Ritenuto in diritto

Info
Titolo: 
Ritenuto in diritto

Le questioni controverse sottoposte a - questa Autorità con l’istanza di parere in oggetto riguardano due distinti - profili di presunta illegittimità della lex - specialis di gara. La prima contestazione investe previsioni del bando - (punto 9) e del disciplinare di gara (punti 18 e 19) nelle parti in cui indicano, - tra gli elementi convenzionali ai fini dell’individuazione dell’offerta - economicamente più vantaggiosa “l’incremento - della garanzia definitiva ex art. 113 D.Lgs. n. 163/2006R”, assegnando a - tale elemento il punteggio massimo di 20/100 punti. La seconda eccezione sollevata - riguarda la richiesta di produzione del Nulla Osta Segretezza (NOS) al - progettista incaricato della redazione del progetto esecutivo.

In ordine - al primo profilo di illegittimità rilevato occorre ricordare, in via di - inquadramento generale, che l’art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006, nel disciplinare - le “Garanzie a corredo dell’offerta” prevede - due distinte formalità di carattere garantistico a carico delle imprese: la - prima è la c.d. garanzia provvisoria (commi 1 -7 e 9), che è finalizzata a - garantire l'impegno dell’aggiudicatario di sottoscrivere il contratto ed é - automaticamente svincolata al momento della sottoscrizione del medesimo, mentre - ai non aggiudicatari è restituita entro trenta giorni dall’aggiudicazione, e può - assumere la forma di una cauzione o di una fideiussione, a scelta - dell'offerente; la seconda è la c.d. garanzia definitiva (comma 8), che è - destinata ad assicurare l’esecuzione del contratto e che dovrà essere prestata “qualora l'offerente risultasse affidatario”, - per cui la sua compiuta disciplina è propriamente contenuta nell’art. 113 del - D.Lgs. n. 163/2006, significativamente inserito nella parte dei principi - concernenti l’esecuzione del contratto.

...

Il contenuto completo è riservato agli abbonati.
Se sei abbonato effettua il log in per proseguire.
Se non sei abbonato, per ottenere l’accesso ai contenuti riservati puoi abbonarti oppure attivare una prova gratuita e decidere in seguito.

Se pensi che ci sia un errore contatta il Servizio Clienti di Legislazione Tecnica al numero verde 800.55.45.77 o inviando una email a servizio.clienti@legislazionetecnica.it