FAST FIND : GP12916

Sent. C. Cass. civ. 30/05/2003, n. 8808

1802179 1802179
COMUNIONE DEI DIRITTI REALI - CONDOMINIO NEGLI EDIFICI - PARTI COMUNI DELL'EDIFICIO - USO - ESTENSIONE E LIMITI - Condominio - Uso più intenso della cosa comune - Fattispecie.
La nozione di pari uso della cosa comune cui fa riferimento l'art. 1102 cod. civ. - che in virtù del richiamo contenuto nell'art. 1139 cod. civ. è applicabile anche in ma
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1802179 1803229
SENTENZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1802179 1803230
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso al Presidente del Tribunale di Spoleto 19 aprile 1990, Ivo Delfini e Silvana Donnini esposero di essere proprietari di un appartamento nell'edificio in Spoleto, via Flaminia n. 161/163, soggetto al regime del condominio, abitato dalla figlia Daniela:

appartamento prospiciente sulla via Paolo Schiavetti; di aver chiesto al condominio il permesso di aprire, a proprie spese, nella recinzione comune un varco, dove sarebbe stato apposto un cancello, per accedere alla pubblica via Schiavet

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1802179 1803231
MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- A fondamento del ricorso, i ricorrenti deducono:

1.1 Violazione e o falsa applicazione dell'art. 1102 c.c., in relazione all'art. 360 n. 3 c.p.c.; omessa e o contraddittoria motivazione su punto decisivo della domanda, in relazione all'art. 360 n. 5 c.p.c. La Corte d'Appello non ha fatto corretta applicazione dei principi concernenti il godimento del muro comune, posto che la utilizzazione prospettata dai signori Delfini e Donnini non incontra il divieto di cui all'art. 1102 cod. civ. Per la verità, il muro comune continua a svolgere la funzione propria di delimitare la proprietà condominiale e di impedire l'ingresso agli estranei e, allo stesso tempo, non impedisce agli altri comproprietari di fare un pari uso della recinzione. 1.2 Violazione e o falsa applicazione degli art. 1027 e 1028 c.c., in relazione all'art. 360 n. 3 c.p.c. Omessa e o contraddittoria motivazione su punto decisivo della domanda in relazione all'art. 360 n. 5 c.p.c. Avuto riguardo al carattere precario del transito e alla natura esclusivamente personale e non reale dell'utilità, l'apertura del varco non darà luogo al sorgere di una servitù in favore degli immobili dei ricorrenti.

1.3 Violazione e/o falsa applicazione dell'art. 92 comma 2 cod. proc. civ. in relazione all'art. 360 n. 3 cod. posto che poteva pronunziarsi la compensazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1802179 1803232
P.Q.M.

La Corte:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Condominio
  • Edilizia e immobili

Limitazioni e diritti dei condomini all’uso dei beni comuni

A cura di:
  • Maurizio Tarantino
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione

La consegna e il mantenimento dell’immobile in buono stato locativo

A cura di:
  • Maurizio Tarantino
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia e immobili

I miglioramenti e le addizioni apportate dal conduttore alla cosa locata

A cura di:
  • Maurizio Tarantino
  • Agricoltura e Foreste
  • Edilizia e immobili
  • Catasto e registri immobiliari

Reddito dominicale: definizione, variazioni e relativa denuncia, esenzione

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Condominio
  • Edilizia e immobili

Assemblea condominiale: tabella completa delle maggioranze per deliberare

A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Condominio
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico

Contatori e contabilizzatori di calore - Obbligo di lettura da remoto