FAST FIND : NR33219

L. R. Umbria 09/04/2015, n. 11

Testo unico in materia di Sanità e Servizi sociali.
Scarica il pdf completo
1722835 6266099
Capo I - Oggetto e finalità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266100
Art. 1 - (Oggetto)

1. Il presente testo unico, ai sensi dell’articolo 40 dello Statuto regionale e in attuazione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266101
Art. 2 - (Finalità)

1. Il presente testo unico persegue, in particolare, le seguenti finalità:

a) la tutela della salute quale diritto fondamentale della persona e della comunità;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266102
PARTE I - SANITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266103
TITOLO I - NORME SUL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266104
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266105
Art. 3 - (Ordinamento del servizio sanitario regionale)

1. L'ordinamento del Servizio sanitario regionale è costituito dal complesso di funzioni, attività e strutture che, in coerenza con quanto previsto dall’articolo 32 della Costituzione e con i principi contenuti nel decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 (Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421), nel rispetto delle disposizioni di cui al decret

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266106
TITOLO II - SOGGETTI DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266107
Capo I - Competenze della Regione e dei Comuni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266108
Art. 4 - (Assetto istituzionale)

1. Sono soggetti istituzionali del Servizio sanitario regionale la Regione e i comuni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266109
Art. 5 - (Competenze della Regione)

1. Spettano alla Regione le funzioni di pianificazione, programmazione, indirizzo, coordinamento, monitoraggio e controllo, verifica e valutazione delle attività svolte nell'ambito del Servizio sanitario regionale, nonché le altre funzioni ad essa demandate dalla normativa statale.

2. La Giunta regionale, con propri atti, definisce modalità e criteri per regolare la produzione e l'erogazione dei servizi sanitari da parte degli operatori pubblici e privati nel territor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266110
Art. 6 - (Competenze del Comune)

1. Il Comune partecipa alla realizzazione degli obiettivi del Servizio sanitario regionale concorrendo alla programmazione sanitaria regionale.

2. Il Comune in particolare tutela i cittadini ne

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266111
Art. 7 - (Poteri del sindaco)

1. Il sindaco, nell'esercizio delle funzioni che gli competono quale autorità sanitaria locale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266112
Art. 8 - (Conferenza dei sindaci)

1. In ciascuna delle aziende unità sanitarie locali di cui all’art. 18 è costituita la Conferenza dei sindaci, organo di rappresentanza dei Comuni per l'espressione delle esigenze sanitarie del territorio di competenza.

2. La Conferenza dei sindaci svolge le sue funzioni tramite il Consiglio di rappresentanza composto da quattro membri e dal presidente della Conferenza stessa. Nel Consiglio di rappresentanza sono comunque presenti i sindaci dei due Comuni con maggior numero di abitanti.

3. La Conferenza dei sindaci approva, entro sessanta giorni dall'insediamento, il regolamento per il proprio funzionamento recante anche la disciplina per la nomina del presidente e del Consiglio di rappresentanza di cui al comma 2. Il regolamento stabilisce i criteri di rappresentanza in relazione alla rispettiva consistenza demografica.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266113
Art. 9 - (Funzioni del Consiglio delle autonomie locali nell'ordinamento sanitario regionale)

1. Le competenze e le funzioni della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio - sanitaria regionale, di seguito Conferenza permanente, già istituita con legge regionale 27 marzo 2000, n. 29 (Prime disposizioni di recepimento del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229, concernente: "Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma dell’art. 1 della legge 30 novembre 1999, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266114
Capo II - Competenze dell'Università
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266115
Art. 10 - (Università)

1. Il rapporto tra le università e la Regione è regolato, in particolare, da protocolli di intesa ai sensi della normativa vigente.

2. La Giunta regionale stipula protocolli d'intesa con l'Università degli Studi di Perugia per la partecipazione della stessa al processo di programmazione sanitaria e, in particolare, per la regolamentazione dell'apporto universitario delle att

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266116
TITOLO III - PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266117
Capo I - Pianificazione e programmazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266118
Art. 11 - (Livelli e strumenti di pianificazione e programmazione)

1. La pianificazione e la programmazione sanitaria della Regione assicurano, in coerenza con i principi di cui al d.lgs. 502/1992, lo sviluppo dei servizi di prevenzione, dei servizi ospedalieri in rete, dei servizi sanitari territoriali e la loro integrazione con i servizi di assistenza sociale.

2. Sono strumenti della pianificazione sanitaria a livello regionale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266119
Capo II - Piano sanitario regionale, piano attuativo e programma delle attività territoriali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266120
Art. 12 - (Piano sanitario regionale)

1. Il Piano sanitario regionale, elaborato in coerenza con il Piano sanitario nazionale, è lo strumento con il quale la Regione definisce gli obiettivi di salute e di politica sanitaria regionale ed adegua l'organizzazione dei servizi sanitari e socio-sanitari in relazione ai bisogni assistenziali della popolazione attraverso idonei indicatori dello stato di salute della popolazione medesima.

2. Il Piano sanitario regionale, di durata triennale, definisce i livelli uniformi ed essen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266121
Art. 13 - (Procedimento di approvazione del piano sanitario regionale)

1. Lo schema di proposta del Piano sanitario regionale è adottato dalla Giunta regionale ai fini dell'acquisizione dei pareri di cui ai commi 2 e 3 e degli adempimenti di concertazione sociale e istituzionale di cui al comma 4.

2. Lo schema di proposta del Piano sanitario regionale è inviato, per l'acquisizione dei relativi pareri, al CAL di cui all’articolo 9, alle Confere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266122
Art. 14 - (Piano attuativo)

1. Il Piano attuativo è lo strumento di pianificazione mediante il quale le aziende sanitarie regionali regolano le proprie attività, in attuazione delle linee di indirizzo della programmazione regionale.

2. Il Piano attuativo definisce, in rapporto agli obiettivi determinati ed ai livelli uniformi ed essenziali di assistenza, la programmazione delle attività da svolgere e individua le modalità operative ed organizzative per il perseguimento degli obiettivi stessi.

3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266123
Art. 15 - (Programma delle attività territoriali)

1. Il Programma delle Attività Territoriali, di seguito denominato PAT, i cui contenuti sono fissati all'articolo 3-quater, commi 2 e 3 del d.lgs. 502/1992, è lo strumento programmatorio del distretto in cui sono definiti i bisogni prioritari e gli interventi di natura sanitaria e socio-sanitaria necessari per aff

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266124
Art. 16 - (Relazioni sanitarie)

1. Per il miglioramento della qualità del Servizio sanitario regionale, e al fine di definire le strategie dei successivi Piani sanitari regionali, la Giunta regionale predispone, al completamento di ogni ciclo di pianificazione sanitaria regionale, la rel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266125
TITOLO IV - ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266126
Capo I - Istituzione e compiti delle Aziende sanitarie regionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266127
Art. 17 - (Principi generali per la gestione dei servizi sanitari da parte delle aziende sanitarie regionali)

1. Le aziende sanitarie regionali pianificano le attività ed i servizi sulla base di percorsi assistenziali in grado di assicurare la continuità delle cure attraverso un modello integrato tra servizi territoriali e servizi ospedalieri.

2. Le aziende sanitarie regionali devono garantire il coordinamento delle prestazioni correlate alle condizion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266128
Art. 18 - (Istituzione delle aziende unità sanitarie locali)

1. In ciascuno degli ambiti territoriali individuati nella tabella Allegato A), che forma parte integrante e sostanziale del presente testo unico, è confermata l'istituzione di una unità sanitaria locale, già istituita ai sens

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266129
Art. 19 - (Organizzazione delle Aziende unità sanitarie locali)

1. Le aziende unità sanitarie locali, nell'ambito della programmazione sanitaria regionale, organizzano i propri servizi e l'attività di competenza attenendosi ai seguenti criteri:

a) autonomia organizzativa dei livelli decisionali, al fine della efficienza operativa;

b) articolazione dei servizi idonea a garantire l'erogazione e l'acquisizione delle prestazioni individuate nel P

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266130
Capo II - Aziende ospedaliere ed aziende ospedaliero universitarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266131
Art. 20 - (Aziende ospedaliere)

1. Gli ospedali costituiti in azienda ospedaliera hanno personalità giuridica pubblica e godono di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale, tecnica e imprenditoriale.

2. Sono aziende ospedaliere del Servizio sanitario regionale di rilievo nazionale di alta specialità: l'Azienda Ospedaliera

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266132
Art. 21 - (Aziende ospedaliero-universitarie)

1. In attuazione del d.lgs. 517/1999 possono essere costituite le aziende ospedaliero-universitarie di cui all'articolo 2, comma 2, lettera b) dello stesso decreto legislativo.

2. Le modalità di costituzione della Azienda ospedaliero-universitaria di Perugia e della Azienda ospedaliero-universitaria di Terni sono disciplinate dal comma 3.

3. L

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266133
Capo III - ATTO AZIENDALE E SERVIZI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266134
Art. 22 - (Atto aziendale)

1. L'organizzazione e il funzionamento delle aziende unità sanitarie locali e delle aziende ospedaliere sono disciplinate dall'atto aziendale di cui all’articolo 3, comma 1-bis del d.lgs. 502/1992. L'atto aziendale contiene, in particolare:

a) l'individuazione delle strutture operative dotate di autonomia gestionale o tecnico professionale, soggette a rendicontazione analitica e le competenze dei relativi responsabili. L'atto aziendale attribuisce ai responsabili delle diverse strutture in cui si articola l'azienda poteri gestionali e competenze decisionali comprese quelle che i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266135
Art. 23 - (Servizi gestiti in forma associata e aggregata)

1. Ciascuna azienda sanitaria regionale può gestire, per conto delle altre, attività di interesse comune, anche di carattere sanitario, previa stipula di apposito accordo e può, altresì, consorziarsi per la di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266136
TITOLO V - FUNZIONI GESTIONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266137
Capo I - Organi delle aziende sanitarie regionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266138
Art. 24 - (Organi delle aziende sanitarie regionali)

1. Sono organi delle aziende unità sanitarie locali, delle aziende ospedaliere e delle aziende ospedaliero-universitarie

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266139
Art. 25 - (Direttore generale: poteri e competenze)

1. Il Direttore generale ha la rappresentanza dell'azienda sanitaria regionale ed è responsabile della sua gestione. Il Direttore generale, al fine di garantire il corretto, efficace ed efficiente funzionamento dell'organizzazione da esso diretta, attribuisce, tramite l'atto aziendale di cui all’articolo 22 i poteri di gestione ad esso riconosciuti dalle vigenti disposizioni ai diversi livelli gestionali. Il Direttore generale con le proprie scelte di organizzazione assicura un'adeguata distribuzione delle potestà decisionali e mantiene presso la direzione aziendale le funzioni di programmazione, di gestione strategica e di decisione generale.

2. Sono comunque riservati al Direttore generale i seguenti atti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266140
Art. 26 - (Direttore generale: nomina e rapporto di lavoro)

1. Il Direttore generale delle Aziende sanitarie regionali è nominato dal Presidente della Giunta regionale, su conforme deliberazione della Giunta stessa, con le modalità previste dall'articolo 2 del decreto legislativo 4 agosto 2016, n. 171 (Attuazione della delega di cui all'articolo 11, comma 1, lettera p), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di dirigenza sanitaria) e nel rispetto del decreto legislativo 8 aprile 2013, n. 39 (Disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico, a norma dell'articolo 1, commi 49 e 50, della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266141
Art. 27 - (Elenco regionale dei candidati idonei alla nomina di Direttore generale delle aziende e degli enti del servizio sanitario regionale)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266142
Art. 28 - (Valutazione dell'attività del Direttore generale)

1. La Giunta regionale, con proprio atto, disciplina le modalità e i criteri per la valutazione annuale dell'attività del Direttore generale in riferimento alla garanzia dei livelli essenziali di assistenza, in termini di efficacia e di efficienza, dei risultati di gestione conseguiti in riferimento agli indirizzi e agli obiettivi fissati nel Piano sanitario regionale di cui all’articolo 12 "nel Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR)"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266143
Art. 29 - (Relazione sanitaria aziendale annuale)

1. La relazione sanitaria aziendale è il documento che attesta i risultati raggiunti annualmente dai direttori generali delle aziende unità sanitarie locali e delle aziende ospedaliere in attuazione del piano attuativo di cui all’articolo 14, in considerazione degli obiettivi e degli indicatori di val

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266144
Art. 30 - (Decadenza e revoca del Direttore generale)

1. La Giunta regionale può dichiarare la decadenza e la revoca del Direttore generale. La pronuncia della decadenza e della revoca comportano la risoluzione del contratto dello stesso.

2. Costituiscono causa di decadenza e revoca del Direttore generale "nel rispetto dei principi di cui ai commi 3 e 4 dell'articolo 2 del D.Lgs. 171/2016, oltre a quanto previsto dai commi 5 e 6 dello stesso articolo"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266145
Art. 31 - (Direttore generale dell'azienda ospedaliero-universitaria: ulteriori disposizioni)

1. Il Direttore generale dell'Azienda ospedaliero-universitaria, nominato dal Presidente della Giunta regionale previa deliberazione della Giunta stessa, d'intesa con il Rettore dell'Universi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266146
Art. 31-bis - (Intese e pareri con l'Università degli Studi di Perugia)

N87

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266147
Art. 32 - (Collegio di direzione)

1. Presso ogni azienda sanitaria regionale è istituito il Collegio di direzione. Il Collegio di direzione, in particolare:

a) concorre al governo delle attività cliniche;

b) partecipa alla pianificazione delle attività, incluse la ricerca, la didattica ed i programmi di formazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266148
Art. 33 - (Collegio sindacale)

1. Il Collegio sindacale è istituito presso ogni azienda sanitaria regionale, con compiti di vigilanza sulla regolarità amministrativa e contabile, così come previsto dall’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266149
Art. 34 - (Organo di indirizzo delle aziende ospedaliero-universitarie)

1. L'organo di indirizzo di cui all’articolo 24, comma 2, è unico, per le due aziende ospedaliero-universitarie costituite ai sensi dell’articolo 21.

2. L'organo di indirizzo è composto da cinque membri, nominati con decreto del Presidente della Giunta regionale, così individuati:

a) un membro, con funzioni di Presidente, designato dalla Giunta regionale d'intesa con il Rettore dell'Università degli Studi di Perugia;

b) il responsabile della struttura universitaria di coordinamento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266150
Capo II - Organismi tecnico-consultivi presso le aziende sanitarie regionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266151
Art. 35 - (Consiglio dei sanitari)

1. Il Consiglio dei sanitari è organismo elettivo delle aziende unità sanitarie locali con funzioni di consulenza tecnico-sanitaria ed è presieduto dal Direttore sanitario di cui all’articolo 36.

2. Il Consiglio dei sanitari esprime parere:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266152
Capo III - Direttore amministrativo, Direttore sanitario e Coordinatore dei servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266153
Art. 36 - (Direttore amministrativo, Direttore sanitario e Coordinatore dei servizi sociali)

1. Il Direttore amministrativo e il Direttore sanitario coadiuvano il Direttore generale di cui all’articolo 25 nell'esercizio delle sue funzioni; i requisiti e le funzioni loro attribuite sono disciplinate "dagli articoli 3, comma 7 e 3-bis, comma 9 del D.Lgs. 502/1992."N69 Non possono essere nominati coloro che godono già del trattamento di quiescenza.

2. I rapporti di lavoro del Direttore sanitario e del Direttore amministrativo sono esclusivi e sono regolati da contratti di diritto privato.

3. L'incarico di Direttore amministrativo delle aziende sa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266154
Art. 36-bis (Elenchi regionali dei soggetti idonei alla nomina di Direttore amministrativo e di Direttore sanitario delle Aziende sanitarie locali, delle Aziende ospedaliere e delle Aziende ospedaliero-universitarie del Servizio sanitario regionale)

N73

1. Sono istituiti, ai sensi e nel rispe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266155
TITOLO VI - ARTICOLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE SANITARIE REGIONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266156
Capo I - Dipartimenti e Distretti sanitari
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266157
Art. 37 - (Dipartimento)

1. L'organizzazione dipartimentale è il modello ordinario di gestione operativa di tutte le attività delle aziende sanitarie regionali.

2. Il dipartimento è un'organizzazione integrata di più strutture operative omogenee, affini o complementari che perseguono comuni finalità e sono tra loro interdipendenti pur mantenendo autonomia e responsabilità professionale.

3. Il Direttore di dipartimento è nominato dal Direttore generale di cui all’art. 25 ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266158
Art. 38 - (Distretto)

1. Il Distretto è l'articolazione territoriale ed organizzativa della unità sanitaria locale per lo svolgimento delle attività finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione, alle cure e alla riabilitazione, tramite la gestione integrata delle risorse della unità sanitaria locale e degli enti locali.

2. Il Distretto ha una dimensione territoriale tale da garantire un'ampia presenza di servizi territoriali e di operatori, in modo da caratterizzarsi come soggetto di negoziazione con la direzione dell'unità sanitaria locale e di interlocuzione con il sistema del governo locale. Il Distretto si articola in centri di salute che rappresentano il punto di contatto e di accesso unico del cittadino per tutte le prestazioni sanitarie e sociali che afferiscono al sistema primario delle cure.

3. Al Distretto sono attribuite risorse definite in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione di riferimento; il distretto, nell'ambito delle risorse assegnate, è dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria, con contabilità separata all'interno del bilancio della unità sanitaria locale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266159
Art. 39 - (Direttore di Distretto)

1. L'incarico di Direttore di distretto è attribuito dal Direttore generale di cui all’art. 25 a un dirigente dell'azienda che abbia maturato una specifica esperienza nei servizi territoriali e un'adeguata formazione nella loro organizzazione oppure a un medico convenzionato, ai sensi dell’articolo 8, comma 1 del d.lgs. 502/1992, da almeno dieci anni, con contestuale congelamento di un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266160
Art. 40 - (Comitato dei sindaci di Distretto)

1. A livello distrettuale è istituito il Comitato dei sindaci di Distretto composto da tutti i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266161
Art. 41 - (Presidi ospedalieri)

1. Gli ospedali non costituiti in aziende ospedaliere, dislocati in una unica unità sanitaria locale, sono accorpati in un unico presidio.

2. Sono comunque costituiti in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266162
Capo II - Dipartimento di prevenzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266163
Art. 42 - (Dipartimento di prevenzione)

1. Il dipartimento di prevenzione, nel rispetto dei principi contenuti nell’art. 7-quater del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, è struttura operativa dell'unità sanitaria locale che trova collocazione funzionale nel distretto di cui all’art. 38 quale macrostruttura organizzativa. Il dipartimento di prevenzione eroga le prestazioni proprie del livello di assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro perseguendo obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e delle disabilità, miglioramento della qualità della vita dei singoli e della collettività, attraverso interventi che possono superare i confini del settore sanitario e coinvolgere l'intera società civile.

2. Il dipartimento di prevenzione opera nell'ambito del piano attuativo di cui all’art. 14 ha autonomia organizzativa e contabile ed è organizzato in centri di costo e di responsabilità.

3. Il dipartimento di prevenzione è costituito dalle seguenti macroaree intese come aree di aggregazione funzionale dei servizi afferenti a ciascuna di esse quali:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266164
Art. 43 - (Direttore del dipartimento di prevenzione)

1. Il Direttore del dipartimento di prevenzione è nominato dal Direttore generale di cui all’art. 25 tra i direttori di struttura complessa del dipartimento con almeno cinque anni di anzianità di funzione e risponde alla direzione aziendale del perseguimento degli obiettivi aziendali, dell'assetto organizzativo e della gestione in relazione alle risorse assegnate ai sensi dell’articolo 7-quat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266165
Art. 44 - (Coordinamento delle macroaree del dipartimento di prevenzione)

1. Per ciascuna delle quattro macroaree il Direttore generale dell'azienda unità sanitaria locale, sentito il Direttore del dipartimento di cui all’articolo 43, nomina un coor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266166
TITOLO VII - PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266167
Capo I - Personale dipendente del S.S.R.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266168
Art. 45 - (Organico e ruoli nominativi)

1. Il personale dipendente del Servizio sanitario regionale è iscritto nei ruoli nominativi costituiti e gestiti, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761, dalle singole aziende sanitarie regionali cui è conferita la competenza della gestione giuridica ed economica del personale dipendente. Per ciascun dipendente sono indicati il cognome e il nome, la data di nascita, il codice fiscale, la da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266169
Art. 45-bis - (Designazioni componente regionale nelle commissioni esaminatrici per i ruoli della dirigenza del S.S.R.)

N87

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266170
Art. 46 - (Personale in stato di quiescenza. Disciplina degli incarichi)

1. Al personale dipendente delle Aziende sanitarie regionali in stato di quiescenza possono essere co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266171
Art. 47 - (Compensi ai componenti le commissioni e sottocommissioni esaminatrici dei concorsi e delle selezioni per l'assunzione del personale delle aziende sanitarie regionali)

1. La disciplina dei compensi è stabilita dalle Aziende sanitarie regionali con atto del Diret

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266172
Art. 47 bis - (Misure di razionalizzazione della spesa sanitaria)

N45

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266173
Art. 47 ter - (Procedure attuative del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 marzo 2015)

N52

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266174
Capo II - Incarichi di direzione di struttura nelle aziende sanitarie regionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266175
Art. 48 - (Incarichi di direzione)

1. La Giunta regionale, con proprio atto, disciplina i criteri e le procedure per l'attribuzione degl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266176
Art. 49 - (Esclusività del rapporto di lavoro)

1. Gli incarichi di direzione di struttura semplice o complessa conferiti ai dirigenti del ruolo sanitario del servizio sanitario regionale implicano il rapporto di lavoro esclusivo ai sensi de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266177
Art. 50 - (Indennità)

1. L'indennità di esclusività del rapporto di lavoro prevista dai contratti collettivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266178
TITOLO VIII - FORMAZIONE IN SANITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266179
Capo I - Operatore socio sanitario
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266180
Art. 51 - (Istituzione della figura professionale di operatore socio-sanitario)

1. È istituita la figura professionale dell'operatore socio-sanitario.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266181
Art. 52 - (Formazione)

1. La Giunta regionale provvede alla programmazione dei corsi e alle attività didattico-formative relative all'acquisizione della qualifica di operatore socio-sanitario.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266182
Art. 53 - (Contesti operativi e relazionali)

1. L'operatore socio-sanitario svolge la sua attività:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266183
Art. 54 - (Requisiti di accesso)

1. Per l'accesso al corso di formazione di operatore socio-sanitario è richiesto il diploma di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266184
Art. 55 - (Organizzazione didattica)

1. La didattica è strutturata per moduli didattici e per aree disciplinari e comprende:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266185
Art. 56 - (Materie di insegnamento e tirocinio)

1. Le materie di insegnamento, relative al moduli didattici di cui all’articolo 55 sono articolate nelle seguenti aree disciplinari:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266186
Art. 57 - (Esame finale e rilascio dell'attestato)

1. Al termine del corso gli allievi sono sottoposti ad una prova teorica e ad una prova pratica da parte di un'apposita commissione d'esame costituita d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266187
Art. 58 - (Titoli pregressi)

1. La Regione quantifica il credito formativo da attribuirsi a titoli e servizi pregressi, in relazione a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266188
Art. 58-bis - (Crediti formativi)

N73

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266189
Art. 58-ter - (Regolamentazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266190
Capo I-bis - Assistente di studio odontoiatrico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266191
Art. 58-quater - (Istituzione della figura professionale dell'Assistente di studio odontoiatrico)

N73

1. Ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 feb

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266192
Capo I-ter Formazione in ambito sanitario

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266193
Art. 58-quinquies - (Contratti di formazione specialistica aggiuntivi regionali)

N73

1. La Regione, nell'ambito delle risorse finanzia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266194
TITOLO IX - INDIRIZZI E CRITERI DI FINANZIAMENTO - SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO REGIONALE - CONTROLLI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266195
Capo I - Determinazione del fabbisogno e finanziamento del servizio sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266196
Art. 59 - (Determinazione del fabbisogno finanziario del Servizio sanitario regionale)

1. La Giunta regionale, in sede di elaborazione del D.A.P., procede alla stima del fabbisogno finanziario del Servizio sanitario regionale necessario ad assicurare, per il triennio successivo, i livelli uniformi ed essenzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266197
Art. 60 - (Finanziamento del Servizio sanitario regionale)

1. La Regione indirizza la gestione economico-finanziaria del Servizio sanitario regionale verso l'obiettivo della massima efficienza ed efficacia, verificando la rispondenza dei risultati di gestione rispetto agli obiettivi programmatici, nell'ambito delle compatibilità economiche generali.

2. La Giunta regionale determina annualmente i costi standard e i fabbisogni standard del Servizio sanitario regionale, tenendo c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266198
Art. 61 - (Contabilità e controlli)

1. Alla contabilità ed ai controlli delle aziende sanitarie regionali si applicano le disposizioni in mat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266199
Capo II - Attività programmatica e documenti previsionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266200
Art. 62 - (Attività programmatica)

1. Costituiscono strumenti dell'attività programmatica delle aziende sanitarie regionali:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266201
Art. 63 - (Bilancio pluriennale di previsione)

1. Le scelte compiute e le priorità individuate con i documenti di programmazione sanitaria di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266202
Art. 64 - (Bilancio preventivo economico annuale)

1. Il bilancio preventivo economico annuale deve essere predisposto in coerenza con la programmazione sanitaria e con la programmazione economico-finanziaria della Regione.

2. Il bilancio preventivo economico annuale deve essere redatto secondo le disposizioni di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266203
Art. 65 - (Approvazione dei documenti economici previsionali)

1. La Giunta regionale determina gli indirizzi vincolanti per la predisposizione dei bilanci di previsione.

2. Il bilancio preventiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266204
Art. 66 - (Contabilità economica generale)

1. Le Aziende sanitarie regionali rilevano i fatti di gestione con contabilità economico-patri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266205
Art. 67 - (Contabilità analitica)

1. I fatti attinenti ai centri di costo ed alle specifiche aree di attività sono rilevati con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266206
Art. 68 - (Libri obbligatori)

1. Le Aziende sanitarie regionali devono tenere:

a) il libro giornale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266207
Art. 69 - (Tutela della contabilità e conservazione delle scritture contabili)

1. In materia di tenuta della contabilità e di conservazione delle scritture contabili si appli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266208
Capo III - Mezzi finanziari
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266209
Art. 70 - (Fonti di finanziamento)

1. Costituiscono fonti di finanziamento delle Aziende sanitarie regionali:

a) le risorse destinate, ai sensi dell’art. 60, alle aziende sanitarie dalla Regione a titolo di fabbisogno standard;

b) i ricavi ed i proventi derivanti da prestazioni sanitarie rese a soggetti pubblici e privati, compresi quelli di competenza relativi all'attività libero professionale ed ai servizi a pagamento, quelli provenien

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266210
Art. 71 - (Finanziamento dei servizi socio-assistenziali)

1. Gli oneri per la realizzazione di servizi socio-assistenziali delegati dagli Enti locali sono a totale carico degli ste

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266211
Capo IV - Servizio di tesoreria e di cassa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266212
Art. 72 - (Servizio di tesoreria)

1. Le Aziende sanitarie regionali affidano il proprio servizio di tesoreria ad una o più banche con le procedure previ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266213
Art. 73 - (Servizio di cassa)

1. Le somme riscosse direttamente dalle strutture delle Aziende sanitarie regionali devono essere versate al tesoriere entro il termine e con le modalità stabi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266214
Art. 74 - (Classificazione del patrimonio)

1. Le attività e le passività patrimoniali delle Aziende sanitarie regionali sono class

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266215
Capo V - Il bilancio d'esercizio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266216
Art. 75 - (Bilancio d'esercizio)

1. Il bilancio d'esercizio delle Aziende sanitarie regionali contiene l'esposizione chiara, veritiera e corretta dei risultati della gestione, è redatto con riferimento all'anno solare e, come previsto dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266217
Art. 76 - (Principi e criteri per la redazione del bilancio d'esercizio)

1. Nella redazione del bilancio d'esercizio delle Aziende sanitarie regionali si applicano gli artico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266218
Art. 77 - (Risultato economico della gestione)

1. L'eventuale risultato positivo di esercizio, ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266219
Art. 78 - (Approvazione e pubblicazione del bilancio di esercizio)

1. Il bilancio d'esercizio è adottato dal direttore generale entro il 30 aprile dell'anno succ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266220
Capo VI - Attività contrattuale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266221
Art. 79 - (Attività contrattuale)

1. L'attività contrattuale è esercitata nel rispetto della normativa nazionale e comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266222
Art. 80 - (Contabilità di magazzino)

1. Le Aziende sanitarie regionali devono tenere la contabilità di magazzino relativamente ai materiali sanitari, prodotti farmaceutici ed agli altri beni di consumo a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266223
Capo VII - Controllo di gestione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266224
Art. 81 - (Controllo interno di gestione)

1. Il direttore generale attua il controllo di gestione per verificare mediante la valutazione comparativa dei costi, dei rendimenti e dei risultati, il grado di economicità, di efficacia e di efficienza raggiunto dall'Azienda sanitaria region

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266225
Art. 82 - (Controllo regionale sulla gestione)

1. La Giunta regionale esercita il controllo sulla gestione delle Aziende sanitarie regionali al fine di verificare il risultato di gestione consegu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266226
Capo VIII - Controlli
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266227
Art. 83 - (Controllo della Regione)

1. La Giunta regionale esercita il controllo sulle aziende sanitarie regionali anche ai sensi dell’articolo 4, comma 8 della legge 30 dicembre 1991, n. 412 (Disposizioni in materia di finanza pubblica), mediante:

a) la valutazione della conformità e congruità, rispetto alle indicazioni del piano sanitario regionale di cui all’articolo 12, alle direttive vincolanti regionali e alle risorse assegnate, dei seguenti atti:

1) bilancio preventivo annuale e relative variazioni;

2) bilancio pluriennale di previsione;

3) bilancio di esercizio;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266228
Capo IX - Patrimonio delle aziende sanitarie regionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266229
Art. 84 - (Contributi in conto capitale)

1. La Regione, in coerenza con gli obiettivi definiti nel Piano sanitario regionale (PSR), concede co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266230
Art. 85 - (Disposizioni sul patrimonio sanitario)

1. Al fine di ottimizzare la valorizzazione patrimoniale delle strutture ospedaliere dismesse o da dismettere, la proprietà delle stesse è trasferita al patrimonio regionale, ferma restando la destinazione sanitaria dei proventi nel rispetto di quanto previsto dall’art. 29, comma 1 lettera c) del d.lgs 118/2011 con le modalità di cui al successivo a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266231
Art. 86 - (Convenzioni tra Regione e Aziende sanitarie regionali)

1. Le modalità del trasferimento dei beni immobili di cui all’articolo 85, nonché dell'assegnazione delle risorse derivanti dalla valorizzazione degli stessi a favore delle A

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266232
Art. 87 - (Piano del patrimonio delle aziende sanitarie)

1. Le aziende sanitarie redigono il Piano triennale del patrimonio, nel quale individuano:

a) i beni destinati o da destinare all'erogazione di servizi e a sede degli uffici;

b) i beni utilizzati per finalità di pubblico interesse da enti pubblici o privati senza scopo di lucro, in virtù di accordi di programma o convenzioni;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266233
Art. 88 - (Autorizzazione all'alienazione)

1. L'autorizzazione all'atto di alienazione dei beni immobili già prevista nel piano del patrimonio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266234
Art. 88 bis - (Autorizzazione all’acquisizione e alla sottoscrizione di contratti atipici)

N9

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266235
Art. 89 - (Inventario generale del patrimonio)

1. L'inventario generale del patrimonio comprende le attività e le passività patrimonia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266236
Art. 90 - (Consegnatari dei beni patrimoniali)

1. I direttori generali delle Aziende sanitarie regionali individuano, con propria deliberazione, i c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266237
Art. 91 - (Dichiarazione di fuori uso e di scarico)

1. I beni mobili a disposizione delle Aziende sanitarie regionali non più idonei all'uso loro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266238
Art. 91 bis - (Promozione e coordinamento dell’utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e socio-sanitarie)

N9

1. La Regione promuove e coordina, per fini umanitari o per altri scopi comunque non lucrativi, la cessione e l’utilizzo, in Italia e all’estero, del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private operanti sul territorio regionale, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 107, comma 2, lettera d) e commi 3 e 4 e nel rispetto della legge 11 agosto 2014, n. 125 (Disciplina generale sulla cooperazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266239
Capo X - Disposizioni per la remunerazione degli erogatori di prestazioni sanitarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266240
Art. 92 - (Remunerazione degli erogatori di prestazioni sanitarie)

1. La Regione assicura i livelli uniformi ed essenziali di assistenza avvalendosi dei presidi direttamente gestiti dalle aziende unità sanitarie locali, dalle aziende ospedaliere e dalle aziende ospedaliero-universitarie, nonché dai soggetti privati accreditati ai sensi dell’articolo 8-quater del d.lgs. 502/1992, nel rispetto degli accordi e dei cont

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266241
Art. 93 - (Addebito delle prestazioni ai terzi responsabili)

1. Quando le prestazioni sanitarie erogate siano determinate da fatto comportante presumibile respons

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266242
Capo XI - Sistema informativo sanitario regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266243
Art. 94 - (Sistema informativo sanitario regionale)

1. Il Sistema informativo sanitario regionale è unitario a livello regionale e comprende dati e informazioni prodotte dai sistemi informativi delle aziende sanitarie e dei soggetti erogatori pubblici e privati accreditati della Regione.

2. Il Sistema informativo sanitario regionale:

a) acquisisce i dati e le informazioni per il monitoraggio, la valutazione e la programmazione regionale;

b) diffonde la te

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266244
TITOLO X - PARTECIPAZIONE, DIRITTI DEGLI UTENTI E FORME DI TUTELA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266245
Capo I - Partecipazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266246
Art. 95 - (Informazione e partecipazione dei cittadini)

1. Mediante la partecipazione i cittadini, le formazioni sociali esistenti sul territorio, gli operatori sanitari contribuiscono a migliorare l'organizzazione dei servizi e a dare impulso all'attività programmata; inoltre controllano l'efficacia e la rispondenza dell'attività medesima rispetto alle finalità perseguite dal servizio sanitario regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266247
Art. 96 - (Partecipazione alla programmazione)

1. Ai sensi dell’articolo 14 del d.lgs. 502/1992, la Regione promuove le più ampie forme di concertazione-partenariato istituzionale e sociale ai fini della predisposizione delle proposte di atti di pianificazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266248
Capo II - Diritti degli utenti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266249
Art. 97 - (Diritti degli utenti)

1. L'attività degli organi e degli operatori delle aziende sanitarie regionali è finali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266250
Art. 98 - (Modalità di tutela dei diritti)

1. Le osservazioni, le richieste e le proposte in ordine al funzionamento dei servizi possono essere avanzate dagli utenti all'Ufficio relaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266251
Art. 99 - (Ricorso al Difensore civico)

1. Gli utenti che hanno avanzato osservazioni, richieste e proposte con la modalità di cui all’art. 98, comma 1 e non ritengano esaurienti le risposte ricevute, possono richiedere l'intervento del Difensor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266252
TITOLO XI - ANAGRAFE SANITARIA, OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO, REGISTRI DI POPOLAZIONE E DI PATOLOGIA E COMITATO ETICO DELLE AZIENDE SANITARIE DELL'UMBRIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266253
Capo I - Anagrafe sanitaria regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266254
Art. 100 - (Istituzione dell'Anagrafe sanitaria regionale)

1. È istituita l'Anagrafe sanitaria regionale quale anagrafica di riferimento del Servizio sanitario regionale, al fine di permettere l'identificazione univoca all'interno della Regione, degli assistiti, degli assistibili e dei soggetti che abbiano avuto almeno un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266255
Art. 101 - (Osservatorio epidemiologico regionale)

1. Nell'ambito della competente direzione della Giunta regionale è istituito l'Osservatorio epidemiologico regionale, di seguito denominato Osservatorio, con funzione di osservazione epidemiologica.

2. L'Osservatorio rappresenta una componente fondamentale per orientare l'azione di governo della Giunta regionale e l'attività di pianificazione delle aziende sanitarie regionali, sia nella scelta delle modalità assistenziali, che per effettuare una adeguata valutazione del soddisfacimento dei bisogni di salute emergenti nella popolazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266256
Capo III - Registri regionali di popolazione e di patologia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266257
Art. 102 - (Istituzione dei registri regionali di popolazione e di patologia)

1. In applicazione del d.lgs. 196/2003, ai sensi degli articoli 20 e 154, comma 1, lettera g) sono istituiti a livello regionale i seguenti registri di popolazione e di patologia:

a) Registro tumori;

b) Registro mesoteliomi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266258
Capo IV - Comitato Etico regionale dell'Umbria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266259
Art. 103 - (Comitato Etico regionale dell'Umbria)

N75

1. Il Comitato Etico regionale dell'Umbria (CER Umbria) garantisce la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti che partecipano a protocolli di ricerca clinica e fornisce pubblica garanzia di tale tutela.

2. Il CER Umbria svolge i compiti di cui alla normativa vigente ed esprime pareri in autonomia relativamente a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266260
TITOLO XII -INTERVENTO E TRASPORTO SANITARIO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266261
Capo I - Trasporto sanitario
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266262
Art. 104 - (Gestione del trasporto sanitario)

1. Il trasporto sanitario costituisce attività di interesse generale improntata al rispetto dei principi di universalità, solidarietà, economicità ed appropriatezza.

2. Il trasporto sanitario a carico del servizio sanitario regionale è assicurato dalle Aziende sanitarie regionali, avvalendosi di personale e mezzi propri e, ove ciò non sia possibile, secondo le modalità indicate ai commi 4 e 5. Il servizio di trasporto sanitario regionale può essere effettuato anche tramite mezzi di elisoccorso.

3. Ai fini dell'applicazione dei commi 4 e 5, per trasporto sanitario e prevalentemente sanitario si intende:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266263
TITOLO XIII - DIRITTO DI ACCESSO ALL'ASSISTENZA SANITARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266264
Capo I - Diritto d'accesso all'assistenza sanitaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266265
Art. 105 - (Diritto di accesso alla assistenza sanitaria e ospedaliera)

1. I cittadini appartenenti ad uno degli Stati membri della Unione Europea presenti nel territorio dell'Umbria, hanno diritto di accedere all'assistenza sanitaria nel rispetto della normativa europea e statale.

2. La Regione garantisce altresì l'assistenza ospedaliera all'estero,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266266
Art. 106 - (Servizi sanitari per soggetti provenienti da paesi extracomunitari e loro familiari)

1. La Regione, nell'ambito ed in attuazione della normativa statale e regionale in materia, assicura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266267
Art. 107 - (Interventi di assistenza sanitaria in favore di Paesi extracomunitari in gravi difficoltà assistenziali sanitarie)

1. la Regione detta norme finalizzate all'attuazione di interventi sanitari, destinati a Paesi extracomunitari che versano in gravi difficoltà assistenziali sanitarie per contingenti ragioni politiche, militari ed economiche, assicurando, mediante azioni mirate e coordinate volte sia alle cause che agli effetti, il contributo del Servizio sanitario regionale.

2. Gli interventi di cui al comma 1 consistono in:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266268
Art. 108 - (Accesso a trattamenti terapeutici per i cittadini consumatori di sostanze psicoattive o in stato di dipendenza)

1. La Regione, nel rispetto dell’articolo 13 dello Statuto regionale, contribuisce alla tutela della salute dei cittadini consumatori di sostanze psicoattive o in stato di dipendenza al fine di favorire l'inclusione sociale e il recupero psicofisico, nel rispetto della dignità e della libert&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266269
Capo II - Modalità di esercizio delle funzioni concernenti il riconoscimento della invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266270
Art. 109 - (Commissioni mediche per accertamenti sanitari)

1. Il presente Capo disciplina la composizione e le modalità di funzionamento delle commissioni mediche incaricate di effettuare gli accertamenti sanitari relativi al riconoscimento degli stati di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266271
Art. 110 - (Funzioni esercitate dalle Aziende sanitarie in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità. Indennizzi per soggetti danneggiati)

1. Gli accertamenti sanitari in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità di cui all’articolo 109, in conformità al principio di separazione del procedimento di accertamento sanitario dal procedimento per la concessione delle provvidenze economiche di cui all&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266272
Art. 111 - (Costituzione delle commissioni mediche)

1. Ciascuna Azienda unità sanitaria locale, sulla base del numero delle domande da evadere e tenendo conto dei tempi di accertamento fissati dall’articolo 113, commi 3 e 4, costituisce una o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266273
Art. 112 - (Composizione delle commissioni)

1. Ciascuna commissione è presieduta da un medico specialista in medicina legale scelto tra i medici dipendenti convenzionati dell'Azienda USL. Nel caso di comprovata impossibilità a reperire specialisti in medicina legale possono essere nominati medici che svolgono, da almeno cinque anni, attività in servizi di medicina legale ovvero, in subordine, che siano stati membri, per almeno un quinquennio negli ultimi dieci anni, di commissioni mediche incaricate degli accertamenti di cui al presente Capo.

2. Le commissioni, oltreché dal presidente, sono composte:

a) per gli accertamenti di invalidità civile, da due medici dipendenti dell'Azienda USL o convenzionati con il Servizio sanitario nazionale, di cui uno scelto prioritariamente tra gli specialisti in medicina del lavoro;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266274
Art. 113 - (Disciplina delle commissioni)

1. Le commissioni mediche assumono decisioni valide con la presenza di almeno tre componenti, uno dei quali deve essere il presidente. Alla formazione del numero legale concorre il sanitario designato in rapprese

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266275
Art. 114 - (Compensi)

1. La disciplina dei compensi è stabilita dalle Aziende USL con atto del Direttore generale, n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266276
Art. 115 - (Funzioni per la concessione di provvidenze economiche in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità)

1. Ai sensi dell’articolo 20 del d.l. n. 78/2009, a decorrere dal 1 gennaio 2010, le attività relative all'esercizio delle funzioni per la concessione delle provvidenze economiche nei procedimenti in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità sono affidate all'IN

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266277
Art. 116 - (Benefici aggiuntivi)

1. Sono riservati alla Regione le funzioni e i compiti amministrativi relativi alla determinazione, p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266278
TITOLO XIV - AUTORIZZAZIONE, ACCREDITAMENTO, RILASCIO DI NULLA OSTA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266279
Capo I - Autorizzazione ed accreditamento delle strutture sanitarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266280
Art. 117 - (Autorizzazioni sanitarie)

1. La Giunta regionale disciplina, con norme regolamentari, le modalità e i termini per la richiesta e il rilascio dell’autorizzazione alla realizzazione di strutture sanitarie e socio-sanitarie e all’esercizio di attività sanitarie e socio-sanitarie di cui all’articolo 8-ter del d.lgs. 502/1992 da parte di strutture pubbliche e private, nel rispetto del decreto del Presidente della Repubblica 14 gennaio 1997 (Approvazione dell’atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266281
Art. 118 - (Accreditamento istituzionale)

1. L'accreditamento istituzionale, di cui all’articolo 8-quater del d.lgs. 502/1992, è rilasciato dalla Giunta regionale alle strutture sanitarie e socio-sanitarie autorizzate, pubbliche o private e ai professionisti che ne facciano richiesta e siano in possesso di requisiti ulteriori di qualificazione oltre a quelli previsti per l'autorizzazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266282
Capo II - Autorizzazione e vigilanza sulle strutture sanitarie private di diagnostica di laboratorio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266283
Capo III - Rilascio del nulla osta all'impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti comportanti esposizioni a scopo medico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266284
Art. 130 - (Nulla osta - Domanda e Autorità competente)

1. L'impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti comportanti esposizioni a scopo medico, in attuazione all’articolo 29, comma 2 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230 (Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 2006/117/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti, 20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266285
Art. 131 - (Commissione per la radioprotezione)

1. È istituita, presso la Direzione regionale competente, la Commissione per la radioprotezione, di seguito denominata "Commissione", organismo tecnico consultivo ai sensi dell’articolo 29, comma 2, del d.lgs. 230/1995, a cui sono attribuiti i seguenti compiti:

a) esprimere parere tecnico obbligatorio preventivo sulle istanze ai fini del rilascio del nulla osta per le attività comportanti esposizione a radiazioni ionizzanti a scopo medico di categoria B;

b) assicurare il supporto tecnico all'Autorità ai fini del parere per il rilascio del nulla osta di categoria A, ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266286
Art. 132 - (Rilascio nulla-osta)

1. L'Autorità provvede sulle istanze per il rilascio del nulla osta e relative modifiche, acquisito il parere della Commissione di cui all’articolo 131, entro novanta giorni dal ricevimento della istanza e comunica immed

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266287
Art. 133 - (Prescrizioni nel nulla-osta)

1. Nel nulla osta sono inserite eventuali specifiche prescrizioni tecniche relative:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266288
Art. 134 - (Aggiornamento, variazioni, modifiche)

1. Ogni sette anni, a decorrere dalla data di rilascio, il titolare del nulla osta ha l'obbligo di inoltrare all'Autorità, che la trasmette per il parere alla Commissione, una relazione tecnica, sottoscritta, per la parte di propria competenza, dall'esperto qualificato di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266289
Art. 135 - (Cessazione, revoca, sospensione)

1. La comunicazione di cessazione dell'attività oggetto del nulla-osta deve essere trasmessa, almeno trenta giorni prima della data di cessazione, all'Autorità e, in copia, ai soggetti di cui al comma 1 dell'articolo 132.

2. Alla comunicazione deve essere

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266290
Art. 136 - (Vigilanza)

1. Le funzioni di vigilanza sul possesso del nulla osta e sul rispetto, da parte del titolare, delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266291
TITOLO XV - PROMOZIONE E TUTELA DELLA SALUTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266292
Capo I - Regolamentazione del servizio di assistenza dei nefropatici cronici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266293
Art. 137 - (Organizzazione dell'assistenza ai nefropatici cronici)

1. La Regione istituisce il servizio dialisi per l'assistenza dei nefropatici cronici per i quali non sia necessario procedere a ricovero ospedaliero secondo le modalità di cui al presente Capo e può concedere, nelle fattispecie e nei limiti previsti dalla disposizioni vigenti in materia, contributi per trapianti renali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266294
Art. 138 - (Dialisi domiciliare)

1. Per trattamento dialitico domiciliare si intende una tecnica affidata, nella sua condotta operativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266295
Art. 139 - (Dialisi ambulatoriale ed assistenza limitata)

1. Per trattamento dialitico ambulatoriale ad assistenza limitata si intende una tecnica affidata ad

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266296
Art. 140 - (Consulenza telefonica)

1. L'Azienda sanitaria organizza presso il servizio dialitico la consulenza telefonica, per il paziente in trattamento domiciliare e per il suo assistente, nelle ore concordate per l'effettua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266297
Art. 141 - (Responsabilità)

1. I servizi dialisi autorizzati dagli atti di programmazione regionale hanno la responsabilità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266298
Art. 142 - (Corsi di addestramento)

1. Il paziente, il suo assistente e l'operatore di cui all’articolo 139 vengono messi in grado

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266299
Art. 143 - (Contributi spese telefoniche)

1. La Giunta regionale può concedere ai nefropatici non abbienti un contributo per l'installaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266300
Art. 144 - (Doveri del paziente nell'esercizio della dialisi domiciliare)

1. Le sedute di dialisi devono avvenire nei giorni e nelle ore concordate con il servizio dialisi. Qualsiasi seduta di dialisi in ore e giorni diversi da quelli fissati deve e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266301
Art. 145 - (Norme di indirizzo per i corsi)

1. La Giunta regionale con proprio regolamento disciplina la durata, il contenuto, lo svolgimento dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266302
Capo II - Istituzione del servizio di ospedalizzazione a domicilio per pazienti oncologici terminali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266303
Art. 146 - (Programma di ospedalizzazione domiciliare)

1. Al fine di assicurare un'assistenza domiciliare qualificata ai pazienti oncologici terminali, la G

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266304
Art. 147 - (Promozione e coordinamento)

1. La Giunta regionale promuove e coordina il servizio per il trattamento a domicilio dei pazienti co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266305
Art. 148 - (Richiesta ed autorizzazione)

1. Ciascuna ospedalizzazione domiciliare di pazienti oncologici terminali viene attivata su richiesta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266306
Art. 149 - (Trattamento domiciliare)

1. Il trattamento a domicilio ha luogo mediante l'impiego, da parte delle Aziende sanitarie regionali competenti per territorio, di personale specializza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266307
Art. 150 - (Convenzioni)

1. La Giunta regionale predispone uno schema di convenzione tipo da stipularsi da parte delle Aziende

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266308
Capo III - Norme per la razionalizzazione dei servizi trasfusionali e la promozione della donazione del sangue
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266309
Art. 151 - (Promozione donazione del sangue)

1. Il presente Capo contiene disposizioni per la promozione e la razionalizzazione della attivit&agra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266310
Art. 152 - (Rinvio al piano sanitario regionale)

1. Il piano sanitario regionale, nel rispetto delle disposizioni statali in materia, determina criter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266311
Art. 153 - (Struttura regionale di coordinamento)

N15

1. Il Centro Regionale Sangue, istituito con deliberazione della Giunta r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266312
Art. 154 - (Volontariato)

1. La Regione riconosce che l'attività di propaganda e l'organizzazione dei donatori da parte delle associazioni del volontariato costituiscono momenti fondamentali ed insostituibili per garantire ai presìdi sanitari delle aziende sanitarie della Regione il soddisfacimento delle esigenze

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266313
Art. 155 - (Convenzioni)

1. Il concorso delle associazioni di volontariato alle attività dei servizi delle aziende sanitarie dell'Umbria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266314
Capo IV - Norme Human Immunodeficiency Virus (H.I.V.) per la limitazione dell'infezione da e del fenomeno dell'abbandono delle siringhe usate
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266315
Art. 156 - (Azioni volte a limitare l'infezione da H.I.V. e altre infezioni virali sangue correlate e il fenomeno dell'abbandono di siringhe usate)

1. La Regione, al fine del raggiungimento degli obiettivi di tutela della salute dei cittadini e di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266316
Art. 157 - (Acquisto ed installazione di distributori)

1. Per il raggiungimento delle finalità di cui all’art. 156, le Aziende USL d'intesa con i Comuni interessati, provvedono all'acquisto ed alla installazione nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266317
Art. 158 - (Localizzazione dei siti e gestione dei distributori)

1. I Comuni interessati provvedono alla gestione dei distributori di cui all’art. 157 mediante le farmacie comunali, siano esse associate in aziende che direttamen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266318
Art. 159 - (Raccolta e distribuzione delle siringhe usate)

1. I Comuni e le Aziende USL usufruiscono delle strutture abilitate allo smaltimento dei rifiuti spec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266319
Art. 160 - (Conferenza regionale permanente)

1. È istituita la «Conferenza regionale permanente per le tossicodipendenze da droga, sostanze stupefacenti o psicotrope», con compiti di informazione, consultazione, studio e raccordo delle attività di prevenzione, cura e recupero socio-sanitario, svolte in tutto il territorio della Regione in materia di tossicodipendenza.

2. La Conferenza è presieduta dal Presidente della Giunta regionale o da un suo delegato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266320
Art. 161 - (Relazione annuale)

1. La Giunta regionale presenta all'Assemblea Legislativa entro il 30 aprile di ciascun anno, una rel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266321
Capo V - Tutela sanitaria delle attività sportive
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266322
Art. 162 - (Promozione dell'educazione e tutela dei soggetti che praticano attività motorie e sportive)

1. La Regione, nell'ambito della programmazione sanitaria, provvede alla promozione dell'educazione e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266323
Art. 163 - (Destinatari degli interventi)

1. Sono sottoposti al controllo sanitario per la certificazione di idoneità all'esercizio delle attività sportive gli atleti che praticano l'attività sportiva in forma agonistica ai sensi del decreto ministeriale 18 febbraio 1982 e per l'attivit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266324
Art. 164 - (Funzioni della Regione)

1. La Regione, nella materia regolata dal presente Capo, esercita le funzioni di programmazione, di i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266325
Art. 165 - (Funzioni delle Aziende USL)

1. Le Aziende USL nell'esercizio delle competenze loro attribuite dal d.lgs. 502/1992, nell'ambito della programmazione sanitaria regionale, operano per il perseguimento delle finalità di cui all’articolo 162 assicurando in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266326
Art. 166 - (Attuazione degli interventi)

1. Agli accertamenti diagnostici, alle visite mediche di selezione e di controllo periodico, al rilascio della certificazione di idoneità all'attività sportiva agonistica provvedono, sulla base di piani annuali preventivi delle prestazioni, i servizi di medicina dello sport pubblici o privati accreditati, ai sensi dell’art. 118.

