FAST FIND : GP14145

Sent. C. Stato 16/03/2010, n. 1535

2293091 2293091
1. Attività edilizia - Appalti privati - Permesso di costruire - Impugnazione - Terzi interessati legittimati - Individuazione. 2. Procedimenti amministrativi - Avvio del procedimento - Obbligo di comunicazione ex art. 7 L. 241/2010 - Soggetti destinatari - Individuazione. 3. Edilizia e immobili - Titoli abilitativi - Permesso di costruire annullato - Sanatoria ex art. 38, D.P.R. 380/2001 - Applicabilità.

1. La legittimazione a impugnare un permesso di costruire deve essere riconosciuta al proprietario di un immobile sito nella zona interessata alla costruzione, o comunque a chi si trovi in una situazione di stabile collegamento con la zona stessa, senza che sia necessario dimostrare ulteriormente la sussistenza di un interesse qualificato alla tutela giurisdizionale. La condizione di stabile collegamento tra gli immobili non p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
2293091 2293094
FATTO

I – Il Circolo Marina Mercantile “Nazario Sauro” di Trieste ha impugnato, chiedendone la riforma previa sospensiva, la sentenza con la quale il T.A.R. del Friuli Venezia Giulia, in accoglimento del ricorso proposto dai signori Licia Nuschak e Sergio Strukelj, ha annullato una concessione edilizia e una autorizzazione paesaggistica rilasciate dal Comune di Trieste a favore del medesimo Circolo, per la realizzazione della copertura di un preesistente campo da tennis.

A sostegno dell’appello, il predetto Circolo ha dedotto:

1) erronea reiezione delle eccezioni pregiudiziali proposte in ordine al difetto di legittimazione attiva, e conseguentemente di interesse al ricorso, in capo ai ricorrenti;

2) violazione ed errata interpretazione dell’unico motivo di ricorso relativo alla violazione dell’art. 7, comma 1, della legge 7 agosto 1990, nr. 241;

3) violazione ed errata interpretazione del pri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2293091 2293095
DIRITTO

1. In via preliminare, va disposta la riunione degli appelli in epigrafe, per evidenti ragioni di connessione.

Infatti, con il secondo appello è censurata la sentenza emessa tra le stesse parti del primo giudizio, in sede di esecuzione della sentenza impugnata col primo appello.

2. Sempre preliminarmente, a fini di migliore comprensione delle statuizioni che seguono, è d’uopo un sintetico riepilogo della vicenda amministrativa e processuale per cui è causa.

Oggetto del contendere è l’intervento intrapreso dal Circolo Marina Mercantile “Nazario Sauro” di Trieste per la realizzazione di una copertura parzialmente chiusa su un preesistente campo da tennis; tale intervento è stato assentito dal Comune di Trieste con una concessione edilizia e un’autorizzazione paesaggistica, originariamente impugnate dinanzi al T.A.R. del Friuli Venezia Giulia dai signori Licia Nuschak e Sergio Strukelj, proprietari dell’immobile limitrofo a quello interessato dai lavori de quibus.

All’esito di una prima pronuncia che aveva annullato i provvedimenti abilitativi rilasciati a favore del Circolo, questi sono stati rinnovati e nuovamente impugnati dagli stessi ricorrenti: in tale nuovo giudizio, il T.A.R. adito ha pronunciato la sentenza impugnata con l’appello nr. 1495 del 2008, annullando nuovamente gli atti di assenso per violazione dell’obbligo di comunicare l’avvio del procedimento ai signori Nuschak e Strukelj nonché per violazione della prescrizione delle N.T.A. del vigente P.R.G., in forza della quale qualsiasi intervento che comportasse ampliamento di impianti sportivi esistenti richiedeva la previa predisposizione di uno studio planivolumetrico.

Successivamente il medesimo giudice, adito per l’esecuzione della predetta sentenza, ha ordinato al Comune di Trieste di disporre la demolizione di quanto medio tempore edificato, considerando irrilevante il fatto che nelle more, pur essendo stato proposto appello dinanzi a questo Consiglio di Stato avverso la precedente sentenza di annullamento, l’Amministrazione comunale aveva dato corso alla procedura di approvazione dello studio planivolumetrico come prescritto dalle N.T.A.

Con i due appelli oggi all’esame, sono gravate le due susseguenti sentenze appena richiamate.

