FAST FIND : AR860

Ultimo aggiornamento
23/01/2020

Quadro normativo sul riciclaggio delle navi (Reg. UE 1257/2013 e provvedimenti di attuazione)

PREMESSA - SINTESI DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013 - DECORRENZA DELL’APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013 - NORME DI ATTUAZIONE (Istituzione dell’elenco europeo degli impianti di riciclaggio; Notifica del previsto inizio del riciclaggio e dichiarazione di completamento; Certificato di inventario dei materiali pericolosi, certificato di idoneità al riciclaggio).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
1117772 6090928
Premessa

Il Regolamento 20/11/2013, n. 1257, entrato in vigore il 30/12/2013, nasce con lo scopo di ridurre, prevenire e dove possibile eliminare gli incidenti, e altri effetti negativi sulla salute umana e sull’ambiente causati dal riciclaggio delle navi. In pratica esso stabilisce una serie di norme volte a rafforzare la sicurezza e la protezione durante l’intero ciclo di vita della nave, con una particolare attenzione per i rifiuti pericolosi provenienti da tale riciclaggio, in modo tale che la loro gestione sia compatibile con le norme ecologiche. Il suddetto Regolamento si prefigge inoltre di facilitare la ratifica della Convenzione internazionale di Hong Kong del 2009 per un riciclaggio delle navi sicuro e compatibile con l’ambiente.

In attuazione del Regolamento è stata successivamente emanata la Decisione 19/12/2016, n. 2323 che ha istituito l’elenco europeo degli impianti di riciclaggio delle navi, nonchè le Decisioni nn. 2016/2321, 2016/2322, 2016/2324, 2016/2325 con le quali la Commissione UE ha fornito i modelli per il certificato di idoneità al riciclaggio, la dichiarazione di completamento, la notifica del previsto inizio del riciclaggio, il certificato di inventario (v. paragrafi successivi).



1117772 6090929
SINTESI DEL REGOLAMENTO (UE) 1257/2013

Le nuove norme si applicano a tutte le navi battenti bandiera di uno Stato membro che non siano navi da guerra, ausiliarie o navi adoperate per servizi statali non commerciali. Esso non si applica inoltre alle navi di stazza lorda inferiore a 500 (GT), e a navi che nel corso della loro intera vita operano unicamente in acque soggette alla sovranità o alla giurisdizione dello Stato membro di cui battono la bandiera.

Il Regolamento in oggetto, dopo aver fornito una serie di definizioni chiarificatorie, stabilisce modalità per il controllo dei materiali pericolosi e per la compilazione e la gestione di un inventario dei materiali pericolosi. Nel seguito viene dettagliata la procedura che gli armatori sono tenuti a seguire nella preparazione dell’invio di una nave al riciclaggio, e le norme per i piani di riciclaggio della nave, nonché le modalità per lo svolgimento dei controlli atti a determinare il soddisfacimento dei requisiti per il rilascio dei certificati di inventario (vedi infra). Tali certificati non potranno mai avere durata superiore a 5 anni.

Gli Stati di approdo sono tenuti altresì ad effettuare controlli tenendo conto della Direttiva 23/04/2009, n. 16 N1.

L’articolo 12 stabilisce invece norme particolari per le navi battenti bandiera di un paese terzo.

Il successivo Titolo riporta disposizioni relative agli impianti di riciclaggio delle navi, che stabiliscono i requisiti ambientali necessari per gli impianti di riciclaggio da inserire nell’elenco europeo, e le differenze nelle procedure di autorizzazione di impianti situati in uno Stato membro o in un paese terzo. È prevista inoltre l’istituzione di un elenco europeo di tali impianti, che deve essere pubblicato entro il 31/12/2016 (vedi infra).

Nel seguito del Regolamento vengono previste una serie di disposizioni amministrative generali, come quelle sulla lingua da adottare per l’elenco europeo o per il certificato di inventario, le modalità per la designazione delle autorità competenti e delle amministrazioni e per la designazione delle persone di contatto incaricate di informare o consigliare le persone fisiche o giuridiche che desiderano informazioni.

Una serie di norme sono predisposte per la comunicazione delle informazioni e la loro esecuzione. Ciascuno Stato membro deve trasmettere alla Commissione una relazione contenente:

a) un elenco delle navi battenti la sua bandiera a cui è stato rilasciato un certificato di idoneità al riciclaggio e il nome dell’impianto di riciclaggio delle navi e la relativa ubicazione, che risultano dal certificato di idoneità al riciclaggio;

b) un elenco delle navi battenti la sua bandiera per le quali hanno ricevuto una dichiarazione di completamento;

c) informazioni relative al riciclaggio illegale delle navi, alle sanzioni e al seguito che vi è stato dato dallo Stato membro.

Inoltre, ogni tre anni, gli Stati membri trasmettono per via elettronica la relazione alla Commissione entro nove mesi dalla fine del periodo di tre anni da essa contemplato. Proseguendo viene indicata la procedura da seguire per la richiesta di intervento.

In conclusione vengono fornite una serie di disposizioni finali sull’esercizio della delega e sul ruolo del comitato di assistenza dell’Unione.

A decorrere dalla data di pubblicazione dell’elenco europeo, gli Stati membri, prima della data di applicazione del Regolamento, possono autorizzare il riciclaggio delle navi in impianti di riciclaggio delle navi iscritti nell’elenco europeo; in tal caso, il Regolamento 14/06/2006, n. 1013 N2 non si applica.

Vengono poi elencate le modifiche apportate al Regolamento n. 1013/2006 e quelle relative alla Direttiva n. 2009/16/CE.

Ulteriori disposizioni vengono stabilite in riferimento agli incentivi finanziari: entro il 2016 verrà presentata una relazione sulla possibilità di istituire tale incentivo per agevolare il riciclaggio delle navi.

La Commissione si impegna a riesaminare il presente Regolamento al più tardi entro diciotto mesi prima della data di entrata in vigore della Convenzione di Hong Kong.

In calce al nuovo Regolamento vi sono due allegati recanti disposizioni per:

- il controllo dei materiali pericolosi;

- l’elenco degli elementi da inserire nell’inventario dei materiali pericolosi.



1117772 6090930
Decorrenza dell’applicazione del Regolamento (UE) 1257/2013

Il Regolamento in commento si applica a decorrere dalla prima delle due date seguenti:

a) sei mesi dalla data in cui il volume annuo massimo combinato di riciclaggio delle navi degli impianti di riciclaggio delle navi iscritti nell’elenco europeo rappresenta almeno 2,5 milioni di tonnellate di dislocamento a vuoto (LDT). Il volume annuo di riciclaggio delle navi di un impianto di riciclaggio delle navi è calcolato sommando il peso espresso in LDT delle navi che sono state riciclate in un dato anno in tale impianto. Il volume annuo massimo di riciclaggio delle navi è determinato selezionando il valore più elevato registrato nei dieci anni precedenti per ciascun impianto di riciclaggio delle navi o, nel caso di un impianto di riciclaggio delle navi autorizzato di recente, il valore annuo più elevato conseguito in tale impianto; o

b) il 31/12/2018.



1117772 6090931
Norme di attuazione

Si riporta di seguito una breve sintesi dei provvedimenti emanati dalla Commissione europea in attuazione del Regolamento (UE) 1257/2013.


1117772 6090932
Istituzione dell’elenco europeo degli impianti di riciclaggio

Con Decisione di esecuzione 19/12/2016, n. 2323, di attuazione dell’articolo 16 del Regolamento 1257/2013, è stato istituito l’elenco europeo degli impianti di riciclaggio delle navi (poi sostituito dalla Decisione 04/05/2018, n. 684, dalla Decisione 03/10/2018, n. 1478, dalla Decisione 30/11/2018, n. 1906, dalla Decisione 17/06/2019, n. 995 e, infine, dalla Decisione 22/01/2020, n. 95), che comprende le seguenti informazioni:

a. il metodo di riciclaggio;

b. il tipo e le dimensioni delle navi che possono essere riciclate;

c. eventuali restrizioni e condizioni per il funzionamento dell’impianto di riciclaggio delle navi, anche per quanto riguarda la gestione dei rifiuti pericolosi;

d. dettagli sulla procedura esplicita o tacita per l’approvazione del piano di riciclaggio della nave da parte dell’autorità competente;

e. il volume annuo massimo di riciclaggio delle navi;

f. la data di scadenza dell’inserimento dell’impianto nell’elenco N3.

Inoltre con la Comunicazione pubblicata sulla GUUE 12/04/2016, n. C 128 sono stati forniti chiarimenti sui requisiti e sulla procedura per l’inserimento nell’elenco degli impianti situati in paesi terzi, con particolare riferimento a:

- oggetto della certificazione, ossia i requisiti progettuali, costruttivi, operativi, gestionali, amministrativi e di monitoraggio che gli impianti devono soddisfare;

- status e qualifiche dell’entità certificante;

- procedura per l’ispezione degli impianti e verifiche successive;

- modalità di presentazione della richiesta di inserimento nell’elenco europeo alla Commissione europea.


1117772 6090933
Notifica del previsto inizio del riciclaggio e dichiarazione di completamento

Ai sensi dell’articolo 13, paragrafo 2, lettere b) e c), del Regolamento (UE) 1257/2013, l’operatore di un impianto di riciclaggio delle navi deve notificare all’amministrazione che l’impianto è pronto sotto tutti gli aspetti a iniziare il riciclaggio della nave e, dopo aver completato il riciclaggio totale o parziale, trasmettere una dichiarazione di completamento. I format della notifica e della dichiarazione sono stati forniti rispettivamente con la Decisione di esecuzione 19/12/2016, n. 2324 e la Decisione di esecuzione 19/12/2016, n. 2322.


1117772 6090934
Certificato di inventario dei materiali pericolosi, certificato di idoneità al riciclaggio

L’articolo 9 del Regolamento n. 1257/2013 prevede che l'amministrazione o l’organismo riconosciuto da essa autorizzato:

- dopo aver espletato con esito positivo un controllo iniziale o di rinnovo delle navi, rilasci un certificato di inventario dei materiali pericolosi (articolo 9, paragrafo 1);

- dopo aver espletato con esito positivo un controllo finale delle navi, rilasci un certificato di idoneità al riciclaggio (articolo 9, paragrafo 9).

Con la Decisione di esecuzione 19/12/2016, n. 2325 e la Decisione di esecuzione 19/12/2016, n. 2321 sono stati forniti i format per redigere i suddetti certificati.


legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Albo nazionale dei gestori ambientali

Albo gestori ambientali, normativa, categorie, iscrizione, responsabile tecnico, modulistica

L’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Scopo e articolazione; Normativa di riferimento; Categorie di iscrizione all’Albo gestori ambientali) - OBBLIGO, ESONERI, REQUISITI, GARANZIE, DURATA, RINNOVO (Obbligo iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali; Esoneri; Requisiti di iscrizione; Garanzie finanziarie; Durata e rinnovo dell’iscrizione; Modulistica) - RESPONSABILE TECNICO IMPRESE ISCRITTE ALL’ALBO GESTORI AMBIENTALI (Figura del responsabile tecnico; Requisiti del responsabile tecnico; Cessazione incarico del responsabile tecnico; Regime transitorio soggetti iscritti al 16/10/2017.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tracciabilità

Tracciabilità dei rifiuti (formulari trasporto, registri carico e scarico, modello unico dichiarazione ambientale - MUD)

ADEMPIMENTI VIGENTI PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Soppressione del SISTRI dal 01/01/2019; Proseguimento regime degli adempimenti tradizionali - Tenuta registri e formulari, MUD; Adempimenti in formato digitale; Soggetti obbligati) - REGISTRI DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Professioni parasanitarie ed estetisti; Tenuta e compilazione del Registro) - FORMULARIO IDENTIFICATIVO DEI RIFIUTI (Soggetti obbligati; Tenuta e compilazione del formulario; Formulario per il trasporto dei rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico) - MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE (Generalità; Termini e modalità per la presentazione; Modello MUD ordinario e semplificato; Tariffa; Soggetti obbligati) - REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (Istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti ; Soggetti obbligati all'iscrizione al registro e termini; Disciplina del registro; Contributi a carico dei soggetti iscritti; Sanzioni) - SISTRI (SOPPRESSO DAL 2019) (Scopo del sistema e normativa di riferimento; Adesione obbligatoria e adesione volontaria; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO (END OF WASTE) E ATTIVITÀ DI RECUPERO (Condizioni da rispettare per la cessazione della qualità di rifiuto; Criteri end of waste e decreti emanati; Autorizzazioni a impianti di recupero in assenza di criteri end of waste; Controllo dei provvedimenti autorizzatori adottati; Aggiornamento autorizzazioni rilasciate all’uscita di criteri end of waste; Disposizioni transitorie per le autorizzazioni in essere al 03/11/2019) - CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Finanza pubblica
  • Rifiuti
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 21,4 milioni di euro ai Comuni per i centri di raccolta differenziata

Il bando mette a disposizione dei Comuni risorse per un importo pari a 21,4 milioni di euro per realizzare nuovi centri di raccolta dei rifiuti o potenziare e adeguare quelli già esistenti. I Comuni possono partecipare da soli o associandosi tra di loro e ogni progetto potrà ricevere un massimo di 800 mila euro per gli impianti da costruire ex novo e fino a 300 mila euro per gli interventi di ristrutturazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani

È di 16 milioni di euro il contributo per l'avviso pubblico rivolto a tutti i Comuni pugliesi per la realizzazione di centri comunali per la raccolta di rifiuti differenziati urbani. I Comuni possono presentare una sola proposta progettuale tra le due differenti tipologie di intervento: per la realizzazione di un nuovo centro comunale di raccolta differenziata di rifiuti, con un finanziamento di 380 mila euro, oppure quello relativo all'ampliamento e/o adeguamento normativo di uno già esistente, per un importo di 230 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: fine fase sperimentale app "Aua Point" per comunicazione scarichi ed emissioni