FAST FIND : GP11646

Sent. C. Cass. civ. 19/07/2006, n. 16574

1412627 1412627
PROPRIETÀ - LIMITAZIONI LEGALI DELLA PROPRIETÀ - RAPPORTI DI VICINATO - DISTANZE LEGALI - NELLE COSTRUZIONI - CRITERIO DELLA PREVENZIONE (COSTRUZIONE SUL CONFINE O CON DISTACCO) - REGOLAMENTI EDILIZI (INCIDENZA) - Previsione regolamentare di una distanza minima dal confine - Conseguenze - Operatività del criterio della prevenzione - Esclusione - Indicazione della norma di un minimo assoluto senza specificazioni - Sufficienza.
Il principio secondo cui, quando il regolamento edilizio locale prevede una distanza minima della costruzione dal confine, non solo non può costruirsi sul confine stesso, ma non opera nemmeno il crit
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Scarica il pdf completo
1412627 1414158
SENTENZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1412627 1414159
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Carreri Vittoria, proprietaria di un immobile sito a Pizzo Calabro, conveniva dinanzi al tribunale di Vibo Valentia Russo Mario Moreno esponendo che questi aveva iniziato la costruzione di un fabbricato collegandolo direttamente al muro di cinta della sua proprietà, che danneggiava, senza rispettare la distanza dal confine prescritta nel regolamento edilizio comunale e che, per tale fatto, essa aveva già proposto denuncia di danno temuto, accolta dal pretore, che aveva per l'effetto ordinato al Russo la sospensione della costruzione e dato termine per la riassunzione della causa di merito. Chiedeva quin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1412627 1414160
MOTIVI DELLA DECISIONE

Il primo motivo di ricorso denunzia violazione dell'art. 112 cod. proc. civ.. Si sostiene che la sentenza impugnata è stata emessa in violazione del principio della corrispondenza tra chiesto e pronunciato per avere affermato la presenza nel regolamento edilizio comunale di un criterio determinativo della distanza delle costruzioni dal confine fondato sull'altezza dell'edificio in mancanza di qualsiasi deduzione della controparte che facesse riferimento a tale parametro. Il motivo è infondato. La doglianza trova diretta smentita dalla lettura della stessa sentenza di secondo grado, da cui emerge che l'odierna controricorrente aveva invocato, a fondamento della propria domanda, proprio l'applicazione dell'art. 23 del regolamento edilizio comunale, che, con riferimento al distacco tra gli edifici, fa per l'appunto riferimento al criterio dell'altezza della costruzione. Può aggiungersi, inoltre, che, una volta dedotta dalla parte la violazione delle norme che disciplinano le distanze tra fabbricati, rientra senz'altro nell'ambito del potere di giudicare l'individuazione della regola specifica di condotta che si assume violata, senza che sul punto possa esercitare condizionamento vincolante l'eventuale prospettazione normativa effettuata dalla parte interessata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1412627 1414161
P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna Russo Maria Moreno alla rifusione delle spese in favore della controparte, che liquid

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica

Campania: bando “SCUOLA VIVA IN QUARTIERE”

Ammonta a quasi 8 milioni di euro lo stanziamento della Regione Campania per il programma "SCUOLA VIVA IN QUARTIERE". Si tratta di un progetto strategico nelle aree a forte degrado culturale, sociale ed economico con il maggior rischio di dispersione scolastica. Tra gli obiettivi del bando c’è quello di realizzare interventi mirati per edilizia scolastica e videosorveglianza per l’adeguamento e il miglioramento della funzionalizzazione e fruizione degli ambienti scolastici e delle loro pertinenza. Possono partecipare reti di scuole, costituite o da costituire, composte da almeno otto istituti scolastici e per ciascuna area territoriale sarà finanziato un solo progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze

Lazio: contributi per la riqualificazione degli edifici destinati ai servizi di scuola dell’infanzia e asilo nido

Il bando stanzia 7 milioni di euro in favore dei Comuni del Lazio ed i Municipi di Roma Capitale per interventi di carattere edilizio finalizzati all'adeguamento tecnico-impiantistico, all'efficientamento energetico ed alla messa in sicurezza statica delle scuole per l’infanzia ed asili nido di proprietà pubblica. Il finanziamento è concesso in forma di contributo nella misura massima di 200 mila euro e comunque non oltre il 90% del quadro tecnico economico di progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Soppalco, titolo edilizio per la realizzazione

DEFINIZIONE DI SOPPALCO - QUALIFICAZIONE INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOPPALCO - REGIME EDILIZIO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOPPALCO (Regime successivo al D.L. 133/2014 ed al D. Leg.vo 222/2016; Regime precedente) - PARAMETRI DI VALUTAZIONE E RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Standards
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Contributo di costruzione: interventi soggetti, parametri e modalità di calcolo

INTERVENTI EDILIZI SOGGETTI O MENO AL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Principio generale di onerosità del permesso di costruire ed eccezioni; Opere che non comportino la realizzazione di manufatti propriamente detti; Interventi soggetti a permesso di costruire o di SCIA alternativa; Frazionamenti, accorpamenti, cambi di destinazione d’uso; Ristrutturazioni edilizie; Interventi non soggetti a contributo di costruzione (c.d. “gratuiti”); Contributo di costruzione per opere o impianti non destinati alla residenza; Gratuità ed onerosità degli interventi edilizi - Schema riepilogativo) - DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Quote che compongono il contributo di costruzione; Determinazione dell’ammontare del contributo di costruzione; Rideterminazione del contributo erroneamente liquidato; Parte di contributo commisurata agli oneri di urbanizzazione; Scomputo della parte di contributo relativa agli oneri di urbanizzazione; Parte di contributo commisurata al costo di costruzione; Esclusione della quota commisurata al costo di costruzione per l’edilizia convenzionata).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Edilizia e immobili
  • Professioni
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Responsabilità del direttore dei lavori negli appalti privati

PREMESSA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO Le disposizioni del Codice civile; Il Testo unico edilizia - D.P.R. 380/2001 - RESPONSABILITÀ CIVILE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Obbligo di controllare la regolarità dell’esecuzione dell’opera; Il DL non è obbligato a vigilare sulle attività di semplice esecuzione; Responsabilità solidale del DL e dell’impresa per vizi dell'immobile; Responsabilità di DL e progettista; Responsabilità extracontrattuale del DL ex art. 1669 c.c. - RESPONSABILITÀ PENALE DEL DIRETTORE DEI LAVORI Responsabilità per mancata osservanza a permesso di costruire e leggi urbanistiche; Presupposti per l’esonero della responsabilità del DL; Responsabilità del DL per omessa vigilanza anche in caso di assenza dal cantiere; Responsabilità del DL anche per opere non rientranti nell'incarico.
A cura di:
  • Emanuela Greco