FAST FIND : AR1062

Ultimo aggiornamento
12/03/2020

Antincendio strutture sanitarie: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE STRUTTURE SANITARIE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER LE STRUTTURE SANITARIE - ADEGUAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE ESISTENTI AL 26/12/2012 (Fondi per l’edilizia sanitaria e piano di adeguamento; Termini di adeguamento per le strutture sanitarie ospedaliere o residenziali; Termini di adeguamento per le strutture sociosanitarie (ambulatori specialistici).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
1672724 6859070
CLASSIFICAZIONE STRUTTURE SANITARIE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI

Le strutture sanitarie sono contemplate al n. 68 tra quelle soggette ai controlli di prevenzione incendi ai sensi dell’Allegato I R (Elenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi) del D.P.R. 01/08/2011, n. 151.

Si illustra di seguito una specifica delle norme tecniche applicabili a tali attività e delle modalità con cui si deve procedere all’adeguamento delle strutture esistenti.


Nella Tabella sottostante si riporta la specifica delle categorie in cui è suddivisa l’attività n. 68 ai sensi del menzionato Allegato I R del D.P.R. 151/2011, combinato con la relativa sottoclassificazione specificata dall’Allegato III R al D. Min. Interno 07/08/2012, che disciplina le mo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859071
NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER LE STRUTTURE SANITARIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859072
ADEGUAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE ESISTENTI AL 26/12/2012
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859073
Fondi per l’edilizia sanitaria e piano di adeguamento

L’art. 6 del D.L. 158/2012 (convertito in legge dalla L. 189/2012), comma 2, ha disposto di assegnare una quota parte dei residui delle risorse stanziate annualmente per interventi in edilizia sanitaria - di cui al programma pluriennale ex art. 20 della L. 67/1988 - per interventi di adeguamento delle strutture sanitarie alla normativa antincendio.


A tal fine il medesimo comma 2 ha altresì disposto che la normativa tecnica antincendio per le strutture sanitarie e sociosanitarie N1 venisse adeguata e modificata, al fine di semplificarne l’applicazione per tipologia di struttura sanitaria, attraverso l’emanazione di un decreto ministeriale, in base ai seguenti criteri e principi direttivi:

a) articolazione della normativa per tipologia di struttura sanitaria e sociosanitaria, per semplificare ed economizzare a parità di sicurezza;

b) semplificazione della normativa per le strutture esistenti alla data di entrata in vigore del D. Min. Interno 18/09/2002 che non abbiano completato l&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859074
Termini di adeguamento per le strutture sanitarie ospedaliere o residenziali

Si tratta di strutture che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o in regime residenziale a ciclo continuativo e/o diurno esistenti alla data del 26/12/2002.


Per l’applicazione delle norme, le strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o in regime residenziale a ciclo continuativo e/o diurno, con oltre 25 posti letto, esistenti alla data del 26/12/2002 (data di entrata in vigore del D. Min. Interno 18/09/2002 - novantesimo giorno successivo alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, avvenuta il 27/09/2002), hanno a disposizione due strade alternative:

1) adeguamento di tutta la struttura con applicazione progressiva dei requisiti di prevenzione incendi previsti all’intera struttura;

2) adeguamento della struttura per lotti (porzioni) successivi con applicazione di tutti i requisiti di prevenzione incendi a ciascun lotto.

Le due strade alternative, ed i rispettivi calendari di applicazione - come risultanti a seguito della proroga disposta dal D. Min. Interno 20/02/2020 - sono riportati nelle seguenti tabelle.


Si segnala altresì che - ai sensi dell’art. 5 del D. Min. Interno 19/03/2015 - le strutture esistenti in questione per le quali siano stati pianificati o siano in corso lavori di adeguamento ai requisiti di cui al D. Min. Interno 18/09/2002 sulla base di un progetto approvato dal competente comando dei Vigili del Fuoco, anche in data antecedente all’entrata in vigore del medesimo D. Min. Interno 18/09/2002 (26/12/2002), possono optare per l’applicazione delle nuove prescrizioni tecniche come introdotte dal D. Min. Interno 19/03/2015.

In caso di mancato esercizio di tale opzione, gli enti ed i privati responsabili di dette strutture devono comunque presentare la SCIA relativa al completo adeguamento antincendio della struttura stessa, che deve comunque avvenire entro i termini previsti dall’art. 2 del D. Min. Interno 19/03/2015 e nel rispetto delle scadenze di cui al medesimo art. 2 del D. Min. Interno 19/03/2015, comma 1, lettera b).


TABELLA 1

Adeguamento progressivo di tutta la struttura


SCADENZA

ADEMPIMENTO

NOTE

A

Entro il 24/04/2016 (ai sensi dell’art. 2 del D. Min. Interno 19/03/2015, comma 1, lettera a)

Richiedere al Comando dei VV.F. la valutazione del progetto relativo al completo adeguamento dell'attività ai sensi dell'art. 3 del D.P.R. 151/2011.

Attività classificate nelle categorie B e C ai sensi del D.P.R. 151/2011.

B

Entro il 24/04/2016 (ai sensi dell’art. 2 del D. Min. Interno 19/03/2015, comma 1, lettera b)

Presentare la SCIA ai sensi dell’art. 4 del D.P.R. 151/2011, attestante il rispetto dei seguenti requisiti del Titolo III R del D. Min. Interno 18/09/2002:

- punto 17.1 R, comma 2, esclusa lettera e);

- punto 17.2.4 R;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859075
Termini di adeguamento per le strutture sociosanitarie (ambulatori specialistici)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859076
Strutture con superficie maggiore di 500 mq e fino a 1.000 mq

Le strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, aventi superficie maggiore di 500 mq e fino a 1.000 mq, esistenti alla data del 26/12/2002, devono essere adeguate di cui al Capo II R del Titolo IV del D. Min. Interno 18/09/2002, con le modalità e le scadenze temporali riportate nella tabella seguente.


TABELLA 3


SCADENZA

ADEMPIMENTO

NOTE

A

Entro il 24/10/2015

(ai sensi dell’art. 3 del D. Min. Interno 19/03/2015, comma 1, lettera a)

Presentare la SCIA ai sensi dell’art. 4 del D.P.R. 151/2011, attestante il rispetto dei seguenti requisiti del Titolo IV, Capo II R, del D. Min. Interno 18/09/2002:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1672724 6859077
Strutture con superficie maggiore di 1.000 mq

Le strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, aventi superficie maggiore di 1.000 mq esistenti alla data del 26/12/2002 devono essere adeguate di cui al nuovo Capo III R del Titolo IV del D. Min. Interno 18/09/2002 come introdotto dal D. Min. Interno 19/03/2015, con le modalità e le scadenze temporali riportate nella tabella seguente.


TABELLA 4


SCADENZA

ADEMPIMENTO

NOTE

A

Entro il 24/04/2016

(ai sensi dell’art. 3 del D. Min. Interno 19/03/2015, comma 4, lettera a)

Richiedere al Comando dei VV.F. la valutazione del progetto relativo al completo adeguamento dell'attività ai sensi dell'art. 3 del D.P.R. 151/2011.

Fanno eccezione i seguenti casi:

- sia già stata presentata - alla data del 24/04/2015 di entrata in vigore del D. Min. Interno 19/03/2015 - la SCIA ai sensi dell’art. 4 del D.P.R. 151/2011;

- siano stati pianificati o siano in corso lavori di modifica o ristrutturazione sulla base di un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Prevenzione Incendi

Norme di Prevenzione incendi

NORMATIVA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Codice di prevenzione incendi (RTO) e successive modifiche; Attività “normate” e “non normate” ai fini della normativa di prevenzione incendi; Cessazione del “doppio binario” e normativa di prevenzione incendi applicabile; Norme tecniche alternative al Codice di prevenzione incendi; Attività cui si applica la RTO e possibili eccezioni) - REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI E CHIARIMENTI; (Lavorazione, trasporto e distribuzione di gas infiammabili; Impianti di distribuzione carburanti e ricarica veicoli elettrici; Depositi o rivendite di alcoli; Autodemolizioni; Locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi; Alberghi e strutture ricettive; Scuole; Ospedali e strutture sanitarie; Attività commerciali; Uffici; Biblioteche, archivi, musei, gallerie, edifici tutelati in genere; Impianti termici; Autorimesse, parcheggi, locali per ricovero natanti e aeromobili; Edifici di civile abitazione e condomini; Stazioni, aerostazioni, porti e metropolitane; Interporti; Gallerie stradali e ferroviarie; Varie).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Prevenzione Incendi
  • Finanza pubblica

Antincendio strutture ricettive: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE STRUTTURE RICETTIVE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - TERMINI DI ADEGUAMENTO STRUTTURE ESISTENTI ALL’11/05/1994 (Ultima proroga disposta dal D.L. 162/2019; Ulteriore proroga per le zone colpite da calamità; Eventuali altre attività presenti nella struttura ricettiva; Piano straordinario biennale di adeguamento; Indirizzi e modulistica per il Piano di adeguamento; Riepilogo termini, casistiche e adempimenti per l’adeguamento) - ADEGUAMENTO RIFUGI ALPINI E STRUTTURE RICETTIVE ALL’APERTO (Adeguamento antincendio rifugi alpini; Adeguamento antincendio strutture ricettive all’aperto).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi

Prevenzione incendi: adempimenti tecnico-amministrativi, vigilanza, sanzioni

CLASSIFICAZIONE DI EDIFICI E ATTIVITÀ A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI DI PREVENZIONE INCENDI (Normativa di riferimento, FAQ; Professionisti abilitati; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere il titolo abilitativo edilizio; Adempimenti di prevenzione incendi per ottenere l’assenso all’esercizio dell’attività; Schema grafico e tabelle adempimenti di prevenzione incendi; Progetti in deroga alle regole tecniche di prevenzione incendi; Modulistica e presentazione delle istanze di prevenzione incendi; Tariffe per i servizi dei Vigili del fuoco) - LA RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI (Casi generali; Attività regolate da specifiche disposizioni antincendi; Modifiche a impianti e costruzioni esistenti; Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio) - VIGILANZA E SANZIONI (Visite tecniche, verifiche e controlli dei VV.F.; Fascicolo da tenere a disposizione dei VV.F. per eventuali controlli; Provvedimenti in caso di inosservanza della normativa o condizioni di rischio; Sanzioni).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Prevenzione Incendi
  • Pubblica Amministrazione
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Procedimenti amministrativi

La licenza di agibilità per i pubblici spettacoli ed i trattenimenti

PREMESSA (Quadro normativo; Documentazione aggiuntiva disponibile; Normativa di prevenzione incendi e altre norme di sicurezza applicabili) - COMPOSIZIONE, MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO E ATTRIBUZIONI DELLE COMMISSIONI PER LA VIGILANZA (Compiti delle Commissioni di vigilanza; Quando è competente la Commissione provinciale; Controlli periodici) - ESCLUSIONI PARZIALI E CASI PARTICOLARI (La relazione tecnica sostitutiva di parere, verifiche ed accertamenti; L’intervento del D. Leg.vo 222/2016 e la tabella dei regimi; Eventi entro i 200 partecipanti che si svolgono entro le ore 24; Eventi entro i 1.000 partecipanti che si svolgono tra le 8 e le 23; Allestimenti temporanei che si ripetono nel tempo; Manifestazioni in luoghi e spazi all’aperto senza recinzioni e allestimenti per il pubblico).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Prevenzione Incendi
  • Scuole
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili

Antincendio scuole e asili nido: classificazione, normativa, adeguamento

CLASSIFICAZIONE DELLE SCUOLE A FINI DI PREVENZIONE INCENDI - NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER LE STRUTTURE SCOLASTICHE - ADEGUAMENTO STRUTTURE SCOLASTICHE ESISTENTI (Ultima proroga al 31/12/2021; Definizione di priorità ai sensi del D.M. 21/03/2018; Classificazione delle scuole e requisiti per quelle di minori dimensioni; Adempimenti burocratici; Asili nido).
A cura di:
  • Alfonso Mancini