3. Il primo appello è infondato, e va conseguentemente respinto.

4. Col primo motivo di impugnazione, parte appellante reitera l’eccezione di inammissibilità del ricorso di primo grado, respinta dal T.A.R., per difetto di legittimazione ovvero di interesse in capo ai signori Nuschak e Strukelj; ciò sulla base di diffuse e articolate argomentazioni intese a evidenziare l’insussistenza di qualsivoglia concreta lesività dell’intervento sulle ragioni proprietarie degli orig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2293091 2293096
P.Q.M.

Il Consiglio di Stato, sezione Quarta, riuniti gli appelli in epigrafe:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Procedimenti amministrativi

La certificazione di agibilità degli edifici

PREMESSA (Scopo e funzione della certificazione di agibilità o abitabilità; Schema dell’evoluzione storica della certificazione di agibilità o abitabilità) - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI - OBBLIGO DI CONSEGUIRE L’AGIBILITÀ (Interventi edilizi soggetti all'onere di conseguire l’agibilità; Edifici soggetti all'onere di conseguire l’agibilità; Agibilità parziale; Agibilità degli edifici e regolarità urbanistico-edilizia, differenze) - CONSEGUENZE DELL’ASSENZA DELLA CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (Conseguenze sanzionatorie; Carenza della certificazione di agibilità ed ordinanza di sgombero; Conseguenze sugli atti di compravendita e locazione e sull'uso dell’immobile).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Rifiuto o ritardo della P.A. nei procedimenti edilizi: disciplina e conseguenze

Omesso provvedimento - Silenzio-inadempimento; Ritardo nella conclusione del procedimento - Risarcimento dei danni; Lesione del legittimo affidamento del privato su una situazione determinata dalla P.A.; Illegittimità dell’atto amministrativo; Arbitraria richiesta di dichiarazioni o produzioni documentali; Inerzia della P.A. di fronte a SCIA illegittima; Inerzia della P.A. nell’esecuzione forzata di provvedimenti di demolizione e restituzione in pristino; La responsabilità civile, amministrativa e disciplinare del pubblico dipendente; Abuso d’ufficio - Rifiuto ed omissione dolosi di atti d'ufficio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Procedimenti amministrativi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Pubblica Amministrazione

L’accesso civico (FOIA) e l'accesso agli atti nei procedimenti di appalti e contratti pubblici

ACCESSO AGLI ATTI E ACCESSO CIVICO (Normativa di riferimento; Differenze) - ACCESSO CIVICO E PROCEDURE DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Disciplina specifica dell’art. 53 del Codice dei contratti pubblici; Orientamenti della giurisprudenza amministrativa e dell'ANAC) - ACCESSO AGLI ATTI E PROCEDURE DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI (Indicazioni generali e finalità del diritto di accesso; Soggetti aventi diritto; Documenti oggetto dell’accesso e documenti esclusi; Tutela dei segreti industriali o commerciali; Provvedimenti o inerzia dell’amministrazione, opposizione, esecuzione differita; Termine per proporre ricorso al TAR, contenzioso).
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

Accesso civico generalizzato (FOIA), disciplina e indicazioni operative per enti e P.A.

ACCESSO AGLI ATTI E ACCESSO CIVICO (Normativa di riferimento; Differenze) - INDICAZIONI PROCEDURALI PER ENTI E P.A. (Indicazioni generali; Modalità di presentazione della richiesta; Uffici competenti; Tempi e termini della decisione; Controinteressati; Gestione delle richieste di accesso - Dinieghi; Richieste massive o manifestamente irragionevoli; Soluzioni tecnico-organizzative) - IL FOIA NELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E NELL’ESECUZIONE DI CONTRATTI PUBBLICI.
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

Scia: termini inizio attività, poteri inibitori dell’amministrazione e annullamento in autotutela

PREMESSA - LA SCIA: PRESENTAZIONE, TERMINI PER L’INIZIO DELL’ATTIVITÀ E POTERI INIBITORI DELL’AMMINISTRAZIONE - L’ANNULLAMENTO D’UFFICIO DI ATTI IN AUTOTUTELA - CONSOLIDAMENTO DELLA SCIA E TUTELA DEL TERZO - GIURISPRUDENZA SUI POTERI DI AUTOTUTELA DELLA P.A. E SUL TERMINE PER POTERLI ESERCITARE (Limiti ai poteri di autotutela; Poteri di autotutela e abusi edilizi; Annullamento parziale; Comunicazione di avvio del procedimento e rispetto del termine; Valenza del termine di 18 mesi; Decorrenza dei 18 mesi per i provvedimenti adottati prima della L. 124/2015).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Commercio e mercati
  • Procedimenti amministrativi
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018