22 set 2018

FAST FIND : SC1346

Ultimo aggiornamento
13/09/2018

Emilia Romagna: contributi ai Comuni per studi di fattibilità

L’art. 27 della L.R. Emilia Romagna 21/2012 riconosce la possibilità di accedere a contributi per il conferimento di incarichi professionali esterni per la predisposizione di studi di fattibilità finalizzati alla riorganizzazione sovracomunale, affidati a soggetti detentori di partita IVA (iscrizione all’albo laddove previsto per l’esercizio della professione), con esclusione di ogni forma di collaborazione in condizione di subordinazione.

Possono presentare domanda le Unioni di Comuni in sviluppo per studi di miglioramento e incremento delle gestioni associate, e i Comuni che intendono avviare un percorso di fusione.

Le domande vanno presentate a mezzo di posta certificata al seguente indirizzo: sistautloc@postacert.regione.emilia-romagna.it
Sono ammesse a contributo le spese, relative ai soli costi esterni, al lordo dell’I.V.A. di cui al preventivo per il progetto. La quota di contributo regionale copre fino al massimale del 70% della spesa ammessa.

Per l'anno 2018 il termine per la presententazione della domanda, inizialmente fissato al 31/07/2018 con Delib. G.R. 25/06/2018, n. 987 (Bando), è stato riaperto e fissato al 22/09/2018 con Delib. G.R. 27/082018, n. 1377 che ha, altresì, corretto un errore materiale contenuto nel Bando (Allegato, paragrafo 5 Misura del contributo, punto 2, seconda colonna della tabellina). 

Per le annualità successive la scadenza è fissata al 30 aprile.
 

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Leggi e manovre finanziarie

La Legge di bilancio 2019 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2019 (L. 30 dicembre 2018, n. 145), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Concordato preventivo e partecipazione ad affidamenti pubblici

PREMESSA - QUADRO NORMATIVO (Concordato con continuità aziendale; Codice appalti e chiarimenti ANAC) - ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA (Stipula e prosecuzione dei contratti di appalto; Partecipazione alla gara nelle more dell’ammissione al concordato; Raggruppamenti temporanei di imprese).
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza

Bolzano: finanziamenti in favore di start up innovative

Il “Bando 2018 a favore della capitalizzazione di imprese innovative nuove o da costituire” mette a disposizione una dotazione finanziaria pari a 1.500.000 euro, allo scopo di rendere l’Alto Adige una destinazione interessante per imprese innovative nuove o da costituire e per coloro che hanno come obiettivo lo sviluppo di un’idea innovativa, che deve essere descritta dettagliatamente in un business plan triennale. Concessi contributi a fondo perduto compresi tra 40.000 euro e 200.000 euro. Le domande di aiuto devono pervenire entro le ore 12:00 del 28/02/2019.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Imprese
  • Provvidenze

Sicilia: incentivi per gli interventi di efficienza energetica nelle imprese

La Regione Sicilia incentiva tutti quegli interventi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e le aree produttive, compresa l’installazione degli impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo. La misura gode di un'ottima dotazione finanziaria pari a 37.000.000,00 euro, di cui 27.750.000 € riservati alle micro, piccole e medie imprese e 9.250.000 € riservati alle grandi imprese. Il contributo sarà concesso sulla base di una procedura valutativa a sportello con soglia minima di qualità progettuale. Non sono ammissibili progetti che prevedono interventi di natura strutturale sugli immobili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Sostegno alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

La misura si rivolge alle micro, piccole e medie imprese ed ai liberi professionisti che intendono realizzare investimenti innovativi in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la “Strategia nazionale di specializzazione intelligente”. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 341.494.000 euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco