FAST FIND : NR5579

Deliberaz. G.R. Valle D'Aosta 26/07/1999, n. 2515

Approvazione di disposizioni attuative della L.R. 6.4.1998, n. 11 previste all'art. 52 (disciplina applicabile nelle zone territoriali di tipo A).
Con le modifiche introdotte da:
- Delib. G.R. 09/08/2004, n. 2761
- Delib. G.R. 17/04/2000, n. 1180
- Delib. G.R. 05/12/2014, n. 1759
Scarica il pdf completo
22724 1623985
[Premessa]



Omissis


La Giunta r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22724 1623986
Allegato A - Disciplina applicabile nelle zone territoriali di tipo a (art. 52)

Capitolo I - Interventi e disciplina urbanistica

1. Al fine di una migliore applicazione dell'art. 52 della L.R. n. 11/1998 nonché per determinare le tipologie di intervento ammissibili in relazione ai diversi strumenti urbanistici si definiscono le seguenti indicazioni.

N1 “2. In assenza dei piani o dei programmi di cui agli articoli 49, 50 e 51 della L.R. n. 11/1998, o dell'apposita normativa di attuazione del PRG, nelle zone di tipo A) sono comunque consentiti gli interventi di cui al comma 4 dell'art. 52 della legge medesima; tenuto conto dei disposti delle lettere a) e g) del comma predetto, nell'ambito degli interventi consentiti anche in assenza dei piani e programmi di cui agli articoli 49, 50 e 51 della legge regionale n. 11/1998 ed in assenza dell'apposita normativa di attuazione, sono comprese le opere infrastrutturali "leggere", dirette al miglioramento ed al completamento del sistema delle infrastrutture pubbliche, le quali non costituiscano edificazione di aree libere, né ristrutturazione urbanistica, né apportino radicali modificazioni ai tracciati stradali o al sistema degli spazi pubblici, né costituiscano nuovi percorsi stradali o nuove piazze.”

3. L'apposita normativa di attuazione di cui al comma 2 dell'art. 52 della L.R. n. 11/1998 oltre agli interventi previsti in assenza di strumento attuativo di cui al comma 4 dell'art. 52 della L.R. n. 11/1998 può prevedere gli interventi seguenti:

a) ristrutturazione edilizia eccedente le limitazioni poste dal comma 4 dell'art. 52;

b) ampliamenti planimetrici ed in elevazione nei limiti di densità edilizia calcolata sulla base dei criteri di cui al provvedimento attuativo dell'art. 23 della L.R. n. 11/1998;

c) demolizione e ricostruzione di fabbricati non classificati come monumenti, documenti o di pregio, con possibilità di loro ampliamento nei limiti di cui al precedente punto b), da effettuarsi sullo stesso sedime al fine di adeguare le tipologie a quelle della zona;

d) demolizione, demolizione Q ricostruzione di bassi fabbricati anche su divers

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Enti locali
  • Pianificazione del territorio
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica

Abruzzo: contributi ai piccoli Comuni per la pianificazione urbanistica

A cura di:
  • Anna Petricca
  • Distanze tra le costruzioni
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio

Distanze legali tra le costruzioni, fasce di rispetto e vincoli di inedificabilità

AMBITO APPLICATIVO DELLE NORME SULLE DISTANZE (Valenza delle norme sulle distanze legali; Concetto di “costruzione” o “edificio” ai fini delle norme sulle distanze legali) - DISTANZE TRA EDIFICI NEI RAPPORTI TRA VICINI (Distanze tra costruzioni; Muro sul confine; Muro di cinta; Particolari manufatti edilizi (pozzi, cisterne, tubi, ecc.); Alberi e siepi; Luci e vedute; Patti in deroga tra privati; Violazione delle norme sulle distanze e tutela dei diritti dei vicini) - DISTANZE TRA EDIFICI AI FINI DEI TITOLI ABILITATIVI EDILIZI (Distanze nelle nuove costruzioni; Distanze negli interventi di demolizione e ricostruzione; Costruzioni in confine con le piazze e le vie pubbliche; Distanze tra edifici e deroghe del Piano Casa; Deroghe a distanze e altezze per interventi finalizzati al risparmio energetico) - MODALITÀ DI CALCOLO DELLE DISTANZE TRA EDIFICI (In genere; Modalità di misurazione; Rilevanza delle sporgenze ai fini del calcolo; Cosa debba intendersi per “parete finestrata”; Computo dei balconi aggettanti) - FASCE DI RISPETTO E VINCOLI DI INEDIFICABILITÀ (Cimiteri; Strade pubbliche; Ferrovie; Aeroporti; Suoli boschivi interessati da incendi; Corsi d’acqua pubblici; Linee elettriche).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Pianificazione del territorio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Urbanistica

La realizzazione delle opere di urbanizzazione nel D. Leg.vo 50/2016

PREMESSA (Gli oneri di urbanizzazione; I riferimenti nel T.U. dell’edilizia e nella Legge urbanistica; Quali sono le opere di urbanizzazione) - LA DISCIPLINA NEL “VECCHIO” D. LEG.VO 163/2006 (Procedure per l’affidamento; Livello di progettazione a base di gara; Opere non realizzate a scomputo ma in base a convenzione) - LA DISCIPLINA NEL NUOVO D. LEG.VO 50/2016 (Procedure per l’affidamento; Livello di progettazione a base di gara; Decorrenza della disciplina del D. Leg.vo 50/2016) - ALTRI CASI DI OPERE PUBBLICHE REALIZZATE A SPESE DEL PRIVATO - DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE OPERE (Criteri di determinazione; Variazione del valore stimato).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Provvidenze

Emilia Romagna: contributi ai comuni per la redazione dei Piani urbanistici generali (PUG)

Il bando regionale mette a disposizione dei Comuni un milione 800 mila euro per la redazione dei Piani urbanistici generali comunali (PUG). I Comuni potranno avere un contributo fino al 70% della spesa e avranno tempo fino al 15/10/2018 per presentare la domanda, che dovrà contenere un cronoprogramma con le tempistiche e la programmazione finanziaria delle attività per la formazione del Piano.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica
  • Standards
  • Pianificazione del territorio

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio tipo ai sensi del D.L. “sblocca Italia” 133/2014. Nell'articolo sono fornite indicazioni su che cosa è il Regolamento edilizio comunale, i suoi contenuti ed il procedimento di approvazione, sui contenuti del Regolamento tipo, sull'iter della sua approvazione e del successivo recepimento da parte degli enti territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)