FAST FIND : CM1045

Valutazione della vulnerabilità sismica

Procedura di valutazione della vulnerabilità sismica di un edificio.
INDAGINI STRUTTURALI

L’Italia è uno dei Paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo. In particolare, secondo la classificazione sismica dei comuni italiani, circa il 40% del territorio nazionale è in area ad elevato rischio sismico (zona sismica 1-2) pari, circa, al 35% dei comuni italiani.

Ma cosa si intende per rischio sismico (R)?

Il rischio sismico è un indicatore dato dalla combinazione di pericolosità sismica (P), vulnerabilità sismica (V) ed esposizione (la possibilità che un sisma comporti un danno ai beni culturali, o la perdita di vite umane) (E).

R = P x V x E

Definito ciò, per ridurlo è chiaro che si può agire solo sulla vulnerabilità in quanto legata direttamente alle caratteristiche dei beni e alle vite esposte al sisma, a differenza della pericolosità e dell’esposizione che dipendono soltanto dall’evento naturale.

L’unica possibilità, quindi, è quella di limitare la vulnerabilità sismica delle costruzioni e di attuare così politiche di prevenzione e messa in sicurezza degli edifici.

L'NTC (Norme Tecniche per le Costruzioni), a valle di ciò, nella procedura di valutazione della sicurezza degli edifici esistenti stima proprio la vulnerabilità sismica di strutture esistenti e studia, dai risultati ottenuti, gli interventi di ripristino più opportuni.

La procedura, prevista dall’NTC per la valutazione della vulnerabilità sismica di una struttura ha fasi ben strutturate:

·           Analisi storico-critica: tutto ciò permette di inserire l'edificio oggetto di indagine in un dettagliato inquadramento storico;
·           Rilievo: conoscenza della geometria delle strutture e dei dettagli costruttivi;
·           Caratterizzazione meccanica dei materiali: piano di indagini per raggiungere un'accurata conoscenza delle caratteristiche dei materiali e del loro stato di degrado;
·           Livello di conoscenza e Fattore di confidenza: Individuato il livello di conoscenza per la valutazione di sicurezza e definito il correlato fattore di confidenza;
·           Azioni: I valori e le loro combinazioni da considerare nel calcolo, sia per la valutazione della sicurezza sia per il progetto degli interventi.

Prima di qualsiasi valutazione di vulnerabilità sismica è bene conoscere dettagliatamente la struttura. A tal fine bisogna innanzitutto eseguire un’attenta e accurata ricerca di documentazione esistente in maniera da inquadrare la situazione dell’immobile dal punto di vista del progetto originario e delle eventuali modifiche occorse nel tempo e poi effettuare ispezioni e sopralluoghi.

Sulla base della documentazione acquisita vengono quindi pianificate le campagne di rilievo strutturale e di INDAGINI SUI MATERIALI, in relazione al livello di conoscenza (LC) da voler raggiungere. Vengono previste in questa fase indagini termografiche, indagini pacometriche, indagini endoscopiche, saggi e scarifiche; sia per sistemi costruttivi in cemento armato che per mutatura portante.

Una volta effettuati i rilievi preventivi, atti a definire l’organismo strutturale, è obbligatorio ricevere dei dati di input dalla struttura per la determinazione delle CARATTERISTICHE MECCANICHE con il fine di avere un’affidabilità migliore nella futura modellazione strutturale. Si eseguono in questa fase indagini Sonreb, indagini di Pull-out, carotaggi, valutazione della carbonatazione, prelievi di barre e indagini con martinetti piatti

Sarà pertanto possibile procedere con la modellazione numerica attraverso appositi software in grado di dare risposte in termini tecnici mettendo in relazione la capacità di resistenza della struttura e la richiesta in termini di resistenza e/o spostamento del sisma.

Indagini Strutturali srl grazie all’elevata quantità di strumentazione di cui è dotata e alla qualità di questa è in grado di eseguire e dare risposte a tutte fasi previste dalle NTC restituendo una valutazione di vulnerabilità sismica.

Ad oggi, oltre che un’imposizione da parte delle normative, deve essere chiaro che, alla luce di quanto successo negli ultimi anni, fare studi di vulnerabilità sismica è un aiuto alla prevenzione della sicurezza dell’intero patrimonio edilizio esistente in Italia.

 

Argomenti correlati

Indagini sui materiali

Indagini sul calcestruzzo - Parte prima

Indagini sul calcestruzzo - Parte seconda

Indagini sulle murature

Indagini sul legno

 

Collegamenti all’argomento del sito

Indagini sui Materiali


 

Via Guido de Ruggiero, 5 - 00142 Roma
Tel. 06.54602628 - Fax 06.54074980
info@indaginistrutturali.it
www.indaginistrutturali.it



I nostri social:

   


Per maggiori informazioni:

Ing. Vincenzo Giannetto (Roma)
Cell: +39 335 6270044
enzogiannetto@indaginistrutturali.it

Ing. Marko Caretti Belletti (Milano)
Cell: +39 333 9316522
markobelletti@indaginistrutturali.it

Arch. Danilo Pofi (Triveneto)
Cell: +39 392 5564788
danilopofi@indaginistrutturali.it
 

 

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili

Digitalizzazione in edilizia - Metodologie di BIM come prospettiva di ottimizzazione del processo edilizio

Cosa si intende per metodologia BIM; obblighi normativi; stato dell'arte in Italia; UNI 11337:2017
A cura di:
  • Giulia Raimondi
  • Norme tecniche

NTC 2018 & Circolare 7/2019 - Le Costruzioni esistenti

Prime considerazioni; scenario edilizio; vetustà e degrato; beton armée; sistemi edilizi e funzioni; capitolo 8: edifici esistenti; progettazione sismica; carenze e criticità; interventi; equo compenso
A cura di:
  • Nicola Mordà
  • Norme tecniche

Strumenti per la gestione coordinata del processo edilizio: aspetti applicativi e riflessi sulle verifiche di strutture esistenti

Applicazione delle NTC18; il BIM architettonico; il modello BIM strutturale; modello analitico; calcolo strutturale; strumenti per la generazione dei modelli BIM e di calcolo; casi studio
A cura di:
  • Paolo Sattamino

Regola&Arte - Eventi 2019

Dalle Aziende

  • Informatica

Come aprire, modificare e convertire file IFC

Fondamentale il formato aperto per la proprietà e la perennità del dato BIM.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Come cambiano le azioni da neve e vento con la Circolare n.7 del 21/01/19?

La circolare applicativa del 21 Gennaio 2019 introduce alcune novità per quanto riguarda il calcolo delle azioni di neve e vento.
  • Energia e risparmio energetico

Boero - il colore italiano dal 1831

Durante il primo appuntamento del 2019 con i seminari di Regola&Arte a Milano l'Ing. Luca Norman Schettini ci ha parlato di Boero, azienda nata nel 1831 e che si occupa di prodotti vernicianti. Se volete scoprire tutti i prodotti di Boero, vi aspettiamo ai prossimi appuntamenti con i nostri seminari.
  • Edilizia e immobili
  • Catasto e registri immobiliari

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento a febbraio 2019

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento febbraio 2019.
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Alberghi e strutture ricettive

Con il contributo di Phonolook di Eterno Ivica viene inaugurata la nuova Sala Convegni di Bibione

Un elevato numero di pannelli fonoassorbenti ha contribuito a migliorare l'acustica della sala convegni.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche

Valutazione della vulnerabilità sismica

Procedura di valutazione della vulnerabilità sismica di un edificio.
  • Informatica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni
  • Norme tecniche

IperSpace BIM: l’avanguardia del calcolo strutturale

Una suite completa per il calcolo strutturale agli elementi finiti BIM oriented aggiornata alle NTC 2018 e alla Circolare.
  • Informatica

Dal BIM al PIM e all’AIM

L’importanza dei dati e delle informazioni alfanumeriche nella metodologia BIM.