FATTO E DIRITTO

Info
Titolo: 
FATTO E DIRITTO

1.1. Con il ricorso in epigrafe, ritualmente proposto, il ricorrente impugna il provvedimento prot. 63026 del 29.4.2014 di accertamento dell’inottemperanza all’ordinanza di demolizione n. 39/2005 e di conseguente acquisizione gratuita al patrimonio comunale delle opere realizzate su proprio terreno in Cercola. Grava altresì la predetta ordinanza di demolizione che assume non essergli stata mai notificata.

1.2. Non si costituiva in giudizio il comune di Cercola.

Alla Camera di consiglio del 24.6.2014 la Sezione accoglieva la domanda cautelare con Ordinanza n. 1284/2014 motivando la sussistenza del fumus boni iuris.

Con successiva Ordinanza collegiale n. 4420/2015 disponeva istruttoria ordinando al Comune la produzione in giudizio dell’ordinanza di demolizione n. 39 del 21.10.2005 con la prova di tutte le sue notifiche nonché di una documentata relazione di chiarimenti sul contenuto e sullo stato della pratica di condono invocata in ricorso relativa alle opere abusive realizzate sull’immobile in questione, precisando in particolare se le opere di cui è ordinata la demolizione sono le stesse per le quali è chiesta la sanatoria.

L’incombente restava inadempiuto.

...

Il contenuto completo è riservato agli abbonati.
Se sei abbonato effettua il log in per proseguire.
Se non sei abbonato, per ottenere l’accesso ai contenuti riservati puoi abbonarti oppure attivare una prova gratuita e decidere in seguito.

Se pensi che ci sia un errore contatta il Servizio Clienti di Legislazione Tecnica al numero verde 800.55.45.77 o inviando una email a servizio.clienti@legislazionetecnica.it