Articolo abrogato dal D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56.

L’articolo 207 così recitava:

“Art. 207 - (Collegio consultivo tecnico)

1. Al fine di prevenire controversie relative all’esecuzione del contratto le parti possono convenire che prima dell’avvio dell’esecuzione, o comunque non oltre novanta giorni da tale data, sia costituito un collegio consultivo tecnico con funzioni di assistenza per la rapida risoluzione delle dispute di ogni natura suscettibili di insorgere nel corso dell’esecuzione del contratto stesso.

2. Il collegio consultivo tecnico è formato da tre membri dotati di esperienza e qualificazione professionale adeguata alla tipologia dell’opera. I componenti del collegio possono essere scelti dalle parti di comune accordo, ovvero le parti possono concordare che ciascuna di esse nomini un componente e che il terzo componente sia scelto dai due componenti di nomina di parte; in ogni caso, tutti i componenti devono essere approvati dalle parti. Il componente nominato dalla stazione appaltante è preferibilmente scelto all’interno della struttura di cui all’articolo 31, comma 9, ove istituita. La parti concordano il compenso del terzo componente nei limiti stabiliti con il decreto di cui all’articolo 209, comma 16.

3. Il collegio consultivo tecnico si intende costituito al momento di sottoscrizione dell’accordo da parte dei componenti designati e delle parti contrattuali. All’atto della costituzione è fornita al collegio consultivo copia dell’intera documentazione inerente al contratto.

4. Nel caso in cui insorgano controversie, il collegio consultivo può procedere all’ascolto informale delle parti per favorire la rapida risoluzione delle controversie eventualmente insorte. Può altresì convocare le parti per consentire l’esposizione in contraddittorio delle rispettive ragioni.

5. Ad esito della propria attività il collegio consultivo formula in forma scritta una proposta di soluzione della controversia dando sintetico atto della motivazione. La proposta del collegio non vincolale parti.

6. Se le parti accettano la soluzione offerta dal collegio consultivo, l’atto contenente la proposta viene sottoscritto dai contraenti alla presenza di almeno due componenti del Collegio e costituisce prova dell’accordo sul suo contenuto. L’accordo sottoscritto vale come transazione.

7. Nel caso in cui la controversia non sia composta mediante la procedura di cui ai commi precedenti, i componenti del collegio consultivo non possono essere chiamati quali testimoni nell’eventuale giudizio civile che abbia ad oggetto la controversia medesima.

8. Il collegio consultivo tecnico è sciolto al termine dell’esecuzione del contratto o in data anteriore su accordo delle parti.”

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Beni culturali e paesaggio

Piemonte: valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale Unesco

La Regione investe 4,2 milioni di euro per sostenere e valorizzare i siti piemontesi classificati dall'Unesco come Patrimonio mondiale dell'Umanità. Le risorse derivano dal Fondo europeo di sviluppo regionale e consentiranno interventi di recupero, restauro, ristrutturazione e rifunzionalizzazione di beni culturali con sovvenzioni a fondo perduto nella misura massima dell'80% dell'investimento complessivo. Ne sono beneficiari gli enti locali e i consorzi pubblici.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Provvidenze

Veneto: contributi per la riduzione dei consumi della fornitura di energia per finalità sociali

Il bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto in conto capitale per interventi sull'involucro edilizio e sugli impianti tecnologici di abitazioni private, per determinate categorie di utenza, e di edifici pubblici destinati ad usi sociali. Le risorse ammontano ad euro 2.247.548,57 e gli interventi ammessi sono quelli atti a migliorare l’indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ed estiva e dei consumi di energia elettrica e termica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Impianti sportivi
  • Edilizia e immobili

Lombardia: contributi per la realizzazione e la riqualificazione di impianti sportivi - Inziativa 2 anno 2018

Il bando prevede l’assegnazione di contributi regionali a fondo perduto a favore dei Comuni, in forma singola o associata, per interventi cantierabili di riqualificazione e valorizzazione, nonché acquisto di attrezzature sportive, riguardanti impianti sportivi esistenti di proprietà pubblica sul territorio. Domande dall'8 al 22 ottobre 2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Finanza pubblica
  • Pubblica Amministrazione

Campania: 40 mln per finanziare progetti di riduzione dei consumi energetici pubblici

Concessione di contributi per l'efficientamento energetico negli edifici pubblici e nell'edilizia abitativa pubblica, l'installazione di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili e l'adozione di soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica. Il contributo viene concesso fino al 100% del costo dell’intervento, per un importo massimo finanziabile pari a € 3.000.000,00. Possono presentare domanda i Comuni, anche in forma associata, le Aziende Sanitarie Locali, le Aziende Ospedaliere e gli Istituti Autonomi Case Popolari/ACER.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Difesa suolo
  • Provvidenze
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Pubblica Amministrazione
  • Finanza pubblica
  • Enti locali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: contributi per la manutenzione urgente del territorio a favore dei piccoli comuni

Previsti 2 mln di euro per il cofinanziamento di interventi di manutenzione urgente presentati dai piccoli Comuni lombardi e dalle Unioni di Comuni, con particolare riferimento alla messa in sicurezza del territorio ed alla manutenzione delle strutture e fabbricati pubblici. Gli interventi ammessi al finanziamento regionale dovranno essere realizzati e rendicontati secondo il modulo allegato all'invito entro il 15/12/2019.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento