FAST FIND : NR6023

L. R. Umbria 03/01/2000, n. 2

Norme per la disciplina dell’attività di cava e per il riuso di materiali provenienti da demolizioni.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 3/2001
- L.R. 29/12/2003, n. 26
- L.R. 23/12/2004, n. 34
- L.R. 24/12/2007, n. 36
- L.R. 12/02/2010, n. 9
- L.R. 04/04/2014, n. 5
- L.R. 29/12/2014, n. 29
- L.R. 30/03/2015, n. 6
- L.R. 26/11/2015, n. 17
- L.R. 27/12/2018, n. 14
Scarica il pdf completo
23175 5308391
Art. 1 - (Finalità)

1. La presente legge disciplina la programmazione e l'attività di coltivazione di materiali di cava per il soddisfacimento del fabbisogno regional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308392
Art. 2 - (Definizioni)

N2

1. Ai fini della presente legge costituiscono materiali di cava le sostanze minerarie appartenenti alla seconda categoria cave e torbiere,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308393
Art. 3. - (Contenuti e finalità del PRAE)

1. La programmazione delle attività di cui alla presente legge si attua attraverso il Piano regionale delle attività estrattive di seguito denominato PRAE.

2. Obiettivo del PRAE è il corretto utilizzo delle risorse naturali nel quadro della salvaguardia dell'ambiente e del territorio, delle sue componenti fisiche, biologiche, paesaggistiche e monumentali, in coerenza con il Piano urbanistico territoriale.

3. Il PRAE contiene:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308394
Art. 4. - (Approvazione del PRAE)

1. La Giunta regionale, nel rispetto delle procedure di concertazione e partenariato istituzionale e sociale previste dall'articolo 5 della legge regionale 28 febbraio 2000, n. 13, adotta il progetto di PRAE, proponendolo al Consiglio regionale per l'approvazione. N2

2. Il PRAE, approvato dal Consiglio regionale, ha validità "decennale"N2 e può essere aggiornato ogni due anni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308395
Art. 5 - (Aree di cava)

N2

1. L'estrazione del materiale di cava di cui al comma 1 dell'articolo 2 è consentita nelle aree del territorio regionale destinate dagli strumenti urbanistici generali comunali ad attività estrattiva, all'interno dei giacimenti di cui è stata riconosciuta la disponibilità ai sensi dell'articolo 5 bis, salvo quanto previsto per il fabbisogno straordinario e le calamità naturali.

2. È comunque vietata l'apertura di nuove cave e la riattivazione di cave dismesse all'interno dei seguenti ambiti o vincoli ostativi come individuati e definiti dal PRAE o suoi aggiornamenti:

a) alvei dei corsi d'acqua e laghi, fasce di rispetto, aree del demanio idrico;

b) aree con acquiferi a vulnerabilità estremamente elevata ed elevata;

c) aree con acquiferi alluvionali di intere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308396
Art. 5 bis - (Accertamento dei giacimenti di cava)

N2

1. L'accertamento della disponibilità di giacimenti di materiali di cava destinati al soddisfacimento del fabbisogno ordinario è effettuato con le procedure di cui al presente articolo dal Comune competente per territorio, su richiesta del proprietario o dei proprietari dei suoli, oppure di altri soggetti aventi titolo, nel rispetto dei criteri e delle modalità stabiliti dal PRAE e dalle norme regolamentari di cui all'art. 18 bis.

2. Con esclusivo riferimento ad aree inerenti attività in esercizio o dismesse il comune, se i soggetti di cui al comma 1 non richiedono l'accertamento del giacimento, da effettuare su aree contigue a quelle già autorizzate, può procedere d'ufficio all'accertamento stesso, al fine di assicurare il razionale sfruttamento dei giacimenti e l'ottimale ricomposizione ambientale delle aree di cava.

3. Il comune esamina la richiesta di accertamento N22 in relazione:

a) alla rispondenza della documentazione allegata all'istanza di cui al comma 1;

b) allo stato dei luoghi, loro grado di rinaturazione e reinserimento ambientale nel contesto paesaggistico locale, nel caso di accertamenti che interessino aree di cava dismesse;

c) allo stato di avanzamento delle opere di escavazione e ricomposizione ambientale realizzate o previste, nel caso di accertamenti che interessino cave in esercizio;

d) alle caratteristiche del territorio direttamente o indirettamente interessato, nel caso di accertamenti finalizzati all'apertura di nuove cave;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308397
Art. 6. - ("Ricomposizione e compensazione ambientale")

1. Ai fini della presente legge per ricomposizione ambientale si intende l'insieme delle azioni da esercitarsi durante e a conclusione dei lavori di coltivazione di cava, aventi il fine di recuperare sull'area ove si è svolta l'attività le condizioni di naturalità preesistenti e un assetto finale dei luoghi coerente e compatibile con il contesto paesaggistico e ambientale locale, nell'ottica della salvaguardia dell'ambiente naturale e del riuso del suolo.

2. Il progetto definitivo di cui all'art. 7, ai fini della ricomposizione ambientale, prevede:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308398
Art. 7 - (Procedimento per l'approvazione del progetto)

N2

1. I soggetti interessati all'esercizio dell'attività estrattiva presentano al Comune territorialmente competente apposita istanza con allegato progetto, in conformità con le norme regolamentari di cui all'articolo 18 bis e con le disp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308399
Art. 8. - (Autorizzazione)

1. La coltivazione dei giacimenti di cava "per il soddisfacimento del fabbisogno ordinario, esclusi i casi di cui all'articolo 8 bis"N2 è subordinata ad autorizzazione rilasciata dal Comune entro venti giorni dal l'approvazione del progetto definitivo ai sensi dell'art. 7.

2. Autorizzazione ha per oggetto:

a) l'attività di estrazione;

b) la ricomposizione ambientale;

c) i connessi impianti di prima lavorazione dei materiali e i servizi di cantiere ubicati entro il perimetro della cava;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308400
Art. 8 bis. - (Concessioni)

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308401
Art. 8 ter. - (Impianti connessi)

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308402
Art. 8 quater. - (Attività estrattive in deroga)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308403
Art. 9. - (Subingresso nelle coltivazioni)

1. L'autorizzazione "o concessione"N2 ha natura personale e non può essere trasferita a terzi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308404
Art. 10. - (Garanzie patrimoniali)

1. Il rilascio dell'autorizzazione è subordinato alla presentazione da parte dell'istante a favore del Comune, di una cauzione o garanzia fideiussoria, con esclusione del beneficio di preventiva escussione di cui al comma 2 dell'art. 1944 del codice civile. La garanzia è di entit&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308405
Art. 11. - (Adempimenti connessi con l'autorizzazione)

N2

1. Il titolare dell'autorizzazione o della concessione ha l'obbligo di:

a) nominare, prima dell'inizio dei lavori, il direttore dei lavori di cava, allegando la relativa accettazione, quale figura responsabile della corretta esecuzione dei lavori di escavazione e ricomposizione ambientale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308406
Art. 12 - (Contributo per la tutela dell'ambiente)

N8

1. Il titolare dell'autorizzazione o della concessione alla coltivazione di cava è tenuto al pagamento di un contributo per la tutela dell'ambiente, proporzionale alla quantità di materiale estratto.

2. Il contributo di cui al comma 1 è determinato e versato dal titolare dell’autorizzazione o della concessione alla “Regione” N15 sulla base dei seguenti importi unitari per ciascun metro cubo estratto diversificati in ragione delle categorie di materiali di seguito indicate:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308407
Art. 13. - (Adempimenti connessi con l'ultimazione dei lavori di coltivazione)

1. Ultimati i lavori di coltivazione e di ricomposizione e compensazione ambientale, il titolare della autorizzazione ne dà comunicazione al Comune e alla Provincia, "per i provvedimenti di rispettiva competenza".N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308408
Art. 14. - (Funzione di vigilanza e di polizia mineraria)

1. Le funzioni di vigilanza sull'attività di cava, in ordine al rispetto del progetto e delle prescrizioni dell'autorizzazione, sono esercitate "dalle province".N2

1 bis. Gli atti, i verbali, i rapporti prodotti a seguito dell'attività di vigilanza sono trasmessi al Comune interessato al fine dell'adozione dei provvedimenti “di cui all’articolo 15".

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308409
Art 15. - (Sospensione e decadenza dell'autorizzazione)

1. Il Comune territorialmente competente provvede alla sospensione dell'autorizzazione, indicando contestualmente i termini per l'adempimento, qualora:

a) venga riscontrata l'inosservanza del progetto approvato;

b) il titolare dell'autorizzazione non adempia agli obblighi di cui all'art. 11 comma 1 lett. a), b), d) ed f) e comma 2; N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308410
Art. 16. - (Revoca dell'autorizzazione)

1. Quando dalla coltivazione di cave e torbiere derivi grave pericolo di dissesto idrogeologico, tale da comportare rischio per la sicurezza delle persone e degli insediamenti umani, l'Autorità di vigilanza può diffidare il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308411
Art. 17. - (Sanzioni)

1. Il mancato versamento, nei termini di legge del contributo di cui al comma 2 dell'art. 12 comporta:

a) l'aumento del contributo “in misura pari al cinque per cento” N9 qualora il versamento del contributo sia effettuato entro i successivi centoventi giorni;

b) l'aumento del contributo “in misura pari al quindici per cento” N9 quando, superato il termine di cui alla lettera a), il ritardo si protrae non oltre i successivi sessanta giorni;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308412
Art. 18 - (Riutilizzo di rifiuti inerti)

N2

1. Al fine di favorire la tutela ambientale e il massimo riuso delle risorse esistenti, il Piano reg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308413
Art. 18 bis - (Norme regolamentari di attuazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308414
Art. 18 ter. - (Valorizzazione di materiali assimilabili)

N7

1. I materiali provenienti da scavi di opere pubbliche o private, assimilabili per qualità ai materiali di cui all'articolo 2, comma 1, e non impiegati nella realizzazione delle opere stesse, possono essere stoccati in aree di cava in esercizio o aree di pertinenza di impianti di lavorazione o trasformazione di materiali di cava ubicate sul territorio regionale o in aree messe a disposizione dal comune interessato alla realizzazione dell'opera o altri comuni limitrofi, comprese le aree di cava dismesse.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308415
Art. 18 quater. - (Ricerca e innovazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308416
Art. 18 quinquies. - (Consorzi volontari)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308417
Art. 18 sexies. - (Norma finanziaria)

N2

1. Il contributo previsto all'articolo 12 della presente legge è introitato nella unità previsionale di base 3.1.003 del bilancio regiona

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308418
Art. 19. - (Norme transitorie e procedimenti pendenti)

1. "Dopo l'adozione dei Piani straordinari e delle misure di salvaguardia di cui al comma 1 bis dell'art. 1 del D.L. 11 giugno 1998, n. 180, convertito nella legge 3 agosto 1998, n. 267, e successive modifiche ed integrazioni",N1 e fino all'adeguamento degli strumenti urbanistici generali ai sensi del comma 2 dell'art. 48 della legge regionale 21 ottobre 1997, n. 31, i Comuni, fermo restando i divieti di cui al comma 2 dell'art. 5, possono approvare:

a) piani attuativi, di cui al Titolo Il della legge regionale 21 ottobre 1997, n. 31, finalizzati all'esercizio dell'attività estrattiva in aree destinate ad attività con la quale quella estrattiva risulta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
23175 5308419
Art. 20. - (Abrogazioni)

1. La legge regionale 8 aprile 1980, n. 28 e la legge regionale 26 aprile 1985, n. 27, sono abrogate.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Informatica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Il subappalto di lavori privati in materia edilizia

NOZIONE E CONTESTO NORMATIVO - L’ASSENSO DEL COMMITTENTE (Assenso come mera autorizzazione; Possibilità di un consenso preventivo e generico; Assenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore) - AUTONOMIA TRA CONTRATTO DI SUBAPPALTO E CONTRATTO DI APPALTO (Autonomia contrattuale delle parti; Responsabilità per mancata consegna dell’area di cantiere; Accettazione senza riserve) - RESPONSABILITÀ DEL SUBCOMMITTENTE (Responsabilità per danni a terzi; Responsabilità per lavorazioni pericolose); RESPONSABILITÀ DEL SUBAPPALTATORE (Responsabilità per difformità e vizi dell’opera; Responsabilità per rovina e difetti di cose immobili; Denuncia dei vizi; Riconoscimento dei vizi; Obbligo di segnalare le istruzioni errate del subcommittente; Responsabilità in caso di infortuni sul lavoro).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Appalti di lavori privati
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Il reato di abuso d'ufficio in materia edilizia

Contesto normativo - Elementi costitutivi del reato: la condotta dell’agente (violazione di norme di legge o regolamento, omissione di astensione in caso di conflitto di interessi), l’evento del reato (procurare un ingiusto vantaggio patrimoniale, arrecare un ingiusto danno) e la configurazione del dolo (dolo intenzionale come volontà di cagionare l’evento in via primaria, gli elementi sintomatici del dolo) - Concorso del privato nel reato.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

La responsabilità del costruttore per gravi difetti dell’opera

Punto della giurisprudenza sui casi nei quali è applicabile la responsabilità del costruttore per rovina, pericolo di rovina o gravi difetti dell’opera, con particolare riguardo ai lavori di ristrutturazione, riparazione o modifica di edifici esistenti. A seguito del contrasto giurisprudenziale sorto sul caso, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate con la sentenza 27/03/2017, n. 7756.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Catasto e registri immobiliari
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Fabbricati “collabenti” (ruderi): disciplina catastale, edilizia e fiscale

COSA SONO LE UNITÀ IMMOBILIARI “COLLABENTI” - DISCIPLINA CATASTALE SUI FABBRICATI COLLABENTI (Riferimenti normativi; Presupposti per l’iscrizione in catasto; Modalità per l’accatastamento; Compravendita e dichiarazioni catastali) - INTERVENTI EDILIZI SUI FABBRICATI COLLABENTI - AGEVOLAZIONI PER RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - AGEVOLAZIONI PRIMA CASA SUI FABBRICATI COLLABENTI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)