FAST FIND : CM1029

Identificazioni dinamiche su catene

Analisi dinamiche su catene e tiranti; determinazione del tiro di progetto.
INDAGINI STRUTTURALI

Secondo dati ISTAT il 61,5% degli edifici del territorio nazione è costruito in muratura portante, e più del 90% è costituito da coperture “spingenti” in legno. Sono dette “spingenti” le coperture a falde inclinate che determinano un’azione orizzontale sulle strutture verticali su cui gravano.
Per contrastare queste spinte, vengono utilizzate le catene; esse, oltre a contenere le azioni orizzontali non contrastate dalle strutture verticali, permettono anche di migliorare l’ammorsamento delle pareti murarie e dei solai al fine di conferire un comportamento scatolare dell’insieme strutturale.
La messa in opera di una catena prevede che si applichi una post tensione mediante l’imposizione di una deformazione negativa lungo il proprio asse; tale deformazione, per la legge di Hooke, genera una forza di trazione meglio nota sotto il nome di “Tiro delle catene”.
Con il passare del tempo però si ha un rilassamento della catena stessa che porta ad una diminuzione della tensione di trazione e ad un conseguente aumento delle spinte orizzontali.
A valle di ciò, diventa importante conoscere periodicamente il Tiro presente nelle catene in maniera da poter sempre ripristinare quello di progetto e non incorrere in problemi strutturali.
Per misurare la forza assiale, i metodi statici sono sicuramente quelli più attendibili ma sono anche molto farraginosi da eseguire in cantiere, pertanto, sempre di più ci si spinge verso tecniche di indagini dinamiche.
Per evitare errori di valutazione, è necessario però ponderare le semplificazioni che vengono eseguite nei metodi dinamici; il comportamento di fune ideale che questi ipotizzano è, infatti, da considerare fuorviante in quanto le catene degli edifici storici si discostano molto da essa; un procedimento che tiene conto di tutte le variabili è il metodo che prevede l’impiego di un modello di trave tenso-inflessa con vincoli elastici.
L’utilizzo di questo metodo, seppur più oneroso in termini di elaborazione numerica, dà sicuramente risultati molto attendibili e il tutto semplificando la parte tecnica in cantiere in quanto esso richiede l’impiego di un solo accelerometro collocato in una posizione opportuna sulla catena. Tramite la trasformata di Fourier si determina lo spettro di risposta in frequenza; da quest’ultimo si ricavano i valori delle prime frequenze proprie identificando i parametri strutturali incogniti, cioè le rigidezze dei vincoli ed il tiro.

Indagini Strutturali srl esegue questo tipo di analisi mediante trasduttori di accelerazione caratterizzati da valori di sensibilità molto elevati. Questi permettono di valutare le frequenze modali della catena in esame che a loro volta consentono, mediante per l'appunto l’adozione del modello di trave tenso-inflessa, di verificare che il Tiro in essere sia quello di progetto.
Inoltre, per risalire al Tiro di Progetto Indagini Strutturali srl effettua un’analisi conoscitiva degli elementi strutturali per mezzo di tecniche di indagine come tomografia elettrica, endoscopie e prelievo di campioni di materiale.
Tenere sott’osservazione il tiro di una catena è importante sia per le azioni statiche che per le dinamiche. Si consideri, infatti, che le coperture in legno, essendo poste in sommità degli edifici in muratura, risentono di un’amplificazione delle accelerazioni imposte da uno scuotimento sismico.

 

Argomenti correlati
Le indagini dinamiche - OMA
Le indagini dinamiche - EMA
Indagini statiche e dinamiche
Prove dinamiche

Collegamenti all’argomento del sito
Indagini dinamiche
Analisi dinamiche
Analisi vibrazionale

Via Guido de Ruggiero, 5 - 00142 Roma
Tel. 06.54602628 - Fax 06.54074980
info@indaginistrutturali.it
www.indaginistrutturali.it



I nostri social:

   


Per maggiori informazioni:

Ing. Vincenzo Giannetto (Roma)
Cell: +39 335 6270044
enzogiannetto@indaginistrutturali.it

Ing. Marko Caretti Belletti (Milano)
Cell: +39 333 9316522
markobelletti@indaginistrutturali.it

Arch. Danilo Pofi (Triveneto)
Cell: +39 392 5564788
danilopofi@indaginistrutturali.it
 

 

Dalla redazione

  • Urbanistica

Gli interventi eseguiti in base a permesso di costruire annullato

La fattispecie disciplinata dall’art. 38 del T.U. edilizia; la sanatoria con il pagamento di una sanzione pecuniaria; orientamenti della giurisprudenza amministrativa; i possibili profili di responsabilità della pubblica amministrazione
A cura di:
  • Andrea Di Leo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

L'Autorizzazione Unica Ambientale

Ambito soggettivo di applicazione; A.U.A. obbligatoria; provvedimenti esclusi; A.U.A. facoltativa; modifiche agli impianti; linee generali
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

Definizione e titolarità delle strade pubbliche

Le diverse tipologie di strade; vie private agrarie; strade vicinali pubbliche; distinzione tra strade pubbliche e private; criterio dell’appartenenza; criterio funzionale; ricognizione; titolarità
A cura di:
  • Marco Morelli
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

La Valutazione di Incidenza Ambientale

La Rete Natura 2000; caratteristiche della V.INC.A.; fattispecie paradigmatiche
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

La VAS e le procedure di pianificazione urbanistica

Relazione tra Governo del territorio e tutela dell'ambiente; oggetto della VAS; VAS obbligatoria e VAS facoltativa; piani paesaggistici, varianti al piano regolatore generale, strumenti attuativi; portata della decisione finale della VAS
A cura di:
  • Andrea Di Leo

Regola&Arte - Eventi 2019

Dalle Aziende

A MADE expo si parla di futuro con ottimismo

Si è conclusa con segnali incoraggianti la nona edizione della più importante manifestazione in Italia per l’edilizia e l’architettura. Il dibattito, che si è sviluppato sulla necessità di sbloccare i cantieri e dare impulso all’edilizia per rilanciare l’economia, ha contribuito a mettere questi argomenti al centro dell’agenda delle politiche governative.

Le connessioni prendono forma a MADE expo

Si avvicina MADE expo, che avrà inizio presso Fiera Milano Rho mercoledì 13 Marzo per concludersi sabato 16 Marzo, giornata aperta al pubblico.
  • Cemento armato
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche
  • Fondazioni
  • Muratura

Passa allo stand FIBRE NET al MADE Expo per scoprire l’ulteriore successo ottenuto

Fibre Net ottiene l’ETA (European Technical Assessment - Valutazione Tecnica Europea) per il sistema di rinforzo strutturale Ri-Struttura – vieni a scoprirlo al MADE Expo.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

CDW Win: opere di sostegno flessibili in gabbionate

Le opere di sostegno sono elementi strutturali interagenti con i fronti di terreno potenzialmente instabile ed in grado di garantirne stabilità: tra queste hanno un largo impiego le opere di sostegno realizzate con gabbioni.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

5 cose da sapere PRIMA di analizzare i cinematismi locali nella muratura

Gli edifici esistenti in muratura possono essere verificati con analisi globali lineari oppure non lineari (pushover). Le analisi globali comportano la modellazione dell’intero edificio.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni

Identificazioni dinamiche su catene

Analisi dinamiche su catene e tiranti; determinazione del tiro di progetto.
  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Musei, biblioteche e archivi
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Edilizia residenziale
  • Alberghi e strutture ricettive

Boero firma il restyling del Retail park di Serravalle Scrivia (AL)

È realizzato da Boero l’intervento di restyling sui prospetti esterni del Retail Park di Serravalle Scrivia, il parco commerciale sito in provincia di Alessandria.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento a febbraio 2019

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento febbraio 2019.