FAST FIND : GP11658

Sent. C. Cass. civ. 21/02/2007, n. 4031

1412651 1412651
PROPRIETÀ - LIMITAZIONI LEGALI DELLA PROPRIETÀ - RAPPORTI DI VICINATO - MURO - COMUNIONE (DEL MURO) - USO DEL MURO COMUNE - SPESE - DI COSTRUZIONE ; FONDI A DISLIVELLO - Obbligo di costruzione e di manutenzione del proprietario del fondo superiore - Presupposto - Causa naturale del dislivello - Dislivello determinato dal proprietario del fondo inferiore - Obbligo di costruzione e di manutenzione di questi.
La fattispecie prevista dall'art. 887 cod. civ. (a norma del quale nei fondi a dislivello negli abita
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1412651 1414578
SENTENZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1412651 1414579
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso del 6 dicembre 1996, Francesco Sernia, proprietario di un appartamento dell'edificio di via Tasso n. 323, in Napoli, denunciava, perché si provvedesse alla opere necessarie di sostegno e di consolidamento, il pericolo di crollo del muro di contenimento del soprastante fondo di proprietà di Renata Lanzillo Brancaccio e Gennaro Maresca. La denuncia era proposta nei confronti di quest'ultimi, obbligati -secondo assunto- alla manutenzione del muro, nonché di tutti i condomini dell'edificio di via Tasso e, per l'appunto, di Sabino Sernia, Giovanni Sernia, Cantani Isabella, Vanda Bignone, Stefano Sernia e Maria Sernia. I predetti si costituivano, ad eccezione di Isabella Cantani, e resistevano alla denuncia. Con provvedimento ex art. 669 - octies c.p.c., in esito a consulenza tecnica d'ufficio, l'adito Pretore di Napoli ordinava a Renata Lanzillo Brancaccio ed a Maresca Gennaro di eseguire le opere necessarie di contenimento e risanamento del muro, oltre quelle di convogliamento delle acque piovane.

Con citazione del 30 luglio 1997, Francesco Sernia conveniva in giudizio, innanzi al Tribunale di Napoli, i predetti proprietari del fondo soprastante ed i condomini tutti dell'edificio di via Tasso n. 323, segnatamente chiedendo di porre a carico della Lanzillo Brancaccio e del Maresca le spese necessarie di contenimento e risanamento del muro di proprietà condominiale ovvero, in subordine

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1412651 1414580
MOTIVI DELLA DECISIONE

Essendosi provveduto alla integrazione del contraddittorio, può darsi luogo all'esame dei motivi di ricorso.

Col primo motivo, rubricato "omessa e/o insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia in relazione all'art. 360 c.p.c., n. 5 e art. 1362 c.c.", i ricorrenti si dolgono che la Corte di merito abbia erroneamente interpretato il contratto del 22 marzo 1933, escludendo la costituzione di servitù reciproche tra i fondi esistenti e le costruzioni edificande, senza valutare il titolo degli obblighi assunti, le finalità perseguite dai contraenti, la consistenza dei fondi e la disciplina della trascrizione delle clausole negoziali. Col secondo motivo, rubricato "violazione e/o falsa applicazione di norme di diritto in relazione all'art. 360 c.p.c., n. 3 con riferimento all'art. 881 c.c.", i ricorrenti si dolgono che la Corte di merito non abbia tenuto conto che, col citato contratto del 22 marzo 1933, i venditori Winspeare si obbligavano alla manutenzione del muro di sostegno, che l'acquirente Martiniello avrebbe costruito, così intendendo regolare i loro rapporti "anche per i successori, proprio secondo il disposto dell'art. 887 c.c.". Col terzo motivo, rubricato "violazione e/o falsa applicazione di norme di diritto in relazione all'art. 360 c.p.c., nn. 3 e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1412651 1414581
P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti in solido al pagamento delle spese del giudizio di cassazione i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Distanze tra le costruzioni
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Distanze legali tra le costruzioni, fasce di rispetto e vincoli di inedificabilità

AMBITO APPLICATIVO DELLE NORME SULLE DISTANZE (Valenza delle norme sulle distanze legali; Concetto di “costruzione” o “edificio” ai fini delle norme sulle distanze legali) - DISTANZE TRA EDIFICI NEI RAPPORTI TRA VICINI (Distanze tra costruzioni; Muro sul confine; Muro di cinta; Particolari manufatti edilizi (pozzi, cisterne, tubi, ecc.); Alberi e siepi; Luci e vedute; Patti in deroga tra privati; Violazione delle norme sulle distanze e tutela dei diritti dei vicini) - DISTANZE TRA EDIFICI AI FINI DEI TITOLI ABILITATIVI EDILIZI (Distanze nelle nuove costruzioni; Distanze negli interventi di demolizione e ricostruzione; Costruzioni in confine con le piazze e le vie pubbliche; Distanze tra edifici e deroghe del Piano Casa; Deroghe a distanze e altezze per interventi finalizzati al risparmio energetico) - MODALITÀ DI CALCOLO DELLE DISTANZE TRA EDIFICI (In genere; Modalità di misurazione; Rilevanza delle sporgenze ai fini del calcolo; Cosa debba intendersi per “parete finestrata”; Computo dei balconi aggettanti) - FASCE DI RISPETTO E VINCOLI DI INEDIFICABILITÀ (Cimiteri; Strade pubbliche; Ferrovie; Aeroporti; Suoli boschivi interessati da incendi; Corsi d’acqua pubblici; Linee elettriche).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Impianti sportivi

Finanziamento per impianti sportivi nelle periferie urbane e aree svantaggiate

La misura prevede il finanziamento di interventi per la realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi per l’attività agonistica localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane; l’obiettivo è di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale anche attraverso la promozione di attività sportiva. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 140 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Friuli Venezia Giulia: contributi a sostegno di interventi edilizi per i servizi di prima infanzia

Contributi per interventi edilizi di costruzione, ampliamento, ristrutturazione edilizia, manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo di immobili destinati a nidi d'infanzia, centri per bambini e genitori, spazi gioco. Il contributo copre il 100% della spesa ammissibile che non può essere inferiore a 25.000,00 euro né superiore a 200.000,00.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Avvisi e bandi di gara
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Edilizia e immobili
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

D.L. 76/2020: semplificazioni e altre misure in materia edilizia

Analisi puntuale delle disposizioni in materia di edilizia introdotte dal D.L. 76/2020 (c.d. Decreto Semplificazioni) dopo la sua conversione in legge, avvenuta con L. 11/09/2020, n. 120. Testo a fronte delle parti modificate del Testo unico edilizia (modifiche in giallo).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

La sanatoria degli abusi edilizi

ABUSO EDILIZIO SOSTANZIALE E FORMALE - PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA, ACCERTAMENTO DI CONFORMITÀ (Prima condizione - Tempestività della richiesta di sanatoria; Seconda condizione - Conformità alla normativa; Terza condizione - Pagamento della somma per oblazione; Schema grafico su presupposti ed effetti della sanatoria; Interventi realizzati in assenza di SCIA alternativa al permesso di costruire ed ex super DIA; Interventi realizzati a seguito di SCIA che invece necessitavano un permesso di costruire; Sanatoria parziale; Sanatoria condizionata) - CONTENUTO ED EFFETTI DELL’ISTANZA DI SANATORIA (Necessità di istanza dell’interessato; Legittimazione a presentare l’istanza di sanatoria; Contenuti dell’istanza di sanatoria; Effetti della presentazione dell’istanza di sanatoria; Inerzia dell’amministrazione nella risposta alla domanda di sanatoria - Silenzio-rigetto; Provvedimento di sanatoria con prescrizioni) - EFFETTI DELLA SANATORIA (Effetti sulle violazioni previste dalle norme edilizie; Effetti sulle violazioni previste da altre normative) - EFFETTI TRIBUTARI DELLA SANATORIA E RECUPERO DELLE AGEVOLAZIONI - SCIA TARDIVA E SCIA IN SANATORIA (Inapplicabilità agli interventi realizzati tramite SCIA alternativa al permesso di costruire) - TOLLERANZE COSTRUTTIVE E TOLLERANZE ESECUTIVE (Tolleranze costruttive; Tolleranze esecutive o “di cantiere”; Tolleranze, stato legittimo e circolazione degli immobili) - SANATORIA DI OPERE REALIZZATE IN BASE AL TITOLO EDILIZIO ANNULLATO (Orientamenti giurisprudenziali; Rimessione all’Adunanza Plenaria).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Calamità/Terremoti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Protezione civile
  • Norme tecniche

Contributi per la ripresa delle attività economiche e produttive nei territori colpiti dal sisma a far data dal 24/08/2016