FAST FIND : NN12732

Determ. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 15/01/2014, n. 1

Linee guida per l'applicazione dell'art. 48 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.
Scarica il pdf completo
1125425 1159331
Premessa

L’Autorità, con la determinazione n. 5/2009

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159332
1. Ambito di applicazione della procedura

Il procedimento di verifica di cui all'art. 48 del D. Leg.vo 12 aprile 2006, n. 163 R (nel seguito Codice) è obbligatorio, co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159333
1.1. Appalti di lavori pubblici e requisiti richiesti

Riguardo all'ambito di applicazione della procedura, per appalti di lavori pubblici, poiché vige un sistema unico di qualificazione (art. 40 del Codice), la cui disciplina attuativa è contenuta nel D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 R(nel seguito Regolamento) e poiché l'attestazione di qualificazione, rilasciata dalle Società Organismo di Attestazione (S.O.A ) «è obbligatoria per chiunque esegua i lavori pubblici ... di importo superiore a 150.000 Euro» e «costituisce condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione dell'esistenza dei requisiti di capacità tecnica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159334
1.2 Concessioni di servizi e Concessioni di lavori

La procedura ex art. 48 non si applica alle concessioni di servizi di cui all'art. 30, comma 1, del Codice, in quanto sottratte all’applicazione dello stesso (cfr. Consiglio di Stato sez. V 06/03/2013 n. 1370).

In base all'art. 32, comma 1, lett. f), del Codice l'art. 48 trova, invece, ap

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159335
1.3 Settori speciali

L’articolo 206 del Codice, nell’individuare le norme, proprie dei settori ordinari, sopra soglia comunitaria, che si applicano anche ai settori speciali, non richiama espressamente anche l’art. 48.

Di conseguenza, quest’ultimo non si applica ai settori spe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159336
2. Requisiti oggetto a verifica

Trattandosi di norma sanzionatoria e, quindi, di stretta interpretazione, l’art. 48 concerne esclusivamente i requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi dallo stesso menzionati (cfr. Consiglio di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159337
2.1. Livelli minimi specifici di capacità tecnico-economica e relativa comprova

Per la partecipazione alle procedure di affidamento di lavori pubblici e per i servizi di ingegneria, l'individuazione dei requisiti ed i valori minimi degli stessi, che debbono possedere gli operatori economici/i progettisti sono stabiliti con precisione dal Codice e dal Regolamento. Invece, con riferimento alle procedure di affidamento di forniture e di servizi, tale individuazione è effettuata dalla stazione appaltante, in seno alla singola gara, mediante indicazione nel bando e/o nel relativo disciplinare. Il Codice, ha, dunque, optato per il sistema della c.d. «qualificazione in gara» fissandone indici e mezzi di prova del loro possesso (cfr. artt. 41 e 42 del Codice), ma ha lasciato ampia discrezionalità alle stazioni appaltanti, seppure senza eccedere l'oggetto dell'appa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159338
2.2. Determinazione del periodo di attività documentabile

La clausola del bando che prevede un livello minimo di uno specifico requisito non deve essere formulata in termini equivoci o indistinti neanche con riferimento al periodo di attività documentabile, in relazione al quale si richiede debba essere maturato lo specifico requisito. In particolare, riguardo agli ultimi tre esercizi indicati sia dall'articolo 41, comma 1, lett. c), che dall’articolo 42, comma 1, lett. a) e g), per perimetrare l'ambito temporale entro cui considerare maturati i relativi requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa per servizi e forniture, la data da cui procedere a ritroso per l'individuazione del suddetto triennio è quella individuata dalla data di pubblicazione del bando.

Al riguardo, i documenti (bilanci, di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159339
2.3. Mezzi di prova per dimostrare il possesso dei requisiti

Quanto alle modalità di dimostrazione del possesso dei requisiti speciali, per i lavori, il titolo III, capo III del Regolamento individua con precisione i mezzi di prova; per servizi e forniture, invece l'Allegato IX A al Codice, prevede, al punto 17, che nei bandi le stazioni appaltanti siano tenute, laddove richiedano requisiti minimi di carattere economico e tecnico che i concorrenti devono possedere, ad individuare le informazioni e le formalità necessarie per la valutazione degli stessi: devono, dunque, stabilire, preventivamente, quali siano i mez

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159340
3. Applicazione dell'articolo 48 agli appalti di progettazione ed esecuzione

In relazione alla procedura di verifica prevista dall'art. 48 del Codice sono emerse alcune questioni interpretative riguardanti la possibilità, nell'ambito di un appalto avente ad oggetto la progettazione esecutiva e la esecuzione dei lavori (articolo 53, comma 2, lettere b) e c) del Codice) di sottoporre alle sanzioni previste dall'art. 48 del Codice (art. 6. comma 11, e sospensione dalla partecipazione alle procedure di affidamento) il progettista indicato da un'impresa concorrente o partecipante come mandante all'interno di un raggruppamento, nel caso in cui non riesca a comprovare la dichiarazione del possesso dei requisiti prescritti dal bando. Al riguardo, si sottolinea in via preliminare che nell'appalto di progettazione ed esecuzione assume la qualità di concorrente l'appaltatore che individualmente o in forma associata partecipa alla gara; egli deve dimostrare nell'offerta il possesso dei requisiti professionali previsti dal bando per la redazione del progetto esecutivo e ciò anche mediante l'eventuale indicazione di professionisti esterni; con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159341
4. Applicazione dell'articolo 48 in caso di avvalimento

Nel caso in cui il concorrente abbia dichiarato di fare ricorso all’istituto dell’avvalimento al fine di soddisfare uno o più requisiti speciali richiesti dal bando, il controllo previsto dall’art. 48 implica la verifica del possesso dei requisiti oggetto di avvalimento in capo all’impresa ausiliaria. Il concorrente deve dunque fornire la prova, oltre che dei requisiti posseduti in proprio, di quelli posseduti per il tramite dell’impresa ausiliaria.

I requisiti oggetto di avvalimento devono essere integralmente ed autonomamente posseduti da parte dell’impresa ausiliaria (cfr. Consiglio di Stato, sez. VI, 13/06/2011 n. 3565 e sez. IV, 16/02/

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159342
5. Natura dei termini per gli adempimenti previsti dalla norma
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159343
5.1. Natura del termine posto ai concorrenti sorteggiati

Come già affermato da questa Autorità e da costante giurisprudenza (cfr. TAR Lazio Roma sez. II-ter 28/5/2013 n. 5356; Cons. Stato, sez. V, ord.za 31 marzo 2012 n. 1886; Cons. Stato, sez. VI, 8 marzo 2012 n. 1321 e sez. IV, 16 febbraio 2012 n. 810), si ritiene che il termine di dieci giorni entro cui i concorrenti sorteggiati devono documentare i requisiti richiesti nel bando ed oggetto di autodichiarazione abbia natura perentoria eccezion fatta per l’eventuale richiesta di chiarimenti ai sensi dell’art. 46, comma 1 del Codice, di cui si dirà in seguito. Il termine di dieci giorni è perentorio e improrogabile, nel senso che il suo obiettivo decorso, senza che il sorteggiato abbia fatto pervenire al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159344
5.2. Modalità di applicazione dell'art. 48, comma 1-bis

Il D. Leg.vo n. 152/2008 ha introdotto l'ulteriore comma 1-bis, escludendo per le fattispecie ivi previste l'applicazione del comma l, primo periodo, e quindi eliminando il sorteggio previsto per la verifica a campione dalla procedura in argomento, in caso di applicazione della c.d. forcella alla procedura ristretta (art. 62, comma 1), vale a dire q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159345
5.3. Verifica sull'aggiudicatario provvisorio e sul secondo graduato

Il comma 2 dell'articolo 48 prevede che la richiesta della documentazione probatoria venga rivolta anche all'aggiudicatario ed al secondo graduato, nel caso in cui gli stessi non siano stati già in precedenza sorteggiati. L'inadempimento comporta anche in questo caso l'escussione della cauzione provvisoria e la segnalazione alla Autorità oltre che la revoca dell'aggiudicazione o l'esclusione. Qui la norma non pone il termine di dieci giorni per la presentazione della documentazione di comprova dei primi due classificati, come avviene, in base al comma 1, per i concorrenti sorteggiati. Infatti, per come è formulata la parte iniziale del comma 2, la richiesta di cui al comma 1 è, altresì, inoltrata, entro dieci giorni dalla conclusione delle operazioni di gara, anche all'aggiudicatario e al concorrente che segue in graduatoria, il riferimento al termine di dieci giorni riguarda, pertanto, la richiesta che deve inoltrare la stazione appaltante ai suddetti concorrenti e, in quanto riferito all'attività di pubblici

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159346
6. Momento della verifica

Riguardo alla collocazione del controllo nell'ambito della procedura di gara, si pone il dubbio che la verifica debba precedere nel tempo ogni altra operazione di gara, ivi compresa quella dell'accertamento della regolarità formale e della tempestività delle offerte, che come &egra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159347
7. Verifica ex art. 48 e D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445

I requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa per le imprese esecutrici di lavori pubblici, per i fornitori e per i prestatori di servizi, previsti, rispettivamente, dagli artt. 90, comma l, lettere a), b) e c), del Regolamento, dall'art. 41, comma 1, lett. b) e c) e dall'art. 42, comma 1 del Codice, possono essere provati dai concorrenti in sede di gara mediante dichiarazione sottoscritta in conformità alle disposizioni del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 R. La loro sussistenza è, poi, accertata dalla stazione appaltante in base all'art. 48, richiedendo ai concorrenti sorteggiati e ai primi d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159348
8. Presupposti al cui verificarsi si ricollegano le previste misure sanzionatorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159349
8.1 Sanzioni irrogate dalla stazione appaltante

Al fine di esaminare il segmento procedimentale, ex art. 48 del Codice, riguardante le ulteriori sanzioni (pecuniaria e di temporanea inibizione della partecipazione a procedure di affidamento) che l'Autorità può applicare a seguito della comuni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1125425 1159350
8.2 Sanzioni irrogate dall’Autorità

Come si evince dal testo della norma, la segnalazione può comportare, da parte dell'Autorità l'adozione del provvedimento di cui all'articolo 6, comma 11, di tipo pecuniario, oltre che una sanzione di tipo interdittivo riguardo alla partecipazione alle procedure di affidamento. Al riguardo, la norma non precisa che la segnalazione all’Autorità deve essere limitata al solo caso di mancata conferma delle dichiarazioni. Di conseguenza vengono rimessi alla prudente valutazione della stessa Autorità, nel rispetto del principio di proporzionalità, i differenti casi di falsa attestazione e di omessa o non conforme presentazione della documentazione. Nel momento della concreta irrogazione della sanzione pecuniaria di cui all'art. 6, comma 11, del Codice da parte dell'Autorità (come pure della sanzione interdittiva), assumono rilevanza, in ogni caso, la gravità dell'infrazione commessa e la presenza di «giustificati motivi» nonché il sussistere della «buona fede" o dell’«errore scusabile» nella condotta tenuta dall'operatore economico. Occorre considerare, infatti, che le sanzioni comminate dall'Autorità colpiscono il comportamento scorretto del singolo operatore in ragione dell'interesse di portata generale a che nel settore degli appalti pubblici agiscano soggetti non solo idonei ma anche rispettosi delle regole previste dalle stazioni appaltanti per l'aggiudicazione delle procedure di appalto, a prescindere dalla singola procedura selettiva nel cui ambito si sono verificate le irregolarità in concreto rilevate.

Va,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

L'avvalimento nei contratti pubblici

L’AVVALIMENTO NEI CONTRATTI PUBBLICI IN GENERALE (Definizione e finalità dell’avvalimento; Normativa di riferimento sull’avvalimento; Responsabilità solidale dell’ausiliaria; Distinzione tra avvalimento e subappalto; Distinzione tra avvalimento ed RTI; Avvalimento e obblighi della stazione appaltante; Avvalimento e certificato di esecuzione) - ESCLUSIONI E LIMITI ALL’AVVALIMENTO (Avvalimento plurimo o frazionato; Avvalimento a cascata (o subavvalimento); Partecipazione dell’ausiliaria alla stessa gara; Lavori di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica; Contratti che riguardano lavori su beni culturali; Compiti essenziali da svolgersi direttamente dall’offerente) - REQUISITI CHE POSSONO O MENO ESSERE OGGETTO DI AVVALIMENTO (Avvalimento di garanzia e avvalimento operativo; Avvalimento nei servizi di ingegneria e di architettura; Avvalimento in relazione agli elementi dell’offerta; Avvalimento dell’iscrizione all’Albo gestori ambientali; Avvalimento dell’iscrizione all’Albo professionale; Avvalimento dell’iscrizione al Registro imprese della Camera di commercio (CCIAA); Avvalimento dell’iscrizione all’Albo provinciale delle imprese artigiane; Avvalimento della certificazione di qualità; Avvalimento dell’attestazione SOA) - CONTENUTI DEL CONTRATTO DI AVVALIMENTO E DOCUMENTAZIONE (Documenti e dichiarazioni da allegare alla domanda; Contenuti del contratto di avvalimento).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Studio Groenlandia
  • Beni culturali e paesaggio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Concordato preventivo e partecipazione ad affidamenti pubblici

PREMESSA E NORMATIVA DI RIFERIMENTO - CONCORDATO CON CONTINUITÀ AZIENDALE (Chiarimenti ANAC) - ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA (Stipula e prosecuzione dei contratti di appalto; Partecipazione alla gara nelle more dell’ammissione al concordato; Raggruppamenti temporanei di imprese) - DISPOSIZIONI DERIVANTI DAL D.L. 32/2019 E DAL CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Il sistema AVCPass per la verifica dei requisiti di partecipazione alle gare pubbliche

SUCCESSIONE DI NORME E REGIME TRANSITORIO (Norme che prevedono la verifica dei requisiti tramite il sistema AVCPass; La nuova Banca dati nazionale degli operatori economici in corso di istituzione; Regime transitorio) - AMBITO APPLICATIVO DEL SISTEMA AVCPASS - FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA IN SINTESI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Garanzia provvisoria nelle gare pubbliche: prestazione, mancanza, incompletezza

DISCIPLINA DELLA GARANZIA PROVVISORIA NELLE GARE PUBBLICHE (Generalità e scopo; Raggruppamento temporaneo, avvalimento; Importo, maggiorazioni e riduzioni; Esclusioni; Forma e contenuti; Durata e svincolo; Applicazione nei settori speciali) - MANCANZA, IRREGOLARITÀ O INCOMPLETEZZA DELLA GARANZIA PROVVISORIA (Disciplina del soccorso istruttorio in relazione alla garanzia provvisoria; Costituzione al momento di presentazione dell’offerta; Mancata previsione nel bando di gara o nell’invito; Risarcimento del danno ulteriore in favore della stazione appaltante; Integrazione tardiva; Cauzione rilasciata da un operatore non abilitato; Mancata allegazione dell’autentica notarile) - IMPEGNO DI UN FIDEIUSSORE A RILASCIARE GARANZIA DEFINITIVA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Accesso al Fondo per l'aggregazione degli acquisti di beni e servizi per l'anno 2019

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo