FAST FIND : NR4604

L.R. Lazio 09/07/1998, n. 27

Disciplina regionale della gestione dei rifiuti.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 27/02/2020, n. 1
- L.R. 28/12/2018, n. 13
- L.R. 22/10/2018, n. 7
- L.R. 10/08/2016, n. 12
- L.R. 05/12/2006, n. 23
- L.R. 02/09/2003, n. 26
- L.R. 10/05/2001 n. 10
Scarica il pdf completo
21749 6221414
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221415
Art. 1 (Finalità)

1. La presente legge disciplina la gestione dei rifiuti nella Regione in coerenza con il D.L.vo “3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221416
Art. 2 (Ambito di applicazione)

1. La presente legge si applica alle attività di gestione dei rifiuti urbani e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221417
Art 3 (Principi)

1. La Regione, le province e i comuni, nell'esercizio delle funzioni di cui alla presente legge, sono tenuti a dare attuazione ai seguenti principi:

a) garantire il rispetto delle esigenze igienico-sanitarie al fine di tutelare la salute della collettività ed evitare possibili fonti di inquinamento dell'ambiente, preferibilmente mediante l'utilizzazione di tecnologie capaci di contenere ai più bassi livelli le emissioni in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221418
Art. 4 (Funzioni amministrative della Regione)

1. Competono alla Regione:

a) l'adozione del piano regionale di gestione dei rifiuti;

b) il coordinamento e la verifica di conformità con il piano regionale dei piani provinciali per l'organizzazione dei servizi di smaltimento e di recupero dei rifiuti;

c) l'adozione del piano regionale per la bonifica delle aree inquinate dai rifiuti previa predisposizione di un'anagrafe delle aree da bonificare;

d) l'adozion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221419
Art. 5 (Funzioni amministrative delle province)

1. Sono attribuite alle province:

a) l'adozione dei piani provinciali per l'organizzazione dei servizi di smaltimento e di recupero dei rifiuti, ivi compresi quelli per la raccolta differenziata, di seguito denominati piani provinciali, secondo il principio della gestione unitaria dei rifiuti e nel rispetto delle previsioni del piano regionale di gestione dei rifiuti;

b) il coordinamento dei comuni ricadenti nello stesso ambito territoriale ottimale in modo che sia garantita la gestione unitaria dei rifiuti urbani non pericolosi ai sensi dell'articolo 12;

c) l'attività di controllo sulla corretta gestione, intermediazione e commercio dei rifiuti nell'ambito del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221420
Art. 6 (Funzioni amministrative dei comuni)

1. Sono attribuite ai comuni:

a) l'attività di gestione dei rifiuti urbani ai sensi dell'articolo 21 del D.L.vo 22/1997, compresa la eventuale progettazione, realizzazione o modifica degli impianti fissi per la gestione dei rifiuti urbani, in attuazione dei piani provinciali, in modo da assicurare la raccolta differenziata;

b) l'adozione dei regolamenti per la disciplina della gestione dei rifiuti urbani, sulla base del regolamento-tipo di cui all'articolo 4, comma 1, lettera f);

c) N4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221421
Art. 6-bis (Stabilizzazione della filiera dei veicoli fuori uso e trattamento dei rifiuti metallici)

N10

1. Al fine di garantire la stabilizzazione della filiera dei veicoli fuori uso ed evitare l'interruzione delle attività di trattamento dei veicoli fuori uso e/o di trattamento dei rifiuti metallici ferrosi e non ferrosi, trova applicazione l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221422
Capo II - Programmazione regionale e provinciale in materia di gestione dei rifiuti e attuazione dei piani
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221423
Art. 7 (Programmazione regionale)

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale e sentito il comitato tecnico-scientifico per l'ambiente previsto dalla L.R. 18 novembre 1991, n. 74, approva il piano regionale di gestione dei rifiuti ai sensi dell'articolo 15 della L.R. 11 aprile 1986, n. 17 e successive modificazioni, anche in mancanza del programma regionale di sviluppo e del relativo quadro di riferimento territoriale di cui al Titolo I, Capo I, della L.R. 17/1986.

2. Il piano regionale di gestione dei rifiuti, sulla base dei dati forniti dalle province ai sensi dell'articolo 5, comma 3, definisce, nel rispetto dei principi previsti dall'articolo 3, il quadro complessivo delle azioni da attivare ai fini della costituzione di un sistema organico e funzionalmente integrato di gestione dei rifiuti.

