FAST FIND : NR40167

Deliberaz. G.R. Toscana 21/01/2019, n. 58

Indirizzi di prima applicazione per la valutazione ambientale ex ante delle derivazioni idriche e l'individuazione del deflusso ecologico in relazione agli obiettivi di qualità ambientale definiti dai Piani di Gestione delle Acque delle Autorità di Distretto Idrografico ricadenti nel territorio della Regione Toscana.
Scarica il pdf completo
5310584 5320791
Testo del provvedimento

LA GIUNTA REGIONALE


Visto il Regio Decreto dell’11 dicembre 1933, n. 1775, recante “Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici”, come modificato dal Decreto legislativo 3 aprile 2006, n 152 (Norme in materia ambientale);

Visto in particolare l’art. 12 bis del predetto Regio Decreto, il quale dispone, al comma 1, lett. a) e b), che il provvedimento di concessione è rilasciato se non pregiudica il mantenimento o il raggiungimento degli obiettivi di qualità definiti per il corso d’acqua interessato e se è garantito il minimo deflusso vitale e l’equilibrio del bilancio idrico;

Vista la Direttiva 2000/60/CE del 23 ottobre 2000, recante “Quadro per l’azione comunitaria in materia di acque”;

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 ottobre 2016 (G.U. n. 25 del 31 gennaio 2017) con il quale si è provveduto all’approvazione, ai sensi dell’art. 57 comma 1 lettera a) del d.lgs. 152/2006, del secondo Piano di gestione del distretto idrografico dell’Appennino Settentrionale;

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 ottobre 2016 (G.U. n. 25 del 31 gennaio 2017) con il quale si è provveduto all’approvazione, ai sensi dell’art. 57 comma 1 lettera a) del d.lgs. 152/2006, del secondo Piano di gestione del distretto idrografico dell’Appennino Centrale;

Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 ottobre 2016 (G.U. n. 25 del 31 gennaio 2017) con il quale si è provveduto all’approvazione, ai sensi dell’art. 57 comma 1 lettera a) del d.lgs. 152/2006, del secondo Piano di gestione del distretto idrografico del fiume Serchio;

Viste le delibere delle Conferenze Istituzionali Permanenti del 14 dicembre 2017 delle Autorità di Distretto ricadenti nel territorio regionale:

a) “Direttiva per la valutazione ambientale ex ante delle derivazioni idriche in relazione agli obiettivi di qualità ambientale definiti dal Piano di gestione del distretto idrografico dell’Appennino Settentrionale” (Autorità di distretto dell’Appennino Settentrionale, delibera CIP n. 3 del 14/12/2017)

b) “Direttiva per la determinazione dei deflussi ecologici a sostegno del mantenimento e del raggiun gimento degli obiettivi ambientali fissati dal Piano di Gestione del distretto idrografico dell’Appenino Settentrionale” (Autorità di distretto dell’Appennino Set tentrionale, delibera CIP n. 4 del 14/12/2017)

c) “D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e s. m. i., art. 65, comma 3 lett. c. Modifiche e integrazioni alla “Direttiva per la valutazione del rischio ambientale connesso alle derivazioni idriche in relazione agli obiettivi di qualità ambientale definiti dal piano di gestione del Distretto idrografico del fiume Po - adottata con Deliberazione del Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino del fiume Po n. 8 del 17 dicembre 2015”. (Autorità di distretto del Po, delibera CIP n. 3 del 14/12/2017)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5310584 5320792
Allegato A - Indirizzi di prima applicazione per la valutazione ambientale ex ante delle derivazioni idriche ed al calcolo del deflusso ecologico in relazione agli obiettivi di qualità ambientale definiti dai Piani di gestione delle acque vigenti sul territorio regionale

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5310584 5320793
Allegato B - Elenco delle informazioni, degli strati informativi, delle basi dati e delle applicazioni da utilizzare nelle procedure di valutazione e di rilascio dei titoli abilitativi al prelievo di acqua

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5310584 5320794
Allegato C - Sintesi esplicativa dei livelli di tutela che devono essere attribuiti ai corpi idrici sotterranei

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5310584 5320795
Allegato D - Sintesi esplicativa dei livelli di tutela che devono essere attribuiti ai corpi idrici sotterranei

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
5310584 5320796
Allegato E - Tabella ricognitiva

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

La «Relazione di riferimento» nelle istanze di Autorizzazione Integrata Ambientale

Punto della situazione e chiarimenti a seguito dell'emanazione del D.M. 17/07/2015, n. 141, che ha apportato modifiche e integrazioni al D.M. 13/11/2014, n. 272, recante le modalità per la redazione della relazione di riferimento che deve essere allegata all'istanza di AIA se l'attività comporta l’utilizzo, la produzione o lo scarico di sostanze pericolose. Il D.M. 272/2014 è stato peraltro annullato dal T.A.R. Lazio-Roma, sent. 20/11/2017, n. 11452.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA): cosa è, normativa di riferimento, obblighi, modulistica

Normativa di riferimento in tema di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), le autorità competenti al rilascio, i contenuti della domanda e la relativa modulistica (disponibile in formato .DOC), svolgimento dei procedimenti per il rilascio, rinnovo o riesame. Rinvio ad approfondimenti. AGGIORNAMENTO MAGGIO 2017: modalità e tariffe per istruttorie e controlli (D.M. 58/2017).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Programma per l’Ambiente e l’Azione per il clima - Bando LIFE 2019

Sovvenzioni per i progetti dei sottoprogrammi Ambiente e Azione per il clima per il 2019 nei settori, tra gli altri, delle energie rinnovabili, dell'efficienza energetica, dell'agricoltura, dell'uso del suolo, della biodiversità, degli habitat naturali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Urbanistica
  • Provvidenze
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Aree urbane
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lazio: 2,8 milioni per la tutela e il recupero dei centri storici

Concessione di contributi in conto capitale ai Comuni del Lazio, ad esclusione di Roma Capitale, per la realizzazione di opere e lavori pubblici finalizzati alla tutela e al recupero dei centri storici. Stanziato un fondo di oltre 2,8 milioni di euro destinato per il 64% ai Comuni sotto i 5.000 abitanti e per il restante 36% ai Comuni con popolazione pari o superiore ai 5.000 abitanti. Verranno stilate due distinte graduatorie e sarà attribuito un punteggio premiante a quei Comuni che presentano progetti con rilevante attenzione al tema della sostenibilità ambientale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti
  • Energia e risparmio energetico

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Prevenzione Incendi

Progetti speciali di prevenzione dei danni in Sardegna

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Scarichi ed acque reflue
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Toscana, scarichi: conclusione degli interventi di realizzazione o adeguamento

  • Demanio idrico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie