FAST FIND : NR31533

L. R. Umbria 13/06/2014, n. 10

Testo unico in materia di commercio.

Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 03/11/2016, n. 12
- L.R. 03/08/2017, n. 12
- L.R. 28/12/2017, n. 20

Scarica il pdf completo
1222850 4381239
TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381240
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381241
Art. 1 - (Oggetto)

1. Il presente testo unico, ai sensi dell’articolo 40 dello Statuto regionale e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381242
Art. 2 - (Finalità e principi)

1. La Regione disciplina il settore delle attività commerciali nel rispetto dei principi europei e costituzionali e delle leggi statali in materia di tutela della concorrenza e del mercato, allo scopo di favorire la migliore distribuzione delle merci e dei prodotti, la promozione e l'internazionalizzazione del settore ed un equilibrato sviluppo delle attività commerciali, di migliorare la qualità della vita della popolazione e valorizzare il proprio territorio incrementandone l'attrattività anche per la promozione turistica.

2. La disciplina del presente testo unico persegue le seguenti finalità:

a) la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la libera circolazione delle merci;

b) la tutela e la soddisfazione dei consumatori, con particolare riguardo alla qualità del servizio prestato, alla trasparenza nella formazione dei p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381243
Art. 3 - (Funzioni della Regione)

1. Sono riservate alla Regione le funzioni di programmazione, indirizzo, coordinamento, in materia di commercio, e in particolare:

a) la cura dei rapporti con l'Unione europea, con lo Stato, con le altre regioni e con enti statali nelle materie di cui al presente testo unico;

b) il concorso alla elaborazione e alla attuazione delle politiche di sostegno e promozione nell'ambito delle politiche europee e nazionali di settore, ivi compreso il sostegno alla realizzazione deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381244
Art. 4 - (Funzioni dei comuni)

1. I comuni esercitano i compiti e le funzioni amministrative in materia di commercio non attribuite dal presente testo unico alla Regione o ad altri enti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381245
Art. 5 - (Funzioni delle Camere di commercio)

1. Per l'esercizio delle funzioni e dei compiti previsti dal presente testo unico, la Regione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381246
Art. 6 - (Attività commerciali)

1. Ai fini del presente testo unico costituiscono attività commerciali:

a) il commercio all'ingrosso e al dettaglio in sede fissa e le sue forme speciali;

b) il commercio su aree pubbliche;

c) le attività fieristiche;

d) la distribuzione dei carburanti per autotrazione;

e) la somministrazione di alimenti e bevande;

f) la vendita della stampa quotidiana e periodica.

2. Le attività comm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381247
CAPO II - REQUISITI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381248
Art. 7 - (Requisiti di accesso e di esercizio delle attività commerciali)

1. L'esercizio delle attività commerciali di cui al presente testo unico e delle attivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381249
Art. 8 - (Formazione professionale)

1. Il requisito professionale di cui all’articolo 71, comma 6, lettera a) del d.lgs. 59/2010 è conseguito mediante il superamento di un esame all'esito della frequentazione di un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381250
CAPO III - PROGRAMMAZIONE DISTRIBUTIVA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381251
Art. 9 - (Programmazione commerciale)

1. La programmazione commerciale ed urbanistica, al fine di assicurare la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la libera circolazione delle merci, persegue i seguenti obiettivi:

a) favorire la realizzazione di una rete distributiva che assicuri la qualità dei servizi da rendere ai consumatori e la qualità della vita della popolazione, nonché la migliore produttività del sistema;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381252
Art. 10 - (Programmazione regionale)

1. La Giunta regionale, nel rispetto delle procedure di concertazione e partenariato istituzionale e sociale previste dall’articolo 5 della legge regionale 28 febbraio 2000, n. 13 (Disciplina generale della programmazione, del bilancio, dell'ordinamento contabile e dei controlli interni della Regione dell'Umbria) e in coerenza con gli obiettivi della programmazione regionale e con le strategie definite dal documento annuale di programmazione, adotta il Piano triennale di indirizzo strategico del commercio, di seguito denominato Piano triennale, e lo trasmette all'Assemblea legislativa per l'approvazione.

2. Il Piano triennale contiene, in particolare:

a) l’individuazione delle attività di promozione a sostegno delle attività commerciali;

b) l’individuazione di forme di sostegno e tutela delle attività commerciali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381253
Art. 10 bis - (Sostenibilità sociale, ambientale e territoriale)

N32

1. Al fine di perseguire gli obiettivi di sostenibilità sociale, ambientale e territor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381254
Art. 11 - (Programmazione comunale)

1. I comuni, al fine di migliorare la funzionalità e la produttività del sistema dei servizi concernenti le attività commerciali, valutate le caratteristiche e le tendenze della distribuzione commerciale e nel rispetto di quanto disposto dal regolamento e dall'atto di indirizzo di cui all’articolo 10, commi 5 e 7, adottano, previa concertazione di cui all’articolo 13, un atto di programmazione che disciplina le modalità di applicazione dei criteri qualitativi individuati dalla programmazione regionale in riferimento all'insediamento di tutte le attività commerciali, ivi compresa la somministrazione di alimenti e bevande, tenendo conto delle diverse caratteristiche del proprio territorio. Tale atto di programmazione tiene conto, altresì, delle caratteristiche urbanistiche e di destinazione d'uso dei locali, dei fattori di mobilità, traffico, inquinamento acustico e ambientale, aree verdi, parcheggi, delle caratteristiche qualitative degli insediamenti, dell'armonica integrazione con le altre attività economiche e del corretto utilizzo degli spazi pubblici o di uso pubblico.

2. I comuni adeguano i propri strumenti urbanistici, anche in relazione a singole varianti, nel rispetto della normativa regionale vigente in materia di governo del territorio, tenuto conto dei criteri di cui all’articolo 10, comma 6 adottati dalla Giunta regionale e, in relazione alla previsione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381255
Art. 12 - (Progetti integrati di rivitalizzazione delle realtà minori)

1. I comuni possono dotarsi di un progetto integrato di rivitalizzazione delle frazioni o altre aree di interesse del proprio territorio poste anche in posizione isolata dal capoluogo comunale.

2. Il progetto di cui al comma 1 prev

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381256
Art. 13 - (Concertazione)

1. La Regione e i comuni, ai fini del presente testo unico, attuano la concertazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381257
CAPO IV - STRUMENTI OPERATIVI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381258
Art. 14 - (Osservatorio regionale del commercio)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381259
Art. 15 - (Centri di assistenza tecnica)

1. Per sviluppare processi di ammodernamento della rete distributiva, le associazioni di categoria del settore commerciale maggiormente rappresentative almeno a livello provinciale, anche congiuntamente ad altri soggetti interessati, possono istituire centri di assistenza tecnica alle imprese, anche in forma consortile. Sono considerate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381260
Art. 16 - (Agenzie per le imprese)

1. La Regione promuove e valorizza il ruolo e le funzioni delle agenzie per le imprese di cui all’articolo 38 del decreto l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381261
Art. 17 - (Sportello unico per le attività produttive e per l'attività edilizia - SUAPE)

1. Ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381262
TITOLO II - ATTIVITÀ COMMERCIALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381263
CAPO I - COMMERCIO IN SEDE FISSA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381264
Art. 18 - (Definizioni)

1. Ai fini del presente testo unico si intendono:

a) per decreto: il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 (Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell’articolo 4, comma 4, della L. 15 marzo 1997, n. 59);

b) per commercio all'ingrosso: l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti, all'ingrosso o al dettaglio, o ad utilizzatori professionali, o ad altri utilizzatori in grande;

c) per commercio al dettaglio: l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale;

d) per superficie di vendita di un esercizio di vicinato, di una media o di una grande struttura

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381265
Art. 19 - (Classificazione dei comuni)

1. Ai fini dell'applicazione dei limiti dimensionali, nonché di ogni altra disposizione contenuta nel presente testo unico che faccia riferimento a categorie dimensionali dei comuni, gli stessi sono suddivisi nelle seguenti classi:

- Classe I - Comprendente i comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381266
Art. 20 - (Settori merceologici)

1. N5

2. L’attività commerciale all’ingrosso e al dettaglio può essere esercitata con riferimento ai settori merceologici alimentare e non alimentare. N6

3. Gli e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381267
Art. 21 - (Negozi storici)

1. La Regione promuove la conoscenza e la valorizzazione delle attività commerciali che costituiscono testimonianza della storia, dell'arte, della cultura e della tradizione imprenditoriale locale e che si svolgono in locali o aree aventi valore storico, artistico, architettonico ed ambientale.

2. Le attività commerciali di cui al comma 1 sono definite, agli effetti del presente testo unico, negozi storici.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381268
Art. 22 - (Commercio al dettaglio negli esercizi di vicinato e nelle medie strutture di vendita inferiori M1)

1. L'apertura, il trasferimento di sede e l'ampliamento della superficie di vendita di un esercizio di vicinato e di una media struttura di vendita inferiore M1 sono soggetti a segnalazione certificata di inizio attività, di seguito SCIA, da presentare, ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381269
Art. 23 - (Commercio al dettaglio nelle medie strutture di vendita intermedie M2)

1. Fatto salvo quanto previsto per gli esercizi di vicinato e delle medie strutture di vendita inferiori M1 di cui al comma 1 dell'articolo 22, l'apertura, il trasferimento di sede, l'ampliamento della superficie di vendita fino ai

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381270
Art. 24 - (Commercio al dettaglio nelle medie strutture superiori M3 e nelle grandi strutture di vendita)

1. “L’apertura, il trasferimento di sede, l’ampliamento della superficie di vendita e la modifica, quantitativa o qualitativa di settore merceologico di una grande struttura di vendita o di una media struttura superiore di tipologia M3 sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal Comune competente per territorio.” N10 La domanda per il rilascio dell'autorizzazione per le grandi strutture di vendita e per le medie strutture superiori di tipologia M3 è presentata dall'interessato al Comune territorialmente competente mediante il SUAPE. Alla domanda è allegato il progetto preliminare con la documentazione relativa alla destinazione d'uso dei suoli ed un analitico studio progettuale di sviluppo e di incidenza, i cui contenuti costituiscono elementi essenziali ai fini della valutazione. II Comune può disciplinare l'integrazione del procedimento di rilascio dell'autorizzazione con il procedimento relativo alla presentazione della SCIA edilizia e alla richiesta di permesso di costruire inerente l'insediamento commerciale.

2. Il Comu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381271
Art. 25 - (Procedimento di variante ai sensi dell’articolo 32, comma 6, della l.r. 1/2015)

N11

1. Per l'istruttoria della domanda di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381272
Art. 26 - (Ripartizione del territorio regionale)

1. Ai fini del presente testo unico e secondo quanto disposto all'articolo 6, comma 3

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381273
Art. 27 - (Compatibilità territoriale delle medie e grandi strutture di vendita)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381274
Art. 28 - (Criteri e modalità per l'individuazione di aree per nuovi insediamenti)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381275
Art. 29 - (Centri commerciali)

1. Ai sensi dell'articolo 4, comma 1, lettera g), del decreto, i centri commerciali costituiti da più esercizi inseriti in una struttura a destinazione specifica che usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente sono classificati come un'unica media o grande struttura, a norma dell’articolo 18, comma 1, lettere g) e h). La necessità di apposita e distinta autorizzazione per il centro commerciale non esime dal rispetto di quanto disposto agli articoli 22, 23 e 24, per l'attivazione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381276
Art. 30 - (Vendita all'ingrosso)

1. L'esercizio dell'attività di commercio all'ingrosso, ivi compreso quello re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381277
Art. 30-bis - (Esercizi specializzati nella vendita esclusiva di merci ingombranti e a consegna differita)

N40

1. L’esercizio dell’attività di vendita esclusiva di merci ingombranti e a consegna differita è assoggettato al rispetto dei requisiti previsti dalla normativa statale e regionale nonché dai regolamenti comunali.

2. è esercizio specializzato nella vendita esclusiva o prevalente di merci ingombranti e a consegna differita l’esercizio che effettua in modo esclusivo o prevalente l’attività di vendita dei seguenti prodotti e dei relativi complementi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381278
Art. 31 - (Vendite straordinarie e promozionali)

1. Le vendite straordinarie, con le quali l'esercente dettagliante offre condizioni favorevoli, reali ed effettive, di acquisto dei propri prodotti sono:

a) le vendite di liquidazione;

b) le vendite promozionali;

c) le vendite di fine stagione o saldi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381279
Art. 32 - (Pubblicità degli orari e dei prezzi)

1. Tutte le attività di vendita al dettaglio, comprese la vendita al pubblico di propri prodotti da parte di artigiani ed industriali e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381280
Art. 33 - (Sanzioni)

1. Chiunque viola le disposizioni di cui all’articolo 31, commi 2, 4, 5 e 7 è punito con la sanzione amministrativa da un minimo di 500,00 euro ad un massimo di 3.000,00 euro.

2. La mancata esposizione degli orari scelti e praticati, ivi compreso il mancato rispetto degli stessi, o la mancata esposizione dei prezzi secondo le modalità di cui all’articolo 32, commi 2 e 3, comporta l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 500,00 euro ad un massimo di 3.000,00 euro. All'applicazione della sanzione segue l'immediato adeguamento della esposizione e pubblicità degli orari e dei prezzi.

3. Il Comune dispone la chiusura di un esercizio commerciale, nel caso in cui:

a) non sussistono i requisiti morali oppure, ove richiesti, i requisiti professionali per l'accesso e l'esercizio delle attività commerciali di cui all’articolo 71 del d.lgs. 59/2010;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381281
CAPO II - COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381282
Art. 34 - (Ambito di applicazione)

1. Con il presente testo unico la Regione disciplina il commercio su aree pubbliche in attuazione del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381283
Art. 35 - (Definizioni)

1. Ai fini del presente Capo, si intendono per:

a) decreto: il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 (Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell’articolo 4, comma 4, della L. 15 marzo 1997, n. 59);

b) commercio su aree pubbliche: le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande effettuate sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio marittimo o su aree private delle quali il Comune abbia la disponibilità;

c) aree pubbliche: le strade, le piazze, i canali, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio ed ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico;

d) mercato: l'area pubblica o privata di cui il Comune ha la disponibilità o, eventualmente, l'area privata espressamente autorizzata dal Comune stesso, composta da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381284
Art. 36 - (Caratteristiche ed articolazione merceologica delle manifestazioni)

1. I mercati, in relazione al periodo di svolgimento, si suddividono in:

a) permanenti, qualora si svolgano in tutto il corso dell'anno;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381285
Art. 37 - (Commercio su aree pubbliche)

1. L'attività di commercio su aree pubbliche può essere esercitata da imprenditori individuali o da società di persone o di capitali secondo le seguenti tipologie:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381286
Art. 38 - (Autorizzazione all'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche)

1. L'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche è soggetto ad autorizzazione rilasciata dal Comune, se effettuato su posteggio dato in concessione, ed a SCIA, se effettuato in forma itinerante.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381287
Art. 39 - (Autorizzazione all'esercizio dell'attività mediante posteggio)

1. L'autorizzazione all'esercizio dell'attività e la concessione di posteggio sono rilasciate contestualmente dal Comune in cui ha sede il posteggio, secondo le procedure e i criteri previsti dall'Intesa di cui all’articolo 70, comma 5, del d.lgs. 59/2010. L

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381288
Art. 40 - (Concessione di posteggio)

1. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione e della contestuale concessione di posteggio nel mercato, nella fiera o fuori mercato il Comune predispone appositi bandi e li invia, entro il primo lunedì di ciascun mese, alla redazione del Bollettino ufficiale telematico della Regione, che provvede alla pubblicazione entro i trenta giorni successivi.

2. “Salvo quanto previsto al comma 2-bis,” N9 la concessione di posteggio nei mercati, ivi compresi i posteggi isolati, o nella fiera ha una durata pari a dodici anni, salvo diversa durata stabilita dal Comune, comunque non inferiore a sette anni, determinata sulla base delle esigenze medie di investimento collegate alle caratteristiche dell'insieme dei posteggi interessati.

2-bis. Nel rispetto di quanto previsto dall’Intesa di cui all’art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381289
Art. 41 - (Subingresso nelle autorizzazioni su posto fisso)

1. Nell'ipotesi di cessione della proprietà o della gestione per atto tra vivi dell'attività commerciale corrispondente all'autorizzazione di cui all’articolo 39, il subentrante può iniziare l'attività solo a seguito di comunicazione al Comune sede del posteggio, del subingresso, unitamente all'autocertificazione circa il possesso dei requisiti soggettivi, allegandovi l'autorizzazione originale e copia dell'atto di cessione.

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381290
Art. 42 - (Abilitazione all'esercizio dell'attività in forma itinerante)

1. L'esercizio dell'attività in forma itinerante è soggetta a SCIA, trasmessa al Comune in cui il richiedente, persona fisica o persona giuridica, intende avviare l'attività.

2. L'attività di vendita di prodotti alimentari è soggetta al rispetto delle disposizioni previste dall’articolo 71, commi 6 e 6-bis del d.lgs. 59/2010 e dalle disposizioni in materia igienico-sanitaria vigenti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381291
Art. 43 - (Vendita su aree pubbliche di prodotti alimentari)

1. Il titolo abilitativo all'esercizio dell'attività di vendita su aree pubbliche dei prodotti alimentari è idoneo anche per la somministrazione qualora il titolare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381292
Art. 44 - (Hobbisti)

1. Ai fini del presente testo unico, sono hobbisti i soggetti che vendono, propongono o espongono, in modo saltuario ed occasionale, merci di modico valore che non superino il prezzo unitario di 250,00 euro. Essi possono operare solo nei mercatini degli hobbisti di cui all’articolo 35, comma 1, lettere i) e j), senza l'autorizzazione o la SCIA di cui agli articoli 39 e 42, purché in possesso dei requisiti di cui all’articolo 71, comma 1 del d.lgs. 59/2010. Non rientrano nella definizione di hobbisti i soggetti di cui all'articolo 4, comma 2 del decreto. Per l'esposizione dei prezzi si applica quanto previsto dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381293
Art. 45 - (Obbligo di regolarità contributiva)

1. Il rilascio, la cessione e la reintestazione delle autorizzazioni e delle abilitazioni all'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche sono soggette alla sussistenza della regolarità contributiva di cui all’articolo 1, comma 1176 della l. 296/2006.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381294
Art. 46 - (Regolarizzazione e decadenza)

1. Il Comune, nel caso di accertata irregolarità contributiva dell'impresa, intima al titolare dell'autorizzazione o dell'abilitazione di provvedere a regolarizzare la propria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381295
Art. 47 - (Decadenza, sospensione delle autorizzazioni e confisca)

1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 46, comma 3, l'autorizzazione è dichiarata decaduta:

a) nel caso in cui l'operatore non risulti in possesso di uno o più requisiti previsti per l'esercizio dell'attività dall’articolo 71 del d.lgs. 59/2010;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381296
Art. 48 - (Criteri per l'istituzione di nuovi mercati e fiere)

1. I comuni non possono procedere all'istituzione di nuovi mercati e fiere se non previo riordino, riqualificazione, potenziamento o ammodernamento di quelli già esistenti, compreso, in presenza di idonee aree, il loro ampliamento dimensionale.

2. I comuni, anche su richiesta da parte di almeno il sessanta per cento degli operatori titolari di posteggio sul medesimo mercato, possono prevedere l'allungamento della durata del mercato protratta per l'intera giornata e, anche su richiesta di almeno l'ottanta per cento degli operatori titolari di posteggio, l'istituzione di edizioni straordinarie del mercato medesimo nel numero massimo di dodici all'anno.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381297
Art. 49 - (Soppressione, riconversione e qualificazione dei mercati)

1. La soppressione definitiva di mercati o fiere può essere disposta dai comuni in presenza delle seguenti condizioni:

a) caduta sistematica della domanda;

b) numero troppo esiguo di operatori o comunque persistente scarsa funzionalità ed attrattività;

c) motivi di pubblico interesse o cause di forza maggiore non altrimenti eliminabili.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381298
Art. 50 - (Trasferimento dei mercati)

1. Il trasferimento del mercato o della fiera, la modifica della dislocazione dei posteggi, la diminuzione o l'aumento del numero dei posteggi e lo spostamento della data di svolgimento del mercato o della fiera sono disposti dal Comune, sentite le organizzazioni dei consumatori e delle imprese del commercio maggiormente rappresentative a livello regionale.

2. Il trasferimento del mercato o della fiera temporaneo o definitivo in altra sede

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381299
Art. 51 - (Provvedimenti comunali per il commercio sulle aree pubbliche)

1. I Comuni, entro centottanta giorni dall'entrata in vigore del presente testo unico, sentite le associazioni di categoria e quelle dei consumatori, procedono al riordino del settore del commercio ed in particolare provvedono:

a) alla ricognizione delle fiere, mercati e posteggi fuori mercato esistenti o da istituire, trasferire di luogo, modificare o razionalizzare, con relative date ed aree di svolgimento;

b) alle determinazioni in materia di ampiezza delle aree e numero ed ampiezza dei posteggi;

c) alle eventuali determinazioni di carattere merceologico, previa approfondita indagine delle esigenze;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381300
Art. 52 - (Dati relativi al commercio su aree pubbliche)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381301
Art. 53 - (Assegnazione temporanea di posteggi)

1. L'assegnazione temporanea dei posteggi occasionalmente liberi o in attesa di assegnazione nei mercati è effettuata dal Comune, tenendo conto dei criteri di cui all’articolo 40, e, salvo diversa determinazione del Comune stesso, indipendentemente dai prodotti trattati.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381302
Art. 54 - (Calendario regionale delle manifestazioni su aree pubbliche)

1. La Giunta regionale predispone “nel rispetto delle disposizioni in materia di amministrazione digitale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381303
Art. 55 - (Computo delle presenze)

1. Il computo delle presenze nei mercati e nelle fiere è effettuato con riferi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381304
Art. 56 - (Aree private messe a disposizione)

1. Qualora uno o più soggetti mettano gratuitamente a disposizione del Comune un'area privata, attrezzata o meno, coperta o s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381305
Art. 57 - (Sanzioni)

1. È punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 2.500,00 a euro 15.500,00, oltre all'immediata ed obbligatoria confisca delle merci e delle attrezzature, escluso l'automezzo non adibito esclusivamente al trasporto di merci, chiunque eserciti l'attività di commercio su aree pubbliche senza la prescritta autorizzazione di cui all’articolo 39 ovvero fuori territorio, nonché chiunque eserciti l'attività di commercio in forma itinerante in assenza della abilitazione di cui all’articolo 42.

2. Sono ricompresi nell'ipotesi prevista al comma 1 l'esercizio in Umbria del commercio itinerante da parte di soggetti in possesso di sola autorizzazione di cui all’articolo 39, rilasciata dal Comune di altra Regione, l'occupazione di posteggi in mercati per i quali non si possiede autorizzazione, l'esercizio del commerci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381306
TITOLO III - FIERE, MOSTRE E ESPOSIZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381307
Art. 58 - (Definizioni)

1. Ai fini del presente titolo si intendono per:

a) attività fieristiche: la presentazione, promozione o commercializzazione, limitata nel tempo, di beni e servizi, in modo da offrire al pubblico dei visitatori, con un unico evento, una rassegna sufficientemente rappresentativa, in rapporto alla qualifica riconosciuta, del settore o dei settori economici e produttivi cui l'iniziativa è rivolta;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381308
Art. 59 - (Funzioni della Regione)

1. Con il presente titolo la Regione, nell'esercizio dei compiti e delle funzioni amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381309
Art. 60 - (Tipologie delle attività fieristiche)

1. Le attività fieristiche possono essere esercitate secondo le seguenti tipologie:

a) fiere generali, senza limitazione merceologica, aperte al pubblico, dirette alla presentazione ed all'eventuale vendita, anche con consegna immediata, dei beni e dei servizi esposti;

b) fiere specializzate, limitate ad uno o più settori merceologici omogenei o tra loro connessi, riservate agli operatori professionali, dirette alla pres

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381310
Art. 61 - (Classificazione e localizzazione delle manifestazioni fieristiche)

1. Le manifestazioni fieristiche sono qualificate di rilevanza internazionale, nazionale, regionale e locale in relazione al loro grado di rappresentatività del settore o dei settori economici e produttivi cui la manifestazione è rivolta, al programma ed agli scopi della iniziativa, alla provenien

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381311
Art. 62 - (Attribuzione della qualifica)

1. L'amministrazione competente provvede al riconoscimento o alla conferma della qualifica di cui all’articolo 61, comma 1 sulla base di un progetto dettagliato della manifestazione fieristica presentato dal soggetto richiedente, tenendo conto:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381312
Art. 63 - (Manifestazione fieristica)

1. L'esercizio delle manifestazioni fieristiche è riservato ai soggetti pubblici e privati di cui all’articolo 58, comma 1, lettere b) e c) ed è subordinato al riconoscimento o alla conferma della qualifica di cui all’articolo 61, comma 1, nonché all'inserimento nel calendario regionale o comunale di cui agli articoli 64 e 65.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381313
Art. 64 - (Calendario regionale delle manifestazioni fieristiche)

N19

1. La Giunta regionale predispone, nell’ambito delle banche dati di interesse regionale di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381314
Art. 65 - (Calendario comunale)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381315
Art. 66 - (Riconoscimento, vigilanza e controllo degli enti fieristici regionali)

1. Gli enti che si costituiscono in Umbria per l'esercizio dell'attività di manifestazioni fieristiche internazionali, nazionali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381316
Art. 67 - (Sanzioni amministrative)

1. Chiunque organizza manifestazioni fieristiche in date e località con denominazione, tipologia, qualifica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381317
TITOLO IV - DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381318
Art. 68 - (Rete regionale distribuzione carburanti)

1. Il presente titolo disciplina la rete distributiva dei carburanti per autotrazione, perseguendo le seguenti finalità:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381319
Art. 69 - (Definizioni)

1. Ai fini del presente testo unico si intende per:

a) rete di distribuzione di carburanti per autotrazione: l'insieme dei punti di vendita eroganti benzine, gasoli, gas di petrolio liquefatto (GPL), metano, nonché tutti i carburanti per autotrazione in commercio, ivi comprese le colonnine per l'alimentazione di veicoli elettrici, ad esclusione degli impianti di cui alle lettere i) e j);

b) carburanti: le benzine, il gasolio, il GPL, il gas metano, l'olio lubrificante e tutti gli altri carburanti in commercio conformi ai requisiti tecnici indicati per ciascun carburante nelle tabelle della Commissione tecnica di unificazione dell'autoveicolo (CUNA);

c) distributore: l'insieme delle attrezzature che permettono il trasferimento del carburante dal serbatoio dell'impianto al serbatoio del mezzo, misurando contemporaneamente i volumi o la quantità trasferiti, composto da:

1) una o più pompe o altro sistema di adduzione;

2) uno o più contatori o misuratori del volume di carburante erogato;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381320
Art. 70 - (Funzioni della Regione)

1. La Regione esercita le funzioni amministrative relative agli impianti delle autostrade e dei raccordi autostradali concernenti:

a) il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381321
Art. 71 - (Funzioni dei Comuni)

1. I Comuni, sulla base di quanto stabilito dalle norme regolamentari di cui all’articolo 72, esercitano le funzioni amministrative relative agli impianti della rete ordinaria concernenti:

a) il rilascio delle autorizzazioni per l'installazione e l'esercizio di nuovi impianti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381322
Art. 72 - (Norme di attuazione)

N22

1. Per gli impianti di distribuzione lungo le autostrade e i raccordi autostradali la Giunta regionale, con proprio regolamento, stabilisce:

a) la definizione degli indirizzi per l'ammodernamento della rete degli impianti autostradali di carburante allo scopo di assicurare il miglioramento dell'efficienza della rete e l'incremento dei servizi resi all'utenza, in coerenza con le sce

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381323
Art. 73 - (Orario di servizio)

1. L'esercizio dell'impianto di distribuzione dei carburanti per autotrazione, ivi co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381324
Art. 74 - (Disciplina urbanistica e servizi accessori)

1. Gli impianti di distribuzione dei carburanti sono realizzati, nel rispetto delle norme regolamentari di cui all’articolo 72, in tutte le zone omogenee del piano regolatore generale comunale, ad eccezione delle zone A di cui al decreto del Ministero dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444 (Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dell’art. 17 della L. 6 agosto 1967, n. 765). Gli impianti possono essere realizzati anche nelle fasce di rispetto a protezione del nastro stradale.

2. Presso gli impianti di distribuzione carburanti, nel rispetto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381325
Art. 75 - (Incompatibilità degli impianti esistenti)

1. Allo scopo di perseguire l'obiettivo dell'ammodernamento del sistema distributivo, anche attraverso la riduzione del numero degli impianti, i comuni, nel ris

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381326
Art. 76 - (Incompatibilità assoluta)

1. Ricadono nelle fattispecie di incompatibilità assoluta:

a)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381327
Art. 77 - (Incompatibilità relativa)

1. Ricadono nelle fattispecie di incompatibilità relativa:

a) gli impianti privi di sede propria per i quali il rifornimento avviene sulla sede stradale, all'interno e fuori dei centri abitati;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381328
Art. 78 - (Nuovi impianti)

1. I nuovi impianti possono erogare uno o più dei seguenti prodotti: benzina e gasolio, metano, GPL, idrogeno o relative miscele. I nuovi impianti possono essere altresì dotati di postazioni per la ricarica elettrica.

2. I nuovi impianti sono dotati di:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381329
Art. 79 - (Subentri e mutamenti di gestione)

1. I soggetti che subentrano nella titolarità degli impianti di distribuzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381330
Art. 80 - (Impianti senza gestore)

1. Gli impianti nuovi e quelli esistenti N23 possono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381331
Art. 81 - (Modifiche degli impianti)

1. Costituisce modifica all'impianto:

a) la variazione del numero delle colonnine;

b) la sostituzione di distributori a semplice o doppia erogazione con altri rispettivamente ad erogazione doppia o multipla per prodotti già erogati;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381332
Art. 82 - (Collaudo degli impianti)

1. I nuovi impianti e le parti modificate per le quali è richiesta l'autorizzazione non possono essere posti in esercizio prima dell'effettuazione del collaudo richiesto dall'interessato al Comune dove ha sede l'impianto, in caso di impianti stradali, “e di impianti ad uso privato,” N9 o alla Regione, in caso di impianti autostradali.

2. Il Comune o la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381333
Art. 83 - (Sospensione e decadenza)

1. Il titolare dell'autorizzazione comunica al Comune la sospensione temporanea dell'attività degli impianti per un periodo non superiore a dodici mesi, eccezionalmente prorogabile per altri dodici mesi qualora non ostino le esigenze dell'utenza.

2. Al termine del periodo di sospension

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381334
Art. 84 - (Monitoraggio)

N24

1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381335
Art. 85 - (Vigilanza e controllo)

1. La vigilanza sull'applicazione delle disposizioni del presente titolo è ese

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381336
Art. 86 - (Sanzioni amministrative)

1. Relativamente agli impianti di distribuzione di carburanti situati lungo rete non autostradale, per la violazione delle disposizioni di cui al presente testo unico e del regolamento di cui all’articolo 72, comma 2, sono applicate le seguenti sanzioni amministrative pecuniarie:

a) installazione ed esercizio di nuovi impianti senza l'autorizzazione, da euro 5.000,00 a euro 15.000,00;

b) modificazioni dell'impianto senza la preventiva autorizzazione, da euro 2.500,00 a euro 5.000,00;

c) modificazione dell'impianto senza la preventiva SCIA, da euro 1.000,00 a euro 3.000,00;

d) omessa comunicazione di trasferimento della titolarità o di cambio della gestione, da euro 500

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381337
TITOLO V - NORME TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381338
Art. 87 - (Disposizioni in materia di aiuti di stato)

1. La concessione di benefici pubblici previsti dal presente testo unico avviene nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381339
Art. 88 - (Norma Finanziaria)

1. Al finanziamento degli oneri di cui agli articoli 9, 10 c. 2 let. j), 15 e 16 si fa fronte con lo stanziamento previsto alla unità previsionale di base 08.1.012 "I

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381340
Art. 89 - (Norme transitorie e finali)

1. Le norme regolamentari di cui agli articoli 10 comma 5, 15, comma 5, 21 comma 4, 45 comma 4 e 72 sono adottate dalla Giunta regionale entro “il 31 dicembre 2017” N26.

1-bis. Il Piano triennale di cui al comma 1 dell’articolo 10 è approvato entro sei mesi dall’approvazione del Regolamento di cui al comma 5 dell’articolo 10. N13

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381341
TITOLO VI - ABROGAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1222850 4381342
Art. 90 - (Abrogazioni)

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente testo unico sono e restano abrogate tutte le norme contrarie o incompatibili con il presente testo. Sono e restano abrogate, in particolare, le seguenti leggi e disposizioni:

omissis

i) legge regionale 9 aprile 1998, n. 12 (Disposizioni in materia di rilascio dei nulla-osta regionali per l'apertura di grandi strutture di vendita);

j) legge regionale 3 agosto 1999, n. 24 (Disposizioni in materia di commercio in attuazione del D.Lgs. 114/1998);

k) legge regionale 20 gennaio 2000, n. 6 (Disposizioni in materia di commercio su aree pubbliche in attuazione decreto legislativo 31 aprile 1998, n. 114);

l) legge regionale 23 luglio 2003, n. 13 (Disciplina della rete distributiva dei carburanti per autotrazione);

m) legge regionale 7 dicembre 2005, n. 26 (Modificazioni ed integrazioni della legge regionale 3 agosto 1999, n. 24 - Disposizioni in materia di commercio in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114);

n) legge regionale 24 luglio 2006, n. 10 (Interpretazione autentica relativa all’art. 15 - comma 2 - all'art. 46-bis - comma 1 - e all’art. 46-ter - comma 1 - della legge regionale 3 agosto 1999, n. 24 (Disposizioni in materia di commercio in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114) come modificata ed integrata dalla legge regionale 7 dicembre 2005, n. 26);

o) legge regionale 2 maggio 2007, n. 11 (Modificazioni della legge regionale 23 luglio 2003, n. 13 (Disciplina della rete distributiva dei carburanti per autotrazione));

p) legge regionale 5 giugno 2007, n. 19 (Modificazioni ed integrazioni della legge regionale 20 gennaio 2000, n. 6 - Disposizioni in materia di commercio su aree pubbliche in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Commercio e mercati
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica

Veneto: bando per il finanziamento di progetti dei distretti del commercio

La Regione Veneto promuove il consolidamento dei Distretti del Commercio mediante lo sviluppo di azioni strategiche che ne sostengano e strutturino l'evoluzione in sinergia con i temi dell'attrattività del territorio. Previsti contributi in conto capitale per: interventi strutturali e infrastrutturali su spazio pubblico, accessibilità, ristrutturazione dell’arredo urbano e del patrimonio edilizio pubblico destinato al commercio, misure di sostenibilità energetica ed ambientale, sistemi di sicurezza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Agricoltura e Foreste
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Aree rurali
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Emilia Romagna: azioni di prevenzione per ridurre le conseguenze di calamità naturali e avversità climatiche

La Regione Emilia Romagna mette a disposizione 17 milioni di euro per sostenere interventi di prevenzione dei danni che le frane, innescate da maltempo o calamità naturali, possono causare a terreni coltivati e fabbricati produttivi agricoli. Oltre alle spese sostenute per gli interventi sul territorio, (ovvero interventi a carattere strutturale per la riduzione del rischio di dissesto idro-geologico) sono ammissibili a contributo le spese tecniche generali, incluse le indagini geognostiche, come onorari di professionisti o consulenti. L’azione del bando non riguarda azioni di ripristino di danni già avvenuti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Aree urbane
  • Finanza pubblica

Umbria: 3,5 mln per interventi di riqualificazione dei paesaggi rurali

Con 3,5 milioni di euro la Regione Umbria sostiene gli interventi di riqualificazione paesaggistica tesi a tutelare, recuperare e valorizzare i paesaggi rurali. Il contributo a fondo perduto copre fino all'80% delle spese ammissibili. Sono finanziabili: interventi di restauro, riqualificazione e valorizzazione dei paesaggi rurali; interventi per il ripristino delle infrastrutture verdi, con particolare attenzione alle penetrazioni verdi e agricole nei territori urbanizzati; interventi di mitigazione paesaggistica; interventi di restauro e risanamento conservativo di strutture e immobili funzionali al progetto d'area; la realizzazione di prodotti e materiali informativi e di sensibilizzazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Distributori di carburanti
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Trasporti
  • Provvidenze
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Fonti alternative

Emilia Romagna: 6,2 milioni di euro per sanità green e mobilità elettrica

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici delle aziende sanitarie regionali e di infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica dei veicoli aziendali. La Regione Emilia-Romagna sostiene le Aziende sanitarie pubbliche regionali affinché vengano conseguiti obiettivi di risparmio energetico, uso razionale dell’energia, valorizzazione delle fonti rinnovabili, riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare riferimento allo sviluppo di misure di miglioramento della efficienza energetica negli edifici pubblici e ad incentivare politiche di mobilità elettrica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Distanze tra le costruzioni
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Distanze legali tra le costruzioni, fasce di rispetto e vincoli di inedificabilità

AMBITO APPLICATIVO DELLE NORME SULLE DISTANZE (Valenza delle norme sulle distanze legali; Concetto di “costruzione” o “edificio” ai fini delle norme sulle distanze legali) - DISTANZE TRA EDIFICI NEI RAPPORTI TRA VICINI (Distanze tra costruzioni; Muro sul confine; Muro di cinta; Particolari manufatti edilizi (pozzi, cisterne, tubi, ecc.); Alberi e siepi; Luci e vedute; Patti in deroga tra privati; Violazione delle norme sulle distanze e tutela dei diritti dei vicini) - DISTANZE TRA EDIFICI AI FINI DEI TITOLI ABILITATIVI EDILIZI (Distanze nelle nuove costruzioni; Distanze negli interventi di demolizione e ricostruzione; Costruzioni in confine con le piazze e le vie pubbliche; Distanze tra edifici e deroghe del Piano Casa; Deroghe a distanze e altezze per interventi finalizzati al risparmio energetico) - MODALITÀ DI CALCOLO DELLE DISTANZE TRA EDIFICI (In genere; Modalità di misurazione; Rilevanza delle sporgenze ai fini del calcolo; Cosa debba intendersi per “parete finestrata”; Computo dei balconi aggettanti) - FASCE DI RISPETTO E VINCOLI DI INEDIFICABILITÀ (Cimiteri; Strade pubbliche; Ferrovie; Aeroporti; Suoli boschivi interessati da incendi; Corsi d’acqua pubblici; Linee elettriche).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Commercio e mercati
  • Procedimenti amministrativi
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018

  • Edilizia e immobili
  • Standards
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)