3. Il piano regionale di gestione dei rifiuti prevede in particolare:

a) l'individuazione di eventuali ambiti territoriali ottimali per la gestione dei rifiuti urbani non pericolosi in deroga all'ambito provinciale de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221424
Art. 8 (Linee-guida per la predisposizione dei progetti di bonifica e di messa in sicurezza delle aree inquinate dai rifiuti)

1. La Giunta regionale, previo parere del comitato tecnico-scientifico per l'ambiente previsto dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221425
Art. 9 (Anagrafi regionali)

1. La Giunta regionale istituisce:

a) l'anagrafe delle aree inquinate dai rifiuti, in cui sono individuati siti da bonificare, sulla base delle not

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221426
Art. 10 (Regolamento-tipo per la gestione dei rifiuti urbani)

1. La Giunta regionale, previo parere del comitato tecnico-scientifico per l'ambiente previsto dalla L.R. 74/1991, approva, con propria deliberazione, un regolamento-tipo per la gestione dei rifiuti urbani, ai fini dell'elaborazione, da parte dei comuni, dei relativi regolamenti comunali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221427
Art. 11 (Piani provinciali)

1. Entro novanta giorni dalla data di pubblicazione del piano regionale di gestione dei rifiuti sul Bollettino Ufficiale della Regione, le province adottano, secondo le modalità di cui all'art. 16, della L.R. 17/1986, in quanto compatibili, i piani provinciali di cui all'art. 5, comma 1, lettera a).

2. I piani provinciali devono contenere i seguenti elementi:

a) l'accertamento del fabbisogno annuo di smaltimento dei rifiuti;

b) le modalità e le verif

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221428
Art. 12 (Modalità di cooperazione per la gestione dei rifiuti urbani non pericolosi in ambiti territoriali ottimali)

1. Entro novanta giorni dalla data di pubblicazione dei piani provinciali, le province ed i comuni ricadenti nello stesso ambito o sotto-ambito territoriale ottimale, al fine di cooperare per garantire la gestione unitaria dei rifiuti urbani non pericolosi, stipulano apposita convenzione, denominata convenzione di cooperazione "sulla base del disciplinare-tipo adottato dalla Giunta regionale"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221429
Art. 13 (Poteri sostitutivi della Regione)

1. Qualora le province od i comuni omettano l'adozione di singoli atti obbligatori co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221430
Art. 14 (Criteri tecnici per la valutazione e l'approvazione dei progetti degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti e delle discariche)

1. La Regione e la provincia competenti all'approvazione dei progetti di cui all'art.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221431
Art. 15 (Approvazione dei progetti e autorizzazione alla realizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti e delle discariche)

1. I soggetti che intendano realizzare gli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti e le discariche di cui all'articolo 4, comma 1, lettere g) ed h), e all'articolo 5, comma 2, lettera a), ivi compresi i comuni nel caso previsto dall'articolo 6, comma 1, lettera a), presentano apposita domanda rispettivamente alla Regione ed alla provincia competente per territorio, corredata dal relativo progetto, a seguito della pubblicazione dei criteri tecnici emanati ai sensi dell'articolo 14.

1 bis. Nel rispetto dei principi di cui all’articolo 178 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale) e successive modifiche, dei criteri di priorità e delle percentuali di raccolta differenziata disposti rispettivamente dall’articolo 179 e dall’articolo 205, comma 1 del succitato d.lgs. 152/2006, è vietata, qualora non sia espressamente prevista dal vigente Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, l’installazione di nuovi impianti di incenerimento e coincenerimento di rifiuti o che utilizzino combustibili derivanti da rifiuti. Il divieto si applica a tutti gli impianti, comunque denominati, come definiti agli articoli 273 e 273 bis del d.lgs. 152/2006, inclusi gli impianti che utilizzino altri processi di trattamento termico, quali, ad esempio, la pirolisi, la gassificazione ed il processo al plasma, anche nel caso in cui le sostanze risultanti dal trattamento non siano successivamente incenerite o i gas prodotti dal trattamento termico dei rifiuti siano purificati in misura tale da non costituire più rifiuti prima del loro incenerimento e da poter provocare emissioni non superiori a quelle derivanti dalla combustione di gas naturale. Il divieto di installazione di nuovi impianti si applica anche ai procedimenti di autorizzazione pendenti alla data di entrata in vigore della presente disposizione. N12

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221432
Art. 16 (Autorizzazione all'esercizio delle attività di smaltimento e di recupero dei rifiuti)

1. La Regione, le province ed i comuni, nell'ambito delle rispettive competenze, autorizzano le attività di smaltimento e recupero dei rifiuti.

2. L'autorizzazione è conc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221433
Art. 17 - (Bonifica e ripristino ambientale dei siti contaminati)

N3

1. Fatto salvo quanto disposto dal comma 2, per la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti contaminati si applicano le norme previste dal titolo V, della parte IV, del d.lgs. 152/2006.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221434
Art. 18 (Approvazione dei progetti e autorizzazione degli impianti di ricerca e di sperimentazione)

1. La Regione approva il progetto e autorizza la realizzazione e l'esercizio degli impianti di ricerca e di sperimentazione secondo le modalità di cui agli articoli 15 e 16, in quanto applicabili, localizzandoli, di norma, nelle aree individuate come idonee dai piani provinciali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221435
Art. 19 (Stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani)

1. Le stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani, soggette a valutazione di impatto ambientale ai sensi della nor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221436
Art. 20 (Procedure semplificate per l'autosmaltimento ed il recupero dei rifiuti)

1. Per i rifiuti individuati nei decreti di cui all'articolo 31, comma 2, del D.L.vo 22/1997, l'esercizio delle operazioni di smaltimento presso il luogo di produzione dei rifiuti o autosmaltimento e di recupero, disciplinato dal Titolo I, Capo V del D.L

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221437
Capo III - Disposizioni finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221438
Art. 21 ("Interventi per il contenimento, il riutilizzo e il recupero dei rifiuti urbani e per lo sviluppo delle raccolte differenziate")

1. La Regione, anche in collaborazione con gli enti locali, le associazioni ambientaliste, individuate ai sensi dell'articolo 13 della L. 8 luglio 1986, n. 349, quelle di volontariato riconosciute ai sensi della L.R. 28 giugno 1993, n. 29, i sindacati e le associazioni degli imprenditori, organizza e promuove campagne di sensibilizzazione dell'opinione pubblica finalizzate al raggiungimento degli obiettivi della raccolta differenziata ed alla diffusione delle tecnologie e delle metodiche che consentano di contenere la produzione dei rifiuti urbani e di riutilizzare e recuperare gli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221439
Art. 21-bis - (Tariffazione puntuale)

N5

1. La Regione promuove la ta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221440
Art. 22 - (Utilizzo di materiali riciclati)

N2

1. Per le finalità di cui all'articolo 19, comma 4, del D.Lgs. n. 22 del 1997, la Regione, gli enti locali, gli enti dipendenti dalla Regione e dagli enti locali, le società a prevalente capitale pubblico, anche di gestione di servizi:

a) coprono il proprio fabbisogno annuale di carta e cartoncino ad uso grafico e tipografico con una quota di carta, ottenuta integralmente o prevalentemente da materiali riciclati, pari almeno al cinquanta per cento del fabbisogno stesso;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221441
Art. 22 bis - (Accordi volontari e di programma)

N2

1. La Regione e/o gli enti locali promuovono e attivano tra l'amministrazione regionale stessa, gli enti locali, le associazioni economiche di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221442
Art. 22 ter - (Divieti di conferimento in discarica di particolari tipologie di rifiuti)

N2

1. È fatto divieto di smaltire in discarica rifiuti verdi costituiti da partite omogenee di sfalci, ramaglie, attività di manutenzione del verde pubblico e privato.

2. È fatto divieto di smaltire in discarica partite omogenee di frazioni riciclabili di rifiuto, costituite da carta, plastiche, vetro, legno. Per partite omogenee si intendono quantitativi costituiti da u

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221443
Art. 22 quater - (Sanzioni)

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221444
Art. 23 (Promozione dell'educazione e formazione professionale in materia ambientale e delle attività di volontariato)

1. La Regione, anche in collaborazione con gli enti locali, le associazioni ambientaliste, quelle di volontariato e dei consumatori, le istituzioni scolastiche, nonché gli enti,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221445
Art. 24 (Finanziamento degli impianti e delle attività di smaltimento e recupero dei rifiuti e di ricerca e sperimentazione)

1. Le spese relative alla realizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti e di ricerca e sperimentazione ed alla realizzazione di varianti sostanzia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221446
Art. 25 (Abrogazioni)

1. Fatto salvo quanto previsto dal comma 2, le LL.RR. 22 maggio 1995, n. 38, 10 genna

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221447
Capo IV - Disposizioni transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221448
Art. 26 (Primo piano regionale di gestione dei rifiuti e piani provinciali)

1. Entro il termine di cui all'articolo 22, comma 7, del D.L.vo 22/1997, la Giunta regionale, avvalendosi anche delle linee-guida per l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221449
Art. 27 (Efficacia dei piani esistenti)

1. In attesa dell'approvazione del primo piano regionale dei rifiuti di cui all'articolo 26 e fino alla pubblicazione dei conseguenti piani provinciali producono i loro effetti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221450
Art. 28 (Approvazione dei progetti e autorizzazione alla realizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e delle discariche)

1. In attesa dell'approvazione del primo piano regionale dei rifiuti di cui all'articolo 26 e della pubblicazione dei conseguenti piani provinciali, i soggetti interessati presentano alla Regione o alla provincia territorialmente competente qualora sia intervenuta la verifica di conformità dei piani provinciali di cui all'articolo 27, comma 1, lettera b), apposita domanda per la realizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e delle discariche, corredata dal relativo progetto.

2. Il progetto di cui al comma 1 deve contenere, tra l'altro i seguenti elementi:

a) l'esatta ubicazione e delimitazione dell'impianto o della discarica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221451
Art. 29 (Autorizzazione all'esercizio degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e delle discariche)

1. La Regione o la provincia, secondo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, autorizzano l'esercizio degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti u

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221452
Art. 30 (Impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e discariche in esercizio)

1. Gli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e le discariche attualmente in esercizio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221453
Art. 31 (Gestione dei rifiuti urbani non pericolosi esistenti)

1. Le gestioni pubbliche dei rifiuti urbani non pericolosi esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge continuano fino all'organizzazione della gestione unitaria di cui all'articolo 12.

2. I consorzi cui è stata affidata la realizzazione degli impianti di trattamento dei rifiuti ai sensi dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221454
Art. 32 (Programma per la bonifica delle aree interessate da discariche dismesse)

1. I comuni, entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, presentano alla Regione l'elenco delle aree interessate da discariche dismesse ricadenti nel proprio territorio.

2. Entro i successivi quattro mesi la Giunta regionale, sentito il comitato tecnico-scientifico per l'ambiente di cui alla L.R. 74/1991, propone al Consiglio regionale un programma per la bonifica delle aree interessate da discariche dismesse, di seguito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221455
Art. 33 (Sezione regionale del catasto dei rifiuti)

1. In attesa della costituzione dell'agenzia regionale per la protezione ambientale (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221456
Art. 34 (Impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti speciali in attesa dei piani)

1. In attesa dell'approvazione del primo piano regionale di gestione dei rifiuti di cui all'articolo 26 e della pubblicazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221457
Art. 35 (Autorizzazioni rilasciate ai sensi del D.P.R. 10 settembre 1982, n. 915)

1. Le autorizzazioni rilasciate ai sensi del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221458
Art. 36 (Procedure di valutazione di impatto ambientale)

1. In attesa dell'emanazione di apposita legge regionale di disciplina delle procedur

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221459
Art. 37 (Raccolta differenziata dei rifiuti urbani)

1. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge ed in attesa dell'approvazione del primo piano regionale per la gestion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221460
Art. 38 (Contributi per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani)

1. La Regione concede alle province ed ai comuni contributi per la realizzazione degl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221461
Art. 39 (Contributi per la bonifica delle aree interessate da discariche dismesse)

1. La Regione concede ai comuni contributi in conto capitale fino al cento per cento del costo delle opere re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21749 6221462
Art. 40 (Disposizioni finanziarie)

1. Per il finanziamento dell'esercizio delle funzioni conferite agli enti locali dagli articoli 5 e 6, si provvede mediante istituzione per memoria nel bilancio regionale di previsione per il 1998 del capitolo n. 52106 con la seguente denominazione: "Finanziamento per l'esercizio delle funzioni conferite alle province ed ai comuni ai sensi degli articoli 5 e 6".

2. Per le finalità “di cui all’articolo 17, comma 4,”N3 si provvede mediante istituzione per memoria nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale per il 1998, del capitolo n. 52114 con la seguente denominazione: "Anticipazione della spesa necessaria per gli interventi di bonifica e messa in sicurezza dei rifiuti rinvenuti in aree inquinate" e nello stato di previsione dell'entrata del capitolo n. 03385 con la seguente denominazione: "Rimborso dell'anticipazione della spesa necessaria per gli inte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Quadro normativo sul riciclaggio delle navi (Reg. UE 1257/2013 e provvedimenti di attuazione)

PREMESSA - SINTESI DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013 - DECORRENZA DELL’APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013 - NORME DI ATTUAZIONE (Istituzione dell’elenco europeo degli impianti di riciclaggio; Notifica del previsto inizio del riciclaggio e dichiarazione di completamento; Certificato di inventario dei materiali pericolosi, certificato di idoneità al riciclaggio) - SANZIONI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Protezione civile
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Rifiuti

Il D.L. 91/2017 comma per comma

Analisi sintetica delle disposizioni rilevanti del settore tecnico contenute nel D.L. 20/06/2017, n. 91 (c.d. “DL Mezzogiorno” convertito con modificazioni dalla L. 03/08/2017, n. 123), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO (END OF WASTE) E ATTIVITÀ DI RECUPERO (Condizioni da rispettare per la cessazione della qualità di rifiuto; Criteri end of waste e decreti emanati; Autorizzazioni a impianti di recupero in assenza di criteri end of waste; Controllo dei provvedimenti autorizzatori adottati; Aggiornamento autorizzazioni rilasciate all’uscita di criteri end of waste; Disposizioni transitorie per le autorizzazioni in essere al 03/11/2019) - CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Cessazione incarico del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tracciabilità

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Bando Horizon 2020 sul Green deal europeo

  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Monitoraggio e comunicazione dei dati emissioni veicoli pesanti

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Trasporti

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017