2. Di norma, si procede all'accreditamento dei soggetti interessati, sia pubblici sia privati, in possesso dei requisiti di legge, n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266327
Art. 167 - (Libretto sanitario sportivo)

1. La Regione istituisce in collaborazione con il CONI il libretto sanitario sportivo personale, ad uso medico sportivo, valevole dieci anni, sul quale il medico certificante l'idoneità alla pratica sportiva agonistica deve annotare:

a) le g

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266328
Art. 168 - (Tutela sanitaria degli atleti disabili)

1. La richiesta di certificazione per l'espletamento di attività sportive da parte di atleti disabili deve essere corredata da certif

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266329
Art. 169 - (Controllo anti-doping)

1. I controlli anti-doping sono svolti dal Servizio Sanitario regionale nel rispetto di quanto previs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266330
Art. 170 - (Commissione medica regionale per i ricorsi)

1. Ai soggetti non riconosciuti idonei all'espletamento dell'attività sportiva agonistica viene rilasciato certificato di non idoneità in conformità al decreto 18 febbraio 1982 del Ministro della sanità.

2. In caso di esito negativo degli accertamenti sanitari volti a valutare l'idoneità all'attività sportiva agonistica e non agonistica, gli interessati possono, entro trenta giorni, proporre istanza di revisione alla commissi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266331
Art. 171 - (Adempimenti delle società sportive)

1. Le società sportive sono tenute, sotto la propria responsabilità, a subordinare il tesseramento e la partecipazione degli atleti alle attività sportive, agonistiche e n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266332
Capo VI - Istituzione nelle Aziende USL della Regione del Servizio di assistenza odontoiatrica protesica ed ortesica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266333
Art. 172 - (Attivazione di un Servizio di assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica)

1. In ogni distretto sanitario delle Aziende USL della Regione è attivato un Servizio di assistenza odontoiatrica, protesica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266334
Art. 173 - (Erogazione dell'assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica)

1. Le prestazioni di assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica di cui al presente Capo sono erogate nell'ambito del territorio regionale:

a) dal Servizio attivato nei distretti sanitari delle Aziende USL;

b) dalle strutture odontoiatriche private accreditate, previa stipula di specifici contratti con l'Azienda USL territorialmente competente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266335
Art. 174 - (Oneri per gli utenti)

1. È a totale carico degli assistiti la tariffa delle prestazioni previste dalla presente Capo nei limiti delle previsioni del nomenclatore

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266336
Art. 175 - (Gestione finanziaria del Servizio di assistenza odontoiatrica protesica ed ortesica)

1. Gli oneri derivanti alle Aziende USL per il Servizio di cui al presente capo sono finanziati attra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266337
Art. 176 - (Contributi per l'attivazione del Servizio di assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica)

1. Per lo svolgimento del Servizio di assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica la Giunta regio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266338
TITOLO XVI - NORME IN MATERIA DI PREVENZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266339
Capo I - Prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266340
Art. 177 - (Campo di applicazione)

1. Il presente capo fissa i principi relativi alla programmazione, organizzazione e gestione delle attività per la prevenzione e la tutela della salute nei luoghi di lavoro, in conformità a quanto previsto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266341
Art. 178 - (Compiti della Regione)

1. La Regione promuove la prevenzione e la tutela della salute nei luoghi di lavoro:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266342
Art. 179 - (Compiti delle Aziende USL)

1. Presso ciascuna Azienda USL è istituito, in seno alla macro-area della prevenzione nei luog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266343
Art. 180 - (Obiettivi del Servizio PSAL)

1. Al Servizio PSAL compete:

a) garantire le attività di prevenzione e vigilanza in materia di tutela della salute e del benessere dei lavoratori di ogni genere e provenienza, in attuazione di quanto previsto dall’art. 9 della legge 20 maggio 1970, n. 300 [Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266344
Art. 181 - (Compiti del Servizio PSAL)

1. Il Servizio PSAL raggiunge gli obiettivi di cui all’art. 180 attraverso le seguenti attività:

a) vigilanza e controllo tecnico e amministrativo, anche in riferimento agli aspetti organizzativi del lavoro;

b) emissione di provvedimenti amministrativi o sanzionatori conseguenti alle inosservanze rilevate in cors

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266345
Art. 182 - (Articolazione del Servizio PSAL)

1. Ciascuna Azienda USL organizza all'interno della pianta organica del Dipartimento di Prevenzione il Servizio PSAL, diretto da persona

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266346
Art. 183 - (Attività di controllo e vigilanza)

1. Le attività di controllo e vigilanza nei luoghi di lavoro vengono esercitate ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266347
Capo II - Norme in materia di attività funerarie e cimiteriali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266348
Art. 184 (Principi, oggetto, finalità)

N75

1. La Regione, nel rispetto della dignità delle scelte personali in materia di disposizione del proprio corpo nell'evenienza del decesso e del diritto di ognuno di poter scegliere liberamente la forma di sepoltura, disciplina i servizi e le funzioni funerarie, cimiteriali e di polizia mortuaria, con la finalità di tutelare l'interesse degli utenti dei servizi medesimi e di improntare le attività pubbliche a principi di tr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266349
Art. 184-bis - (Funzioni dei comuni)

N73

1. Al fine di assicurare la sepoltura o la cremazione dei cadaveri, i comuni singoli o associati, di seguito denominati comuni, provvedono alla realizzazione dei cimiteri e degli impianti crematori. I comuni inoltre svolgono tutte le funzioni previste dalla normativa statale vigente in materia e, in particolare, adottano il regolamento per la polizia mortuaria e per i servizi e le funzioni funerarie e cimiteriali in coerenza con le disposizioni regionali vigenti in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266350
Art. 184-ter - (Attività funebre, autorizzazione e divieti)

N73

1. Per attività funebre si intende una attività imprenditoriale che comprende ed assicura, in forma congiunta, almeno le seguenti prestazioni:

a) disbrigo, su mandato degli aventi titolo, delle pratiche amministrative inerenti il dece

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266351
Art. 184-quater - (Incompatibilità e deroghe)

N73

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266352
Art. 184-quinquies - (Trasporto funebre)

N73

1. Per trasporto funebre si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266353
Art. 185 - (Periodo di osservazione e trasferimento della salma e del cadavere)

N75

1. Nel periodo di osservazione, di cui al Capo II del decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1990, n. 285 (Approvazione del regolamento di polizia mortuaria), la salma deve essere mantenuta in condizioni tali da non ostacolare eventuali manifestazioni di vita e durante il quale viene assicurata adeguata sorveglianza anche attraverso apparecchiature di rilevazione e di segnalazione a distanza. Durante tale periodo la salma non può essere sottoposta a trattamenti conservativi, a conservazione in cella frigorifera, ad autopsia o chiusa in cassa. Il periodo di osservazione termina con l'accertamento della morte da parte del medico necroscopo che contestualmente rilascia il certificato necroscopico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266354
Art. 185-bis - (Strutture obitoriali)

N73

1. Sono strutture obitoriali:

a) i locali all'interno della struttura ospedaliera pubblica o privata accreditata, nonché della stru

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266355
Art. 185-ter - (Strutture destinate al commiato)

N73

1. Ai fini del presente Capo sono strutture destinate al commiato la casa funeraria e la sala del commiato.

2. La casa funeraria è una struttura privata in possesso dei requisiti minimi strutturali e impiantistici richiesti dal decreto del Presidente della Repubblica 14 gennaio 1997 (Approvazione dell'atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l'esercizio delle attività sanitarie da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266356
Art. 186 - (Cimiteri)

N75

1. Ogni Comune, ai sensi dell'articolo 337 del r.d. 1265/1934, deve avere un cimitero con almeno un reparto a sistema di inumazione. La costruzione, l'ampliamento e la ristrutturazione dei cimiteri sono disposte dai comuni.

2. I comuni, nella pianificazione dei cimiteri, tengono conto del fabbisogno di sepolture per il numero corrispondente ad almeno tre turni di rotazione per le inumazioni, e a due turni di rotazione per le tumulazioni. Inoltre, nell'ambito della pianificazione urbanistica e territoriale, prevedono aree cimiteriali in grado di rispondere alle necessità di sepoltura nell'arco dei trenta anni successivi all'adozione degli strumenti urbanistici, tenuto conto degli obblighi di cui all'articolo 18

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266357
Art. 186-bis (Diritto di sepoltura)

N73

1. Nei cimiteri devono essere ricevuti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266358
Art. 186-ter - (Loculi aerati)

N73

1. Al fine di favorire la riduzione scheletrica in tempi brevi dei cadaveri tumu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266359
Art. 186-quater - (Impianti crematori)

N73

1. La titolarità ad impiantare i crematori è in capo esclusivamente ai comuni. Gli impianti crematori, al fine di assicurare prestazioni di qualità, sono costruiti e gestiti nel rispetto dei requisiti strutturali, gestionali e professionali previsti dal regolamento re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266360
Art. 186-quinquies - (Cremazione)

N73

1. Per cremazione si intende il procedimento di sepoltura consistente nella riduzione in cenere di un cadavere o dei suoi resti eseguita mediante appositi forni crematori all'interno dei quali viene collocato un singolo ed intero feretro sigillato.

2. L'autorizzazione alla cremazione, nel rispetto della legge 30 marzo 2001, n. 130 (Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri), è rilasciata dall'Ufficiale dello stato civile del Comune di decesso, su istanza degli aventi titolo, corredata dal certificato del medico necroscopo ovvero dal nulla osta dell'autorità giudiziaria, nel rispetto della volontà espressa dal defunto o dagli aventi titolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266361
Art. 186-sexies - (Destinazione e dispersione delle ceneri)

N73

1. Le ceneri derivanti dalla cremazione, raccolte in apposita urna cineraria sigillata, su richiesta degli aventi titolo possono essere, alternativamente, tumulate, inumate o conservate in cimitero, nell'edificio di cui al comma 2, o sversate in maniera indistinta nel cinerario comune del cimitero medesimo.

2. Nel cimitero dove è situato l'impianto crematorio deve essere predisposto un edificio per accogliere le urne le cui caratteristiche edilizie sono stabilite dai regolamenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266362
Art. 186-septies - (Sanzioni)

N73

1. Ferme restando le funzioni di vigilanza sugli aspetti igienico-sanitari da parte delle Aziende unità sanitarie locali, i comuni provvedono alla vigilanza sul rispetto delle prescrizioni di cui al presente Capo e all'irrogazione delle relative sanzioni, introitandone i relativi proventi.

2. Ferme restando le vigenti disposizioni sanzionatorie penali e amministrative previste dalla normativa statale, è soggetto alla sanzione amministrati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266363
Art. 186-octies - (Regolamento regionale)

N73

1. La Giunta regionale, con proprio regolamento, individua e definisce:

a) gli aspetti attuativi afferenti alle funzioni e ai compiti dei comuni e delle Aziende unità sanitarie locali nell'ambito delle materie disciplinate dal presente Capo;

b) i requisiti strutturali, gestionali, p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266364
Capo III - Disciplina in materia di requisiti igienico-sanitari delle piscine ad uso natatorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266365
Art. 187 - (Oggetto e definizioni)

1. Il presente Capo detta disposizioni in materia di requisiti igienico-sanitari relativi alla struttura e alla manutenzione delle piscine ad uso natatorio e alla qualità delle acque e detta disposizioni in materia di vigilanza.

2. Le disposizioni del presente Capo si a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266366
Art. 188 - (Classificazione delle piscine)

1. Le piscine, ai fini igienico-sanitari, sono classificate in base ai seguenti criteri: destinazione, caratteristiche ambientali e strutturali, tipo di utilizzazione.

2. Le piscine in base alla loro destinazione si distinguono nelle categorie A, B e C, a loro volta suddivise in classi.

3. Alla categoria A appartengono le piscine pubbliche o private destinate ad una utenza pubblica.

4. La categoria A è suddivisa nelle seguenti classi:

a) A/1 piscine pubbliche o p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266367
Art. 189 - (Tipologie di vasche)

1. In base alla loro utilizzazione si individuano nelle categorie di piscine di cui all’articolo 188 i seguenti tipi di vasche:

a) agonistiche, per nuotatori e di addestramento al nuoto, aventi requisiti che consentono l'esercizio delle attività natatorie in conformità al genere ed al livello di prestazioni per le quali è destinata la piscina, nel rispetto delle norme della Federazione Italiana Nu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266368
Art. 190 - (Utenti)

1. Gli utenti delle piscine si distinguono in:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266369
Art. 191 - (Parere igienico-sanitario)

1. Per la costruzione di nuovi impianti natatori o per la ristrutturazione e/o ampliamento di impiant

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266370
Art. 192 - (Inizio attività)

1. L'inizio dell'attività delle piscine di nuova costruzione appartenenti alle classi A/1 ed A

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266371
Art. 193 - (Comunicazioni periodiche delle attività stagionali)

1. I titolari degli impianti realizzati per le attività stagionali, trenta giorni prima dell'a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266372
Art. 194 - (Dotazione di personale)

1. Il titolare dell'impianto nomina il responsabile della piscina o dichiara formalmente di assumerne personalmente le funzioni al fine di garantire l'igiene, la sicurezza e la funzionalità delle piscine.

2. Il responsabile della piscina assicura:

a) il corretto funzionamento della struttura sotto ogni aspetto gestionale, tecnologico e organizzativo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266373
Art. 195 - (Requisiti strutturali)

1. I requisiti strutturali delle parti essenziali del complesso di cui all’articolo 187 comma 5, devono:

a) garantire che la potenzialità degli impianti di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266374
Art. 196 - (Documentazione)

1. Il responsabile della piscina tiene a disposizione della Azienda USL competente, incaricata dei controlli esterni, la seguente documentazione:

a) il documento di valutazione del rischio in cui è considerata ogni fase che potrebbe rivelarsi critica nella gestione dell'attività. Il documento tiene conto dei seguenti principi:

1) l'analisi dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266375
Art. 197 - (Controlli)

1. I controlli per la verifica del corretto funzionamento del complesso sono distinti in controlli interni, eseguiti a cura del responsabile d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266376
Art. 198 - (Controlli interni)

1. Il responsabile della piscina garantisce la corretta gestione sotto il profilo igienico-sanitario di tutti gli elementi funzionali del complesso che concorrono alla sicurezza della piscina.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266377
Art. 199 - (Controlli esterni)

1. I controlli ed i relativi prelievi sono effettuati dalla Azienda USL competente, sulla base di appositi piani di cont

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266378
Art. 200 - (Corsi di formazione ed aggiornamento)

1. La Regione, tramite le Aziende USL, dispone l'organizzazione di corsi di formazione ed aggiornamen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266379
Art. 201 - (Primo soccorso)

1. Le piscine sono dotate di un sistema organizzato di primo soccorso di facile accesso per lo svolgimento delle relative operazioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266380
Art. 202 - (Regolamento interno)

1. Il responsabile della piscina adotta un regolamento interno per la disciplina del rapporto con gli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266381
Art. 203 - (Requisiti igienico-sanitari e ambientali)

1. Le piscine di cui all’articolo 187, comma 2, rispettano i requisiti igienico-sanitari e ambi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266382
Art. 204 - (Sanzioni amministrative)

1. I comuni esercitano le funzioni amministrative relativamente all'applicazione delle sanzioni per le violazioni delle norme di cui al presente Capo, sulla base dell'accertamento delle violazioni effettuato dalla Azienda USL competente.

2. La violazione del numero massimo di frequentatori e di bagnanti ammissibili di cui all’articolo 190 comporta la chiusura dell'attività balneare per un massimo di cin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266383
Art. 205 - (Norme regolamentari)

1. La Regione, al fine di assicurare le esigenze unitarie, stabilisce con norme regolamentari:

a) il numero massimo dei frequentatori e dei bagnanti di cui all’articolo 190;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266384
Capo IV - Benessere animale, tutela degli animali di affezione, prevenzione e controllo del randagismo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266385
Art. 206 - (Oggetto e finalità)

N15

1. La Regione, con il presente Capo, nell’esercizio delle proprie competenze ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione e in attuazione della legge 14 agosto 1991, n. 281 (Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo) nonché delle ulteriori disposizioni vigen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266386
Art. 207 - (Definizioni)

N15

1. Ai fini del presente Capo si intende per:

a) animale di affezione: ogni animale tenuto o destinato ad essere tenuto dall’uomo per compagnia senza fini produttivi o alimentari, compresi gli animali che svolgono attività utili all’uomo, come il cane per disabili, gli animali per gli IAA, per la riabilitazione e impiegati nella pubblicità. Gli animali selvatici in libertà non sono considerati animali di affezione;

b) cane o gatto vagante: cane o gatto segnalato libero nel territorio senza mezzi di contenzione;

c) cane abbandonato: cane vagante per il quale è possibile risalire al proprietario o al detentore;

d) cane randagio: cane vagante non identificato e comunque non riconducibile ad un proprietario o ad un detentore;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266387
Art. 208 - (Competenze della Regione)

N15

1. La Giunta regionale provvede, in particolare:

a) a stabilire i criteri per la costruzione, il risanamento e la corretta gestione dei canili sanitari e dei canili rifugio;

b) ad adottare il piano triennale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266388
Art. 209 - (Competenze dei comuni)

N15

1. I comuni, singoli o associati, provvedono in particolare:

a) ad attuare piani di controllo delle nascite attraverso la sterilizzazione;

b) alla costruzione dei canili sanitari e dei canili rifugio e alla ristrutturazione di quelli esistenti, nel rispetto del piano di cui all’articolo 211;

c) all’individuazione, in assenza delle strutture di cui alla lettera b), di strutture di ricovero, pubbliche o private, preposte alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266389
Art. 210 - (Competenze delle aziende unità sanitarie locali)

N15

1. Le aziende unità sanitarie locali provvedono, in particolare:

a) all’inserimento di apposito microchip in ogni animale di affezione di cui all’articolo 219 e all’iscrizione dell’animale stesso all’anagrafe regionale di cui al medesimo articolo 219;

b) all’aggiornamento dell’anagrafe regionale informatizzata degli animali d’affezione di cui alla lettera a);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266390
Art. 211 - (Piano degli interventi di prevenzione del randagismo degli animali di affezione e programma annuale)

N15

1. La Giunta regionale, sentite le aziende unità sanitarie locali, adotta il piano degli interventi di prevenzione del randagismo degli animali di affezione, di seguito denominato piano.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266391
Art. 212 - (Elenco delle associazioni di volontariato per la protezione degli animali)

N15

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266392
Art. 213 - (Interventi Assistiti con gli Animali - IAA)

N15

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266393
Art. 214 - (Responsabilità e doveri del proprietario e del detentore)

N15

1. Chiunque sia proprietario o detentore di un animale di affezione è responsabile della sua salute e del suo benessere e deve provvedere alla sua idonea sistemazione, fornendogli adeguate cure e attenzioni, tenuto conto dei bisogni fisiologici ed etologici con riguardo alla specie, alla razza, all’età e al sesso.

2. Il proprietario e il detentore, fermi restando i divieti previsti dalla normativa vigente in materia, non possono:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266394
Capo V

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266395
Art. 215 - (Furto, smarrimento e ritrovamento di animali di affezione)

N15

1. Il proprietario o il detentore dell’animale di affezione, ferme le disposizioni di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266396
Art. 216 - (Soppressione eutanasica)

N15

1. La soppressione degli animali di affezione deve essere effettuata da medici veterinari esclusivamente con metodi in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266397
Art. 217 - (Trasporto di animali di affezione)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266398
Art. 218 - (Detenzione degli animali di affezione)

N15

1. Nel caso di detenzione personale a scopo amatoriale con finalità non economiche, i cani che vivono in civili abitazioni non devono essere confinati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266399
Art. 219 - (Identificazione e registrazione all’anagrafe regionale degli animali di affezione)

N15

1. Il proprietario di un cane è tenuto a registrarlo all’anagrafe regionale informatizzata, collocata nel Sistema Informativo Veterinario ed Alimenti (SIVA) e connessa con l’Anagrafe nazionale, entro sessanta giorni di vita dell’animale o entro dieci giorni dal possesso nel caso di animale non registrato. In ogni caso è obbligatoria la registrazione prima della cessione, effettuata a qualunque titolo.

2. Il cane è identificato mediante inserimento sottocutaneo nella regione del collo, dietro il padiglione auricolare sinistro, di un microchip conforme alle norme ISO.

3. L’applicazione del microchip deve essere effettuata esclusivamente dal servizio veterinario o da medici veterinari liberi professionisti, anche non operanti presso una struttura veterinaria, autorizzati ad accedere all’anagrafe di cui al comma 1,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266400
Art. 219 bis - (Controllo del randagismo, affidamento e adozione)

N9

1. Il Sindaco è responsabile dei cani vaganti rinvenuti o catturati sul territorio del comune e, dopo il periodo di osservazione nel canile sanitario ovvero qualora non ricorrano le condizioni di cui al comma 2, ha l’obbligo di collocarli presso un canile rifugio o un canile privato convenzionato adibito a canile rifugio. La collocazione presso il canile privato convenzionato può avvenire solo qualora non sia presente un canile rifugio ovvero non sia possibile il ricovero presso quest’ultimo. Il Sindaco è altresì responsabile delle colonie feline di cui all’articolo 219 quater.

2. Fermi i casi di maltrattamento o abbandono previsti dal codice penale, i cani vaganti catturati, laddove identificati, devono essere restituiti al proprietario o al detentore. Le spese di cattura e di custodia sono, in ogni caso, a carico di questi ultimi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266401
Art. 219 ter - (Canili)

N9

1. L’accoglienza dei cani, ai fini della lotta al randagismo, si effettua nelle seguenti strutture, che devono essere sottoposte alle autorizzazioni ai sensi della normativa vigente e devono garantire il mantenimento nel tempo dei requisiti previsti e degli standard di benessere animale:

a) canili sanitari e canili rifugio, gestiti dai comuni singoli o associati direttamente o mediante la stipula di apposite convenzioni con le associazioni di volontariato iscritte al Registro di cui all’art. 371 o con i soggetti privati di cui all’articolo 209, comma 1, lettera d);

b) canili privati convenzionati con comuni singoli o associati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266402
Art. 219 quater - (Colonie e oasi feline)

N9

1. La Regione promuove la tutela dei gatti che vivono in libertà favorendone il mantenimento nel loro habitat naturale. Il servizio veterinario può provvedere al ricovero temporaneo dei gatti solamente per motivi di cura, anche a seguito di intervento di soccorso o di recupero per malattie debilitanti o per decorso post-operatorio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266403
Art. 219 quater bis - (Convenzioni con le associazioni di volontariato protezionistiche)

N9

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266404
Art. 219 quinquies - (Medicina veterinaria)

N9

1. Gli interventi di medicina veterinaria erogati agli animali di affezione consistono in prestazioni di primo livello e di secondo livello.

2. Le prestazioni di primo livello, erogate dal servizio veterinario o da medici veterinari liberi professionisti consistono, in particolare, nei seguenti interventi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266405
Art. 219 sexies - (Cani morsicatori e a rischio di aggressività)

N9

1. Fermo quanto stabilito dagli articoli 86 e 87 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320 (Regolamento di polizia veterinaria), a seguito di morsicatura o aggressione il servizio veterinario attiva un percorso mirato all’accertamento delle condizioni psicofisiche dell&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266406
Art. 219 septies - (Sanzioni)

N9

1. Fatte salve le ipotesi di responsabilità penale, ai contravventori del presente Capo, si applicano le seguenti sanzioni:

a) da euro 150,00 a euro 900,00 per chi viola le disposizioni di cui agli articoli 214, comma 2, lettere a)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266407
Capo VI - Divieto di detenzione e utilizzazione di esche avvelenate
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266408
Art. 220 - (Disposizioni generali)

1. È fatto divieto, ai fini della tutela della salute umana, dell'igiene pubblica e dell'ambiente, fatte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266409
Art. 221 - (Derattizzazione)

1. Le attività di derattizzazione possono essere praticate esclusivamente con prodotti a ciò specificamente destinati ed utilizzati tal quali, nel rispetto comunque delle prescrizioni fornite dal produttore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266410
Art. 222 - (Sanzioni amministrative)

1. Fatta salva l'applicazione delle diverse sanzioni previste dalla normativa vigente, chiunque violi le disposizioni di cui agli articoli 220 e 221 è soggetto ad una sanzione amministrativa da Euro 103,00 ad Euro 620,00. Si applicano nei confronti degli autori della violazione il sequestro e la confisca previsti dagli articoli 13, 18 e 20 della legge 689/1991.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266411
Art. 223 - (Applicazione delle sanzioni amministrative)

1. All'applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie provvede “il comune” N3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266412
Art. 224 - (Compiti del Sindaco e bonifica delle aree)

1. Il sindaco, a seguito di accertamenti di violazioni del divieto di cui all’articolo 220 effettuati dagli organi di vigilanza competenti, ovvero sulla base delle denunce o delle segnalazioni degli interessati o dei medici veterinari, ai sensi dell’articolo 225 dà immediate disposizioni per l'apertura di un'indagine da effettuare in collaborazione con le altre Autorità competenti adottando, se necessario, i primi provvedimenti urgenti finalizzati al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266413
Art. 225 - (Compiti del medico veterinario)

1. Il medico veterinario che, sulla base di una sintomatologia conclamata, emette diagnosi di sospetto avvelenamento di un esemplare di specie animale domestica o selvatica, ne dà immediata comunicazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266414
Art. 226 - (Analisi di laboratorio)

1. La Giunta regionale, per le finalità di cui al presente capo, assicura l'attivazione dei laboratori dell'Istituto zooprofilattico sperimentale per l'Umbria e le Marche in grado di esaminare i campioni tissutali e di contenuto gastrico degli animali uccisi o eventuali parti di esche con possibilità di ricerca almeno dei seguenti veleni:

a) Stricnina;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266415
Art. 227 - (Competenze dei Comuni)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266416
Art. 228 - (Competenze della Regione)

N15

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266417
TITOLO XVII - NORME IN MATERIA DI ASSISTENZA FARMACEUTICA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266418
CAPO I – Corretto uso del farmaco ed assistenza farmaceutica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266419
Art. 229 - (Finalità)

1. Il presente capo disciplina l'esercizio delle funzioni da parte delle Aziende sanitarie regionali - e della Regione in materia di assistenza farmaceutica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266420
Art. 230 - (Protocolli, elenchi e repertori farmaceutici per il corretto uso del farmaco)

1. Le Aziende sanitarie regionali allo scopo di assicurare l'uso corretto dei farmaci, curano la diffusione nelle proprie struttur

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266421
Art. 231 - (Informazioni sui farmaci e vigilanza sulla pubblicità)

1. Le Aziende sanitarie regionali curano l'informazione scientifica degli operatori e la educazione sanitaria della popolazione nell'ambito dei programmi e con le modalità previste dall'art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266422
Capo II - Sulle modalità per l'erogazione dell'assistenza farmaceutica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266423
Art. 232 - (Diritto all'assistenza e livelli delle prestazioni)

1. I cittadini iscritti negli elenchi degli assistibili formati presso le Aziende USL, hanno diritto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266424
Art. 233 - (Farmaci non inclusi nel prontuario farmaceutico)

1. Il servizio sanitario regionale non può corrispondere alcun rimborso per farmaci non inclus

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266425
Art. 234 - (Erogazione dell'assistenza da parte delle farmacie)

1. Le Aziende USL erogano l'assistenza farmaceutica per mezzo delle farmacie pubbliche e private convenzion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266426
Art. 235 - (Impiego dei farmaci nelle strutture delle Aziende sanitarie regionali)

1. L'assistenza farmaceutica è garantita inoltre mediante l'impiego diretto dei farmaci nei pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266427
Capo III - Organizzazione del servizio farmaceutico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266428
Art. 236 - (Organizzazione del servizio farmaceutico)

1. Ciascuna Azienda sanitaria regionale istituisce un servizio cui viene attribuita la responsabilità organizzativa delle attività concernenti l'assistenza farmaceutica che, inoltre, limitatamente alle Aziende USL, effettua la vigilanza sulle farmacie e s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266429
Art. 237 - (Norme per le sostanze stupefacenti)

1. All'emissione degli ordinativi per procedere all'acquisto degli stupefacenti e delle altre sostanze ad azione psicotropa, nelle forme di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266430
Art. 238 - (Controlli di qualità)

1. La Regione promuove intese per mettere a disposizione dell'Istituto superiore di sanità i s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266431
Capo IV - Norme inerenti le farmacie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266432
Art. 239 - (Norme inerenti le farmacie)

N49

1. I comuni, sentiti le aziende unità sanitarie locali e l'Ordine prov

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266433
Art. 240 - (Concorsi per le farmacie private)

1. Il conferimento delle sedi farmaceutiche vacanti o di nuova istituzione che risultino disponibili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266434
Art. 241 - (Apertura e chiusura delle farmacie e dispensari farmaceutici)

1. L'autorizzazione all'apertura e all'esercizio delle farmacie nonché l'apertura dei dispensari farmaceutici sono disposte dall'Azienda USL competente per territorio con l'osservanza delle disposizioni vigenti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266435
Art. 242 - (Orari di servizio e turni)

1. Le Aziende USL con riferimento al territorio complessivo delle medesime, stabiliscono i turni per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266436
Art. 243 - (Vigilanza)

1. Le funzioni ispettive, di vigilanza e di controllo sul servizio farmaceutico sono esercitate dalle Aziende USL.

2. La commissione per le ispezioni ordinarie e straordinarie alle farmacie, di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266437
Art. 244 - (Provvidenze per le farmacie rurali)

1. I provvedimenti relativi alla corresponsione delle indennità dovute ai titolari di farmacie rurali e ai gestori di dispensari farmaceutici, secondo la vigente normativa, statale e regionale, nonché quelli relativi alle determinazioni dell'indennità di avviamento e dell'importo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266438
Art. 245 - (Interventi a favore delle farmacie rurali particolarmente disagiate)

1. Le Aziende USL erogano una indennità annua lorda per disagiato servizio ai titolari e direttori responsabili di farmacie rurali, ubicate in comuni o frazioni o centri abitati con popolazione inferiore ai 5000 abitanti, il cui volume d'affari dell'anno precedente, risultante dalle distinte contabili riepilogative mensili di cui al d.p.r. 8 luglio 1998, n. 371 (Regolamento recante norme concernenti l'accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con le farmacie pubbliche e private), non superi l'importo complessivo di euro154.937,00.

2. L'indennità annua lorda per disagiato servizio di cui al comma 1 è erogata nella seguente misura:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266439
Art. 246 - (Regolamento dei rapporti finanziari)

1. I rapporti tra le Aziende USL e le farmacie convenzionate, pubbliche e private, sono regolati nelle forme e con le modalità previst

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266440
TITOLO XVIII - CONTRIBUTI A FAVORE DEI MUTILATI ED INVALIDI DI GUERRA E CATEGORIE ASSIMILATE PER CURE CLIMATICHE, SOGGIORNI TERAPEUTICI E CURE TERMALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266441
Capo I - Contributi a favore dei mutilati ed invalidi di guerra e categorie assimilate per cure climatiche, soggiorni terapeutici e cure termali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266442
Art. 247 - (Contributi a favore dei mutilati ed invalidi di guerra e categorie assimilate per cure climatiche, soggiorni terapeutici e cure termali)

1. La Regione eroga contributi a favore di mutilati, invalidi di guerra e categorie assimilate finali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266443
Art. 248 - (Definizioni)

1. Per cure climatiche si intendono quelle per le quali il clima rappresenta un fattore terapeutico atto a prevenire la riacutizzazione o le complicanze dell'infermità, nonché le patologie a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266444
Art. 249 - (Prestazioni)

1. Le cure climatiche sono concesse su apposita prescrizione di un medico del Servizio sanitario nazionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266445
Art. 250 - (Beneficiari)

1. Sono ammessi ai benefìci previsti dalla presente legge:

a) i mutilati ed invalidi di guerra, di cui agli articoli 2 e 3 del d.p.r. 23 dicembre 1978, n. 915 (Testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra) e successive modificazioni ed integrazioni e al d.p.r. 30 dicembre 1981, n. 834 (Definitivo riordinamento delle pensioni di guerra, in attuazione della delega prevista dall’art. 1 della legge 23 settembre 1981, n. 533);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266446
Art. 251 - (Contributi per cure climatiche e soggiorni terapeutici)

1. Agli invalidi ammessi alle cure climatiche ed ai soggiorni terapeutici è concesso, da parte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266447
Art. 252 - (Contributi per cure termali)

1. Agli invalidi ammessi alle cure termali è concesso da parte delle Aziende USL un contributo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266448
Art. 253 - (Contributi di accompagnamento)

1. Agli invalidi ammessi alle cure climatiche, ai soggiorni terapeutici ed alle cure termali, di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266449
Art. 254 - (Provvedimenti di attuazione)

1. La Giunta regionale, con norme regolamentari disciplina le ulteriori modalità ed i termini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266450
TITOLO XIX - TUTELA DELLA SALUTE PSICOFISICA DELLA PERSONA SUL LUOGO DI LAVORO E PREVENZIONE E CONTRASTO DEI FENOMENI DI MOBBING
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266451
Capo I - Tutela della salute psicofisica della persona sul luogo di lavoro e prevenzione e contrasto dei fenomeni di mobbing
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266452
Art. 255 - (Finalità)

1. La Regione Umbria, in attuazione degli articoli 1, 2, 3, 4, 32 e 41 della Costituzione it

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266453
Art. 256 - (Compiti della Regione)

1. Per le finalità di cui all’articolo 255 la Regione promuove, in collaborazione con le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266454
Art. 257 - (Azioni di formazione)

1. La Regione promuove corsi di formazione professionale sul fenomeno mobbing, rivolti, in particolare, ai seguenti soggetti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266455
Art. 258 - (Azioni di informazione e ricerca)

1. La Regione promuove:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266456
Art. 259 - (Azioni di assistenza medico-legale e psicologica)

1. La Regione concede incentivi alla realizzazione di supporti e terapie psicologiche di sostegno e r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266457
Art. 260 - (Sportelli anti-mobbing)

N75

1. La

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266458
Art. 261 - (Osservatorio regionale sul mobbing)

1. È istituito l'Osservatorio regionale sul mobbing con sede presso l'Assessorato competente in materia di lavoro.

2. La partecipazione all'Osservatorio è a titolo gratuito. L'Osservatorio è composto da:

a) l'assessore regionale alle politiche attive del lavoro, o suo delegato, che lo presiede;

a bis) i responsabili dei Servizi PSAL delle Aziende USL; N80

b) un membro designato dal Comitato regionale di coordinamento per la s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266459
Art. 262 - (Attività di controllo)

1. Il Servizio PSAL, sulla base delle segnalazioni ricevute o nell'ambito della sua attività istituzionale, effettua apposite ispezioni nel luogo di lavoro per accertare l'esistenza di azioni di mobbing

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266460
PARTE II - SERVIZI SOCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266461
TITOLO I - SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266462
Capo I - Disciplina per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266463
Art. 263 - (Realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali)

1. Il presente titolo, in armonia con i principi della legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), nonché con i principi del diritto internazionale e del diritto comunitario in materia di diritti sociali della persona, disciplina la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali.

2. In particolare il presente titolo disciplina l'esercizio della funzione sociale, la programmazione, l'organizzazione e la gestione delle attività e dei servizi sociali nella Regione in zone territoriali adeguate nonché la loro integrazione con le politiche ed il sistema dei servizi sanitari e dei servizi educativi, dell'ambiente, dell'avviamento al lavoro e del reinserimento nelle attività lavorative, dei servizi del tempo liber

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266464
Art. 264 - (Destinatari delle prestazioni sociali)

1. Sono destinatarie delle prestazioni sociali di cui al presente titolo tutte le persone residenti o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266465
Capo II - Soggetti istituzionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266466
Art. 265 - (Il comune)

N15

1. Il comune è titolare delle funzioni in materia di politiche sociali e svolge le attività di cui all’articolo 6 della legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266467
Art. 266 - (Ambito territoriale integrato)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266468
Art. 267 - (La provincia)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266469
Art. 268 - (La Regione)

1. La Regione esercita le funzioni di programmazione, coordinamento e indirizzo degli interventi sociali, nonché di verifica dell'attuazione a livello territoriale. Disciplina l'integrazione degli interventi sociali e provvede, in particolare, all'integrazione socio sanitaria in coerenza con gli obiettivi del Piano sanitario regionale, nonché al coordinamento delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e delle politiche sociali abitative.

2. La Regione, in particolare:

a) ripartisce le risorse del Fondo sociale regionale, del Fondo nazionale per l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266470
Art. 268 bis - (Zone sociali)

N9

1. Le Zone sociali sono articolazioni territoriali corrispondenti ai distretti sanitari di cui all’articolo 22, individuate dal Piano sociale regionale di cui all’articolo 270. Le Zone sociali, tramite il comune capofila, esercitano, in particolare, le seguenti funzioni:

a) definiscono gli obiettivi da perseguire per garantire la gestione secondo criteri di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza, uniformità e appropriatezza nel sistema di offerta ed equità per l’accesso alle prestazioni e ne verificano il raggiungimento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266471
Art. 269 - (Aziende pubbliche di servizi alla persona e persone giuridiche di diritto privato)

N15

1. Le aziende pubbliche di servizi alla pers

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266472
Capo III - Programmazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266473
Art. 270 - (Piano sociale regionale)

1. Il Piano sociale regionale è lo strumento di governo del sistema dei servizi e delle attività sociali mediante il quale la Regione definisce gli indirizzi, gli obiettivi, le priorità sociali, la soglia territoriale ottimale per la programmazione e la gestione degli interventi sociali ed i criteri per la relativa attuazione.

2. Il Piano sociale regionale individua i principali fattori di sviluppo e di rischio come elementi di orientamento per gli interventi di area sociale nelle materie di competenza regionale.

3. Il Piano sociale regionale si integra con il Piano sanitario regionale, in particolare per le prestazioni socio sanitarie di cui all’articolo 281; esso stabilisce le modalità e gli strumenti per l'integrazione con le altre politiche del welfare e con le altre politiche e piani di settore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266474
Art. 271 - (Conferenza di Zona)

N15

1. La Conferenza di Zona costituisce il soggetto di coordinamento politico e istituzionale della Zona sociale ed

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266475
Art. 271 bis - (Tavolo zonale di concertazione)

N9

1. Il Tavolo zonale di concertazione costituisce un organismo partecipativo di cui fanno parte le aziende unità sanitarie loc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266476
Art. 271 ter - (Tavoli di coprogettazione)

N9

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266477
Art. 272 - (Piano sociale di zona)

N15

1. Il Piano sociale di zona è lo strumento mediante il quale la Zona sociale programma gli interventi e i servizi sociali e stabilisce i criteri per l’erogazione dei servizi sociali e per la loro attuazione.

2. Il Piano sociale di zona contiene, in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266478
Art. 273 - (Procedimento per l’adozione del Piano sociale di zona)

N15

1. L’ufficio di Piano della zona sociale trasm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266479
Art. 274 - (Attuazione del Piano sociale di zona e coprogettazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266480
Art. 275 - (Concertazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266481
Art. 276 - (Piano operativo)

1. La Giunta regionale approva ogni anno, d'intesa con le Zone sociali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266482
Capo IV - Partecipazione, promozione e valorizzazione degli organismi aventi funzione sociale, educativa e formativa
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266483
Art. 277 - (Rapporti fra Regione ed enti locali e partecipazione)

1. La Giunta regionale, al fine di garantire un efficace sistema di relazioni istituzionali fra Regio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266484
Art. 278 - (Promozione dell'economia sociale)

1. La Regione, in collaborazione con gli enti locali e con le organizzazioni rappresentative del mondo del lavoro, dell'imprenditoria e dei soggetti non profit operanti nel sistema dei servizi e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266485
Art. 279 - (Organizzazioni di utilità sociale)

1. La Regione riconosce lo svolgimento della pubblica funzione sociale da parte delle cooperative sociali, delle associazioni di promozione sociale, del volontariato e delle altre organizzazioni senza finalità di profitto di cui all’articolo 1, comma 4, della L. 328/2000, e promuove la costruzione di un sistema di responsabilità pubbliche, anche non statuali, condivise fra soggetti istituzionali e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266486
Art. 280 - (Riconoscimento e valorizzazione della funzione sociale, educativa e formativa delle parrocchie mediante gli oratori)

1. La Regione riconosce e valorizza la funzione sociale, educativa e formativa svolta dalle parrocchie e dagli istituti religiosi cattolici attraverso gli oratori, nell'ambito del percorso formativo rivolto ai soggetti in età minore, agli adolescenti e ai giovani.

2. La Regione riconosce la titolarità delle diocesi dell'Umbria e degli istituti religiosi cattolici che svolgono attività oratoriale ad essere consultati nella fase di elaborazione delle linee di programmazione, organizzazione e gest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266487
TITOLO II - GESTIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266488
Capo I - Prestazioni socio sanitarie e zone sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266489
Art. 281 - (Prestazioni socio sanitarie)

1. Le prestazioni socio sanitarie sono distinte, ai sensi dell’articolo 3-septies del d.lgs. 502/1992 e sue successive modificazioni e integrazioni, in:

a) prestazioni sanitarie a rilevanza so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266490
Art. 282 - (Zone sociali)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266491
Art. 283 - (Conferenza di zona)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266492
Art. 284 - (Uffici della cittadinanza)

1. All'interno della Zona sociale sono istituiti gli uffici della cittadinanza, ai sensi “dell&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266493
TITOLO III - AZIONI, INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266494
Capo I - Azioni, interventi e servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266495
Art. 285 - (Articolazione delle attività sociali)

1. Le attività sociali si articolano in azioni sociali, interventi e servizi sociali.

2. Le azioni sociali si articolano in:

a) azioni per la promozione e sostegno della sussidiarietà orizzontale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266496
CAPO II - (Azioni sociali)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266497
Art. 286 - (Azioni per la promozione ed il sostegno della sussidiarietà orizzontale)

1. I comuni, singoli o in forma associata, “favoriscono” N3 la partecipazione dei cittadini e delle formazioni sociali ed il loro contributo al sistema locale dei servizi e degli interventi sociali attraverso lo svolgimento di attività di interesse generale, anche mediante forme di collaborazione ai sensi della normativa vigente.

2. Le funzioni sociali di cui al comma 1 sono svolte dalle Zone sociali mediante azioni finalizzate a sostenere e a favorire l’autonoma iniziativa dei privati nell’eser

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266498
Art. 287 - (Azioni per la qualità)

1. I comuni, singoli o in forma associata, promuovono azioni positive, a carattere sociale, educativo e culturale, per ricostruire e sviluppare i legami di condivisione e di appartenenza alla comunità.

2. Tali azioni son

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266499
Art. 288 - (Azioni di promozione)

1. “Le Zone sociali, anche con l’apporto delle organizzazioni di volontariato e” N3 di utilità sociale, incentivano le attività sociali di promozione. Tali attività comprendono i servizi di comunicazione, di mutualità e di prossimità.

2. Le azioni di comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266500
CAPO III - Servizi e interventi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266501
Art. 289 - (Servizi per le responsabilità familiari)

1. La Regione individua con il Piano sociale regionale i servizi socio educativi di supporto alle responsab

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266502
Art. 290 - (Interventi e servizi socio assistenziali)

1. I servizi socio assistenziali hanno natura solidaristica e sono rivolti a persone e famiglie, con particolare riferimento ai soggetti vulnerabili e maggiormente esposti a rischio di esclusione. Essi consistono in azioni di sostegno, prestazioni e attività sociali ad integrazione e/o sostituzione delle funzioni della rete sociale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266503
Art. 291 - (Interventi e servizi per la formazione permanente delle persone anziane)

1. La Regione promuove la partecipazione delle persone anziane a processi educativi, alle attività ricreative e alla formazione lungo tutto l'arco della vita, rendendole così protagoniste del proprio futuro. La Regione, in particolare:

a) incentiva la mutua formazione inter e intra generazionale tra appartenenti a culture differenti, riconoscendo e promuovendo il valore della differenza di genere;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266504
Art. 292 - (Interventi e servizi per la cultura, la prevenzione ed il benessere durante l'invecchiamento)

1. La Regione, al fine di prevenire processi invalidanti fisici e psicologici, promuove azioni tese al mantenimento del benessere durante l'invecchiamento della persona anziana, sostenendo la diffusione di corretti stili di vita e l'educazione mo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266505
Art. 293 - (Interventi e servizi per la cultura, il tempo libero, l'impegno e il volontariato civile delle persone anziane)

1. La Regione, riconoscendo il ruolo centrale degli enti locali territoriali e del terzo settore, favorisce la partecipazione delle persone anziane ad attività culturali, ricreative e sportive, anche per sviluppare relazioni solidali, positive e continuative tra le persone e senso di appartenenza alla comunità.

2. La Regione, al fine di valorizzare l'impiego delle persone anziane in attività socialmente utili ne favorisce la partecipazione alla vita della comunità locale, anche attraverso l'impegno civile nel volontariato e nell'associazionismo o in ruoli di cittadinanza attiva, responsabile e solidale.

3. Il volontariato civile delle persone anziane costituisce una forma di promozione dell'invecchiamento attivo attraverso la realizzazione di progetti sociali, utili alla comunità.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266506
Art. 294 - (Interventi ed azioni per l'implementazione delle nuove tecnologie)

1. La Regione, al fine di consentire una fruizione più immediata e una maggiore diffusione dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266507
Art. 295 - (Diritti sociali di cittadinanza)

1. I servizi e gli interventi sociali di cui alla presente legge garantiscono il raggiungimento dei LIVEAS stabiliti dalle norme statali mediante:

a) misure di contrasto della povertà e di sostegno al reddito e servizi di accompagnamento, con particolare riferimento alle persone senza fissa dimora;

b) misure economiche per favorire la vita autonoma e la permanenza a domicilio di persone totalmente dipendenti o incapaci di compiere gli atti propri della vita quotidiana;

c) interventi a favore di minori in situazioni di disagio tramite il sostegno al nucleo familiare di origine e l'inserimento presso famiglie, persone e strutture comunitarie di accoglienza di tipo familiare e per la promozione dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza;

d) misure per il sostegno delle responsabilità familiari, per f

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266508
TITOLO IV - POLITICHE PER LE FAMIGLIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266509
Capo I - Riconoscimento e valorizzazione delle famiglie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266510
Art. 296 - (Riconoscimento e valorizzazione delle famiglie)

1. La Regione Umbria riconosce la famiglia quale nucleo fondante della società, secondo quanto previsto dalla Dichiarazione dei diritti dell'uomo, dai Trattati internazionali in materia, dalla Costituzione, dallo Statuto regionale.

2. La Regione Umbria valorizza il nucleo familiare formato da persone unite da vincoli di coniugio, parentela e affinità, promuove e sostiene la funzione genitoriale nei compiti di cura, educazione e tutela del benessere dei figli.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266511
Art. 297 - (Strumenti per le politiche di sostegno alle famiglie)

1. La Regione promuove e tutela la famiglia attraverso:

a) il sostegno alle giovani coppie nella formazione di una nuova famiglia e nello svolgimento del ruolo genitoriale, con particolare riferimento ai primi tre anni di vita dei figli;

b) il sostegno alle nuove famiglie mediante interventi che concorrono ad eliminare gli ostacoli di natura economica e sociale che ne impediscono la costituzione e lo sviluppo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266512
Art. 298 - (Servizi ed azioni generali e sostegno alla funzione educativa e di cura dei soggetti in età minore)

1. La Regione, per il raggiungimento degli obiettivi di cui al presente titolo, nel definire gli interventi e i servizi a sostegno della famiglia, provvede:

a) al potenziamento di servizi socio-educativi per la prima infanzia, come previsti e disciplinati dalla legge regionale 22 dicembre 2005, n. 30 (Sistema integrato dei servizi socio-educativi per la prima infanzia);

b) al potenziamento delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266513
Art. 299 - (Assistenza socio-sanitaria e sanitaria alla famiglia)

1. La Regione tutela la maternità e la paternità responsabile nel rispetto dei principi etici di ciascuno, ed attraverso le aziende sanitarie regionali e con le strutture ed i servizi sociali del territorio, garantisce continuità assistenziale alla famiglia attraverso:

a) l'assistenza sanitaria e socio-sanitaria per la tutela della maternità e per la procreazione responsabile, anche medicalmente assistita;

b) l'assistenza sanitaria, psicologica e sociale, anche domiciliare, alle donne e alle famiglie in situazione di rischio sanitario e psicosociale, sia antecedente che successiva al parto, anche su segnalazione dei punti nascita, nonché attraverso la promozione di reti di auto-aiuto;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266514
Art. 300 - (Interventi per le famiglie vulnerabili)

1. La Regione promuove forme di sostegno, anche mediante agevolazioni economiche, ai nuclei familiari che, per il combinarsi di più fattori, tra i quali l'elevato numero dei figli, sono vulnerabili e più esposti al disagio e al rischio di povertà.

2. Per l'attuazione di quanto disposto dal comma 1, la Regione e gli enti locali, nell'ambito delle rispettive competenze, realizzano i seguenti interventi:

a) erogazione diretta di benefici economici per la fornitura di beni e servizi essenziali per la vita familiare;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266515
Art. 300-bis - (Sostegno alle famiglie numerose)

N92

1. La Regione riconosce il r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266516
Art. 301 - (Interventi per la famiglia in condizione di grave disagio)

1. Oltre agli interventi di cui all’articolo 300, la Regione prevede specifiche misure per la famiglia in condizione di particolare disagio sociale, economico e relazionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266517
Art. 302 - (Interventi per favorire l'accesso alla casa delle famiglie)

1. La Regione promuove politiche abitative per la famiglia, con particolare riferimento ai nuclei familiari meno abbienti, mediante l'ampliamento dell'offerta di alloggi a canone contenuto, il sostegno economico per i canoni di locazione e l'intervento per l'insorgere di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266518
Art. 303 - (Diritto allo studio)

1. La Regione rispetta e garantisce la libertà di scelta e di educazione dei genitori, nonch&e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266519
Art. 304 - (Interventi per l'inserimento e reinserimento lavorativo)

1. La Regione adotta misure per favorire le aziende pubbliche o private che assumono con contratto part time persone con figli fino a tre anni di età e sostiene in via prioritaria l'inserimento lavorativo delle stesse.

2. La Regione promuove iniziative vo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266520
Art. 305 - (Sostegno all'adozione e all'affidamento familiare)

1. La Regione, nei limiti della propria competenza, al fine di garantire la tutela e la salvaguardia dei minori in Umbria in situazione di difficoltà o di abbandono e per tutelare il loro diritto alla famiglia, sostiene l'attività dei servizi territoriali e di tutti gli altri enti interessati negli adempimenti previs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266521
Art. 306 - (Riconoscimento del lavoro di cura familiare)

1. La Regione riconosce e valorizza il lavoro di cura familiare non retribuito derivante da responsab

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266522
Art. 307 - (Sostegno e qualificazione dell'attività di assistenza familiare domiciliare)

1. La Regione, in armonia con la legge n. 328/2000 e con il Piano sanitario regionale, con il Piano sociale regionale e con la programmazione regionale in materia di formazione, favorisce il sostegno e la qualificazione dell'attività di assistenza familiare domiciliare.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266523
Art. 308 - (Formazione per le persone che prestano attività di assistenza familiare)

1. La Regione promuove la realizzazione di programmi di formazione e aggiornamento del personale addetto all'assistenza familiare domiciliare.

2. Le attività di formazione sono rivolte in particolare a fornire competenze nel lavoro di cura e aiuto,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266524
Art. 309 - (Selezione del personale straniero che presta attività di assistenza familiare)

1. Nel rispetto della normativa statale in materia, la Regione promuove azioni finalizzate all'inseri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266525
Art. 310 - (Promozione dell'incontro tra domanda e offerta di lavoro)

1. “La Regione” N3, per garantire un servizio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266526
Art. 311 - (Attività di informazione e assistenza)

1. “Le Zone sociali, tramite il Comune capofila”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266527
Art. 312 - (Interventi di sostegno economico a favore dei soggetti che si avvalgono del personale addetto alle attività di assistenza familiare)

1. La Regione sostiene le persone singole e le famiglie che si avvalgono di personale addetto all'assistenza familiare domiciliare per le finalità di cui all’articolo 307, comma 1, anche attraverso intese tra “Zone sociali tramite il Comune capofila” N3, terzo settore e associazionismo sociale, al fine di agevolare l'erogazione di contributi mensili, diretti a ridurre gli oneri derivanti dai contratti di lavoro.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266528
Capo III - Fondo regionale di emergenza per le famiglie delle vittime di incidenti mortali del lavoro
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266529
Art. 313 - (Fondo regionale di emergenza per le famiglie delle vittime di incidenti mortali del lavoro)

1. La Regione, nel rispetto dei principi sanciti dallo Statuto regionale, al fine di far fronte all'emergenza delle famiglie di lavoratrici e lavoratori autonomi e subordinati nonché di soggetti ad essi equiparati, vittime di incidenti mortali del lavoro, istituisce il Fondo regionale di emergenza per le famiglie delle vittime di incidenti mortali del lavoro di seguito denominato Fondo. Il Fondo è finalizzato all'erogazione di un contributo in caso di morte del lavoratore per incidente del lavoro.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266530
Art. 314 - (Contributo in caso di morte del lavoratore per incidente sul lavoro)

1. Sono beneficiari del contributo di cui all’articolo 313 il coniuge superstite o, in mancanza i figli, o in mancanza di questi, gli ascendenti, o in man

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266531
Art. 315 - (Comitato regionale per il Fondo emergenza incidenti del lavoro)

1. È istituito il Comitato per il Fondo emergenza incidenti del lavoro composto da:

a) il Presidente della Giunta regionale, o suo delegato, con funzioni di Presidente;

b) un componente designato dall'Associazione nazionale comuni italiani (ANCI) e uno designato dall'Unione province d'Italia associazioni dell'Umbria (UPI);

c) tre componenti designati dalle organizzazioni sindacali regionali dei lavoratori maggiormente rappresentative, Confederazione generale italiana del lavoro (CGIL), Confederazione italiana sindacati lavoratori (CISL), Unione italiana del lavoro (UIL) e Union

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266532
Art. 316 - (Funzioni del Comitato regionale per il Fondo emergenza incidenti del lavoro)

1. Il Comitato svolge le seguenti funzioni:

a) provvede alla gestione de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266533
TITOLO V - POLITICHE PER LE PERSONE A RISCHIO DI ESCLUSIONE SOCIALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266534
Capo I - (Fondo regionale per la non autosufficienza e diritto alle prestazioni)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266535
Art. 317 - (Fondo regionale per la non autosufficienza)

1. La Regione, nel rispetto dei valori della Costituzione e della Carta dei diritti fondamentali dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266536
Art. 318 - (Diritto alle prestazioni)

1. Possono usufruire delle prestazioni dei servizi, finanziati con il Fondo, le persone non autosufficienti aventi diritto all'assistenza sanitaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266537
Art. 319 - (Accesso unico alle prestazioni e presa in carico della persona non autosufficiente)

1. L'accesso alle prestazioni dei servizi finanziati con il Fondo è garantito dalla rete territoriale dei servizi socio-sanitari attraverso i centri di salute dei distretti socio-sanitari e gli uffici della cittadinanza dei comuni, che assi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266538
Art. 320 - (Accertamento e valutazione della non autosufficienza)

1. L'accertamento della condizione di non autosufficienza è effettuato dalle unità multidisciplinari di valutazione, geriatrica e per disabili, previste dalle disposizioni regionali in materia operanti presso i distretti socio-sanitari delle Aziende (USL).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266539
Art. 321 - (Costituzione del Fondo regionale per la non autosufficienza)

1. Il Fondo regionale per la non autosufficienza è alimentato da:

a) risorse provenienti dal riparto del Fondo nazionale per la non autosufficienza;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266540
Art. 322 - (Partecipazione delle formazioni sociali e delle organizzazioni sindacali nella costruzione e gestione del Fondo regionale per la non autosufficienza)

1. La Regione riconosce il ruolo di rappresentanza sociale delle organizzazioni e delle formazioni sociali che rappresentano e tutelano i cittadini nella costruzione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e assume il confronto e la concertazione come metodo di relazione con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266541
Art. 323 - (Fondo per le prestazioni socio-sanitarie e sociali)

1. Il Fondo per garantire l'attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni, in favore delle persone non autosufficienti anziani, adulti e minori, finanzia le prestazioni socio-sanitarie ad elevata integrazione sanitaria, le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale e le prestazioni sociali a rilevanza sanitaria.

2. La Regione assegna direttamente ai Distretti di cui all’art. 38 “e alle Zone sociali di cui all’articolo 268 bis” N3 le risorse del fondo per l'erogazione delle prestazioni di cui al comma 1 a rilevanza sociale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266542
Capo III - Programma assistenziale personalizzato
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266543
Art. 324 - (Programma assistenziale personalizzato)

1. Il programma assistenziale personalizzato, di seguito PAP, individua obiettivi ed esiti attesi in termini di mantenimento e miglioramento delle condizioni di salute, indica le prestazioni da assicurare alla perso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266544
Art. 325 - (Patto per la cura e il benessere)

1. Al fine di assicurare la piena applicazione del PAP la persona non autosufficiente, o eventualment

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266545
Capo IV - Piano regionale integrato per la non autosufficienza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266546
Art. 326 - (Piano regionale integrato per la non autosufficienza)

1. La Giunta regionale adotta, contestualmente al Piano sanitario ed al Piano sociale, il Piano regionale integrato per la non autosufficienza di seguito PRINA e lo trasmette, espletate le procedure di concer

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266547
Art. 327 - (Livelli e strumenti della programmazione)

1. Ai fini della presente legge, in coerenza con gli indirizzi fissati dal PRINA, la programmazione si articola su tre livelli:

a) Regione;

b) Azienda USL e “Zone sociali dei distretti dell’azienda unità sanitaria locale” N3;

c) distretti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266548
Capo V - Prestito sociale d'onore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266549
Art. 328 - (Prestito sociale d'onore)

1. Il prestito sociale d'onore, in coerenza con il Piano sociale regionale, è un'agevolazione concessa a favore di soggetti in possesso dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266550
Art. 329 - (Fondo per l'accesso al prestito sociale d'onore)

1. La Giunta regionale finanzia il prestito sociale d'onore con un apposito fondo finalizzato a consentire l'accesso al microcredito da parte dei soggetti di cui all’articolo 330, anche al fine di contrastare fenomeni di usura.

2. Il fondo è ripartito tra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266551
Art. 330 - (Requisiti per l'accesso)

1. Il soggetto, per ottenere il prestito sociale d'onore deve essere in possesso, alla data di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti:

a) essere cittadino italiano o dell'Unione Europea; qualora cittadino extracomunitario, essere in possesso di carta di soggiorno o regolare permesso di soggiorno, la cui scadenza deve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266552
Art. 331 - (Modalità per l'erogazione del prestito)

1. Il soggetto, al fine dell'erogazione del prestito sociale d'onore, deve presentare apposita domanda al Comune di residenza o al Comune capofila di Zona sociale individuato nel Piano sociale regionale. La domanda deve contenere le dichiarazioni sostitutive di certificazione e di atto di notorietà rese ai sensi del DPR 445/2000 relativamente:

a) al possesso dei req

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266553
Art. 332 - (Erogazione di contributi)

1. La Regione concede annualmente contributi alle seguenti Associazioni allo scopo di favorirne lo svolgimento dei compiti istituzionali:

a) Associazione nazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266554
Art. 333 - (Modalità di erogazione dei contributi)

1. I contributi vengono erogati dalla Giunta regionale sulla base di un programma di riparto adottato dalla Giunta medesima secondo le seguenti percentuali: Il 20 per cento dello stanziamento regionale viene assegnato alla Unione italiana ciechi (UIC), il 29 per cento all'ANMIC, il 20 per cento all'ANMIL, il 13 per cento all'ANMIG, il 6 per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266555
TITOLO VI - MISURE PER DISCIPLINARE L'INSERIMENTO DI COMUNITÀ A RISCHIO DI EMARGINAZIONE SOCIALE

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266556
Capo I - Misure per disciplinare l'inserimento dei nomadi nella società e per la tutela della loro identità e del loro patrimonio culturale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266557
Art. 334 - (Misure per l'insediamento dei nomadi nel contesto sociale)

1. La Regione "disciplina"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266558
Art. 335 - (Realizzazione dei campi di sosta e delle aree di transito)

1. I Comuni qualora intendano realizzare i campi di sosta e di transito, provvedono con apposita variante al proprio strumento urbanistico generale di previsione alla individuazione delle aree necessarie classificandole: «aree e servizi pubblici», con specifica destinazione.

2. I Comuni entro il 31 gennaio di ogni anno presentano al Presidente della Giunta regionale le domande per la realizzazione dei campi di sosta e delle aree di transito per i nomadi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266559
Art. 336 - (Piano annuale ed erogazione dei contributi)

1. La Giunta regionale, sulla base delle domande presentate dai Comuni, approva il piano annuale per la localizzazione dei campi di sosta e delle aree di transito per i nomadi entro sessanta giorni dal termine di cui all’articolo 335, comma 2 ai fini della ripartizione dei contributi per la realizzazione e la gestione dei campi di sosta e delle ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266560
Art. 337 - (Inserimento scolastico e professionale)

1. La Regione, al fine di favorire ed agevolare l'inserimento dei minori appartenenti alle Comunità dei nomadi negli asili nido, nella scuola materna e dell'obbligo, nel rispetto delle peculiarità della loro cultura, promuove ini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266561
Art. 338 - (Promozione delle attività artigiane e delle forme associative tipiche della cultura nomade)

1. La Regione favorisce la realizzazione di iniziative di sostegno del settore dell'artigianato, in p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266562
TITOLO VII - AZIONI REGIONALI PER FAVORIRE LO SCAMBIO E L'UTILIZZO DI PRESTAZIONI SOCIALI TRA CITTADINI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266563
Capo I - Banche del tempo e associazionismo familiare
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266564
Art. 339 - (Associazioni "Banche del tempo")

1. Per favorire lo scambio di servizi di vicinato, facilitare l'utilizzo dei servizi, favorire la produzione di beni relazionali nella comunità incentivando le iniziative di espressioni organizzate delle persone che intendono scambiare parte del prop

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266565
Art. 340 - (Coordinamento dei tempi della città)

1. I comuni, anche in forma associata, adottano piani territoriali degli orari, al fine di armonizzar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266566
Art. 341 - (Associazionismo familiare)

1. In attuazione di quanto stabilito dall’articolo 296, comma 4, le associazioni familiari concorrono alla formazione degli strumenti di programmazione nelle forme e nei modi stabiliti dalle disposizioni regionali, nazionali e dell'Unione europea, secondo quanto previsto dall’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266567
TITOLO VIII - GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266568
Capo I - Gestione dei servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266569
Art. 342 - (Affidamento e gestione dei servizi)

1. “La Zona sociale, tramite il Comune capofila,” N3 procede all'aggiudicazione dei servizi di cui al presente Testo unico in conformità alle disposizioni statali in materia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266570
Art. 343 - (Affidamento e inserimento lavorativo di persone svantaggiate)

1. I Piani sociali di zona prevedono, in conformità agli articoli 2 e 69 del d.lgs. 163/2006, che una quota predefinita dei contratti per l'acquisto di beni e servizi o per l'esecuzione di opere e lavori pubblici, anche di importo superiore alla soglia comunitaria, contengano clausole sociali relative all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate. L'offerta dei concorrenti è articolata anche nei contenuti afferenti alla clausola sociale; a tal fine è specificata nei capitolati e nelle disposizioni di gara e valutata ai fini dell'aggiudicazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266571
Art. 344 - (Autorizzazione al funzionamento dei servizi residenziali, semiresidenziali, diurni e domiciliari)

1. I servizi socio assistenziali a carattere residenziale, semiresidenziale, diurno e domiciliare, pubblici e privati sono soggetti ad autorizzazione rilasciata “dalla zona sociale tramite il Comune capofila” N3.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266572
Art. 345 - (Accreditamento)

1. Per accreditamento si intende il riconoscimento del possesso di requisiti ulteriori rispetto a quelli previsti per il rilascio dell'autorizzazione.

2. I requisiti di cui al comma 1 sono definiti con il regolamento di cui all’articolo 358 che tiene conto, in particolare:

a) deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266573
Art. 346 - (Accordi contrattuali)

1. La qualità di soggetto accreditato non comporta l'automatica assunzione di oneri economici da parte “delle Zone sociali” N3. Al fine di porre il costo del servizio in tutto o in parte a loro carico “le Zone sociali, tramite il Comune capofila,” N3 possono stipulare con i soggetti accreditati specifici accordi contrattu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266574
Capo II - Accesso ai servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266575
Art. 347 - (Accesso e compartecipazione al costo dei servizi)

1. L'accesso alle prestazioni del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali prescinde dalle condizioni economiche e sociali degli utenti.

2. La Regione stabilisce, con proprio atto, la compartecipazione alla copertura del costo degli interventi sociali tenendo conto delle condizioni economiche degli utenti attraverso l'applicazione dei criteri per la determinazione dell'Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) previsti dalle vigenti disposizioni nazionali e regionali e dal Piano sociale regionale.

3. La compartecipazione di cui al comma 2 è determinata per le fattispecie di cui al comma 4 tenendo conto della situazione economica del solo assistito, anche in relazione alle modalità di contribuzione al costo della prestazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266576
Capo III - Risorse umane che operano nell'ambito dei servizi e degli interventi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266577
Art. 348 - (Valorizzazione delle risorse umane)

1. La Regione riconosce la risorsa umana quale fattore strategico della qualità del sistema dei servizi e degli interventi sociali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266578
Art. 349 - (Formazione)

1. La Regione individua nella formazione e nella formazione permanente del personale, impegnato nello svolgimento delle attività soci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266579
Capo IV - Monitoraggio, valutazione e vigilanza del sistema regionale degli interventi e dei servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266580
Art. 350 - (Conoscenza e valutazione)

1. La qualità del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali è garantita dalla realizzazione di assetti che valorizzino il monitoraggio costante e la valutazione partecipata anche da parte dei soggetti “di cui agli articoli 271 bis e 271 ter” N3 nonché dei cittadini delle associazioni sociali e di tutela degli utenti. Attraverso il monitoraggio la Regione sottopone a costante e sistematica rilevazione l'andamento dei servizi e degli interventi sociali e, a tal fine, si avvale del Sistema informativo sociale regionale, di seguito denominat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266581
Art. 351 - (Ricerca e valutazione per la programmazione sociale)

1. Il compito di acquisire il quadro conoscitivo della realtà regionale a supporto dell'attività di programmazione e verifica degli interventi di politica sociale e delle tendenze in atto è affidato all'Agenzia Umbria Ricerche, di seguito denominata AUR, che espleta la funzione propria di indagine, ricerca e osservazione sociale. A tal fine l'AUR redige un rapporto regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266582
Art. 352 - (Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità)

1. È istituito presso la Giunta regionale l'Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità in attuazione dei principi sanciti dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, ratificata con legge 3 marzo 2009, n. 18 (Ratifica ed esecuzione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo Opzionale fatta a New York il 13 dicembre 2006) per la promozione della piena integrazione delle persone con disabilità.

2. L'Osservatorio di cui al comma 1 svolge funzioni di promozione e sostegno alle politiche inclusive in materia di disabilità nel rispetto dei principi sanciti in materia a livello nazionale ed europeo, di interlocuzione e concorso nelle azioni interistituzionali sui temi della disabilità, nonché di confronto con le azioni attivate con le altre regioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266583
Art. 353 - (Forum regionale welfare)

1. È istituito presso la struttura regionale competente il Forum regionale welfare con funzion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266584
Capo VI - Funzioni di vigilanza e controllo e potere sanzionatorio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266585
Art. 354 - (Vigilanza e controllo)

1. “Le Zone sociali, tramite il Comune capofila, esercitano” N3 le funzioni di vigilanza e controllo sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività socio assistenziali e socio sanitarie. “Le Zone sociali si avvalgano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266586
Art. 355 - (Sanzioni amministrative)

1. Chiunque esercita o gestisce i servizi o le strutture socio assistenziali, pubbliche e private di cui all’articolo 265 senza la prescritta autorizzazione è soggetto alla sanzione amministrativa da euro 3.000,00 a euro 10.000,00.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266587
TITOLO IX - IL FINANZIAMENTO DEL SISTEMA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266588
Capo I - Risorse finanziarie e Fondo sociale regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266589
Art. 356 - (Risorse finanziarie)

1. Le risorse del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali sono costituite dal:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266590
Art. 357 - (Fondo sociale regionale)

1. Il Fondo sociale regionale di cui all’articolo 356, comma 1, lettera b), è finanziato annualmente dalla legge di bilancio ed è ripartito con atto di programmazione della Giunta regionale entro il 30 aprile di ogni anno, come segue:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266591
Art. 358 - (Norme regolamentari)

1. La Giunta regionale adotta, le norme regolamentari di cui agli articoli 344, comma 3, 345, commi 2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266592
Art. 359 - (Disposizioni fino all'effettivo esercizio dell'ATI)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266593
TITOLO X - ISTITUZIONE DI FIGURE DI GARANZIA IN AMBITO SOCIALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266594
Capo I - Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale e del Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266595
Art. 360 - (Disposizioni generali)

1. La Regione istituisce il Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale e il Garante per l'infanzia e l'adolescenza di seguito denominati Garanti.

2. Il Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale, in armonia con i principi fondamentali della Costituzione, delle Convenzioni internazionali sui diritti umani ratificate dall'Italia, della normativa statale vigente e nell'ambito delle materie di competenza regionale, contribuisce a garantire i diritti delle persone:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266596
Capo II - Designazione, nomina, incompatibilità dei garanti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266597
Art. 361 - (Designazione e nomina dei Garanti)

1. Il Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale è designato dall'Assemblea Legislativa, mediante elezione a maggioranza dei 2/3 dei Consiglieri regionali assegnati. Se al termine della terza votazione non si sia raggiunta la maggioranza richiesta dal comma 1, a partire dalla quarta votazione è sufficiente la maggioranza assoluta d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266598
Art. 362 - (Incompatibilità dei Garanti)

1. N82

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266599
Capo III - Funzioni, decadenza, revoca e trattamento economico dei Garanti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266600
Art. 363 - (Funzioni del Garante per l'infanzia e l'adolescenza)

1. Il Garante per l'infanzia e l'adolescenza, per le finalità di cui all’articolo 360, comma 5, svolge le seguenti funzioni:

a) promuove, in collaborazione con gli enti locali, la scuola e le istituzioni che si occupano di minori, iniziative per la diffusione di una cultura dell'infanzia e dell'adolescenza, finalizzata al riconoscimento dei bambini e delle bambine come soggetti titolari di diritti;

b) promuove, in accordo con le strutture regionali competenti in materia, iniziative di sensibilizzazione e diffusione della cultura dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, anche in occasione della celebrazione della giornata italiana per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, istituita dall’articolo 1, comma 6 della legge 23 dicembre 1997, n. 451 (Istituzione della Commissione parlamentare per l'infanzia e dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia) e del d.p.r. 14 maggio 2007, n. 103 (Regolamento recante riordino dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza e del Centro nazionale di documentazione e di analisi per l'infanzia, a norma dell’articolo 29 del d.l. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266601
Art. 364 - (Funzioni del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale)

1. Il Garante per le finalità di cui all’articolo 360 comma 2, nell'ambito delle iniziative di solidarietà sociale e in previsione della promozione dei diritti di partecipazione alla vita civile, svolge, in collaborazione con le competenti amministrazioni statali e con la magistratura di sorveglianza, le seguenti funzioni:

a) assume iniziative volte ad assicurare che alle persone di cui all’articolo 360, comma 2, siano erogate le prestazioni inerenti al diritto alla salute, al miglioramento della qualità della vita, all'istruzione e alla formazione professionale e ogni altra prestazione finalizzata al recupero, alla reintegrazione sociale e all'inserimento nel mondo del lavoro;

b) segnala eventuali fattori di rischio o di danno per le persone di cui all’articolo 360, comma 1 dei quali venga a conoscenza in qualsiasi forma, su indicazioni sia dei soggetti interessa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266602
Art. 365 - (Trattamento economico dei Garanti, decadenza dall'incarico, sostituzione e revoca)

1. Al Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale è attribuita un'indennità mensile determinata dalla Giunta regionale non oltre il venti per cento dell'indennità mensile lorda spettante ai consiglieri regionali.

