FAST FIND : NN8551

D. Min. Lavoro e Prev. Soc. 30/01/2007

Attuazione dell’articolo 1, comma 765, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. Procedure di espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione del TFR maturando e disciplina della forma pensionistica complementare residuale presso l’INPS (FONDINPS).

Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 22/03/2018

Scarica il pdf completo
60781 4678451
[Premessa]


IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

di concerto con

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto l'art. 2120 del codice civile;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678452
Art. 1. Modalità di espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione del TFR maturando

1. I lavoratori dipendenti del settore privato, esclusi i lavoratori domestici, che abbiano un rapporto di lavoro in essere al 31 dicembre 2006, manifestano, entro il termine del 30 giugno 2007, la volontà di conferire il trattamento di fine rapporto (TFR) maturando ad una forma pensionistica complementare di cui al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 (di seguito definito: Decreto»), ovvero di mantenere il trattamento di fine rapporto secondo le previsioni dell'art. 2120 del codice civile, ferma restando l'applicazione dell'art. 1, comma 756, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. Detta manifestazione di volontà avviene attraverso la compilazione del modulo TFR1 allegato al presente decreto, che deve essere messo a disposizione di ciascun lavoratore dal datore di lavoro. Il datore di lavoro deve conservare il modulo con il quale è stata espressa la volontà del lavoratore, al quale ne rilascia copia controfirmata per ricevuta.

2. In relazione alle scelte effettuate da parte del lavoratore ai sensi del comma 1, si determinano i seguenti effetti:

a) in caso di esplicito conferimento del TFR ad una forma di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678453
Art. 2. Denominazione

1. La forma di previdenza complementare a contribuzione definita costituita presso l'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678454
Art. 3. Separatezza patrimoniale, amministrativa e contabile

1. Le risorse di FONDINPS costituiscono patrimonio separato e autonomo rispetto al patrimonio dell'INPS.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678455
Art. 4. Comitato amministratore

1. FONDINPS è amministrato dal Comitato amministratore previsto dall'art. 9, comma 2, del Decreto.

2. Il suddetto Comitato è composto da nove componenti, nominati con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, d'intesa con il Ministro dell'ec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678456
Art. 5. Servizi amministrativo-contabili

1. Fermo restando quanto stabilito dall'art. 6, comma 3, del Decreto, al fine di gara

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678457
Art. 6. Destinatari e contribuzione

1. Per i lavoratori di cui all'art. 1, l'adesione a FONDINPS è consentita in forma individuale, secondo le modalità tacit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678458
Art. 7. Scelte di investimento

1. Il TFR conferito tacitamente è destinato, al momento dell'adesione, al comp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678459
Art. 8. Portabilità

1. Nel rispetto dell'art. 9, comma 3, del Decreto, la posizione individuale costituit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678460
Art. 9. Regolamento

1. Le modalità di funzionamento di FONDINPS sono disciplinate da un apposito r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
60781 4678461
Allegato - Scelta per la destinazione del trattamento di fine rapporto

Modulo per i lavoratori assunti entro il 31 dicembre 2006

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Imposte sul reddito
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Fisco e Previdenza

Detrazioni per riqualificazione energetica, ristrutturazione, misure antisismiche, acquisto mobili

Interventi di riqualificazione energetica, c.d. “ecobonus” (modifiche introdotte con la Legge di bilancio 2018, tabelle riepilogative assetto aggiornato, documentazione da trasmettere e portale ENEA per la trasmissione dei dati, vademecum ENEA per i vari tipi di interventi e risposte a FAQ, guida Agenzia entrate, guida ANCE); Interventi di ristrutturazione e per l’adozione di misure antisismiche, c.d. “sismabonus” (modifiche introdotte con la Legge di bilancio 2018, tabelle riepilogative assetto aggiornato, guida Agenzia entrate, guida ANCE); Acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, c.d. “bonus mobili”; Interventi di sistemazione a verde.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Compravendite e locazioni immobiliari: prontuario operativo delle imposte indirette (IVA, registro, ipotecaria e catastale)

1. DEFINIZIONI UTILI (1.1. Distinzione tra fabbricati abitativi e strumentali; 1.2. Determinazione della data di ultimazione della costruzione o dell’intervento; 1.3. Terreni edificabili; 1.4. Reverse charge (inversione contabile)) - 2. OPERAZIONI IMMOBILIARI RILEVANTI E NON AI FINI IVA - 3. REGIME DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI (3.1. Compravendite immobiliari imponibili IVA ed esenti; 3.2. Compravendite immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 3.3. Compravendite immobiliari Casi particolari; 3.4. Compravendite immobiliari Determinazione della base imponibile) - 4. REGIME DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI (4.1. Locazioni immobiliari imponibili IVA ed esenti; 4.2. Locazioni immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 4.3. Locazioni immobiliari - Casi particolari) - 5. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Trattamento fiscale delle convenzioni urbanistiche e degli atti conseguenti

Edilizia economica e popolare e insediamenti produttivi; Edilizia convenzionata; Permanenza in vigore delle agevolazioni; Tipologie di atti rientranti nell’agevolazione (in generale, piani di lottizzazione ad iniziativa privata, assenza di consorzio tra colottizzanti, irrilevanza titolo di acquisizione delle aree e assenza di esproprio, atti di ridistribuzione immobiliare, trasformazione diritto di superficie in piena proprietà, cessione opere a scomputo, asservimento di area a parcheggio); Requisiti soggettivi ed oggettivi per l’applicazione del regime di favore; Altre agevolazioni soppresse dal 01/01/2014 (immobili compresi in piani urbanistici particolareggiati e in piani di recupero).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Condominio
  • Edilizia e immobili

I pagamenti del condominio ad appaltatori e prestatori d’opera: ritenuta d’acconto e tracciabilità

In questo articolo una breve guida alla disciplina prevista dall’art. 25-ter del D.P.R. 600/1973, che prevede l’obbligo per il condominio di operare una ritenuta d’acconto del 4% sui corrispettivi dallo stesso dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi. Il tutto alla luce dei chiarimenti forniti dalla Circolare dell’Agenzia entrate 7/E/2007 e delle modifiche introdotte dalla Legge di bilancio 2017 in tema di soglie, tracciabilità dei pagamenti e sanzioni amministrative.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Imposte sul reddito
  • Agricoltura e Foreste
  • Fisco e Previdenza
  • Energia e risparmio energetico
  • Fonti alternative

La tassazione dalla produzione e cessione di energia da fonte rinnovabile o fotovoltaica in capo all’imprenditore agricolo

Questo articolo riassume in forma pratica ed operativa, con tabelle sinottiche per rendere più agevole la comprensione, l’intricata materia della tassazione in capo alle imprese agricole dei redditi derivanti dalla produzione e dalla cessione di energia elettrica e calorica da fonti rinnovabili agroforestali e fotovoltaiche. L’articolo è aggiornato con l’art. 1, comma 910, della L. 208/2015 (Legge di stabilità 2016) che ha messo “a regime” dal 2016 le norme transitorie già introdotte dal D.L. 66/2014 per i soli anni 2014 e 2015, e con successive indicazioni e chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate (ultimo Agg. Risoluzione 27/10/2016, n. 98/E).
A cura di:
  • Dino de Paolis

06/09/2018

04/09/2018

01/09/2018

22/08/2018

07/08/2018