FAST FIND : GP12207

Sent. TAR. Campania Napoli 27/11/2014, n. 6118

1484383 1484383
1. Edilizia e immobili - Attività edilizia - Abuso edilizio - Epoca di realizzazione - Onere della prova - Incombe sull'interessato e non sulla P.A.. 2. Edilizia e immobili - Attività edilizia - Abuso edilizio - Onere della prova - Foto satellitari - Inammissibilità.

1. L'onere di fornire la prova dell'epoca di realizzazione di un abuso edilizio incombe sull'interessato, e non sull'Amministrazione, la quale, in presenza di un'opera edilizia non assistita da un titolo che la legittimi, ha solo il potere-dovere di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1484383 1858678
SENTENZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente sen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1484383 1858679
FATTO

A. Con il ricorso introduttivo del presente giudizio Anna Sodano ha agito per l’annullamento del provvedimento prot. n. 29567 del 14 novembre 2011, con il quale l’amministrazione comunale di Marigliano ha rigettato la domanda di sanatoria presentata in data 29 aprile 2011, avente ad oggetto la realizzazione di due porticati ad uso ricovero auto e di un muro di confine con apertura di un accesso carrabile da Via Arno, unitamente agli altri atti in epigrafe indicati.

B. La ricorrente espone in fatto:

- di essere proprietaria dell’immobile sito in Marigliano, alla via Somma n. 126, nel quale abita con la propria famiglia;

- di aver realizzato nel mese di gennaio 2011 due porticati, attraverso edificazione di un terrazzo ed allungamento di un balcone, da adibire a box auto, nonché un muro di confine con apertura di un accesso carrabile da via Arno;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1484383 1858680
DIRITTO

1. Il Collegio ritiene di poter prescindere dalle eccezioni sollevate dalla difesa dell’ente resistente in quanto il ricorso è infondato nel merito.

2. Nella definizione della presente controversia si valuta prioritaria l’analisi della disciplina dettata con riferimento agli interventi straordinari di ampliamento dall’art.4 della l.r. n. 19 del 2009 (c.d. “Piano casa” Campania), la cui genesi è da rinvenire, al pari degli analoghi interventi normativi ad opera dei legislatori regionali, nell’intesa raggiunta in sede di Conferenza Stato, Regioni ed Enti locali il 31 marzo 2009, al precipuo scopo di stimolare gli investimenti nel settore edilizio in una congiuntura economica altamente critica.

2.1. Sin dalla formulazione originaria, l’art. 4 sopra citato si è caratterizzato, coerentemente con l’impianto generale dell’intervento normativo, per l’introduzione di previsioni destinate ad un’applicazione temporalmente limitata, subordinatamente alla sussistenza di una serie di requisiti e presupposti, necessari ad assicurare un contemperamento tra diversi valori, tutti rilevanti, che entrano in considerazione nell’applicazione della disciplina in esame e, tra questi, primariamente, quella di evitare uno stravolgimento dell’assetto urbanistico esistente e di garantire l’autonomia comunale nell’esercizio delle funzioni connesse alla gestione del territorio.

2.2. L’ampliamento straordinario (ammesso anche in deroga agli strumenti urbanistici) è stato, in particolare, previsto, entro il limite generale del 20 per cento della volumetria esistente, in relazione ad immobili aventi determinate caratteristiche costruttive e di destinazione, nel rispetto degli obblighi dettagliatamente e puntualmente indicati nel comma 4 della medesima disposizione, con una elencazione che, alla tregua dei tradizionali canoni ermeneutici, deve ritenersi tassativa.

2.3. L’art. 12, inoltre, ha stabilito espressamente che “le istanze finalizzate ad ottenere i titoli abilitativi, denuncia inizio attività o permesso a costruire, richiesti dalla vigente normativa nazionale e regionale per la realizzazione degli interventi di cui agli articoli 4, 5, 6-bis, 7 e 8 devono essere presentate entro il termine perentorio di diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge di modifica”; tale termine è stato successivamente prorogato con le modifiche apportate nel 2011. L’art. 3, inoltre, contiene ulteriori escl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1484383 1858681
P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Seconda) definitivamente pronunciando sul ric

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Il subappalto di lavori privati in materia edilizia

NOZIONE E CONTESTO NORMATIVO - L’ASSENSO DEL COMMITTENTE (Assenso come mera autorizzazione; Possibilità di un consenso preventivo e generico; Assenza di rapporto diretto tra committente e subappaltatore) - AUTONOMIA TRA CONTRATTO DI SUBAPPALTO E CONTRATTO DI APPALTO (Autonomia contrattuale delle parti; Responsabilità per mancata consegna dell’area di cantiere; Accettazione senza riserve) - RESPONSABILITÀ DEL SUBCOMMITTENTE (Responsabilità per danni a terzi; Responsabilità per lavorazioni pericolose); RESPONSABILITÀ DEL SUBAPPALTATORE (Responsabilità per difformità e vizi dell’opera; Responsabilità per rovina e difetti di cose immobili; Denuncia dei vizi; Riconoscimento dei vizi; Obbligo di segnalare le istruzioni errate del subcommittente; Responsabilità in caso di infortuni sul lavoro).
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Appalti di lavori privati
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Il reato di abuso d'ufficio in materia edilizia

Contesto normativo - Elementi costitutivi del reato: la condotta dell’agente (violazione di norme di legge o regolamento, omissione di astensione in caso di conflitto di interessi), l’evento del reato (procurare un ingiusto vantaggio patrimoniale, arrecare un ingiusto danno) e la configurazione del dolo (dolo intenzionale come volontà di cagionare l’evento in via primaria, gli elementi sintomatici del dolo) - Concorso del privato nel reato.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

La responsabilità del costruttore per gravi difetti dell’opera

Punto della giurisprudenza sui casi nei quali è applicabile la responsabilità del costruttore per rovina, pericolo di rovina o gravi difetti dell’opera, con particolare riguardo ai lavori di ristrutturazione, riparazione o modifica di edifici esistenti. A seguito del contrasto giurisprudenziale sorto sul caso, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate con la sentenza 27/03/2017, n. 7756.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Catasto e registri immobiliari
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Imposte sul reddito
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Fabbricati “collabenti” (ruderi): disciplina catastale, edilizia e fiscale

COSA SONO LE UNITÀ IMMOBILIARI “COLLABENTI” - DISCIPLINA CATASTALE SUI FABBRICATI COLLABENTI (Riferimenti normativi; Presupposti per l’iscrizione in catasto; Modalità per l’accatastamento; Compravendita e dichiarazioni catastali) - INTERVENTI EDILIZI SUI FABBRICATI COLLABENTI - AGEVOLAZIONI PER RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - AGEVOLAZIONI PRIMA CASA SUI FABBRICATI COLLABENTI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Standards

Contributo di costruzione: interventi soggetti, parametri e modalità di calcolo

INTERVENTI EDILIZI SOGGETTI O MENO AL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Principio generale di onerosità del permesso di costruire ed eccezioni; Opere che non comportino la realizzazione di manufatti propriamente detti; Interventi soggetti a permesso di costruire o di SCIA alternativa; Frazionamenti, accorpamenti, cambi di destinazione d’uso; Ristrutturazioni edilizie; Interventi non soggetti a contributo di costruzione (c.d. “gratuiti”); Contributo di costruzione per opere o impianti non destinati alla residenza; Gratuità ed onerosità degli interventi edilizi - Schema riepilogativo) - DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Quote che compongono il contributo di costruzione; Determinazione dell’ammontare del contributo di costruzione; Rideterminazione del contributo erroneamente liquidato; Parte di contributo commisurata agli oneri di urbanizzazione; Scomputo della parte di contributo relativa agli oneri di urbanizzazione; Parte di contributo commisurata al costo di costruzione; Esclusione della quota commisurata al costo di costruzione per l’edilizia convenzionata; Pagamento e determinazione del contributo in caso di sanatoria edilizia).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)