FAST FIND : AR1117

Ultimo aggiornamento
29/08/2018

La licenza di agibilità per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti

PREMESSA (Quadro normativo; Documentazione aggiuntiva disponibile) - COMPOSIZIONE, MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO E ATTRIBUZIONI DELLE COMMISSIONI PER LA VIGILANZA (Compiti delle Commissioni di vigilanza; Quando è competente la Commissione provinciale; Controlli periodici) - LA RELAZIONE TECNICA SOSTITUTIVA DI PARERE, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI; CASI IN CUI L’AUTORIZZAZIONE NON È NECESSARIA (L’intervento del D. Leg.vo 222/2016 e la tabella dei regimi; Eventi entro i 200 partecipanti che si svolgono entro le ore 24) - ALLESTIMENTI TEMPORANEI CHE SI RIPETONO NEL TEMPO - MANIFESTAZIONI IN LUOGHI E SPAZI ALL’APERTO SENZA RECINZIONI E ALLESTIMENTI PER IL PUBBLICO - NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI E ALTRE NORME DI SICUREZZA APPLICABILI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
2063504 5453383
PREMESSA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453384
Quadro normativo

Per l’apertura di teatri, cinema o locali di pubblico spettacolo in genere, e comunque per lo svolgimento in luogo pubblico, aperto o esposto, di pubblici spettacoli o trattenimenti anche temporanei, gli artt. 68-69 del R.D. 773/1931 (Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza, cosiddetto “TULPS”) prevedono il rilascio di un’apposita licenza da parte della locale autorità di pubblica sicurezza (cosiddetta “licenza di agibilità”).

Detta licenza è da rilasciarsi - ai sensi del successivo art. 80 del R.D. 773/1931 - a seguito delle veri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453385
Documentazione aggiuntiva disponibile

Si rendono inoltre disponibili per la consultazione:

1) la parte dedicata alle “Attività di spettacolo o intrattenimento” della tabella allegata al D. Leg.vo 222/2016 (Visualizza PDF);

2) il documento “Le manifestazioni ed i locali di pubblico spettacolo - Indicazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453386
COMPOSIZIONE, MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO E ATTRIBUZIONI DELLE COMMISSIONI PER LA VIGILANZA

La composizione e le modalità per il funzionamento delle Commissioni di vigilanza - che sono istituite a livello si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453387
Compiti delle Commissioni di vigilanza

L’art. 141 del Regolamento di attuazione del TULPS (R.D. 635/1940) disciplina dettagliatamente al comma 1 i compiti delle suddette Commissioni di vigilanza nell’ambito del rilascio della licenza:

a) espri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453388
Quando è competente la Commissione provinciale

L’intervento della Commissione di vigilanza provinciale è necessario nei seguenti casi (art. 142 del R.D. 635/1940):

- quando la commissione comunale non è istituita o le sue funzioni non sono esercitate in forma associata;

- per i locali cinematografici o teatrali e per gli spettacoli viaggianti di capienza superiore a 1.300 spettatori e per gli altri locali o gli impianti con capienza superiore a 5.000 spettatori N4;

- per i parchi di divertimento e per le attrezzature da divertimento meccaniche o elettromeccaniche che comportano particolari sollecitazioni fisiche degli spettatori o del p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453389
Controlli periodici

È previsto (art. 141-bis del R.D. 635/1940, comma 8) che per l’effettuazione dei controlli di cui alla l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453390
LA RELAZIONE TECNICA SOSTITUTIVA DI PARERE, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI

Il comma 2 dell’art. 141 del R.D. 635/1940, come modificato dall’art. 4 del D. Leg.vo 25/11/2016, n. 222, comma 1, lettera c), dispone che - esclusivamente per i locali e gli impianti con capienza complessiva pari o inferiore a 200 persone - il parere N6, le verifiche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453391
CASI IN CUI L’AUTORIZZAZIONE NON è NECESSARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453392
L’intervento del D. Leg.vo 222/2016 e la tabella dei regimi

Sul punto è intervenuto il menzionato D. Leg.vo 222/2016, il quale come detto reca in allegato una tabella contenente l’elenco delle attività economiche, edilizie ed am

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453393
Eventi entro i 200 partecipanti che si svolgono entro le ore 24

Restano poi applicabili gli artt. 68-69 del R.D. 773/1931 - sul punto modificati dal D.L. 91/1993, convertito in legge dalla L. 112/2013 - i quali prevedono che per eventi fino ad un massimo di 200 partecipanti e che si svolgono entro le ore 24 del giorno di inizio, la licenza di agibilità è assorbita dalla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453394
ALLESTIMENTI TEMPORANEI CHE SI RIPETONO NEL TEMPO

Non occorre una nuova verifica per gli allestimenti temporanei che si ripetono periodicamente, per i quali la Commissione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453395
MANIFESTAZIONI IN LUOGHI E SPAZI ALL’APERTO SENZA RECINZIONI E ALLESTIMENTI PER IL PUBBLICO

Caso particolare è quello delle manifestazioni di pubblico spettacolo o trattenimento che si svolgono in luoghi all’aperto o senza recinzioni quali piazze, parchi e simili, e che di conseguenza risultano ad accesso libero. In tali casi possono essere previsti palchi o pedane anche in assenza di strutture per lo stazionamento del pubblico, e vi sono oggettive difficoltà nello stabilire il numero di persone presenti, ai fini dell’applicazione dei differenti livelli di controllo.

Chiarimenti sono stati forniti in proposito con la Nota

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2063504 5453396
NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI E ALTRE NORME DI SICUREZZA APPLICABILI

Nell’ambito dei procedimenti di prevenzione incendi ora disciplinati dal D.P.R. 01/08/2011, n. 151, i “locali di pubblico spettacolo” e simili sono presi in considerazione dal punto 65 dell’Allegato I al decreto, con una diversa formulazione rispetto a quanto previsto dal vecchio elenco del D.M. 16/02/1982, ora abrogato.


N.

ATTIVITÀ

CATEGORIA


A

B

C

65

Locali di spettacolo e di trattenimento in genere, impianti e centri sportivi, palestre, sia a carattere pubblico che privato, con capienza superiore a 100 persone, ovvero di superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 m². Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico.


fino a 200 persone

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Locali di pubblico spettacolo

Le norme di sicurezza e antincendio per le attività di spettacolo viaggiante

PREMESSA - CAMPO DI APPLICAZIONE E NORMATIVA APPLICABILE (; Quali sono le “attività di spettacolo viaggiante”; Esclusioni; Normativa di prevenzione incendi; Altre norme, regole di standard e prassi di riferimento; Attività esistenti e attività nuove) - ADEMPIMENTI PER LE NUOVE ATTIVITÀ (Istanza di registrazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo; Codice identificativo; Cessione, vendita o dismissione dell’attività) - ADEMPIMENTI PER LE ATTIVITÀ ESISTENTI (Istanza di registrazione; Attività esistenti in altri stati; Conservazione ed esibizione della documentazione; Parere della commissione comunale o provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo) - MONTAGGIO E SMONTAGGIO - VERIFICHE PERIODICHE (Periodicità delle verifiche ed abilitazione alla effettuazione delle stesse; Libretto dell’attività).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza in atmosfera esplosiva
  • Sicurezza

Le Commissioni tecniche consultive in materia di sostanze esplodenti

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ricostituzione delle Commissioni tecniche consultive sulle sostanze esplodenti; Norme che prevedono l’intervento delle Commissioni) - COMPOSIZIONE DELLE COMMISSIONI (Commissione consultiva centrale; Commissioni tecniche territoriali; Ulteriori disposizioni sulla composizione delle Commissioni).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Procedimenti amministrativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Pubblica Amministrazione
  • Impiantistica

Impianti alimentati da fonti rinnovabili: regime e procedure autorizzative

INDICAZIONI GENERALI SUGLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Normativa di riferimento sugli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Definizione di impianto per la produzione di energia da fonti rinnovabili; Libertà di installazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili; Incentivi; Prerogative regionali per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili) - PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI (Procedure a disposizione; L’autorizzazione unica (AU); La procedura abilitativa semplificata (PAS); Impianti alimentati da fonti rinnovabili in regime libero o previa comunicazione) - CASI PARTICOLARI (Impianti “ibridi”, alimentati solo parzialmente da fonti rinnovabili; Impianti off shore) - RIEPILOGO REGIME AUTORIZZATIVO IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI (Premessa e avvertenza; Fonte solare fotovoltaica; Fonte solare termica; Fonte eolica e torri anemometriche; Fonte da biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas; Fonte idraulica e geotermica; Pompe di calore, microcogenerazione, altre fattispecie residuali; Impianti per la produzione di biometano) - COLLEGAMENTO DEGLI IMPIANTI ALLA RETE ELETTRICA - SANZIONI.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Studio Groenlandia
  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO); Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia scolastica
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia e immobili
  • Scuole

Adeguamento antincendio di scuole e asili nido: normativa, adempimenti e scadenze

Le norme antincendio per le scuole (le norme tecniche prescrittive di cui al D.M. 26/08/1992, la Regola Tecnica Verticale (RTV) di cui al D.M. 07/08/2017); Adeguamento strutture esistenti: proroghe varie e scadenze (ultima proroga al 31/12/2021, definizione di priorità ai sensi del D.M. 21/03/2018); Classificazione delle scuole e requisiti per quelle di minori dimensioni; Adempimenti burocratici; Asili nido (normativa di riferimento, adeguamento degli asili nido).
A cura di:
  • Alfonso Mancini