FAST FIND : GP10632

Sent. C. Cass. pen. 23/06/2011, n. 25191

1248597 1248597
1. Edilizia ed urbanistica - Concessione edilizia - Variante - Difformità totale del manufatto - Costituisce reato edilizio
1. La difformità totale di un manufatto dalla concessione edilizia si delinea allorché le modifiche comportino un’alterazione del progetto originario nelle sue caratteristiche essenziali di struttura, aspetto estetico, architettura, destinazione e, nel caso in cui vengano realizzati volumi edilizi oltre i limiti indicati nel progetto, allorquando i volumi realizzati in eccesso costituiscano «un organismo edilizio o parte di esso con specifica rilevanza ed autonomamente utilizzabile».

1. Conf. Cass. pen. III 29 gennaio 2004 n. 3350. Ved. anche Cass. pen. III 24 giugno 2010 n. 24236 R e III 15 luglio 1994 n. 8081. 1a. (CED-VAR) - Sulla concessione edilizia in variante ved. C.Stato IV 15 settembre 2010 n. 6878 e Cass. pen. III 5 marzo 2009 n. 9922 R (Variante al permesso di costruire - È tale la localizzazione dell’edificio in area diversa); Cass.pen. III 24 giugno 2010 n. 24236 R (Varianti al permesso di costruire - Varianti al progetto in senso proprio, varianti essenziali e varianti cd. minime - Nozione ed autorizzazione); III 5 marzo 2009 n. 9922 R (1. Variante al permesso di costruire - Variante alla progettazione originaria - Nozione); C.Stato IV 20 novembre 2008 n. 5743 R (Variante al permesso di costruire - Spostamento del fabbricato in area totalmente diversa - Inammissibilità); Cass. 30 novembre 2006 n. 25536 R (Concessione edilizia rilasciata ma ancora non comunicata al privato - Intervenuta approvazione di variante urbanistica che modifica la zona da centrale a periferica - Conseguente annullamento della concessione - Richiesta di risarcimento danni del privato - Suo interesse legittimo e non diritto soggettivo); C. Stato V 3 agosto 2004 n. 5429 R (Roto-traslazione modesta della sagoma dell’edificio per il quale è stata rilasciata concessione edilizia - È una mera varianteminore e non variazione essenziale); V 22 gennaio 2003 n. 249 R (Criteri di distinzione fra variante ad una concessione e nuova concessione edilizia); V 21 novembre 2001 n. 5926 (La variante in corso d’opera di una concessione edilizia, ai sensi dell’art. 15 della L. 28 febbraio 1985 n. 47 è ammissibile soltanto se si tratta di modifiche di limitata consistenza e conformi alle norme urbanistiche); V 18 ottobre 2001 n. 5496 R (Variante essenziale al progetto di un edificio, ai sensi dell’art. 8 della L. 1985 n. 47, è l’aumento, e non la diminuzione, della cubatura); V 2 aprile 2001 n. 1898 R (Per stabilire se si tratta di nuova concessione edilizia oppure di variante alla concessione già rilasciata bisogna prendere in considerazione le modificazioni quantitative o qualitative apportate al progetto originario, riguardanti in particolare la superficie coperta, il perimetro, la volumetria e le caratteristiche funzionali e strutturali del fabbricato, interne ed esterne); Cass. pen. III 29 aprile 1999 n. 5453 (In edilizia possono considerarsi varianti le opere di ristrutturazione come, ad esempio, la demolizione e ricostruzione di muri perimetrali con conseguente modifica delle unità immobiliari nonché le opere eseguite in violazione delle prescrizioni particolari contenute nella originaria concessione); Cass. pen. III 5 agosto 1998 n. 2097 (L’art. 15 L. 1985 n. 47 è stato implicitamente abrogato dalla L. 23 dicembre 1996 n. 662); C.Stato V 30 aprile 1997 n. 421 (Sulle misure di salvaguardia delle domande di concessione edilizia in caso di variante urbanistica a piano regolatore); V 11 aprile 1996 n. 392 R (In tema di concessione edilizia, sulle condizioni di applicabilità dell’art. 15 L. 1985 n. 47 per l’approvazione di variante in corso d’opera); V 2 febbraio 1995 n. 184 R; V 19 novembre 1994 n. 1333 R (Distinzione della concessione edilizia in variante da nuova concessione); V 17 novembre 1994 n. 1332 R (Obbligo di applicazione delle misure di salvaguardia della concessione edilizia, anche in caso di variante); V 4 gennaio 1993 n. 26 R (1. Sugli elementi da considerare al fine di discriminare una nuova concessione edilizia dalla variante ad altra preesistente; 2. Sull’iter procedimentale da seguire per la concessione relativa a variante edilizia); Csi 21 marzo 1992 n. 59 R (Sulla distinzione fra concessione in variante e nuova concessione).
(D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380, art. 31, c.1) R

Dalla redazione

  • Marchi, brevetti e proprietà industriale

Agevolazioni alle imprese per la valorizzazione economica dei brevetti

Il contributo è finalizzato all'acquisto di servizi specialistici da parte delle micro, piccole e medie imprese per sostenere la loro capacità innovativa e competitiva, attraverso la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei brevetti sul mercato nazionale e internazionale. Dotazione finanziaria complessiva di 21,8 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Imprese

Lazio: fondo rotativo piccolo credito e contributi per l'efficienza energetica delle imprese

Dalla Regione Lazio un'opportunità per le PMI che vogliono investire per ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas climalteranti, compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per la sola finalità dell'autoconsumo. Si tratta della sezione III del Fondo rotativo per il piccolo credito che ha lo scopo dii fornire risposte rapide alle Micro, Piccole e Medie imprese (MPMI) con esigenze finanziarie di minore importo, minimizzando costi e tempi e semplificando le procedure d'istruttoria e di erogazione. L’importo a disposizione della misura ammonta a 9,6 milioni di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze

Emilia Romagna: 7 mln per agriturismi e fattorie didattiche

Contributi in conto capitale per la creazione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie didattiche. Le risorse a disposizione dell’Avviso ammontano a 7.144.216,00 euro e possono beneficiarne gli imprenditori agricoli, singoli o associati, che rientrino nella definizione di micro e piccola impresa. La misura sostiene: la ristrutturazione e l’ampliamento di fabbricati rurali, la qualificazione di spazi aperti di aziende agricole esistenti e l’acquisto di attrezzature da destinare all'attività agrituristica e/o di fattoria didattica. La percentuale di contributo varia in relazione alle diverse zone di aree rurali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Finanza pubblica

Piemonte: contributi per la riqualificazione dei corpi idrici

Riqualificazione dei corpi idrici e soluzioni alle criticità prioritarie del reticolo idrografico piemontese individuate negli strumenti di pianificazione vigenti (Piano di gestione del distretto idrografico del Po, Piano di tutela delle acque). Questi sono gli obiettivi del bando della Regione Piemonte relativo all'anno 2020 della Regione Piemonte che ha una dotazione di 2.700.000 euro ed è indirizzato agli enti locali (Comuni in forma singola o associata, Province e Città metropolitana) e agli Enti gestori delle aree naturali protette e dei siti della Rete Natura 2000.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Basilicata: sostegno alla costituzione e sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali

Dieci milioni di euro per favorire lo sviluppo e il riequilibrio del territorio agricolo, agevolare la permanenza degli imprenditori agricoli nel territorio rurale con il sostegno ad investimenti finalizzati alla diversificazione dell’attività attraverso la costituzione e lo sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali. È quanto prevede il bando pubblicato della Regione Basilicata. Possono essere finanziati gli interventi riguardanti il recupero funzionale di immobili accatastati dall'azienda agricola da almeno 5 anni, piccole costruzioni ex novo per la realizzazione di laboratori polifunzionali aziendali, agricampeggi, aree verdi attrezzate ed allestimento di spazi per musei sulle tradizioni contadine, sistemazioni esterne, piccole piscine e campetti, acquisto di nuovi impianti e attrezzature funzionali alla realizzazione del progetto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Ecodesign apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Macchine e prodotti industriali

Ecodesign display elettronici

  • Macchine e prodotti industriali
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche

Ecodesign sorgenti luminose e unità di alimentazione separate

  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico

Ecodesign apparecchi di refrigerazione

  • Macchine e prodotti industriali
  • Energia e risparmio energetico
  • Norme tecniche
  • Efficienza e risparmio energetico

Obblighi di etichettatura energetica degli apparecchi di refrigerazione con funzione di vendita diretta