FAST FIND : AR1092

Ultimo aggiornamento
10/12/2019

Whistleblowing: la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti

NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUL WHISTLEBLOWING - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL WHISTLEBLOWING - SEGNALAZIONI ANONIME E RISERVATEZZA - TIPOLOGIA DI SEGNALAZIONI CONSIDERATE - CONDIZIONI PER LA TUTELA E CESSAZIONE DELLA STESSA.
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
1776007 5943530
NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUL WHISTLEBLOWING

Le disposizioni in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. “whistleblowing”), sono contenute nell’art. 54-bis del D. Leg.vo 165/2001, articolo a sua volta introdotto dall’art. 1 della L. 190/2012, comma 51, e successivamente modificato dall’art. 31 del D.L. 90/2014, che ha designato l’ANAC quale soggetto destinatario delle segnalazioni, ed in seguito anche sostituito dall&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1776007 5943531
AMBITO DI APPLICAZIONE del WHISTLEBLOWING

L’ANAC sottolinea in primo luogo che l’art. 54-bis del D. Leg.vo 165/2001 si riferisce esclusivamente ai dipendenti pubblici e presuppone l’identificazione del soggetto segnalante il cui nominativo deve essere, comunque, mantenuto riservato.

Pertanto, la Determ. ANAC 28/04/2015, n. 6 non disciplina le modalità di trattazione e gestione di altre tipologie di segnalazioni, quali quelle provenienti da ci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1776007 5943532
SEGNALAZIONI ANONIME E RISERVATEZZA

L’ANAC ribadisce che la garanzia di riservatezza presuppone che il segnalante renda nota la propria identità, e che non rien

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1776007 5943533
TIPOLOGIA DI SEGNALAZIONI CONSIDERATE

Quanto alle segnalazioni che possono essere inoltrate, si tratta di:

- fattispecie suscettibili di integrare uno qualsiasi dei delitti contro la pubblica amministrazione di cui al Titolo II, Capo I, del Codice penale;

- situazioni in cui, nel corso dell’attiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1776007 5943534
CONDIZIONI PER LA TUTELA E CESSAZIONE DELLA STESSA

Quanto infine alle condizioni per la tutela, l’ANAC - dopo aver ricordato che a mente dell’art. 1, comma 54-bis, del D. Leg.vo 165/2001, la tutela trova un limite nei casi in cui sia accertata, anche con sentenza di primo grado, la responsabilità penale del segnalante per i reati di calunnia o diffamazione o comunque per reati commessi con la denuncia ovvero la sua responsabilità civile, per lo stesso titolo, nei casi di dolo o colpa grave - chiarisce che:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pubblica Amministrazione

Adempimenti di trasparenza e anticorruzione per enti e pubbliche amministrazioni

PERIMETRO NORMATIVO E OBBLIGHI PRINCIPALI (Norme di rango legislativo; Principali obblighi e adempimenti; Norme di rango attuativo) - SOGGETTI TENUTI ALL’APPLICAZIONE DELLE NORME (Norme di riferimento; Destinatari degli obblighi di trasparenza; Destinatari degli obblighi in tema di prevenzione della corruzione; Specifiche categorie di soggetti) - ADEMPIMENTI E OBBLIGHI IN TEMA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (Nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT); Normativa, ruolo, funzioni, responsabilità e incompatibilità del RPCT; Predisposizione e approvazione del PTPCT; Norme anticorruzione specifiche per il settore degli appalti e contratti pubblici; Whistleblowing) - ADEMPIMENTI E OBBLIGHI IN TEMA DI TRASPARENZA (Obblighi di pubblicazione - Amministrazione trasparente; Accesso civico; Applicazione delle norme di trasparenza a Ordini e Collegi professionali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Autorità di vigilanza
  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici

Obblighi di pubblicazione e trasmissione di dati relativi ad appalti e contratti pubblici

QUADRO GENERALE NORMATIVO DI RIFERIMENTO (Norme che prevedono obblighi di pubblicazione; Norme che prevedono obblighi di trasmissione/comunicazione; Ambito di applicazione e casi particolari) - OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE (Obblighi di pubblicazione previsti dalla Legge anticorruzione (L. 190/2012); Obblighi di pubblicazione previsti dal Codice appalti (D. Leg.vo 50/2016); Obblighi di pubblicazione previsti dal Decreto trasparenza (D. Leg.vo 33/2013)) - OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE E TRASMISSIONE (Sintesi degli obblighi; Trasmissione dei dati all’ANAC; Pubblicazione su sito MIT) - VIGILANZA E SANZIONI - DATA DI PUBBLICAZIONE ED EFFETTI GIURIDICI - TABELLE RIEPILOGATIVE STRUTTURA SEZIONE SITO “AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE” (Sottosezione di primo livello “Bandi di gara e contratti”; Sottosezione di primo livello “Opere pubbliche”).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione

Le misure anticorruzione nel settore degli appalti pubblici

La disciplina normativa fondamentale - Gli strumenti di prevenzione - Le figure coinvolte - Organismi con funzioni di supporto e vigilanza - Le sanzioni.
A cura di:
  • Davide Rosas
  • Giuliana Aru
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Linee guida ANAC e altri provvedimenti attuativi e collegati al Codice appalti (D. Leg.vo 50/2016)

Gerarchia delle fonti del diritto in tema di contratti pubblici; Mappa completa e aggiornata di tutti i provvedimenti da emanare, emanati e in corso di emanazione organizzata per classificazione tematica, con riferimento a: oggetto, norma che ne prevede l’emanazione, tipo provvedimento, stato dell’iter, disciplina transitoria, con accesso a tutti i testi completi aggiornati e ad approfondimenti redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Autorità di vigilanza

Indicazioni operative per il periodo transitorio di vigenza del D. Leg.vo 50/2016

COMUNICATI ANAC DI RIFERIMENTO - FATTISPECIE NELLE QUALI CONTINUANO AD APPLICARSI LE DISPOSIZIONI PREVIGENTI - ACQUISIZIONE DEL CIG - OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE VERSO L’OSSERVATORIO - SEGNALAZIONI AL CASELLARIO INFORMATICO ED UTILIZZO DELL’AVCPASS (Casellario informatico; AVCPass; Comunicazioni da parte delle imprese all’Osservatorio) - ALTRI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE (Certificati di esecuzione dei lavori; Atti di programmazione e relativi alle procedure di affidamento) - ISCRIZIONI NEL CASELLARIO PER FALSE DICHIARAZIONI O FALSA DOCUMENTAZIONE PER ATTESTAZIONE SOA - SISTEMA UNICO DI QUALIFICAZIONE ESECUTORI LAVORI (Avvalimento nel sistema unico di qualificazione; Lavorazioni ricadenti nelle cosiddette “categorie variate”; Dimostrazione dei requisiti dell’idonea direzione tecnica; Periodo documentabile per la dimostrazione dei requisiti) - SEGNALAZIONI AL CASELLARIO INFORMATICO E ALTRI CHIARIMENTI VARI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro