini, in caso di mancata qualificazione nelle categorie scorporabili a cui si riferisce l’affidamento, il legislatore ha richiesto unicamente un corrispondente incremento della qualificazione nella categoria prevalente.

Ai sensi del successivo art. 109, primo comma, l’affidatario qualificato nella categoria di opere generali o specializzate indicata nel bando di gara come prevalente ha la facoltà di eseguire direttamente tutte le lavorazioni di cui si compone l’opera, anche se è privo delle relative qualificazioni, oppure può, in alternativa, subappaltare dette lavorazioni specializzate ad imprese in possesso delle relative qualificazioni. Tuttavia, in virtù di quanto previsto dal secondo comma

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2586703 2617251
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione che non è conforme alla lex speciali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Il subappalto nei contratti pubblici: nozione, limiti e condizioni

A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Autorità di vigilanza
  • Professioni

Direzione, esecuzione e contabilità dei lavori pubblici

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Emanuela Greco
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici (CAM)

IL PIANO D’AZIONE NAZIONALE PER IL GPP (PAN-GPP) - CRITERI AMBIENTALI MINIMI NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE (Obbligatorietà dei criteri ambientali minimi; Applicazione all’intero valore dell’appalto; Criteri ambientali minimi nell’offerta economicamente più vantaggiosa; Documentazione progettuale) - CAM IN VIGORE PER LE VARIE CATEGORIE DI SERVIZI E FORNITURE (Struttura dei decreti di approvazione dei CAM; Elenco completo dei CAM in vigore, risposte a FAQ e chiarimenti vari) - PUNTEGGI PREMIANTI PER UTILIZZO DI MATERIALI RICICLATI NEGLI APPALTI (Norme sulle azioni premianti per l’utilizzo di materiali riciclati negli appalti; Previsione di decreti attuativi; Previsioni già inserite nei decreti attuativi del PAN-GPP; Punteggi premianti stabiliti dal D.M. 24/05/2016).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Attività tecniche dei dipendenti della P.A.: abilitazione, svolgimento e incentivi

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Disposizioni antimafia
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Obblighi di pubblicazione e trasmissione di dati relativi ad appalti e contratti pubblici

A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria