FAST FIND : CM1026

Liquefazione del terreno: un fenomeno da non sottovalutare

La liquefazione del suolo è un fenomeno insolito, ma molto pericoloso, che può verificarsi in alcuni terreni sabbiosi, argillosi o molto ricchi di acque a seguito di un evento sismico importante. È possibile, infatti, dall’osservazione di zone colpite da liquefazione, che con un terremoto superiore a 5.5 della Scala Richter il terreno, sottoposto a pressione o vibrazione, perda molto rapidamente la sua resistenza e si trasformi in un liquido denso.
GEOSEC

Lo spessore dello strato di suolo liquefatto può variare da pochi centimetri a mezzo metro, ma come si può immaginare le conseguenze possono essere devastanti.

Se il fenomeno avviene in campagna in prossimità di zone coltivate o in aree collinari, possono verificarsi improvvise valanghe di fango o fuoriuscite di sabbia e acqua, con conseguenze dannose, ma che non mettono a rischio vite umane. Quando invece colpisce zone urbanizzate, si possono creare movimenti orizzontali del terreno o di masse fluide, gli edifici possono cedere o addirittura sprofondare, con conseguenze molto più gravi e pericolose.

Con il sisma che ha colpito l’Italia centro-nord nel 2012, proprio in zone con terreni sabbiosi o argillosi, il problema è tornato al centro dell’attenzione di geologi e esperti dei consolidamenti. Essendo un fenomeno strettamente legato alla naturale composizione del suolo è stato possibile identificare le zone geologicamente più a rischio, in modo da prendere opportuni provvedimenti preventivi.



Come ridurre il rischio di liquefazione dei terreni.
Per mitigare il rischio di liquefazione del suolo, GEOSEC ha studiato e sviluppato LIQUEMIT, una metodologia brevettata che prevede iniezioni di una speciale resina in grado di consolidare i terreni liquefacibili. La soluzione prevede l’iniezione a bassa pressione, di una resina leggera ed eco-compatibile in profondità ove necessario, su una maglia a più livelli verticali, con l’obiettivo di rendere gli strati di terreno più solidi.



L’intervento viene eseguito sempre sotto controllo strumentale della tomografia di resistività 4D unito a diverse prove geotecniche, in questo modo è possibile verificare i risultati del trattamento in base ai fattori di sicurezza richiesti dalle normative vigenti.
La resina iniettata è rigorosamente testata e certificata, stabile nel tempo e rispettosa dell’ambiente. Viene prodotta da prestigiose multinazionali del settore chimico industriale tenendo conto delle specifiche tecniche elaborate dal team GEOSEC.

LIQUEMIT: vantaggi per struttura e terreno.
Il sisma del 2012, che ha colpito l’Emilia Romagna, ha consentito a GEOSEC di acquisire maggiore esperienza e conoscenza di questo fenomeno. Con LIQUEMIT è possibile migliorare notevolmente le prestazioni meccaniche dei terreni liquefacibili, riportandoli in soglia di sicurezza normativa.
Con la soluzione GEOSEC non è necessario eseguire scavi o trivellazioni pesanti o demolire le fondazioni esistenti. Il terreno non viene appesantito: il peso specifico della miscela risulta molto inferiore alle miscele cementizie ed inferiore a quello dell’acqua. La resina non viene iniettata in pressione e questo consente di intervenire in modo mini invasivo e non distruttivo. Uno dei vantaggi più apprezzabili è che la soluzione LIQUEMIT può essere messa in opera sul costruito per la protezione degli edifici. Si può intervenire sia esternamente che internamente alle costruzioni.

Perché scegliere Geosec
L’esperienza di oltre quindici anni nel settore e le prestigiose qualifiche tecniche ottenute rendono GEOSEC un interlocutore di massima affidabilità e sicurezza.

Sei curioso di saperne di più su LIQUEMIT?
Guarda il nostro video per mitigare il rischio LIQUEFAZIONE TERRENI in caso di terremoto

 


 

 

GEOSEC S.r.L.
Via Mercalli, 2A
43122 Parma (PR)
Tel. 0521.334302 - 0521.339323
Fax. 0521.804772
www.geosec.it - info@geosec.it

 

 

Dalla redazione

  • Urbanistica

Gli interventi eseguiti in base a permesso di costruire annullato

La fattispecie disciplinata dall’art. 38 del T.U. edilizia; la sanatoria con il pagamento di una sanzione pecuniaria; orientamenti della giurisprudenza amministrativa; i possibili profili di responsabilità della pubblica amministrazione
A cura di:
  • Andrea Di Leo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

L'Autorizzazione Unica Ambientale

Ambito soggettivo di applicazione; A.U.A. obbligatoria; provvedimenti esclusi; A.U.A. facoltativa; modifiche agli impianti; linee generali
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

Definizione e titolarità delle strade pubbliche

Le diverse tipologie di strade; vie private agrarie; strade vicinali pubbliche; distinzione tra strade pubbliche e private; criterio dell’appartenenza; criterio funzionale; ricognizione; titolarità
A cura di:
  • Marco Morelli
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

La Valutazione di Incidenza Ambientale

La Rete Natura 2000; caratteristiche della V.INC.A.; fattispecie paradigmatiche
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

La VAS e le procedure di pianificazione urbanistica

Relazione tra Governo del territorio e tutela dell'ambiente; oggetto della VAS; VAS obbligatoria e VAS facoltativa; piani paesaggistici, varianti al piano regolatore generale, strumenti attuativi; portata della decisione finale della VAS
A cura di:
  • Andrea Di Leo

Regola&Arte - Eventi 2019

Dalle Aziende

A MADE expo si parla di futuro con ottimismo

Si è conclusa con segnali incoraggianti la nona edizione della più importante manifestazione in Italia per l’edilizia e l’architettura. Il dibattito, che si è sviluppato sulla necessità di sbloccare i cantieri e dare impulso all’edilizia per rilanciare l’economia, ha contribuito a mettere questi argomenti al centro dell’agenda delle politiche governative.

Le connessioni prendono forma a MADE expo

Si avvicina MADE expo, che avrà inizio presso Fiera Milano Rho mercoledì 13 Marzo per concludersi sabato 16 Marzo, giornata aperta al pubblico.
  • Cemento armato
  • Costruzioni
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche
  • Fondazioni
  • Muratura

Passa allo stand FIBRE NET al MADE Expo per scoprire l’ulteriore successo ottenuto

Fibre Net ottiene l’ETA (European Technical Assessment - Valutazione Tecnica Europea) per il sistema di rinforzo strutturale Ri-Struttura – vieni a scoprirlo al MADE Expo.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

CDW Win: opere di sostegno flessibili in gabbionate

Le opere di sostegno sono elementi strutturali interagenti con i fronti di terreno potenzialmente instabile ed in grado di garantirne stabilità: tra queste hanno un largo impiego le opere di sostegno realizzate con gabbioni.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

5 cose da sapere PRIMA di analizzare i cinematismi locali nella muratura

Gli edifici esistenti in muratura possono essere verificati con analisi globali lineari oppure non lineari (pushover). Le analisi globali comportano la modellazione dell’intero edificio.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni

Identificazioni dinamiche su catene

Analisi dinamiche su catene e tiranti; determinazione del tiro di progetto.
  • Edilizia e immobili
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Locali di pubblico spettacolo
  • Musei, biblioteche e archivi
  • Ospedali e strutture sanitarie
  • Edilizia residenziale
  • Alberghi e strutture ricettive

Boero firma il restyling del Retail park di Serravalle Scrivia (AL)

È realizzato da Boero l’intervento di restyling sui prospetti esterni del Retail Park di Serravalle Scrivia, il parco commerciale sito in provincia di Alessandria.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento a febbraio 2019

Alcuni chiarimenti sulle fatture elettroniche - Aggiornamento febbraio 2019.