2. Al Garante

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266603
Capo IV - Organizzazione degli uffici dei Garanti e Conferenza regionale per l'infanzia e l'adolescenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266604
Art. 366 - (Ufficio dei Garanti e rapporti tra autorità di garanzia)

1. Il Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale si avvale, per lo svolgimento delle proprie funzioni, delle risorse umane ed infrastrutturali messe a disposizione dalla Giunta regionale, sentito il Garante stesso. Il Garante, con proprio atto, disciplina le modalità organizzative interne.

2. Il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale può avvalersi della collaborazione dell'Osservatorio reg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266605
Art. 367 - (Conferenza regionale per l'infanzia e l'adolescenza)

1. Al fine di promuovere lo sviluppo di una più diffusa sensibilità sui temi e le probl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266606
Art. 368 - (Centro per la promozione dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza)

1. Presso la struttura competente della Giunta regionale è istituito il Centro per la promozione dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza quale strumento conoscitivo e di supporto alle funzioni di indirizzo, programmazione e coordinamento delle politiche per l'infanzia e l'adolescenza del sistema integrato degli interventi e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266607
TITOLO XI - NORME IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONISMO DI PROMOZIONE SOCIALE E COOPERAZIONE SOCIALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266608
Capo I - Principi generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266609
Art. 369 - (Finalità)

1. La Regione riconosce e valorizza, in attuazione della normativa nazionale vigente, la funzione dell'attività di volontariato e dell'associazionismo come espressione di partecipazione, solidarietà, pluralismo e utilità sociale e ne promuove lo sviluppo, salvaguardandone l'autonomia di organizzazione e di iniziativa, allo scopo di favorire il formarsi di nuove realtà associative e di consolidare e rafforzare quelle esistenti. La Regione riconosce, altresì, il rilevante valore e la finalità pubblica della cooperazione sociale nel perseguimento della promozione umana e dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266610
SEZIONE I - Organizzazioni di volontariato
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266611
Art. 370 - (Organizzazioni di volontariato)

1. Ai fini del presente testo unico, sono considerate organizzazioni di volontariato gli organismi dotati di autonomia di organizzazione e di iniziativa, liberamente costituiti al fine di svolgere attività di volontariato in modo personale, spontaneo, gratuito, verso terzi, tramite l'organizzazione di cui il volontario fa parte, senza fini di lucro anche indiretto ed esclusivame

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266612
Art. 371 - (Registro regionale delle organizzazioni di volontariato)

1. È istituito presso la Giunta regionale il registro regionale delle organizzazioni di volontariato.

2. Nel regionale sono iscritte, a domanda, le organizzazioni di volontariato che:

a) abbiano la sede legale in un comune della regione;

b) esercitino le attività di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266613
Art. 372 - (Requisiti per l'iscrizione nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato)

1. Negli accordi degli aderenti, nell'atto costitutivo o nello statuto delle organizzazioni che chiedono l'iscrizione nel registro regionale debbono essere previsti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266614
Art. 373 - (Domanda di iscrizione nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato)

1. La domanda di iscrizione, sottoscritta dal legale rappresentante dell'organizzazione o sezione autonoma, deve essere presentata alla Regione, unitamente a:

a) copia dell'atto costitutivo o dello statuto o degli accordi degli aderenti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266615
Art. 374 - (Iscrizione nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato)

1. La Regione richiede al Comune ove ha sede l'organizzazione di volontariato di esprimere il parere circa l'iscrizione al registro regionale delle organizzazioni di volontariato, trasmettendo contestualmente la documentazione di cui all’art. 373, comma 1.

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266616
Art. 375 - (Variazioni al registro regionale delle organizzazioni di volontariato)

1. Ogni variazione dell'atto costitutivo, dello statuto o dell'accordo degli aderenti, delle generalità del legale rappresen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266617
Art. 376 - (Relazioni annuali)

1. Le organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale sono tenute a trasmettere al Comune ove hanno sede, entro e non oltre il 31 ge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266618
Art. 377 - (Revisione periodica del registro delle organizzazioni di volontariato)

1. La Giunta regionale procede alla scadenza di ogni legislatura alla revisione del registro regional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266619
Art. 378 - (Inadempienze, provvedimenti e cancellazione)

1. Qualora le organizzazioni non adempiano alla relazione annuale di cui all’articolo 376, comma 1 il Comune competente provvede a:

a) diffidare l'organizzazione affinché questa provveda ai relativi adempimenti, assegnandole un termine di trenta giorni;

b) sospendere ogni eventuale erogazione di contributi, sovvenz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266620
Art. 379 - (Nomine regionali nel Comitato di gestione del fondo speciale per il volontariato)

1. Il Presidente della Giunta regionale, o suo delegato, partecipa di diritto al Comitato di gestione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266621
Art. 380 - (Partecipazione del volontariato alla programmazione regionale)

1. Le organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale esprimono parere sugli atti di p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266622
Art. 381 - (Conferenze annuali e attività di informazione)

1. La Regione promuove conferenze annuali delle organizzazioni di volontariato al fine di esaminare l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266623
Art. 382 - (Convenzioni con le organizzazioni di volontariato)

1. Le convenzioni con le organizzazioni di volontariato di cui all’art. 7 della legge n. 266/1991, devono indicare in particolare:

a) il numero degli aderenti all'organizzazione stipulante impegnati nell'attività oggetto della convenzione ed i responsabili operativi, con l'indicazione dei relativi titoli professionali e formativi;

b) il numero degli eventuali lavoratori dipendenti o autonomi per prestazioni di attività specializzate;

c) il numero e l'articolazione delle ore da impegnare nell'esercizio dell'attività

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266624
Art. 383 - (Modalità per lo svolgimento delle prestazioni delle organizzazioni di volontariato)

1. Gli aderenti alle organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale possono accedere alle strutture ed ai servizi pubblici o privati convenzionati con gli enti pubblici operanti nel settore di loro interesse per lo svolgimento della loro attività, purché questa sia comp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266625
Art. 384 - (Sedi e attrezzature)

1. Al fine di dotare le associazioni di volontariato di sedi ed attrezzature necessarie per il conseg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266626
Art. 385 - (Formazione ed aggiornamento del volontariato)

1. Per le attività formative dei volontari “la Regione può”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266627
Art. 386 - (Volontariato dei singoli cittadini)

1. I cittadini singoli o i nuclei familiari che intendano prestare la propria opera gratuitamente nell'ambito di attività svolte dai pubblici servizi sono iscritti a domanda in apposito elenco istituito

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266628
SEZIONE II - Associazioni di promozione sociale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266629
Art. 387 - (Associazioni di promozione sociale)

1. Ai fini del presente testo unico, nel rispetto dei principi stabiliti dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266630
Art. 388 - (Registro regionale delle associazioni di promozione sociale)

1. Presso la Giunta regionale è istituito il registro regionale delle associazioni di promozione sociale, al quale possono iscriversi:

a) le associazioni a carattere regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266631
Art. 389 - (Iscrizione nel registro delle associazioni di promozione sociale)

1. Ai fini dell'iscrizione al registro regionale, le associazioni di promozione sociale regionali e locali debbono:

a) essere costituite con atto scritto, registrato o autenticato, o redatto nella forma di atto pubblico in cui tra l'altro deve essere indicata la sede legale;

b) svolgere la loro attività da almeno due anni a partire dalla loro costituzione. Per le associazioni ed i circoli affiliati ad associazioni a carattere nazionale presenti sul territorio regionale, il termine è ridotto ad un anno.

2. Nello statuto associ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266632
Art. 390 - (Incompatibilità)

1. L'iscrizione nel registro regionale delle associazioni di promozione sociale è incompatibil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266633
Art. 391 - (Promozione e sostegno alle associazioni di promozione sociale)

1. La Regione promuove e sostiene le associazioni di promozione sociale iscritte al registro regionale attraverso i seguenti interventi:

a) contributi a fondo perduto alle associazioni per specifici progetti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266634
Art. 392 - (Osservatorio regionale dell'associazionismo)

1. È istituito presso la Giunta regionale l'Osservatorio regionale dell'associazionismo con i seguenti compiti:

a) promozione di studi e ricerche sull'associazionismo;

b) pubblicazione di un rapporto triennale sull'andamento del fenomeno associativo in Umbria;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266635
Art. 393 - (Conferenza regionale dell'associazionismo)

1. La Giunta regionale indice ogni tre anni la Conferenza regionale dell'associazionismo, avvalendosi dell'Osservatorio regionale di cui all’articolo 392.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266636
Art. 394 - (Partecipazione delle associazioni di promozione sociale alla programmazione regionale)

1. Gli indirizzi programmatici inerenti l'associazionismo di promozione sociale sono contenuti nei pi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266637
Art. 395 - (Convenzioni)

1. La Regione, gli enti locali e gli altri enti pubblici, nell'ambito dei propri compiti istituzional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266638
Art. 396 - (Formazione professionale)

1. La Regione N44 nel rispetto di quanto previsto “dall’a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266639
SEZIONE III - Cooperative sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266640
Art. 397 - (Cooperative sociali)

1. Ai fini del presente testo unico, nel rispetto della legge 8 novembre 1991, n. 381 "Disciplina della cooperazione sociale", sono considerate cooper

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266641
Art. 398 - (Albo regionale delle cooperative sociali)

1. È istituito presso la Giunta regionale l'Albo regionale delle cooperative sociali, di seguito denominato Albo.

2. L'Albo si articola nelle seguenti sezioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266642
Art. 399 - (Commissione regionale per la cooperazione sociale)

1. È istituita presso la Giunta regionale la Commissione regionale per la cooperazione sociale della quale fanno parte:

a) l'assessore regionale ai servizi sociali che la presiede o un suo delegato;

b) il direttore della direzione sanità e servizi sociali o un suo delegato;

c) un dirigente reg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266643
Art. 400 - (Compiti della Commissione)

1. La Commissione regionale per la cooperazione sociale formula proposte ed esprime pareri alla Giunta regionale nelle materie di cui al presente testo unico ed in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266644
Art. 401 - (Promozione e sostegno alla cooperazione sociale)

1. La Regione può concedere alle cooperative sociali agevolazioni fiscali su base locale da determinare annualmente con legge regionale. Per la verifica della corretta destinazione delle agevolazioni, la Giunta regionale può disporre ispezioni amministrative e contabili presso i soggetti beneficiari e dispone la revoca e la restituzione dei contributi già erogati nel caso in cui la loro utilizzazione risulti non conforme alle disposizioni di cui al presente titolo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266645
Art. 402 - (Raccordo e integrazione tra la programmazione regionale e la cooperazione sociale)

1. I piani e gli atti di programmazione delle attività sociali, sanitarie ed educative di interesse socio-sanitario e di inserimento lavorativo di persone svantaggiate, prevedono le modalità di specifica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266646
Art. 403 - (Affidamenti e convenzioni)

1. La Giunta regionale, con deliberazione da pubblicare nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria, sentita la Commissione regionale della cooperazione sociale, approva il tariffario regionale e stabilisce, nel rispetto delle norme vigenti in materia, i criteri e le procedure per l'affidamento dei servizi e gli schemi di convenzione cui debbono uniformarsi i contratti tra cooperative sociali, enti pubblici e società a partecipazione pubblica.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266647
Art. 404 - (Determinazione dei corrispettivi)

1. I Contratti e le convenzioni sono stipulati ai sensi dell’articolo 403, nonché nel rispetto del tariffario vigente, considerato come elemento minimo al fine di garantire da parte delle cooperative sociali la corretta applicazione dei dis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266648
Art. 405 - (Qualità della cooperazione sociale)

1. La Giunta regionale definisce, sentita la Commissione regionale per la cooperazione sociale, i criteri di valutazione della qualità dei servi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266649
PARTE III - NORME COMUNI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266650
TITOLO I - ATTUAZIONE DI LEGGI REGIONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266651
Capo I - Sanità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266652
Art. 406 - (Clausole valutative)

N18

1. La Giunta regionale presenta all'Assemblea Legislativa, entro il primo semestre di ciascun anno, una relazione sullo stato di attuazione e sui risultati conseguiti dall'attività di assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica in Umbria di cui al Capo VI del Titolo XV della Parte I. A tal fine la relazione deve evidenziare i seguenti aspetti:

a) in quanti distretti sanitari è stato attivato il Servizio di assistenza odontoiatrica, protesica ed ortesica e in quali distretti è stato attivato più di un gabinetto odontoiatrico;

b) quante strutture odontoiatriche private

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266653
Capo II - Servizi sociali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266654
Art. 407 - (Clausole valutative)

1. Con cadenza annuale, la Giunta presenta all'Assemblea Legislativa una relazione sull'attuazione degli interventi e dei servizi a tutela della promozione e della valorizzazione dell'invecchiamento attivo ed in particolare degli interventi ricompresi nel piano operativo di cui al Capo III del Titolo III- Parte II.

2. La Giunta regionale, con cadenza annuale entro il 30 novembre, informa l'Assemblea Legislativa circa l'attuazione degli interventi nell'ambito del sostegno e della qualificazione dell'attività di assistenza familiare domiciliare di cui al Capo I, Titolo IV - Parte II, evidenziando i risultati ottenuti nell'ambito. Per le finalità di cui sopra, la Giunta regionale presenta una relazione fornendo in particolare le seguenti informazioni:

a) in che modo e con il coinvolgimento di quali soggetti si è realizzata l'attività di informazione e assistenza rivolta a sostenere le persone singole e le famiglie;

b) la qualità percepita della formazione erogata da parte dei soggetti che hanno frequentato i corsi formativi ed i risultati ottenuti sul fronte della selezione dei soggetti formati;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266655
TITOLO II - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266656
Capo I - Omissis
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266657
Capo II - Norme transitorie e finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266658
Art. 409 - (Norme transitorie)

1. Le aziende Unità sanitarie locali di cui all’articolo 18 del presente testo unico, già istituite ai sensi dell’articolo 6 della l.r. 18/2012, subentrano in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi delle Aziende Unità sanitarie locali istituite ai sensi dell’articolo 8 della legge regionale 20 gennaio 1998, n. 3 (Ordinamento del sistema sanitario regionale) ivi compresi quelli inerenti i rapporti di lavoro, assumendone i relativi diritti ed obblighi e proseguendo in tutti i rapporti, anche processuali, preesistenti.

2. Nelle more della costituzione dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Perugia e dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Terni, i rapporti tra il servizio sanitar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266659
Art. 410

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente Testo Unico sono e restano abrogate tutte le norme contrarie o incompatibili con il presente testo. Sono e restano abrogate, in particolare, le seguenti leggi e disposizioni:

Omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266660
Allegato A - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1722835 6266661
Allegato B - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Energia e risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Servizi pubblici locali
  • Lavoro e pensioni
  • Impianti sportivi
  • Edilizia scolastica
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Fonti alternative
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • DURC
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Imposte indirette
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Protezione civile
  • Pubblica Amministrazione
  • Lavoro e pensioni

Sisma centro Italia 2016: scadenzario sospensione dei termini per adempimenti tributari, previdenziali e vari

Catasto dei rifiuti, comunicazioni ambientali e MUD - Rate mutui, finanziamenti e contratti di leasing - Sospensione pagamento utenze e fatture varie - Esenzione imposta di bollo istanze verso la P.A. - Sospensione termini adempimenti contributivi e assicurativi - Sospensione atti di pagamento e riscossione - Sospensione versamenti e adempimenti tributari - Sospensione versamenti sostituti d’imposta - Sospensione dei termini processuali - Obblighi di pubblicazione in materia di anticorruzione e trasparenza - Adempimenti connessi alle attività dell'ISTAT.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impianti sportivi
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Enti locali
  • Pubblica Amministrazione

Puglia: contributi per il potenziamento del patrimonio impiantistico sportivo dei Comuni

Disponibili 8 milioni di euro per la concessione di contributi in conto capitale a sostegno della realizzazione di progetti volti all'ampliamento delle possibilità di utilizzo degli spazi e/o degli impianti sportivi comunali esistenti e alla creazione di nuovi. Attraverso l'avviso la Regione Puglia sostiene la realizzazione di proposte progettuali da parte dei Comuni; ciascun Comune può ottenere un contributo complessivo pari a 100 mila euro e presentare massimo due proposte progettuali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Informatica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Piano Casa
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Norme tecniche
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Impianti di riscaldamento e condizionamento - Sistemi di automazione e controllo

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Punti di ricarica edifici non residenziali

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Norme tecniche

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta