FAST FIND : CM1030

5 cose da sapere PRIMA di analizzare i cinematismi locali nella muratura

Gli edifici esistenti in muratura possono essere verificati con analisi globali lineari oppure non lineari (pushover). Le analisi globali comportano la modellazione dell’intero edificio.
2S.I. Software e Servizi per l'Ingegneria S.r.l.

Le analisi dei cinematismi locali sono limitate a porzioni dell’edificio e indagano i collassi parziali che si hanno per perdita di equilibrio di porzioni murarie.

1 Il comportamento monolitico
L’analisi dei cinematismi ha significato se è garantita una certa monoliticità della parete muraria, tale da impedire collassi puntuali per disgregazione della muratura.
Il rilievo e la determinazione della qualità muraria è fondamentale importanza: una muratura di scarsa qualità potrebbe attivare fenomeni di disgregazione PRIMA dell’attivazione dei cinematismi.

2 Meccanismi di I modo e di II modo
Si definiscono danni di I modo per azioni ortogonali al piano del muro, danni di II modo per azioni appartenenti al piano del muro. I meccanismi di I modo sono anche detti cinematismi locali.
Di nuovo il rilievo strutturale è fondamentale per la corretta descrizione del comportamento: la presenza di cordoli, catene e buon ammorsamento può impedire l’attivazione di cinematismi di I modo e quindi condurre verso un comportamento globale della struttura.

3 I dettagli costruttivi e il rilievo strutturale
Si può quindi identificare una gerarchia di attivazione dei meccanismi, a seconda della qualità muraria e della cura dei dettagli costruttivi. Disgregazione→Cinematismi locali→Comportamento globale



4 La normativa
L’analisi dei cinematismi è prevista dalla Circolare 2 febbraio 2009 n. 617, al Punto C8.7.1.1:

Quando la costruzione non manifesta un chiaro comportamento d’insieme, ma piuttosto tende a reagire al sisma come un insieme di sottosistemi (meccanismi locali), la verifica su un modello globale non ha rispondenza rispetto al suo effettivo comportamento sismico... In tali casi la verifica globale può essere effettuata attraverso un insieme esaustivo di verifiche locali.

Anche la normativa pone l’accento sul fatto che deve essere il progettista ad identificare la costruzione per capire quale comportamento può avere e quindi che tipo di analisi è più adatta.

Tipicamente si affianca un’analisi globale ad esempio un’analisi di pushover a telaio equivalente che identifica i meccanismi globali alle analisi dei cinematismi locali che identificano i collassi fuori dal piano. In questo modo, per una muratura di buona qualità, si ottengono le verifiche sia locali che globali.

5 Quali meccanismi si attiveranno?
Una volta deciso di indagare i cinematismi locali è importante capire quali cinematismi si attiveranno.
In letteratura sono ampiamente descritti i cinematismi possibili: ribaltamento semplice, ribaltamento composto, flessione verticale, …

Naturalmente la presenza di cordoli, catene e buon ammorsamento con le pareti trasversali modifica il comportamento della struttura impedendo l’attivazione di alcuni cinematismi.

È importare prestare attenzione in fase di input dei modelli nei software di calcolo perché la scelta di assegnare tiranti, buon ammorsamento con le pareti ortogonali o cordoli modifica il risultato dell’analisi.

Ad esempio, la presenza di un cordolo in C.A. efficacemente ammorsato al piano rigido del solaio impedisce l’attivazione dei meccanismi di ribaltamento semplice, di seguito alcune immagini esplicative tratte dal software PRO_CineM di 2S.I.

 

 

 

2S.I. Software e Servizi per l'Ingegneria S.r.l.
Via Garibaldi, 90
44121 Ferrara (FE)
Tel. +39 0532 200091
www.2si.it
| info@2si.it


 

Dalla redazione

  • Urbanistica

Gli interventi eseguiti in base a permesso di costruire annullato

La fattispecie disciplinata dall’art. 38 del T.U. edilizia; la sanatoria con il pagamento di una sanzione pecuniaria; orientamenti della giurisprudenza amministrativa; i possibili profili di responsabilità della pubblica amministrazione
A cura di:
  • Andrea Di Leo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

L'Autorizzazione Unica Ambientale

Ambito soggettivo di applicazione; A.U.A. obbligatoria; provvedimenti esclusi; A.U.A. facoltativa; modifiche agli impianti; linee generali
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

Definizione e titolarità delle strade pubbliche

Le diverse tipologie di strade; vie private agrarie; strade vicinali pubbliche; distinzione tra strade pubbliche e private; criterio dell’appartenenza; criterio funzionale; ricognizione; titolarità
A cura di:
  • Marco Morelli
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

La Valutazione di Incidenza Ambientale

La Rete Natura 2000; caratteristiche della V.INC.A.; fattispecie paradigmatiche
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

La VAS e le procedure di pianificazione urbanistica

Relazione tra Governo del territorio e tutela dell'ambiente; oggetto della VAS; VAS obbligatoria e VAS facoltativa; piani paesaggistici, varianti al piano regolatore generale, strumenti attuativi; portata della decisione finale della VAS
A cura di:
  • Andrea Di Leo

Regola&Arte - Eventi 2019

Dalle Aziende

A MADE expo si parla di futuro con ottimismo

Si è conclusa con segnali incoraggianti la nona edizione della più importante manifestazione in Italia per l’edilizia e l’architettura. Il dibattito, che si è sviluppato sulla necessità di sbloccare i cantieri e dare impulso all’edilizia per rilanciare l’economia, ha contribuito a mettere questi argomenti al centro dell’agenda delle politiche governative.

Le connessioni prendono forma a MADE expo

Si avvicina MADE expo, che avrà inizio presso Fiera Milano Rho mercoledì 13 Marzo per concludersi sabato 16 Marzo, giornata aperta al pubblico.
  • Cemento armato
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche
  • Fondazioni
  • Muratura

Passa allo stand FIBRE NET al MADE Expo per scoprire l’ulteriore successo ottenuto

Fibre Net ottiene l’ETA (European Technical Assessment - Valutazione Tecnica Europea) per il sistema di rinforzo strutturale Ri-Struttura – vieni a scoprirlo al MADE Expo.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

CDW Win: opere di sostegno flessibili in gabbionate

Le opere di sostegno sono elementi strutturali interagenti con i fronti di terreno potenzialmente instabile ed in grado di garantirne stabilità: tra queste hanno un largo impiego le opere di sostegno realizzate con gabbioni.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

5 cose da sapere PRIMA di analizzare i cinematismi locali nella muratura

Gli edifici esistenti in muratura possono essere verificati con analisi globali lineari oppure non lineari (pushover). Le analisi globali comportano la modellazione dell’intero edificio.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni

Identificazioni dinamiche su catene

Analisi dinamiche su catene e tiranti; determinazione del tiro di progetto.
  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Musei, biblioteche e archivi
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Edilizia residenziale
  • Alberghi e strutture ricettive

Boero firma il restyling del Retail park di Serravalle Scrivia (AL)

È realizzato da Boero l’intervento di restyling sui prospetti esterni del Retail Park di Serravalle Scrivia, il parco commerciale sito in provincia di Alessandria.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento a febbraio 2019

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento febbraio 2019.